Login

MET


Comune di Montelupo Fiorentino
Montelupo, proiezione del film "La Grande Guerra" per ricordare il 4 novembre
Alle ore 17.00 al MMAB (Piazza Vittorio Veneto)
Come ogni anno il comune di Montelupo organizza un’iniziativa dedicata a ricordare la fine della grande guerra e a celebrare la Festa delle Forze armate

L’appuntamento istituzionale è previsto per domenica 3 novembre alle 11.00, presso la chiesa parrocchiale di San Giovanni Evangelista avrà luogo la messa in suffragio dei caduti di tutte le guerre. A seguire, alle ore 12.00 verrà deposta la corona di fiori al monumento ai caduti di Piazza Matteotti, realizzato da Gino Terreni.

Il giorno successivo, lunedì 4 novembre viene proposta un’iniziativa volta a coinvolgere i cittadini di Montelupo.

Alle ore 17.00 al MMAB (Piazza Vittorio Veneto) verrà proiettato gratuitamente il film “La Grande Guerra” del 1959 diretto da Mario Monicelli, con Alberto Sordi, Vittorio Gassman e Silvana Mangano.

La pellicola è considerata uno dei migliori film italiani sulla guerra e uno dei capolavori della storia del cinema. Vincitore del Leone d'oro al Festival del Cinema di Venezia ex equo con Il generale Della Rovere di Roberto Rossellini e nominato all'Oscar quale miglior pellicola straniera, si aggiudicò inoltre tre David di Donatello e due Nastri d'argento. Ottenne un enorme successo anche all'estero, soprattutto in Francia. Nel settembre 2009 il film è stato scelto per la pre-apertura della 66ª edizione del Festival del Cinema di Venezia.

Di che cosa parla il film

1916: Oreste Jacovacci, romano, e Giovanni Busacca, milanese, sono due scansafatiche furbastri e vigliacchetti. Dopo aver cercato invano di imboscarsi si trovano arruolati e al fronte. Da quel momento vivono tutte le disgrazie di una guerra: il cibo pessimo, le marce forzate, il freddo, la paura, qualche piccola distrazione militare, persino un'avventura con una prostituta (la vive il "milanese" Gassman). In una cosa i due sono sempre in prima fila: nell'evitare le grane, piccole o grandi che siano. Riescono a farla franca tutte le volte, ma una notte si trovano per caso in una cascina che viene presa dai nemici. Cercano di scappare travestendosi da austriaci, vengono catturati e proprio in virtù del travestimento potrebbero essere fucilati. Il colonnello nemico promette che li salverà se riveleranno l'ubicazione di un certo ponte di barche sul Piave. I due conoscono l'informazione delicatissima e decidono, per salvarsi, di parlare. Ma il colonnello dice la frase sbagliata e provoca nei due un incredibile rigurgito di orgoglio.

Il commendo di Lorenzo Nesi, vicesindaco e assessore delegato alla memoria

«In occasione del 4 novembre, oltre alle celebrazioni istituzionali abbiamo pensato ad un momento semplice, che attraverso il cinema ci permetta di comprendere e anche recuperare un pezzo importante della nostra storia, la “Grande Guerra”. Un evento che seppur in modo diverso ha toccato e sconvolto tutte le nostre comunità. Invito tutti i cittadini alla proiezione di lunedì».

31/10/2019 13.07
Comune di Montelupo Fiorentino


 
 

Google


Vai al contenuto