Login

MET


Comune di Montelupo Fiorentino
Montelupo. Artbonus openday nel giorno in cui la Chiesa festeggia San Pietro d'Alcàntara (19 ottobre), nel luogo pieno di suggestioni dell'orto dei padri Alcàntarini all'Ambrogiana
Sabato 19 ottobre sarà possibile alle 10.00 vedere il restauro conservativo in corso nella cappella più vicina alla villa medicea e parlare con le restauratrici
Nel XVII secolo il Granduca Cosimo III de' Medici volle che presso la bellissima Villa fluviale dell’Ambrogiana a Montelupo Fiorentino venisse fondata una chiesa e un convento dell’ordine dei frati minori scalzi (francescani riformati) di San Pietro d’Alcàntara.

Il convento includeva un orto concluso, caratterizzato da un bel muro alto “quattro braccia”, con 209 fessure atte a sostenere una pergola, al cui interno erano posizionate due splendide cappelle, decorate con dipinti attribuibili all’autore Pier Dandini (1678).
Tra le scene dipinte raffiguranti i Miracoli di San Pietro di Alcàntara, il “Cristo impartisce la comunione a S.Pietro d'Alcàntara” e “la morte di San Pietro d'Alcàntara”. Al centro dell'orto è ancora visibile il “bindolo” per tirar su l'acqua dal pozzo grazie alla forza animale.
Nell'orto venivano coltivati i fiori, che servivano per la chiesa, oltre a frutti e ortaggi. Vi era anche una vasca dove il pesce d'Arno o di Pesa veniva mantenuto vivo per le necessità alimentari dei frati.

Le cappelline sono iscritte sull'artbonus al fine di cercare fondi per il restauro.

Il Comune contribuirà finanziando il progetto e il 20% dei lavori. I mecenati riceveranno dallo Stato un payback del 65% in credito d'imposta.

Info su: https://artbonus.gov.it/cappelle-dell’orto-dei-padri-alcantarini-all’ambrogiana.html
Per donare è sufficiente un semplice bonifico!
BENEFICIARIO Comune Di Montelupo Fiorentino
IBAN IT97T0842537960000030414445
CAUSALE ArtBonus-Orto dei Padri-Codice fiscale o P. Iva del mecenate.

L'accesso all'iniziativa è libero.

"La fermatura di questo affresco rappresenta uno dei segnali concreti della nostra attenzione al patrimonio storico artistico del Comune. Abbiamo assolutamente bisogno che i montelupini si riapproprino e ci aiutino a tutelare questi beni preziosissimi, spingendo lo Stato con le proprie donazioni artbonus a investire risorse importanti a Montelupo. Per sistemare una di queste cappelline servono 60mila€. Solo 9mila€ è ciò che è realmente richiesto ai cittadini, 39mila€ li metterebbe lo Stato attraverso il credito d'imposta e 12mila€, oltre la progettazione, si è impegnato a metterli il Comune”, afferma l’assessore al patrimonio Lorenzo Nesi, che domani mattina sarà presente assieme alle restauratrici.


18/10/2019 12.02
Comune di Montelupo Fiorentino


 
 

Google


Vai al contenuto