Login

MET


Comune di Montespertoli
Montespertoli. Torrente Orme: al via l'operazione di diradamento selettivo sulle alberature per una maggiore sicurezza idraulica
L'intervento è parte del piano straordinario di manutenzione dei corsi d'acqua, per il loro recupero a condizioni di maggiori sicurezza, finanziato grazie all’accordo di programma tra la Regione Toscana e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e delle Acque
L'intervento è parte del piano straordinario di manutenzione dei corsi d'acqua, per il loro recupero a condizioni di maggiori sicurezza, finanziato grazie all’accordo di programma tra la Regione Toscana e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e delle Acque. Al Consorzio di Bonifica Medio Valdarno sono andati 2,5 milioni di euro per Greve, Ema, Orme, Ombrone Pistoiese ed Elsa.

Serviranno poco meno di 150 mila euro per fare su tutto il Torrente Orme, dalle colline di Montespertoli fino a Empoli, una campagna di tagli selettivi per il diradamento e la riqualificazione della vegetazione arborea; più precisamente si lavorerà su un tratto di circa 10 mila metri dall’altezza della località Le Galvane nel comune di Montespertoli fino a raggiungere la località Tartigliana nel comune di Empoli.

Qui lo studio della vegetazione ha evidenziato un quadro abbastanza semplificato dei tipi di vegetazione con la classica presenza di pioppo nero e bianco, salice bianco, robinia, ontano nero e sambuco. La lavorazione comporterà il taglio della vegetazione presente in alveo o in area golenale e il diradamento sulle sponde privilegiando l’asportazione delle piante già morte o deperienti presenti all’interno della sezione d’alveo. Tutte le operazioni saranno condotte avendo la massima attenzione al rispetto e alla salvaguardia dell’ambiente fluviale, che tuttavia sarà necessariamente parzialmente compromesso per poi tornare con la nuova fase vegetativa ad un nuovo equilibrio caratterizzato però da maggiore officiosità idraulica e dunque minore rischio idraulico.

"La presenza di piante in alveo o di piante vecchie, malate o a fine ciclo vitale sulle sponde - spiega il Presidente del Consorzio Marco Bottino - può essere infatti elemento di grande rischio in caso di piene che possono sradicare od abbattere rami e tronchi che trasportati poi a valle rischiano di creare occlusioni al regolare deflusso delle acque. A differenza di quanto si possa credere inoltre eliminare le piante in maniera selettiva non incide negetivamente sullo sviluppo della fascia ripariale perché permette alle specie più pregiate di trovare nuova luce e spazio per un loro magliore accrescimento rispetto alle essenze aliene o di minor pregio. Risultati che abbiamo visto essere stati fondamentali anche in occasione dell'ultima ondata di maltempo".

"Questo ulteriore intervento conferma quanto sia necessario il lavoro che il Consorzio di Bonifica fa in collaborazione con le amministrazioni comunali - dichiara Alessio Mugnaini, Sindaco di Montespertoli - Per noi è essenziale garantire la sicurezza dei corsi d'acqua e allo stesso tempo la loro fruibilità, per questo ringrazio il Consorzio per l'attenzione quotidiana al territorio di Montespertoli. Ci tengo a sottolineare che questo intervento selettivo garantisce la massima sicurezza con un intervento che è il meno invasivo possibile, a dimostrazione che questi lavori riescono a garantire sicurezza e rispetto dell'ambiente naturale dei corsi d'acqua".

02/12/2019 11.45
Comune di Montespertoli


 
 

Google


Vai al contenuto