Login

MET


Anci Toscana
Protezione civile, i territori tra prevenzione, rischi e nuovi scenari
Il 15 febbraio convegno internazionale nell'ambito del programma europeo Proterina3
LOGO
Domani a Pisa si terrà un importante convegno internazionale su un tema di grande attualità: “La protezione civile nei nuovi scenari di rischio alluvionale”. Un’occasione per riflettere sul ruolo attuale e futuro della protezione civile, in un momento in cui i cambiamenti climatici e i rischi che ne derivano richiedono alle amministrazioni locali, regionali e nazionali nuove modalità di risposta agli eventi calamitosi. L’evento è organizzato alla Scuola Normale Superiore (piazza dei Cavalieri, ore 9.30-16.30) nell’ambito del Progetto Proterina 3 Evolution, finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo, che ha l’obiettivo generale di rafforzare la capacità di risposta del territorio al rischio derivante dalle alluvioni attraverso la costruzione della consapevolezza delle istituzioni e delle comunità. Oltre ad AnciToscana, i partner del progetto sono: Fondazione CIMA – Centro Internazionale in Monitoraggio Ambientale (capofila); Regione Liguria; Città Metropolitana di Genova; Office de l'Environnement de la Corse; Mairie d’Ajaccio; Service Départemental d’Incendie et de Secours de la Haute-Corse; Conseil Régional Provence-Alpes-Côte d’Azur; Département du Var; Ville de Nice; Regione Autonoma della Sardegna; Regione Toscana; Consorzio LAMMA; Autorità di Bacino del Fiume Arno.
Dopo i saluti d’apertura di Paolo Ghezzi vicesindaco di Pisa, e Paolo Masetti delegato Anci Toscana alla Protezione Civile e sindaco di Montelupo Fiorentino, interverranno Bernardo Gozzini del Consorzio LAMMA e Nicola Casagli dell’Università di Firenze, coordinati dal giornalista Luca Calzolari. Poi le due sessioni di lavoro, con le esperienze di istituzioni e tecnici italiani e francesi che partecipano al progetto Proterina: in campo tutti i principali temi della protezione civile, dal monitoraggio alla prevenzione, dalla previsione alla comunicazione. Nel pomeriggio si terrà la tavola rotonda “La gestione attuale e futura del rischio inondazione: esperienze transfrontaliere a confronto”, a cui parteciperanno tra gli altri l’assessore all’Ambiente della Toscana Federica Fratoni, l’assessore alla Protezione civile della Liguria Giacomo Raul Giampedrone, l’assessore all’Ambiente della Sardegna Donatella Spano, dirigenti della Fondazione Cima, del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, del Lamma, dell’Autorità di bacino; concluderà i lavori Fabrizio Curcio, Consigliere della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Documenti correlati:

14/02/2018 13.03
Anci Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto