Login

MET


Redazione di Met
L'economia circolare per uno sviluppo responsabile nella produzione del cibo
Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze, via Folco Portinari 5r, Firenze - ore: 9:30-14:00, 30 Aprile 2015
RIFIUTI-ZERO , è Il principio ispiratore lanciato dalla Commissione Europea il 2 luglio scorso. Tale orientamento è alla base dell'economia circolare: un modello di produzione e consumo non più lineare, dove ogni prodotto è pensato in modo da potersi rigenerele in altri sub e co-prodotti, per minimizzare costi e consumi di materia prima , evitando di inquinare l' ambiente. La Economia Circolare pertanto è una progettazione socialmente innovativa che permette lo sviluppo di un sistema più efficiente nell'uso di risorse affiancato dal'utilizzo di fonti e risorse rinnovabili.
EGOCREANET (ONG c/O Incubatore della Universita' di Firenze, si propone di favorire il perseguimento dell’obiettivo Europeo dell’efficienza nell’uso delle risorse finalizzato a minimizzare l'inquinamento ambientale, in modo da attuare la transizione dall’attuale modello lineare di produzione a un modello alternativo di tipo circolare che è decisamente il modello socio-economico che permettera' il superamento della crisi strutturale contemporanea. Pertanto il modello tradizionale di attività industriale - in cui i singoli processi produttivi prelevano materie prime e generano prodotti da vendere più rifiuti da smaltire - dovra' rapidamente trasformarsi in un modello circolare integrato multiattoriale e transdisciplinare che ha per strategia di sviluppo la condivisione di risorse tra imprese di settori di ricerca tradizionalmente separati, al fine di evitare che i sottoprodotti di un’azienda, potenzialmente utilizzabili per scopi produttivi da altre imprese, possano diventare rifiuti creando irreversibili danni economici sociali ed ambientali .
Pertanto la progettazione di una molteplice vita ai prodotti è un aspetto centrale dell’economia circolare al fine di evitare di accumulare scarti facendo in modo di utilizzarli in modo alternativo trasformandoli in mangimi per animali , o bio-fertilizzanti per il suolo ovvero in forme alternative di energia utilizzabili localmente.
Per conoscere quanto gia si sta facendo in questo settore della innovazione economica e sociale EGOCREANET organizza la Conferenza pubblica sulla Economia ciclica in Agricoltura e Silvicultura del 30 Aprile 2015 a Firenze.
Le relazioni di ricerca ed innovazione sono centrate sulle modalita di ripensare, ridefinire, ridurre, riutilizzare, riciclare, recuperare le risorse in un sistema di economia Circolare
Inoltre le strategie progettuali a lungo termine per una promozione di modelli di "AGRONOMIA CIRCOLARE ripensati attraverso le catene del valore dell' agro alimentare verranno proposte ed analizzate nell' ambito del premeeting del 29 Aprile. 2015 .
Al premeeting verranno presentate proposte indirizzare a preservare l' humus delle terre produttive recuperando i nutrienti come il fosforo dalle acque reflue o il compost dagli scarti alimentari ecc.. al fine di conseguire una produzione e un consumo più sostenibili e piu sane come è reso necessario anche a causa dell' forte incremento della popolazione mondiale.Certamente la economia circolare necessita di nuovi modelli di business e di consumo e non di spreco tali che permettano effettivamente lo sviluppo della AGRONOMIA CIRCOLARE.

Il 29 aprile ore 15.00-18.00 si terrà un premeeting c/o la Regione Toscana, in Piazza Unità 1, Firenze con lo scopo di organizzare un Focus Group per coordinare un progetto Horizon 2020 sull’Agronomia Circolare.- http://ec.europa.eu/environment/circular-economy/; Towards a circular economy: A zero waste programme for Europe, EU. Com(2014) 398 final
Con “Economia Circolare”, si intende una strategia innovativa per l’efficientamento dell'utilizzo delle risorse, in cui i prodotti finali di una fase di produzione diventano origine di una successiva fase, dando luogo ad un flusso di produzione ciclico. Tale modello strategico, tendente ad azzerare la generazione di rifiuti, può essere vantaggiosamente applicato nel complesso dei processi agricoli e alimentari, utilizzando gli scarti dei singoli processi per una maggiore produttività ed un minore impatto ambientale, trasformando i rifiuti in sub-prodotti di energia, ovvero co-prodotti nutraceutici, fertilizzanti ecc. La proposta di EGOCREANET, organizzatore dell'evento, intende incoraggiare la ricerca e le aziende del settore alimentare ed agricolo ad innovarsi applicando nuovi criteri e prospettive di innovazione al fine di sviluppare un modello condiviso di “Agronomia Circolare”. Perciò nel pre-meeting si propone l’aggregazione di gruppi di lavoro finalizzati a condividere le questioni di maggior interesse nel quadro del futuro sviluppo della “Economia Circolare” al fine di coordinare progetti Horizon 2020 su tale tematica di innovazione sociale e produttiva. L’obiettivo della Conferenza è di creare un “think tank” per aggregare competenze e capacità creative delle aziende e della ricerca, in modo da favorire lo sviluppo sostenibile del territorio Regionale e Nazionale. L'evento del 29/30 Aprile complessivamente intende contribuire a ripensare creativamente la sostenibilità delle filiere circolari produttive dell'agro-alimentare, mediante lo sviluppo di un thinking design innovativo basato sull’auto-sostenibilità energetica e sul riciclaggio tendente a zero dei rifiuti, che inizierà con EXPO 2015 per andare verso una futura strategia di elevata responsabilità e consapevolezza sociale ed economica.

PROGRAMMA PRELIMINARE del 30 Aprile 2015
9:00 Saluti iniziali ( ? 10' ciascuno)
• Carlo Chiostri, Dirigente – Regione Toscana
• Marco Bellandi, Prorettore Trasferimento Tecnologico – Università di Firenze
9: 20 Relazioni introduttive ( ? 20' ciascuna)
• Diassina Di Maggio, Direttore – APRE. “Nuove strategie di promozione della ricerca europea”
• Gaetano Borrelli, ENEA: "La sostenibilità tra ambiente, economia e società: dal paradigma dell'economia di frontiera alla green economy”
• Giampiero Maracchi, Presidente – Accademia dei Georgofili: “Il ruolo dell’agricoltura sugli equilibri planetari”
• Alessandro Ruggieri, Rettore – Università della Tuscia: “Economia circolare nel settore agrofood: profili socio-economici”
10:40 Interventi di ricerca e sviluppo ( ? 15' ciascuno)
• Annalisa Romani, PHYTOLAB – UniFI: ”Biomasse agroindustriali per nuove produzioni sostenibili”
• Luigi Campanella, Dip. Chimica – Università La Sapienza, Roma: ”Economia circolare o circolarità economica?”
• Katya Carbone, CRA – FRU, Roma: “Innovazione scientifica nel settore agroindustriale ed economia circolare: la nuova sfida”
• Giacomo Pietramellara, DISPAA – UniFI: ”Serre verticali: un esempio di agricoltura urbana ecosostenibile”
• Giuseppe Surico, Presidente Scuola di Agraria, UniFI: “Nuove sfide per l'agricoltura e formazione”
• Mario Tredici, DISPAA – UniFI: “Algal walls: cibo, combustibili e prodotti utili da pareti fotosintetiche nelle città del futuro”
12: 30 Best practice , progetti, spin.off … ( ? 10' ciascuno)
• Antonio Mauro, Direttore R.S.: "Riduzione, riuso e business dagli scarti di lane per le imprese agricole di allevamento"
• Fabio Masi, Agronomist – IRIDRA spa: “Recupero Nutrienti dalle Acque in ambito civile e zootecnico“
• Chiara Casazza, Marco Sala, DIDA – UniFI: “Urban Con(T)emporary Agriculture, agricoltura urbana per la città sostenibile”
• Antonio Di Giovanni, Funghi Express Soc.Agr.: “Una start-up a rifiuti zero”
• Giulia Detomati, Venti Sostenibili.: “Verso l'economia circolare nel Parco Agricolo Sud Milano: il progetto Caffè in Campo”
• Marianna Faraldi, Tecnoalimenti S.C.p.A.,"BIOGAS3:PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE SOSTENIBILE DA SOTTOPRODOTTI AGROALIMENTARI"
13:30 Dibattito
La partecipazione è gratuita. È richiesta la registrazione: inviare una email a Paolo Manzelli <egocreanet2012@gmail.com>
Il programma aggiornato sarà disponibile al link: http://www.eurosportello.eu/sites/default/files/agricoltura-circolare.pdf
L’evento è organizzato da EGOCREANET (ONG di R&S) in collaborazione con Eurosportello (membro della rete Enterprise Europe Network)

25/03/2015 12.32
Redazione di Met


 
 

Google


Vai al contenuto