Login

MET



Controlli voce Chiudi controlli
: Volume:  1 Velocità  1 Tono:  1
Città Metropolitana di Firenze
Gandola sulla Passerella San Donnino - Badia a Settimo
"Attesa da tanti anni, ma inutile senza potenziamento della stazione ferroviaria"
"Senza l’aumento dei treni in fermata presso la stazione di San Donnino, la passerella pedonale che collega la stazione con Badia a Settimo, attesa da oltre 13 anni, rischia di essere inutile". Ne è convinto Paolo Gandola, consigliere metropolitano di Forza Italia nel Centrodestra per il cambiamento e capogruppo azzurro a Campi Bisenzio che aggiunge: "Nei giorni scorsi si è svolto il sopralluogo al cantiere della passerella ma del rilancio della stazione di San Donnino nulla o poco è stato detto. Eppure, se vogliamo davvero dare un senso a quell’infrastruttura, richiesta ed attesa dalla cittadinanza della frazione di Scandicci da circa 13 anni, le amministrazioni comunali, a partire da quella campigiana, dovrebbero sostenere con più forza, di fronte alla Regione, la necessità di rendere la stazione di San Donnino luogo di fermata di un numero sempre maggiore di treni sulla direttrice Firenze-Empoli-Pisa". 
Nonostante "il ritardo del cronoprogramma, dovuto anche alla positività al Covid nei mesi scorsi, delle maestranze che operano sul cantiere, come confermatomi dagli uffici metropolitani l’intervento è oggi concluso nelle sue parti strutturali, la passerella già consente di attraversare l'Arno ed è realizzata e posizionata secondo il suo assetto finale mentre restano da completare alcune lavorazioni di dettaglio e di finitura. Considerando le verifiche ed i collaudi statici, al netto di eventuali problematiche, l'opera dovrebbe essere aperta al pubblico entro la fine del 2021 ma ad oggi la stazione è del tutto sottodimensionata fermando appena 10 treni al giorno che da San Donnino arrivano a Firenze".
Per questo, commenta il consigliere metropolitano, "al di là delle chiacchiere e dei buoni propositi occorre attivarsi in modo forte e coeso per chiedere un potenziamento della stazione, anche prevedendo l’arrivo dei treni solo alla fermata di Firenze Porta a Prato, visto il cronico congestionamento dei treni di cui soffre la stazione centrale a causa del nodo dell’alta velocità. La stazione di San Donnino potrà diventare in futuro anche fermata per i tanti cicloamatori fiorentini che vorranno raggiungere la Piana e il prosieguo della ciclabile dell'Arno, nonché punto di accesso al Parco Chico Mendes. In questo senso, conclude Gandola, non sarebbe una cattiva idea aggiungere al nome della stazione di San Donnino, anche la dicitura Parco naturale Chico Mendes".

08/09/2021 16.50
Città Metropolitana di Firenze


 
 


Met -Vai al contenuto