Login

MET


Regione Toscana
Politiche attive del lavoro, via libera al programma Gol. La soddisfazione di Nardini
La Conferenza delle Regioni ha approvato ieri l'intesa sullo schema di decreto del Ministero del Lavoro per l'adozione e il riparto della prima quota di risorse di Garanzia Occupabilità dei Lavoratori. Alla Toscana saranno assegnati per il primo anno 50 milioni e 688 mila euro
L’assessora alla formazione e al lavoro Alessandra Nardini esprime soddisfazione per il via libera arrivato ieri da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome all’intesa sullo schema di decreto di adozione del programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori (Gol), elaborato del ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il ministro dell’economia e delle finanze, e al conseguente riparto della prima quota di risorse.

Gol è il programma di politiche attive del lavoro che potrà contare su un finanziamento complessivo di 4,4 miliardi di euro, a cui si aggiungono i 500 milioni di React-UE (lo strumento previsto dal piano Next Generation Eu per sostenere la risposta dei territori europei più colpiti dalla crisi Covid). L’accordo di ieri sblocca l’attivazione del programma e la prima suddivisione degli stanziamenti tra le Regioni, pari a 880 milioni provenienti dal Pnrr. Alla Toscana saranno destinati 50 milioni e 688 mila euro.

“Sul riparto delle risorse abbiamo trovato un buon punto di equilibrio”, ha dichiarato l’assessora Nardini, che in qualità di coordinatrice della commissione lavoro e formazione professionale della Conferenza delle Regioni ha seguito in questi mesi il dossier e guidato l’interlocuzione con il Ministero del lavoro e con Anpal (l’Agenzia nazionale per le politiche attive). “Con grande senso di responsabilità, spirito collaborativo e unitario, di cui ringrazio le colleghe e i colleghi assessori delle altre Regioni – prosegue Nardini - siamo riusciti ad approvare lo schema di decreto e questo primo riparto che tiene conto di tutte le componenti del mercato del lavoro, consentendo ad ogni territorio di disporre di un budget adeguato a dare gambe al proprio piano regionale. Per le annualità successive, le Regioni si sono volute mettere in gioco, chiedendo che i riparti siano effettuati sulla base della capacità dei sistemi di prendere in carico le destinatarie e i destinatari e attuare misure nei loro confronti”.

“Mai come ora – ha aggiunto l’assessora - la condivisione degli obiettivi è fondamentale. Pur nella differenza dei ruoli e delle competenze istituzionali, abbiamo trovato nel Ministero del lavoro e in Anpal interlocutori attenti e disponibili, il che, unito al grande lavoro di squadra e all'ottimo clima di collaborazione che da sempre contraddistingue la nostra commissione, ci ha consentito di arrivare a questa approvazione”.

Le risorse assegnate serviranno a consolidare e potenziare il sistema regionale di servizi per l’impiego e di politiche attive del lavoro: dall’orientamento al bilancio di competenze, dalla ricerca di opportunità di lavoro alla formazione per rafforzare le competenze di lavoratrici e lavoratori.

“Entro 60 giorni dall’emanazione del decreto – conclude Nardini - ogni Regione presenterà un piano regionale per l’attuazione del programma Gol, che sarà validato da Anpal e dal Ministero alla luce della cornice nazionale condivisa. Quindi si tratterà di rendere effettivamente disponibili a cittadine, cittadini e imprese le prestazioni finanziate dal programma. Una sfida alta, di cui siamo certi il sistema dei servizi per l’impiego delle Regioni sarà all’altezza

14/10/2021 17.52
Regione Toscana


 
 


Met -Vai al contenuto