Login

MET


Comune di Capraia e Limite
Con la mostra “In ogni modo” riprende l'attività espositiva della “Fornace Pasquinucci” di Capraia Fiorentina
Un incontro fra la “grafica d'arte” e la “fotografia a tema”. Fino a sabato 28 Settembre tutti i giorni dalle 17 alle 19 con esclusione del lunedì e martedì
Sabato prossimo 14 Settembre riprende l'attività espositiva della “Fornace Pasquinucci” di Capraia Fiorentina e come ogni anno la prima mostra della seconda parte dell'anno è denominata “In ogni modo” volendosi con ciò intendere che si sono cercati contenuti un po' diversi da quelli della restante programmazione annuale.
In tale logica la mostra è stata pensata come un incontro fra la “grafica d'arte” e la “fotografia a tema”: ne saranno protagonisti un gruppo di allievi della “Fondazione il Bisonte di Firenze” con le loro incisioni e due artisti empolesi Nilo Capretti e Vincenzo Mollica con altrettante esposizioni fotografiche.
La Scuola della Fondazione il Bisonte è un importante centro di formazione specializzato nella grafica d'arte che può annoverare fra i docenti susseguitisi nel tempo nomi di assoluto prestigio nel mondo accademico e artistico; destinati a brillante successo sono risultati poi essere anche numerosi partecipanti. Qui sono presenti 11 giovani artisti che hanno frequentato e concluso l'impegnativo corso del “Bisonte” accingendosi ora ad entrare nel mondo professionale. La mostra si intitola “Per inciso” e le opere esposte fanno capire non solo l'alta preparazione ma anche l'elevata sensibilità artistica dei giovani artisti.
Nilo Capretti, dopo precedenti attività professionali, si dedica alla fotografia da oltre 20 anni e sembra aver focalizzato la propria ricerca fotografica su un duplice tema: la geografia del nostro territorio e l'uomo nella propria intimità. A quest'ultimo aspetto sembra chiaramente rivolgersi la presente mostra cui ha dato il titolo “Borderline” intendendo con ciò il sottile ma ancestrale confine Vita-Morte. L'artista confronta, coinvolge ed avvolge le forme iconografiche con un velo di etere a cui l'immaginario collettivo attribuisce l'appellativo di Cielo. Cielo-divino a confronto con Terra-terreno sottilmente ed immaginariamente suddivisi da un etereo segno di confine che mentre li divide allo stesso tempo li congiunge.
Vincenzo Mollica ha seguito, accanto ad una diversa e brillante attività professionale, l'arte fotografica fino dall'età scolastica e qui si presenta con opere che riassume nel titolo “Absoluta”. Anch'egli, sia pure con una visuale diversa, ha lavorato sul drammatico tema del fine vita, momento assoluto e misterioso per il quale l'uomo ricerca forme di consolazione: ricordo, affetti, dediche, preghiera, fede. E l'artista cerca di rappresentare i comportamenti, commoventi e decisi, che l'uomo assume in questo frangente e con i quali esprime l'amore per la vita e il dolore nei confronti di questo evento separatore. La rappresentazione dei comportamenti è uno dei modi per indagare questo mistero.
Il programma della mostra sarà arricchito, Venerdì 20 alle ore 21.15, con la performance “Le donne cantate da De Andrè” a cura di Mauro Marzi e Roberta Degl'Innocenti. Sulla scia del decennale dalla scomparsa del grande cantautore, i protagonisti dello spettacolo approfondiranno un particolare tema dei suoi testi non certo marginale nella complessiva poetica: le figure femminili così come messe a fuoco, raccontate e cantate..
La mostra che gode del patrocinio del Comune di Capraia e Limite sarà inaugurata Sabato 14 alle ore 17,30, rimarrà in atto fino a Sabato 28 Settembre e sarà aperta tutti i giorni dalle ore 17 alle 19 con esclusione del Lunedì e Martedì. Per visite su appuntamento si può telefonare al numero 3299817170.

10/09/2019 15.52
Comune di Capraia e Limite


 
 

Google


Vai al contenuto