Login

MET


Regione Toscana
Regione. Teatro Lucignano: spettacoli e sapori, al via la stagione del Rosini
Presentato a palazzo del Pegaso il calendario 2020. Cinque eventi che abbinano teatro e cucina. La vicepresidente Lucia De Robertis: “Abbinare teatro ed l’enogastronomia è una scelta vincente di promozione del territorio"
Teatro, musica, amore per le storie e per i sapori di un territorio caratterizzeranno la stagione 2020 del Rosini di Lucignano, in provincia di Arezzo. Il calendario degli eventi, a cura del Comune e di Officine della Cultura, è stato presentato, questa mattina, a palazzo del Pegaso.

Vinicio Marchioni, Guido Cossard, Giuseppe Burschtein, Ugo Caffaz, Alessandro Fiori, Luca Lanzi e Francesco Moneti, saranno gli artisti di caratura internazionale che saliranno sul palco dal 21 gennaio. Protagonisti sulla scena dell’intera stagione anche i ristoratori di Lucignano, che quest’anno allieteranno i palati con cinque ‘cene in teatro’, a tema di cucina ebraica, casentinese, etrusca, ‘resistente’ e romana.

“Abbinare il teatro con l’enogastronomia – ha detto la vicepresidente del Consiglio regionale Lucia De Robertis – è una scelta di promozione del territorio vincente. Questo comune, inserito tra i borghi più belli d’Italia, evidentemente ‘ci mette del suo’ per rendere onore a una Valdichiana che nel complesso è uno straordinario territorio”.

Il sindaco di Lucignano, Roberta Casini ha parlato di un percorso “seguito con interesse e curiosità” e che “è diventato identitario”. “La valorizzazione della nostra eccellenza enogastronomica – ha detto Casini – insieme ai piaceri dell’incontro e del racconto, si presta nel nostro teatro a un felice interscambio tra palcoscenico, platea e cucina”. Luca Baldini, direttore artistico della rassegna, è entrato nel merito degli spettacoli centrati sulla “contaminazione tra culture”. Baldini ha ricordato che il 21 si inaugureranno le cene a teatro con “Gan Eden Restaurant. Seimila anni di gioie e dolori nella cucina tradizionale ebraica” di e con Giuseppe Burschtein e Ugo Caffaz, con la partecipazione della Balagan Cafè Orkestar e dei solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo.

L’11 febbraio sarà in scena il musicista Alessandro Fiori con “Letto e mangiato, cotto e suonato” a cui sarà abbinata una cena casentinese. Una serata speciale, inserita nelle giornate di celebrazione della Festa della Toscana 2019, sarà quella dal titolo “Dal Rinascimento al Granducato, al cinquantennale della costituzione della Regione Toscana”. Il 2 marzo lo sguardo passerà dalla tavola e dal palcoscenico al cielo grazie alla presenza del fisico Guido Cossard, che dialogherà con Lorenzo Sestini, presidente del Gruppo Astrofili di Arezzo, in un evento dal titolo “Archeoastronomia: dalla preistoria agli etruschi” a cui farà da abbinamento la cena etrusca proposta dai ristoratori.

Martedì 24 marzo serata dedicata al partigiano di Lucignano Licio Nencetti, fucilato a Talla il 26 maggio del 1944. Padrini della serata dal titolo “Né santi, né padroni” saranno i musicisti Luca Lanzi e Francesco Fry Moneti in un progetto che sarà accompagnato da una “cena resistente” per ricordare uno dei momenti fondatori della nostra democrazia: la Resistenza. Finale di stagione mercoledì 1 aprile, con l’atteso arrivo dell’attore Vinicio Marchioni protagonista dello spettacolo “In vino veritas. Un uomo, un giradischi e una bottiglia di vino”, abbinato ad una cena romana. Tutti gli appuntamenti con la cena avranno inizio alle 20.

14/01/2020 13.46
Regione Toscana


 
 


Vai al contenuto