Login

MET


Gruppo Enel
Enel. Geotermia "Sartori de Triomphe", lo scatto della torre refrigerante del fotografo toscano trionfa a Parigi
Il fotografo toscano, che è anche dipendente Enel Green Power, ha ottenuto il primo premio al Prix de la Photographie de Paris grazie allo scatto “Cathedral”, immagine simbolo del ruolo di grandi “cattedrali dell’industria e dell’energia rinnovabile” rappresentato dagli impianti geotermici. Da Mosca a Tokyo, questo scatto ha ricevuto importanti riconoscimenti negli ultimi anni
È proprio il caso di dirlo: Sartori de Triomphe. Sì, perché Fabio Sartori, fotografo e dipendente Enel Green Power, classe 1962, di Massa Marittima (Gr), si è aggiudicato il primo premio a “Le Prix de la Photographie de Paris” (https://px3.fr/winners/px3/2021/12078/) per la categoria “Architecture / Industrial – Non Professional” grazie alla foto “Cathedral”.

Il PX3 (Prix de la Photographie de Paris) è uno dei più importanti concorsi internazionali di fotografia, al quale partecipano migliaia di fotografi professionisti e amatoriali i cui scatti vengono valutati da una giuria di alto livello composta da professionisti ed esperti della materia, galleristi ed editori provenienti da varie parti del mondo. Per i vincitori si tratta di una vetrina globale di tutto rilievo con collegamenti anche a prestigiose riviste, gallerie e portali web specializzati nel settore.

Fabio Sartori ha ricevuto il “Primo Premio Gold” per la categoria “Architettura industriale non professionale” con la bellissima foto “Inside the Tower” – per l’occasione del concorso denominata “Cathedral”, a ricordare il ruolo di grandi “cattedrali dell’industria e dell’energia rinnovabile” rappresentato dagli impianti geotermici –, uno scatto che raffigura l’interno di una torre di raffreddamento della centrale geotermica “Sasso 2” nel Comune di Castelnuovo Val di Cecina: la foto immortala un tecnico Enel all’interno della grande torre dalla forma iperbolica, a tiraggio naturale, che nella parte finale del processo di produzione geotermica raffredda il vapore per poi reiniettare l’acqua nel sottosuolo e mantenere in equilibrio il ciclo rinnovabile della geotermia. Lo scatto di Sartori racconta con un’immagine suggestiva la relazione tra il lavoro e l’uomo, tra la tecnologia e la persona, tra l’ingegno dell’umanità e la gestione della macchina in una dialettica delicata e affascinante, che non può prescindere dalla sicurezza, dall’innovazione tecnologica e dalla sostenibilità.

“Inside the Tower / Cathedral” è una foto che è già stata insignita di premi in altre circostanze e che è diventata uno dei simboli della geotermia in Italia e nel mondo (gli ultimi riconoscimenti in ordine di tempo ai concorsi Tokyo International Foto Awards, Moscow International Foto Awards, IPA – International Photography Awards e Siena International Photo Awards e). Ma nel repertorio di Sartori non ci sono solo foto di geotermia industriale: grazie a bellissimi scatti naturalistici, infatti, tra il 2020 e il 2021 Fabio ha ricevuto premi e riconoscimenti anche al “Luminar Bug Photography Awards” e a “ImagO Orbetello”.

Sartori ha espresso soddisfazione per questi importanti riconoscimenti, ottenuti grazie alla sua passione per la fotografia industriale e naturalistica maturata e affinata anche con l’esperienza lavorativa in Enel Green Power, dove opera nell’ “Area Geotermica Lago” con sede Lago Boracifero (Monterotondo M.mo) all’interno dell’Operations & Maintenance Geo Italia: durante gli anni di professione, Fabio ha imparato ad associare nel tempo libero l’amore per la fotografia alla bellezza degli impianti geotermici e dei paesaggi in cui sono inseriti. Enel Green Power si è complimentata con Sartori per la sua capacità di narrare la geotermia attraverso foto che diventano quasi icone e che riescono a rappresentare con immagini di grande impatto il fascino di questa energia rinnovabile “custodita” nel cuore della terra.

In allegato lo scatto “Inside the Tower / Cathedral”, Fabio Sartori e l’immagine del riconoscimeto della foto al PX3.

17/09/2021 12.23
Enel SpA


 
 


Met -Vai al contenuto