Login

MET


Comune di Firenze
Barriere architettoniche. La Commissione cultura ha verificato la conclusione dei lavori in Palazzo Vecchio
Maria Federica Giuliani: “L’impegno profuso nel corso della consiliatura è stato ripagato in maniera importante, ma l'impegno non si ferma qui”
La Commissione cultura ha verificato la conclusione dei lavori di messa a norma e abbattimento delle barriere architettoniche di Palazzo Vecchio e del Museo. Oltre ai consiglieri erano presenti l’architetto Paolo Ferrara e Alessio Fabbri della Fabbrica di Palazzo Vecchio, la Presidente dell’Associazione Toscana Paraplegici Onlus Manuela Cappellini e il Blogger Andrea Mucci del progetto #Mollaloscivolo.

Nel corso degli anni è stato portato avanti un importante lavoro politico e tecnico. Il primo grande risultato è stata l'introduzione della gratuità per accedere ai musei civici, prevista per le persone diversamente abili ed i loro accompagnatori. Poi si è lavorato per l'abbattimento delle barriere architettoniche all'interno di Palazzo Vecchio e rendere più fruibile ed accogliente il museo. I responsabili dell'Amministrazione Comunale hanno illustrato i progetti appena conclusi e le difficoltà che sono state incontrate in questi anni, sottolineando lo sforzo che l’amministrazione sta facendo per rendere i luoghi pubblici fruibili a tutti ed il contributo che le associazioni hanno dato. I nuovi spazi inaugurati di recente accolgono i tanti visitatori nel nuovo foyer e nella nuova biglietteria dove spazi e servizi inclusivi, sono dedicati e studiati per le persone diversamente abili. La Commissione ha poi verificato la messa a norma del percorso museale, arrivando anche fino al Salone dei Cinquecento ed al Salone dei Duecento.

“L’impegno profuso dalla Commissione nel corso della consiliatura affinché Palazzo Vecchio sia la casa di tutti i fiorentini e dei tanti visitatori che arrivano da fuori Firenze – ha sottolineato la presidente della Commissione cultura Maria Federica Giuliani – è stato ripagato in maniera importante, l'impegno non si ferma qui, in quanto l’amministrazione è impegnata quotidianamente per migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini fiorentini, con particolare attenzione alle persone diversamente abili, attraverso tutti gli strumenti e le risorse che lo permettono. Il coinvolgimento dei soggetti interessati è un contributo positivo e decisivo per il raggiungimento dei risultati sperati al fine di rendere Firenze fruibile e inclusiva per tutti coloro che la vivono”. La Presidente ed i presenti si sono detti soddisfatti di quanto hanno potuto verificare. Un passo in avanti per gli abbattimenti barriere architettoniche che ci auguriamo sempre più solleciti e numerosi, in strade, palazzi e servizi per una Firenze “nuova”, aperta, vivibile, e sempre più accessibile per tutti, come ha detto il giovane Andrea Mucci. (s.spa.)

15/03/2019 16.05
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto