Login

MET


Redazione di Met
Da una prigione ad una ex prigione: l'amore e la reclusione di Oscar Wilde vanno in scena nell'ex carcere fiorentino
Il 12 e 13 luglio a 'Le Murate. Progetti Arte Contemporanea' lo spettacolo “Dal profondo del mio cuore”, diretto da Dimitri Milopulos e ispirato al De Profundis di Wilde
E' ispirato al De profundis di Oscar Wilde Dal profondo del mio cuore, spettacolo che andrà in scena a Le Murate. Progetti Arte Contemporanea il 12 e 13 luglio 2018 alle 21:30. La rappresentazione, ad ingresso libero, è una produzione dell'Associazione Culturale Teatro Della Limonaia e Estate Fiorentina 2018 in collaborazione con Le Murate. Progetti Arte Contemporanea e Florence Queer Festival e vede in scena Lorenzo Terenzi, con musiche originali di Franco Baraldi e la regia Dimitri Milopulos.

Oscar Wilde, uomo forte ma anche fragile, grande letterato nonché frequentatore e animatore dei salotti borghesi di Londra si innamora di Lord Alfred Douglas, detto Bosie. L’incontro sarà fatale. Porterà Oscar alla condanna a due anni di lavori forzati per sodomia e all’incarcerazione. Lì, nella sua cella, solo, isolato, allontanato da tutto quello che aveva amato, distrutto, rovinato ma allo stesso tempo lucido e tagliente come la lama di un coltello scrive Epistola: In Carcere et Vinculis successivamente chiamato De Profundis. La lettera indirizzata a Bosie, nella quale il poeta attraversa la loro storia, attacca l’amante, se stesso, tira le somme, consiglia, rimpiange, si strazia, si libera; un’apologia dell’amore che tutto innalza e tutto distrugge.

A queste pagine di letteratura e di umanità (che sono state rese pubbliche integralmente solo nel 1962) è ispirato Dal profondo del mio cuore. “L’idea è quella di entrare a spiare in punta di piedi l’intimità di un uomo, nel momento della più grande delle sue sofferenze, quella dell’amore che non riesce a pronunciare il suo nome - spiega il regista Dimitri Milopulos -. Le emozioni di Oscar Wilde durante la prigionia in cella e durante la prigionia in libertà – quando era fuori dal carcere ma comunque ingabbiato nel giudizio della società – sono le stesse emozioni che tante persone vivono oggi, etichettate e rifiutate dal mondo che le circonda”.

Ingresso gratuito. Posti limitati, prenotazione consigliata al 346 038488?info@teatrodellalimonaia.it? Info:www.teatrodellalimonaia.it

11/07/2018 12.38
Redazione di Met


 
 

Google


Vai al contenuto