Login

MET


Redazione Met Sport
Concluso il Campus Paralimpico Estivo
CIP Toscana ha portato persone disabili per cinque giorni a provare gli sport paralimpici

Tennis  Paralimpico
E’ appena terminata la sesta edizione del Campus Paralimpico Estivo della Toscana, l’iniziativa del CIP Toscana che ha portato persone con disabilità fisica, in gran parte invalidi del lavoro, a cimentarsi per la prima volta con diverse discipline paralimpiche, per cinque giorni tutti insieme presso il resort Poggio all’Agnello di Piombino. Il Campus Paralimpico, nato proprio in Toscana, è adesso inserito tra le iniziative previste dal piano quadriennale nazionale stipulato da INAIL e Comitato Italiano Paralimpico, e anche quest’anno è ben riuscito. I partecipanti, attraverso la fatica e le soddisfazioni che lo sport paralimpico sa dare, hanno cementato un gruppo affiatato: il merito va anche allo staff organizzatore di CIP Toscana e ai tecnici, figure preparate a lavorare con la disabilità e in grado di rendere appassionanti le discipline. Ottima anche la location di Piombino, molto accogliente e disponibile, che ha consentito ai ragazzi di provare anche sport acquatici come vela e canoa sulle vicine spiagge. Tennis in carrozzina, tiro con l’arco, scherma, sitting volley, tennis tavolo, nuoto e le esordienti bocce e tiro a segno sono state le discipline paralimpiche al centro del progetto Campus.

Il Presidente di CIP Toscana Massimo Porciani commenta l’iniziativa: “Diversi anni fa ci venne in mente che un modo ideale per avvicinare le persone disabili al paralimpismo potesse essere una vacanza a tema sportivo dove si prova, si fatica e poi ci si ritrova tutti insieme. L’iniziativa, che ha avuto il sostegno di INAIL, ha riscosso sempre successo in termini di partecipazione e ha portato a diversi risultati. Su tutti la nascita della prima squadra di sitting volley maschile in Toscana, formata da persone che lo avevano provato al Campus e si erano appassionate fino a strutturarsi e a partecipare al campionato nazionale”.

La soddisfazione e i sorrisi dei partecipanti hanno mostrato quanto lo sport, specialmente quello paralimpico, abbia funzione di aggregazione e socializzazione, oltre ad essere veicolo di benessere e strumento di welfare.

22/09/2018 18.49
Redazione Met Sport


 
 

Google


Vai al contenuto