Login

MET


Regione Toscana
Regione. Biotecnologie, la vicepresidente e le eccellenze toscane all'assemblea di Assobiotec
L'intervento a Roma all'Assemblea dell'Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie (Assobiotec)
La vicepresidente della Regione è intervenuta stamani a Roma all'Assemblea dell'Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie (Assobiotec) in cui ha sottolineato come la Toscana rappresenti una delle eccellenze nazionali nel settore grazie anche alle politiche di ricerca e sviluppo, e industriali, portate avanti dal governo regionale nel comparto biotecnologico e più in generale delle Scienze della vita.

Per la vicepresidente - che dispone delle deleghe all'università e alla ricerca - il compito principale della Regione è quello di creare un ecosistema favorevole alla nascita, crescita e sviluppo di imprese del settore pharma-biotech attivando dei "catalizzatori" in termini di progettualità, come ad esempio la costituzione di Toscana Life Sciences, per permettere una maggiore sinergia fra i soggetti attivi sul territorio.

La Toscana negli anni è infatti diventata una delle Regioni che investe di più nel biotech. Oltre all'attenzione politica e ad un'alta qualità del tessuto industriale, anche il rilevante valore nel campo della ricerca pubblica e privata ha favorito le precondizioni allo sviluppo del settore in grado nel tempo di attrarre investimenti e creare posti di lavoro.

Tra gli esempi portati dalla vicepresidente ricordiamo Invest in Tuscany, esperienza voluta dalla Regione per l'attrazione di investimenti e che promuove la Toscana in Italia e in alcune aree geografiche del mondo come territorio accogliente per i nuovi investitori (ad oggi circa 500 multinazionali hanno scelto la Toscana per l'avvio o l'espansione del proprio business); il Polo logistico-digitale del farmaco e dispositivi medici che sarà realizzato entro il 2020 a Guasticce (LI) e coordinerà 300 imprese dando lavoro a 150-200 addetti, permettendo un risparmio di 60 milioni di euro l'anno; Scienze Vita e MedTech in Toscana con oltre 300 imprese di settore attive, 19 grandi stabilimenti produttivi e un valore della produzione pari a circa 6 miliardi di euro (il 12% del nazionale). La Toscana è oggi il terzo polo farmaceutico italiano, dopo Lombardia e Lazio, con circa 11.000 addetti distribuiti principalmente nelle province di Firenze, Pisa, Lucca e Siena.

16/05/2019 17.00
Regione Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto