Login

MET


Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
Pecci School: Women in Art, Maria Lai presentata da Bartolomeo Pietromarchi
Martedì 22 ottobre, ore 21.00
Maria Lai per Pecci School
Il terzo appuntamento della Pecci School: Women in Art è dedicato a Maria Lai, protagonista della mostra retrospettiva Tenendo per mano il sole, visitabile al MAXXI - Museo nazionale delle Arti del XXI secolo fino al 12 gennaio 2020. A presentare l'artista al pubblico sarà il direttore del MAXXI Arte Bartolomeo Pietromarchi.

Maria Lai (Ulassai 27 settembre 1919 - Cardedu 16 aprile 2013) lascia la Sardegna a venti anni per iscriversi al liceo Artistico di Roma con Marino Mazzacurati. Dal 1943 al 1945 frequenta il corso di scultura dell'Accademia di Belle Arti di Venezia con Arturo Martini e Alberto Viani. Nel 2004 le viene conferita la Laurea Honoris causa in Lettere dall'Università degli Studi di Cagliari.

Negli anni Sessanta si verifica un importante mutamento nella ricerca artistica di Maria Lai, la sperimentazione si estende a nuove materie e nuovi linguaggi: telai, libri e tele cucite, pani e terrecotte, fino alla partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1978. Con gli anni Ottanta la ricerca sui segni e sui materiali assume una più accentuata connotazione ambientale: 1981, il suo straordinario intervento ambientale: Legarsi alla montagna, Ulassai (NU); 1983, La disfatta dei varani, Camerino(MC); L'alveare del poeta, Orotelli (NU). In questo periodo iniziano le collaborazioni con il teatro: 1983, Mare-Muro scenografia del concerto Strazza-Rizzo La Scaletta, Roma; 1985 Nello spazio di Euclide, Prato; 1986. I suoi lavori sono stati presentati in numerose mostre nazionali e internazionali e recentemente sono stati esposti a Documenta 14 a Kassel\Atene e alla Biennale di Venezia 2017.

Maria Lai è la protagonista della mostra retrospettiva Tenendo per mano il sole, visitabile al MAXXI - Museo nazionale delle Arti del XXI secolo fino al 12 gennaio 2020, curata dal direttore del MAXXI Arte Bartolomeo Pietromarchi e da Luigia Lonardelli.

Bartolomeo Pietromarchi è critico e curatore d’arte. Dal 2002 al 2007 è stato Direttore Artistico della Fondazione Adriano Olivetti. Ha curato diverse mostre e cataloghi tra cui Santiago Sierra, Ponticelli, Museo MADRE, Napoli, 2009; la retrospettiva di Alfredo Jaar It Is Difficult, Hangar Bicocca e Spazio Oberdan (con Gabi Scardi), Milano 2008; Lucy+Jorge Orta – Antarctica, Hangar Bicocca, Milano, 2008; The Hot Season. Italian Art Now, Stenersen Museum, Oslo 2008, Not Afraid of the Dark – Emergenze, Hangar Bicocca, Milano 2007, il progetto di ricerca triennale Trans:it. Moving Culture through Europe, il laboratorio per giovani artisti Prototipi (con Stefano Chiodi). È autore di diverse pubblicazioni tra cui Il luogo (non) comune. Arte, spazio pubblico ed estetica urbana in Europa (ACTAR, 2005); Creazione Contemporanea. Arte, società e territorio tra pubblico e privato (Luca Sossella Editore, 2004); Mario Merz. Igloo (Testo&Immagine, 2001). Collabora con la rivista RESET di cui cura la sezione di arte contemporanea. Dal 2016 è Direttore del MAXXI Arte.

Gli incontri si terranno ogni martedì sera alle ore 21.00 presso la Sala Cinema del Centro Pecci

Ingresso
5 € singolo incontro
4 € soci UniCoopFirenze
Ingresso libero per soci Centro Pecci, disoccupati, studenti e docenti di ogni ordine e grado (documentati)

Gli incontri non richiedono prenotazione

Prossimi appuntamenti:
29.10.2019, ore 21.00: Kara Walker presentata da Cristiana Perrella, direttrice Centro Pecci

20/10/2019 13.49
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci


 
 

Google


Vai al contenuto