Login

MET


Comune di Sesto Fiorentino
Sesto Fiorentino. Mense, Antonio Ciappi nuovo direttore generale di Q&S
Grani antichi, svolta verde e filiera corta: futuro all’insegna di gusto e sostenibilità
Antonio Ciappi è il nuovo direttore generale di Qualità & Servizi, l’azienda completamente pubblica che eroga il servizio mensa per i Comuni di Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano e Signa.

Fiorentino, 64 anni, da oltre quarant’anni Ciappi lavora nella ristorazione collettiva presso soggetti privati e pubblico-privati. Dal 2003 al 2019 è stato direttore operativo di SIAF Spa, l’azienda mista che si occupa dell’erogazione dei pasti nel comparto sociosanitario fiorentino, nonché della refezione scolastica del Comune di Bagno a Ripoli; in Q&S ha ricoperto part-time l’incarico di amministratore unico dal marzo 2017 allo scorse mese di luglio.

Il nuovo direttore generale, selezionato attraverso un bando pubblico rivolto alle più alte professionalità del settore, andrà ad affiancarsi all’amministratore unico, completando la riorganizzazione e il rafforzamento dell’azienda che guadagna una figura di direzione a tempo pieno dedicata esclusivamente alla cura dell’intera filiera operativa. All’amministratore unico resteranno i compiti legati alla gestione, allo sviluppo e alla valorizzazione dell’attività di Q&S.

“Abbiamo individuato una figura di altissimo livello professionale, attraverso un bando rigoroso ed esigente che ci ha permesso di scegliere il migliore, con l’indubbio valore aggiunto della continuità con lo straordinario lavoro svolto negli ultimi due anni - afferma l’amministratore unico Filippo Fossati - Il direttore generale sarà una figura chiave per l’attività futura di Q&S, un’azienda pubblica, di proprietà dei Comuni e, quindi, di tutti noi cittadini, intorno alla quale vogliamo costruire una vera e propria comunità del cibo ‘buono, pulito e giusto’. Vogliamo fare nostra la campagna internazionale di Slow Food ‘Food for change’, mettendo in atto azioni concrete per la sostenibilità e la lotta al cambiamento climatico. Interverremo su tutto il processo produttivo mettendo al centro l’ambiente, riducendo gli sprechi, rinnovando il parco mezzi con veicoli non inquinanti, scegliendo fornitori e modalità di approvvigionamento delle derrate il più sostenibili possibile. Non dimentichiamo che il 20% delle emissioni di gas serra è legato alla produzione delle carni rosse e quasi il 50% all’agricoltura: cambiare le nostre abitudini legate all’alimentazione è cruciale per evitare la catastrofe climatica”.

“Sono grato per la fiducia riconosciutami dall’azienda e sono felice di poter portare avanti alcuni dei progetti avviati in questi anni - afferma il direttore generale Antonio Ciappi - Entro l’anno, con l’acquisto dei contenitori riutilizzabili per le diete speciali, avremo eliminato completamente la plastica da ogni processo produttivo. Grazie alla collaborazione di scuole, insegnanti e genitori andremo avanti col progetto della frutta a merenda: con l’acquisizione di nuovi macchinari, puntiamo a fornire frutta già tagliata e sbucciata per lo spuntino di metà mattina, sostituendo le merendine e facendo sì che i bambini arrivino a pranzo con il giusto appetito e non appesantiti, riducendo del 20-30% lo scarto a pranzo”.

“Da tempo - prosegue - abbiamo avviato la produzione in proprio del pane, utilizzando farine ottenute da grani antichi coltivati sul nostro territorio. Nei prossimi mesi ne estenderemo l’utilizzo negli impasti della pizza e della pasta, offrendo un prodotto biologico di grande qualità, a tutto vantaggio della salute e del gusto. Per quanto riguarda il pesce, continueremo a puntare sul pesce povero dei nostri mari, cercando di diminuire l’utilizzo delle due o tre varietà che di fatto monopolizzano il mercato, con conseguenze negative sull’ambiente e sulla conservazione degli ecosistemi. Aumenteremo le preparazioni a base di molluschi, dando seguito alle indicazioni ministeriali, e avvieremo la produzione in proprio dei bastoncini di pesce e del tonno sott’olio, eliminando scatolette e conservanti. Tutto questo lasciando invariata la tariffa per le famiglie, alle quali vogliamo e possiamo offrire un servizio sempre migliore che deve valere tutto l’impegno economico in termini di gusto, salute e soddisfazione”.

“Stiamo ultimando l’acquisizione dei macchinari necessari per produrre pesti e conserve, sia per le nostre mense, sia per lavorare l’eccesso di produzione degli agricoltori del territorio - dice ancora Ciappi - Prosegue, infine, il lavoro con le commissioni mensa e lo studio dei dati su gradimento e sprechi, rilevati con tablet dai nostri operatori dopo ogni pasto. In questo senso siamo intervenuti sui menù con piatti unici aumentando, ad esempio, la quantità di pizza o lasagne e sostituendo con un contorno il secondo che, in base ai dati, spesso non veniva consumato”.

Progetti futuri e novità saranno presentanti ai cittadini nel corso di una serie di eventi che si terranno nel mese di novembre in ognuno dei comuni soci

23/09/2019 16.26
Comune di Sesto Fiorentino


 
 

Google


Vai al contenuto