Login

MET


Redazione Met Sport
Ancora trasferte per i Guelfi di Football Americano
Domenica 15 ottobre scendono in campo le selezioni Under 16 e Gets Under 19
Domenica in Emilia-Romagna per la selezione giovanile dei Guelfi Firenze U16 (1-0) e per il GETS Team U19 (0-1), con le due formazioni che se la vedranno rispettivamente contro le Aquile Ferrara (1-0) ed i Panthers Parma (0-1).

Per i ragazzi dell’Head Coach Guglielmo Perasole si profila all’orizzonte un altro test probante contro la formazione estense, che è partita con le marce alte in questa regular season 2017 regolando senza affanni i Gladiatori Roma. Una vittoria all’esordio in campionato che ha fatto seguito all’affermazione nello “Spring Bowl”, tenutosi lo scorso aprile proprio al “Guelfi Sport Center” di Firenze. Per questo motivo, complice anche il bel successo all’overtime dei gigliati contro i Warriors Bologna, Aquile e Guelfi si giocheranno al “Mike Wyatt Field” (kick-off ore 14.30) il primo posto nel girone “A” in una sfida che si preannuncia interessante per il valore dei due team chiamati a darsi battaglia.

Dopo una sconfitta per soli tre punti di scarto anche i GETS torneranno subito in campo (calcio d’inizio alle 14) per provare a cogliere la loro prima affermazione stagionale. Gli atleti di Coach Paolo Moretti, se vorranno portare a termine la missione, dovranno superare i Panthers Parma in una partita che ha il sapore di rivincita, visto che tanti dei giocatori militanti nella squadra ospite hanno fatto parte nel 2016 di quel Toscana Team che vide i suoi sogni di titolo nazionale andare in frantumi al Wild Card Round disputato contro i ducali.

Per introdurre la sfida fra Aquile Ferrara e Guelfi Firenze ci siamo avvalsi del contributo di Marco Fanni, Defensive Coordinator dell’U16 gigliata:

Difesa gigliata che ha concesso solo 12 punti, compreso overtime, ai Warriors. Adesso vi ritroverete di fronte un attacco formidabile come quello di Ferrara, che ha iniziato il campionato con 36 punti a referto. Da che gara è atteso il tuo reparto?

“Le Aquile sono molto brave nei passaggi e stiamo lavorando alacremente per farci trovare più pronti su queste situazioni di gioco, contando anche sulle capacità della nostra linea di mettere pressione al quarterback estense”.

Un 2-0 maturato in trasferta potrebbe essere importantissimo per le sorti del girone. Non trovi?

“Sicuramente. Andare in testa al girone è chiaramente il nostro obiettivo visto che puntiamo a far meglio dello scorso anno”.

Come stanno recuperando i ragazzi dal primo impegno di regular season?

“Fortunatamente abbiamo una rosa piuttosto ampia e a Bologna siamo stati in grado di alternarli senza affaticare nessuno”.

Gianni “Basilio” Basiliani, Special Team Coach del GETS Team U19, ha espresso il suo pensiero sulla sfida che attende la selezione regionale a Parma:

Cosa può essere migliorato, con una sola settimana a disposizione, rispetto alla prova contro i Red Jackets?

“In Liguria ci siamo presentati con una squadra composta da tanti ragazzi debuttanti nel campionato che, sicuramente, avranno acquisito un po’ di consapevolezza la scorsa domenica, quando si sono “bagnati i piedi” in un torneo con tante novità regolamentari ed un superiore coinvolgimento atletico. Ovviamente, anche da parte del coaching staff, c’è la volontà di perfezionare il lavoro fatto e limare gli errori tattici commessi contro i Red Jackets Sarzana”.

Ti aspettavi la sconfitta di Parma contro gli Hogs Reggio Emilia? Da parte vostra c’è voglia di rivincita dopo il Wild Card Round del 2016?

“I campionati giovanili sono sempre un terno al lotto visto l’avvicendamento di giocatori che si ripete ogni anno. Sicuramente Hogs e Panthers sono le formazioni più accreditate del nostro girone ma ogni partita fa storia a sé. Nella mia carriera ho perso tante partite e non posso pensare sempre alle rivincite. Andremo a Parma con l’intento di far bene facendo anche divertire i ragazzi”.

Come valuti la performance degli Special Team nell’esordio stagionale in Liguria?

“Ci sono sicuramente tanti aspetti su cui lavorare ma proprio perché molti ragazzi erano alla loro prima volta in uno special team, situazione di gioco non presente in Under 16 ed Under 13, resto fiducioso sulle nostre possibilità di migliorare”.

13/10/2017 16.13
Redazione Met Sport


 
 

Google


Vai al contenuto