Login

MET


Comune di Firenze
Arriva la luce in via De Robertis, ieri sera l'accensione degli impianti realizzati ex novo da Silfi
Gli assessori Albanese, Giorgetti e Gianassi: "Continua l'impegno per ottimizzare l'illuminazione pubblica". Il presidente Pierguidi: "Una risposta alle richieste dei cittadini"
Arriva la luce in via De Robertis. Ieri sera il nuovo impianto di illuminazione è stato acceso per la prima volta: 13 lampioni che hanno cambiato il volto di questa strada a Coverciano finora priva di illuminazione pubblica. Alla prima accensione erano presenti gli assessori alla sicurezza urbana Benedetta Albanese, alla Mobilità Stefano Giorgetti e alle società partecipate Federico Gianassi, il presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi e il presidente di SILFI Spa Matteo Casanovi. “Continua l'impegno dell'Amministrazione per ottimizzare l'illuminazione cittadina – commentano gli assessori Albanese, Giorgetti e Gianassi – con interventi di realizzazione di nuovi impianti e il potenziamento di quelli esistenti. Un impegno concretizzato da Silfi e che riguarda sia il centro che le zone più periferiche. Investire nell'illuminazione significa investire in sicurezza e grazie all'impiego dei dispositivi al led si traduce anche in un notevole risparmio energetico". “Un intervento molto atteso dalla popolazione. Con la nuova illuminazione in via De Robertis – spiega il presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi – garantiremo maggiore sicurezza in tutta la zona concretizzando una richiesta che aveva visto coinvolti anche tutti i consiglieri presenti nel nostro Consiglio di quartiere”. Fino ad ora priva di illuminazione, via De Robertis è stata inserita nel piano degli interventi di manutenzione straordinaria di illuminazione pubblica, il cui lavoro a cura di SILFI Spa è giunto al termine grazie alla accensione di un nuovo impianto di illuminazione costituito da 13 nuovi lampioni a LED: alta efficienza per garantire risparmi energetici, luce bianca e sicurezza per pedoni e veicoli. (mf)

11/06/2021 13.37
Comune di Firenze


 
 


Met -Vai al contenuto