Login

MET

Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Città Metropolitana di Firenze Sant'Orsola: si passa a trattativa diretta
In ogni caso la Città Metropolitana è pronta a farsi carico della riqualificazione con risorse proprie La Città Metropolitana di Firenze aveva valutato positivamente un progetto e la relativa offerta economica in ordine al recupero e alla valorizzazione del complesso dell'ex convento di Sant'Orsola, presentata da un gruppo composto dalla mandataria 'Property Finance e Partners spa di Firenze' e, come mandanti, da Almud Edizioni Musicali srl di Cascina, Giulio Tanini spa di Firenze, Gervasi Spa di Firenze, Procogen srl di Impruneta, Gefat srl di Poggibonsi, Tanzini Quintilio e Figlio sas di Poggibonsi, Sant’Ilario srl di Poggibonsi, Bch srl di Firenze. Dopo il placet della Commissione tecnica istituita dalla Città Metropolitana, si attendeva il parere della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici.
L'iter è stato interrotto a motivo di una vicenda giudiziaria che ha coinvolto due soci, tra i quali il capofila. Se in un primo momento era sembrato che i mandanti portassero comunque avanti il progetto, il mancato rinnovo della cauzione a garanzia dell'offerta, atteso dalla Città Metropolitana per la fine di novembre per far partire i lavori, comporta di fatto una sospensione del percorso intrapreso dall'ente per la valorizzazione del complesso.
Che succede ora?
Il recupero di Sant’Orsola va comunque avanti: la Città Metropolitana intende percorrere la via della trattativa privata sul progetto di recupero.
Se poi entro marzo nessun privato si farà avanti, in occasione del bilancio consuntivo la Metrocittà sarà pronta a impiegare proprie risorse per realizzare un progetto di ristrutturazione e riqualificazione, senza che ciò comporti alcuna riduzione sugli investimenti in ordine a scuole e strade e alle priorità strategiche dell'ente.
13/12/2017 16.18 Città Metropolitana di Firenze
Ataf Sciopero Ataf Sabato 16 Dicembre 2017
Modalità e fasce di garanzia Si comunica che, per Sabato 16 Dicembre 2017, sono state indette due distinte operazioni di sciopero che coinvolgeranno il personale Ataf Gestioni:

-uno sciopero di 24 ore proclamato dalla RSU ATAF e dalle Segreterie Territoriali FILT-CGIL, CISL/RETI, UIL-TRASPORTI, FAISA CISAL;
-uno sciopero di 4 ore proclamato dalla Segreteria Provinciale del SUL-Comparto Trasporti.

Queste le modalità con cui le relative strutture aderiranno in Ataf Gestioni S.r.l.

Sciopero di 24 ore proclamato dalla RSU ATAF e dalle Segreterie Territoriali FILT-CGIL, CISL/RETI, UIL-TRASPORTI, FAISA CISAL:
Movimento (autobus):
Inizio servizio-06.00
09.15-11.45
15.15-fine servizio

Operai ed impiegati:
Intero turno di lavoro

Sciopero di 4 ore proclamato dalla Segreteria Provinciale del SUL-Comparto Trasporti:
Movimento (autobus):
17.00-21.00

Le fasce di garanzia sono le seguenti:
-dalle 6.00 alle 9.00. Saranno effettuate le corse dei bus con partenza dai capolinea fino alle ore 08.59
-dalle 12.00 alle 15.00. Saranno effettuate le corse dei bus con partenza dai capolinea fino alle ore 14.59
14/12/2017 7.35 Ataf
Comune di Firenze Firenze Smart City, da oggi attiva la nuova rete civica Città di Firenze
Un sito web più moderno e ottimizzato anche dai dispositivi mobili Una rete civica nuova, più moderna, più accessibile, più facile da usare anche dai dispositivi mobili e coerente con le linee guida di design per i siti web della Pubblica Amministrazione. La Città di Firenze ha da oggi un sito web integralmente rinnovato, ed è stato presentato dall'assessore all'innovazione tecnologica e sistemi informativi Lorenzo Perra. Firenze del resto è stata fra le prime amministrazioni a dotarsi di un sito web istituzionale (attivo già dal 1996), e ora punta ad essere sempre più smart. Da oggi quindi grazie alla nuova rete civica (sempre all’indirizzo www.comune.fi.it) sarà possibile con estrema facilità anche dai dispositivi mobili avere informazioni e interagire con gli uffici, chattare in tempo reale con un operatore del Contact Center sul sistema Firenze Semplice, o accedere ai servizi online ed ai pagamenti online. Le linee guida del nuovo sito web, redatte da Agid (Agenzia per l’Italia Digitale), intendono fornire alle amministrazioni una grafica coerente, un’architettura dell’informazione semplificata e funzionale, una standardizzazione dei principali elementi tecnici del sito web. Per aiutare ancora di più i cittadini a conoscere tutti i servizi on line del Comune di Firenze dalla prossima settimana partirà una intensa campagna di informazione ma già oggi alle 17 verrà proiettato sulla facciata di Palazzo Vecchio il video di lancio della nuova rete civica.

Il rinnovamento si è reso necessario anche perché dal 1996 in poi la rete civica si è estesa sia in senso verticale, raggiungendo un volume di contenuti costituito oggi da più di 35.000 pagine, sia in senso orizzontale, mediante la realizzazione di oltre 40 siti tematici correlati al sito web principale. La necessità di stare al passo con i tempi e di rendere più coerenti le pagine (e quindi le informazioni), oltre all’esigenza di renderla responsive con approccio mobile first, cioè che si adatta automaticamente ai dispositivi mobili che lo visualizzano, sta alla base dell’investimento fatto dal Comune, di circa 32mila euro.

Il lavoro di ammodernamento della rete civica è iniziato nel 2015 quando il Comune di Firenze ha avviato il passaggio a un sistema di ultima generazione (sistema Drupal) per migliorare il dialogo con il cittadino e la fruizione delle informazioni e dei servizi online. E’ stata dapprima attivata con gara un’assistenza specialistica con LDP Progetti Gis, e nel 2016 è stata fatta la gara e individuata la società che avrebbe accompagnato gli uffici del Comune di Firenze nella razionalizzazione e Restyling (theming) della rete civica. Da gennaio 2017 i servizi comunali Canali di Comunicazione e la direzione sistemi informativi hanno avviato una serie di attività con l’obiettivo di realizzare la migrazione graduale e programmato della Rete Civica verso la nuova piattaforma Drupal. Da gennaio 2018 gradualmente anche i siti tematici passeranno in drupal, con un design coerente con quello adottato dalla rete civica. In particolare, insieme alla società affidataria (Lcd Srl e Manafactory Srl) è stato definito e sviluppato il nuovo tema (design) della rete civica e dei siti tematici, coerente con le linee guida di design per i siti web della PA. E’ stato realizzato il complesso lavoro di revisione dell’architettura della rete civica e dei siti tematici, analizzando tutti i contenuti attualmente presenti e revisionandoli secondo un’ottica di razionalizzazione e semplificazione delle informazioni (eliminando i contenuti superati, riorganizzando i contenuti da mantenere, riducendo il numero dei siti tematici).

Nell’ultimo anno il sito ha registrato 1.455.011 sessioni, 669.821 utenti unici e 3.208.624 pagine visualizzate.

Il lavoro di Firenze è stato “attenzionato” anche dal Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio, con cui il Comune di Firenze – assieme ad altre 6 città italiane – collabora nell’attuazione del Piano Triennale per l'Informatica nella Pubblica amministrazione 2017–2019.

Firenze è la prima grande città a rifare interamente il proprio sito web con un forte richiamo alle linee guida nazionali per i siti web della PA. In questo modo i cittadini possono ritrovare interfacce web più simili anche fra enti pubblici e città diverse in tutta Italia, riuscendo così a trovare più semplicemente i loro contenuti di interesse. Infine, il progetto del nuovo design della rete civica ha creato l’occasione di aggiungere una nuova coniugazione per il rosso del giglio di Firenze, quella per il web. È il rosso rgb #c30c26.

13/12/2017 18.04 Comune di Firenze
Regione Toscana Si rafforza la presenza di GKN in Toscana anche grazie al supporto della Regione
E' arrivato nei giorni scorsi l'ok definitivo per il trasferimento in Toscana Il gruppo industriale GKN, leader mondiale nei settori automotive, componenti di trasmissione per veicoli commerciali, mezzi agricoli e macchine per l'edilizia, nonché componenti per l'industria aeronautica e aerospaziale, cresce e si rafforza in Toscana. E' arrivato nei giorni scorsi l'ok definitivo per il trasferimento in Toscana, da Brunico, di una intera linea di produzione, quella dedicata ai giunti a velocità costante (costant velocity joint - cvj). Determinante per questo tipo di risultato è stata l'azione congiunta del management dello stabilimento di Campi Bisenzio, della presidenza di Regione Toscana e dell'ufficio interno Invest in Tuscany.
Nelle scorse settimane il presidente Rossi aveva infatti scritto al managing director dell'area Sud Europa che ha poi incontrato la vice presidente Monica Barni.

L'amministratore delegato della sede GKN di Campi Bisenzio ha ringraziato l'ufficio attrazione investimenti della Regione per il supporto fornito all'operazione, a partire dalla visita effettuata presso lo stabilimento di Campi Bisenzio per prendere visione delle linee di produzione altamente automatizzate ed implementate già in ottica 'Industria 4.0'.

Il gruppo GKN impiega oltre 50 mila persone in 30 paesi ed ha un fatturato di quasi 11 miliardi di euro. In Italia è presente a Brunico e Campi Bisenzio ed il percorso di sviluppo intrapreso nei mesi scorsi dallo stabilimento altoatesino, che si avvia a diventare un centro di competenza e innovazione per i motori elettrici e per la trazione
integrale, ha aperto un'importante opportunità per la sede fiorentina, che si è potuta candidare con successo a subentrare a Brunico nella produzione di una specifica linea di componenti ibridi, quella dei giunti a velocità costante. Si calcola fin da ora che gli effetti principali di questo tipo di operazione sulla sede Toscana
saranno: un incremento di circa 30 milioni di euro di fatturato (che si andrà a sommare agli attuali 150 milioni già acquisiti dalla stabilimento fiorentino); il raggiungimento di una elevata redditività, tale da sopravanzare gli stabilimenti dell'Europa centro-orientale; la conseguente messa in sicurezza degli attuali 470 posti di lavoro; la
spinta verso un'elevata automazione dello stabilimento con conseguente qualificazione verso l'alto del personale attualmente operante nello stabilimento.

L'opportunità dei giunti a velocità costante è stata individuata grazie al confronto continuo tra Regione ed investitori esteri ed italiani presenti in Toscana. Le sedi concorrenti per accogliere questo tipo di
business erano, oltre all'Italia, anche la Slovenia e la Spagna. Il responsabile di Invest in Tuscany ha quindi lavorato con il management della società per rendere la candidatura della Toscana più forte tramite
un dossier informativo sulle opportunità locali, nell'ottica di un protocollo di intesa tra Regione Toscana e GKN, che sarà firmato nelle prossime settimane
13/12/2017 10.11 Regione Toscana
Comune di Firenze Museo 900. Mariani, l'antifascista e pornografo che inventò “Novella 2000”
È dedicato a all'intellettuale dimenticato l'appuntamento di venerdì 15 dicembre con Pagine d'arteNovelliere pornografo, romanziere sociologo, amorale flâneur
e pensatore antifascista: la figura di Mariani viene raccontata da Andrea Pellegrini
Uno scrittore e intellettuale scomodo, molto presto dimenticato. È dedicato a Mario Mariani, l'appuntamento con “Pagine d'arte” di venerdì 15 dicembre alle 17:30, a cura di Andrea Pellegrini, introdotto da Michele Rossi.

Mariani, nato a Solarolo, in Romagna, nel 1884, visse la maggior parte della sua vita a Milano. La critica lo confinò fin dall’inizio in una pornografia corriva e di dannunzianesimo minore, ma lo scrittore non si preoccupò mai troppo di tali disprezzi, lavorò presso la redazione del «Il Messaggero», fondando anche una propria rivista, «Novella», allora letteraria, e ancora oggi esistente con il nome di «Novella 2000».

Novelliere pornografo, romanziere sociologo, amorale flâneur o pensatore in anticipo, Mariani è stato un pensatore libero, un grande sapiente di filosofia e soprattutto un antifascista incondizionato (costretto, per questo, all’esilio e alla fuga all’estero nei tempi più difficili della nostra Storia).

Morto a San Paolo del Brasile nel 1951, è stato presto dimenticato. Ha lasciato più di 25 opere, fra romanzi, novelle e saggi, lavori tra i quali ricordiamo: La casa dell’uomo (1915), Il ritorno di Machiavelli (1916), Sott’ la naja (1917), Le adolescenti(1920), Le meditazioni di un pazzo (1922), Saette ne l’abisso (1924), L’equilibrio degli egoismi (1924).

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.
13/12/2017 12.14 Comune di Firenze
Regione Toscana Rifiuti, Rossi: "Regione pronta a dare risposte. Ma stop a soluzioni del passato"
La regione presenterà un piano ampio e articolato a sostegno alle politiche innovative per premiare i Comuni che raggiungono importanti obiettivi di raccolta differenziata".

"Nonostante le gratuite invettive personali che mi rivolge, il sindaco di Firenze comincia ad entrare nel merito della questione rifiuti, ponendo domande assennate alle quali sono pronto a dare risposte".

Inizia così il ragionamento del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi a proposito della gestione del ciclo dei rifiuti e, in particolare, della realizzazione del termovalorizzatore della Piana fiorentina.

"Il problema però – sottolinea Rossi – non riguarda solo il pur rilevante tema dell'impianto di termovalorizzazione previsto a Case Passerini, ma più in generale la svolta ambientalista che coinvolge tutti i settori dell'economia e della vita sociale e civile della regione, il riuso e lo smaltimento dei rifiuti urbani e industriali".

Il presidente annuncia che "la Regione presenterà un piano ampio e articolato, dentro cui troveranno risposte definitive le domande di Nardella e molte altre questioni. Nel frattempo – prosegue Rossi – osserviamo che la Toscana ha un livello di raccolta differenziata di almeno venti punti inferiore a quella del Veneto. Se porteremo la raccolta differenziata allo stesso livello delle Regioni del Nord-Est, mettendo nel conto la valorizzazione delle materie prime secondarie, le migliaia di tonnellate di rifiuti urbani che solo tra almeno cinque anni comincerebbero ad essere smaltite nell'impianto della Piana fiorentina potrebbero essere recuperate e destinate al riuso e al riciclo in tempi e con costi inferiori".

"Noi continueremo – afferma il presidente – a lavorare a questo piano e promuoveremo un'ampia discussione democratica tra i cittadini e le forze politiche e sociali della Toscana. Come ho detto, la Toscana non deve tentare di risolvere i suoi problemi con soluzioni del passato e seguendo strade che la stessa Unione europea sconsiglia".

Il ragionamento di Rossi prosegue poi sulle risorse destinate ai Comuni. "A gennaio presenteremo un pacchetto di risorse che attraverso le autorità di ambito metteremo a disposizione dei Comuni decisi a fare sul serio la raccolta differenziata". "La proposta che noi avanziamo – ricorda – è la stessa che l'Unione europea ci indica. Proposte concrete e sostegno alle politiche innovative per premiare i Comuni che raggiungono importanti obiettivi di raccolta differenziata".

Per Rossi "ha ragione invece Nardella quando dice che le competenze in materia di rifiuti sono regionali". "Mi permetto di precisare – aggiunge il presidente – che lo sono solo a partire dal 2015, da quando, con la riforma fatta anche a seguito di una sentenza della Corte Costituzionale, il potere di pianificazione, localizzazione e autorizzazione degli impianti di termovalorizzazione è passato dalle Province e dalla Città Metropolitana che Nardella presiede alla Regione stessa".

"Non mi si chieda pertanto dove ero quando è stato deciso di realizzare il termovalorizzatore a Case Passerini. Piuttosto – dichiara il presidente – si prenda atto che ora la situazione è cambiata e che è mia ferma intenzione esplicare fino in fondo le competenze che spettano alla Regione in materia di rifiuti".

"Per questo – conclude Rossi – presenteremo una proposta nuova, più innovativa ed ecosostenibile. Se infine gli attacchi personali riflettono la delusione per non essere stato il primo a mettere in discussione il termovalorizzatore di Case Passerini ricordo al Sindaco Nardella che già due anni e mezzo fa lo invitai a intervenire e ridiscutere quella scelta"
13/12/2017 18.12 Regione Toscana
Comune di Campi Bisenzio Termovalizzatore, il Sindaco di Campi Bisenzio Fossi: "Bene che il Pd lavori ad un piano alternativo, ma senza inceneritore"
La politica e le istituzioni devono tornare protagoniste di una fase decisionale in cui viene definitivamente affossata l'ipotesi di realizzazione di un inceneritore "Siamo d'accordo con Nardella sulla necessità di coinvolgere il Partito Democratico, maggioranza in consiglio Regionale, per prevedere un nuovo piano sulla gestione dei rifiuti. E' evidente che siamo arrivati ad un punto di non ritorno in cui, considerata anche la forte perplessità sull'opera dimostrata dal presidente Rossi, la politica e le istituzioni devono tornare ad essere i protagonisti di una nuova fase decisionale in cui viene definitivamente affossata l'ipotesi della realizzazione di un inceneritore." E' quanto dichiarato dal sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi

"E' altrettanto evidente che per precedere con un piano in grado di affrontare con serietà la gestione dei rifiuti su vasta scala, serve coinvolgere tutti gli attori politici e istituzionali, oggi scollegati e isolati nella gestione di quella che è già un'emergenza. Questa nuova fase, che deve essere aperta dalla Regione, deve essere però immediata e costruttiva, nella consapevolezza che tutti dobbiamo lavorare per affrontare con responsabilità questo tema, oggi trasformato più in un motivo di litigi che di unione."
13/12/2017 16.52 Comune di Campi Bisenzio
Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa Circondario. Con “Regala i tuoi musei”, il passaporto diventa gadget e sbarca ai mercatini natalizi
A Montelupo un vero e proprio stand il 15 e 16 dicembre. E Castelfiorentino organizza un “tour” coinvolgendo la parrocchia Prende campo l’iniziativa "Regala i tuoi musei", ovvero la promozione del biglietto unico del Museo Diffuso Empolese Valdelsa, che grazie al nuovo
“passaporto” consente, con soli 15 euro di spesa, di avere un anno di tempo per visitare tutti e 21 i musei del Sistema.

Tra la varie iniziative di promozione svolte in queste settimane da Comuni e musei, da segnalare lo sbarco ai mercatini di Natale: il 16 e 17 dicembre a Montelupo Fiorentino, per Natale in borgo, a fianco dei classici stand di oggettistica e artigianato, in Piazza della Libertà sarà allestito un vero e proprio stand da parte del Museo archeologico, che offrirà ai passanti l’acquisto del del passaporto come vero e proprio gadget di Natale, confezionato con tanto di
coccarda. Lo stand servirà, naturalmente, anche a promuovere il Sistema.

Ma il passaporto come “gadget” si può acquistare in tutti i musei del MuDEV abilitati alla vendita, come ad esempio quello di Santa Verdiana a Castelfiorentino che, oltre a presentare il passaporto in forma di gadget, ha organizzato un “pellegrinaggio culturale” guidato: un tour organizzato coinvolgendo cittadini e parrocchiani, che hanno acquistato la Credenziale del pellegrino dell’arte nel corso di un anno, di mese in mese, scopriranno insieme il patrimonio culturale dell’empolese valdelsa.

Altre iniziative promozionali anche a Empoli, dove il “passaporto” è stato promosso in queste settimane alle iniziative concertistiche e alle conferenze che si sono tenute presso il MUVE, e verrà promosso anche venerdì 15 dicembre alle 21.15, nella Pinacoteca di Sant'Andrea, Museo della Collegiata, in occasione del
concerto con gli Artisti dell'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Si ricorda che il nuovo “passaporto” consente, con soli 15 euro di spesa, di visitare tutti e 21 i musei del Sistema entro un anno dall’acquisto, con un
risparmio di 37 euro sui biglietti interi necessari per le visite. Disponibile anche il biglietto formato famiglia, 35 euro per due adulti e un massimo di tre
ragazzi under 18. Il progetto “Biglietto Unico” è stato sviluppato nell'ambito del progetto Valore Museo della Fondazione CR Firenze.
13/12/2017 14.21 Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
Città Metropolitana di Firenze Premio Sacharov, diretta per gli studenti fiorentini
Tre risoluzioni dagli istituti Balducci, Ginori Conti e Castelnuovo Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2017. La cerimonia di premiazione è stata seguita a Firenze presso il refettorio della Badia Fiesolana, con Hans-Gert Pöttering, Presidente del Parlamento Europeo dal 2007 al 2009 e con Stefano Polli (Vice Direttore Ansa) come moderatore,
grazie all’Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento Europeo in collaborazione con l’Istituto Universitario Europeo (Eui).
L’evento si è rivolto a 120 studenti di licei romani e fiorentini che hanno aderito ai programmi formativi della Rappresentanza del Parlamento Europeo a Roma e degli Archivi Storici dell’Unione Europea in collaborazione con la Città Metropolitana.
Gli studenti del liceo romano hanno posto delle domande a Hans-Gert Pöttering, mentre gli studenti fiorentini hanno esposto una risoluzione per ognuna delle tre tematiche svolte durante le lezioni agli Archivi, nel dettaglio: Scuola Ernesto Balducci, classe 4D: "La Commissione Migrazione del Parlamento Europeo"; Scuola Ginori Conti, classe 4 B: "La Commissione Brexit del Parlamento Europeo"; Liceo scientifico Castelnuovo, classe II D: "Commissione specializzata del Parlamento Europeo sul tema dei Nazionalismi".
Il Premio Sacharov, istituito nel 1988 e dedicato allo scienziato e dissidente sovietico Andrej Sacharov, è assegnato ogni anno dal il Parlamento Europeo per onorare le persone e le associazioni che si sono distinte nella difesa nei diritti umani e delle libertà fondamentali.
Lo scorso ottobre gli eurodeputati hanno presentato le nomine in un incontro congiunto delle Commissioni Affari esteri, Diritti umani e Sviluppo.
I tre finalisti per l’edizione 2017 del Premio Sacharov per la libertà di pensiero sono:

- Aura Lolita Chavez Ixcaquic è un’attivista per i diritti umani in Guatemala. Fa parte del Consiglio delle popolazioni Ki’che, un’organizzazione che si batte per la salvaguardia delle risorse naturali e dei diritti umani minacciati dall’espansione delle industrie minerarie, del legno, idroelettriche e agricole. Lei e la sua associazione sono state oggetto di minacce.

- L’opposizione democratica in Venezuela: l’Assemblea nazionale (per cui è nominato Julio Borges) e tutti i prigionieri politici rappresentati da Leopoldo López, Antonio Ledezma, Daniel Ceballos, Yon Goicoechea, Lorent Saleh, Alfredo Ramos e Andrea González. La situazione in Venezuela è andata sempre peggiorando sia per la democrazia che per i diritti umani e l’economia. C’è grande instabilità politica e sociale nel paese. I prigionieri politici e l’opposizione democratica venezuelani erano già stati nominati nel 2015.

- Dawit Isaak è un drammaturgo, giornalista e scrittore svedese-eritreo. Venne arrestato nel 2001 dalle autorità eritree e si trova in carcere da allora. Non è mai più stato visto dal 2005. Dawit Isaak era stato finalista del premio nel 2009.

- L’Opposizione democratica in Venezuela, vincitrice del Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2017.

13/12/2017 16.02 Città Metropolitana di Firenze
Ospedale Pediatrico Meyer Meyer. Un nuovo Centro Dialisi e Nefrologia a misura di bambino
Oggi il Meyer ha inaugurato la nuova e modernissima struttura che coniuga tecnologie di ultima generazione ad una concezione globale di cura: il reparto diventa un bosco di animali curiosi Un nuovo Centro Dialisi e Nefrologia a misura di bambino. E’ quello attivo da oggi al Meyer che declina in modo innovativo le più moderne tecnologie con un modello avanzato di cura, resa possibile grazie alla partecipazione diretta degli operatori sanitari alla fase di progettazione del nuovo reparto: oltre a introdurre il concetto di “green hospital” il nuovo reparto diventa infatti perno della formazione delle famiglie affinché siano a supporto dei bambini che possono effettuare la dialisi a casa.

La nuova struttura che rientra in Mpiù, il piano di sviluppo destinato a cambiare il volto del pediatrico fiorentino nei prossimi tre anni, è stata inaugurato in una data fortemente simbolica per il Meyer: il 13 dicembre 1883 morì in giovane età Anna Fitzgerald, moglie a cui il filantropo Giovanni Meyer dedicò la nascita del primo ospedale italiano pensato esclusivamente per la cura dei bambini. Una sensibilità nuova per l’epoca, che ora si rispecchia nel nuovo reparto che ha in sé un’attenzione speciale al piccolo paziente nefrologico. Come il pediatrico fiorentino fu il dono solidaristico in ricordo della sensibilità di quell’epoca, così oggi la Nuova Dialisi raccoglie una diffusa solidarietà che ha visto la Fondazione Meyer sostenere il finanziamento quasi in toto del nuovo reparto (circa 900 mila euro). Inoltre il Segretariato Sociale Rai in occasione della campagna sms solidale che lo scorso anno ha consentito di raccogliere i fondi per abbellirlo. All’interno della Nuova Dialisi sarà poi presente un Centro ambulatoriale pediatrico che porterà il nome del donatore "Pierluigi Bonaiuti", realizzato in sua memoria.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza di Giuseppe Betori, Cardinale e Arcivescovo di Firenze e di Stefania Saccardi, assessore per il diritto alla salute di Regione Toscana, con Alberto Zanobini, Direttore generale del Meyer e Gianpaolo Donzelli, Presidente della Fondazione Meyer.

Il nuovo reparto di Nefrologia e dialisi si trova al primo piano del Meyer, nell’ex-auditorium, in un'area complessiva di 300 metri quadrati, offrendo al reparto una collocazione più idonea, sia in termini di percorsi, sia in termini di umanizzazione. La superficie è stata completamente ristrutturata, arredata e decorata attraverso un progetto “Il bosco del Meyer” che ha reso gli spazi più accoglienti e funzionali.

Il Centro di Nefrologia del pediatrico fiorentino è tra i pochi a livello internazionale a lavorare con le tecniche più avanzate di diagnosi genetica e molecolare tramite sequenziamenti esomici del DNA e che integra la più avanzata ricerca all’attività clinica ed è diretto dalla professoressa Paola Romagnani, una delle più autorevoli esperte mondiali per l’attività di ricerca e clinica sulla tematica delle problematiche renali pediatriche. “Molte malattie renali sorgono proprio in età pediatrica – spiega la professoressa - durante l’infanzia, restando silenti fino all’età adulta e sono uno dei principali rischi di mortalità per malattie cardiovascolari che conosciamo. Solo per alcune malattie renali ci sono delle terapie efficaci, ma quando sono già ad uno stadio avanzato diventa necessario intervenire con la dialisi”.

La dialisi è una terapia cronica che costringe il paziente a stare attaccato ad una macchina per 3-4 ore tre volte alla settimana in ospedale. La nuova dialisi del Meyer dispone di sei postazioni dialitiche, tre in più di prima, in modo da consentire di effettuare solo turni pomeridiani per consentire a tutti i bambini dializzati di andare a scuola. C’è poi una postazione per le dialisi acute, necessaria per gestire le situazioni di emergenza, in cui il rene smette improvvisamente di funzionare, in bambini di tutte le età, inclusi i neonati, anche di basso peso, con procedure all’avanguardia. Una stanza separata é stata dedicata alla gestione delle dialisi peritoneali e all’educazione dei familiari dei bambini che possono effettuare la dialisi a casa con l’assistenza costante del personale del Meyer.

Oltre a questo, ci sono poi stanze dedicate ad ambulatori e day hospital con aree di telemedicina in collegamento web con i maggiori centri di nefrologia pediatrica europea per consulti internazionali sulle malattie renali rare, in modo che per ogni malattia, anche la più rara, i piccoli pazienti abbiano sempre a disposizione le possibilità diagnostiche e terapeutiche più avanzate a livello mondiale.

Sotto il profilo tecnologico la nuova struttura si avvale di un impianto di osmosi di ultima generazione che garantisce un perfetto trattamento dell'acqua per le apparecchiature di dialisi. Avanzatissime e complete le dotazioni presenti: apparecchiature di emodialisi, dialisi Crrt e dialisi peritoneale di alta efficienza, letti a bilancia pediatrici allungabili per adattarsi al meglio a pazienti di tutte le età, apparecchiature di monitoraggio parametri vitali che permettono di seguire costantemente i pazienti durante il trattamento. Ogni parte del reparto poi è dotato di collegamenti web per il confronto in tempo reale con i maggiori Centri europei.

Come una casa. Tutto questo in un ambiente caldo, confortevole, come una casa in mezzo ad un parco, in cui bambini e operatori sanitari possano dimenticare di essere in ospedale, e vivere la malattia e la cura come un’esperienza in famiglia. Gli alberi del bosco che attornia il Meyer si rispecchiano dentro al nuovo reparto, creando una relazione nuova con i piccoli pazienti in cura. A facilitarla sono i piccoli animali del bosco del Meyer che vivono sulle pareti e in alcuni luoghi del reparto. Parliamo delle “creature” nate dalla matita di Arianna Papini, una delle massime illustratrici per l’infanzia del Paese.

“Nel bosco i bambini stanno bene - spiega -. La natura aiuta l’introspezione, la comprensione e l’accettazione della propria vita. Il pensiero all’aria aperta trova ampio spazio, diventa grande, prezioso. Incontrare la natura dà la possibilità alla creatività di espandersi, di trasformare gli eventi difficili in bellezza, lo sguardo in arte. Un reparto in cui i bambini devono stare fermi a lungo necessita di una cura particolare. Così sono nati gli animali che popolano il bosco del Meyer. Sono quelli che vivono qui vicino, dalle finestre si scorgono gli alberi e le colline, era importante creare una continuità con il territorio, fare entrare la vita esterna dentro le mura dell’ospedale”. Gli animali che vivono sulle pareti e in angoli strategici del nuovo ospedale sono quelli che popolano il parco: a volte rari, a volte no, tutti entrano in punta di piedi per andare a trovare i bambini. Nella Nuova Dialisi è così possibile incontrare piccoli appena nati come il cinghiale e la volpe, volano l’upupa e il colombaccio, dialogano civetta e barbagianni, salta veloce la timida lepre per correre via chissà dove. C’è un cerbiatto, convivono donnola, serpente e istrice. Il porcospino è a suo agio e cammina tranquillo, i germani e l’anatra marrone lo osservano pazienti. La volpe li guarda in distanza ma sembra già sazia. “La nuvola non promette pioggia ma sogni ad occhi aperti – conclude Arianna Papini -. Nel bosco toscano del reparto nasceranno pensieri e percorsi che scriveremo tutti insieme. Perché le cose belle non si fanno mai da soli”.
13/12/2017 13.05 Ospedale Pediatrico Meyer
Comune di Certaldo Il Centro Studi Ars Nova intitolato a Marcello Masini
Tre giorni di eventi: la prima edizione del Premio Pirrotta, il concerto dei Micrologus, l’intitolazione del Centro studi al fondatore Masini Da venerdì 15 a domenica 17 dicembre, la Casa di Boccaccio a Certaldo Alto vedrà tre giorni dedicati alla musica ed alla letteratura medievali con alcuni tra i massimi studiosi del settore, che si ritrovano a Certaldo perchè proprio quì l’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio e il Centro Studi sull’Ars Nova Italiana del Trecento hanno, da oltre mezzo secolo,
la loro sede. E qui, ogni anno, lo studio della letteratura e della musica del Medioevo trovano occasioni feconde di scambio, tra studiosi di fama, giovani ricercatori, appassionati del settore. La tre giorni culminerà domenica 17 dicembre, ore 11.00, con l’intitolazione del Centro Studi sull’Ars Nova Italiana del Trecento a Marcello Masini, sindaco di Certaldo dal 1956 al 1975 e fondatore del Centro Studi, scomparso il 10 novembre 2016.

La tre giorni di eventi certaldese parte venerdì, 15 dicembre, ore 19, con la prima edizione del Premio ‘Nino Pirrotta’. Nino Pirrotta (Palermo,1908 – 1998) è stato un grande musicologo italiano. Diplomatosi al Conservatorio di Firenze nel 1930, direttore della biblioteca del Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, accademico dei Lincei, ha insegnato alla Sapienza di Roma ma anche nelle prestigiosissime Harvard University, Princeton University e Columbia University. Il Premio, una medaglia, che viene assegnato ad uno studioso che si è distinto nello studio della musica o della letteratura italiana del Trecento, viene conferito a John Nádas, della University of North Carolina at Chapel Hill.

Concluderà la cerimonia il concerto - sempre ad ingresso libero come la cerimonia - degli Ensemble Micrologus, formazione di musica medievale nata nel 1984 e oggi tra i più affermati gruppi di musica medievale a livello internazionale. La formazione è stata fondata da Patrizia Bovi, Gabriele Russo, Adolfo Broegg (scomparso nel 2006) e Goffredo Degli Esposti, che sono ancora oggi il cuore pulsante dell’ensemble, attento da sempre ad una lettura filologica degli spartiti ed al recupero delle sonorità del tempo grazie anche alla ricostruzione di strumenti dell'epoca e dello studio delle vocalità antiche. I loro concerti sono sempre un’occasione di grande musica e spettacolo.

Sabato 16 e domenica 17 dicembre, ci sarà una due giorni di conferenze e presentazione di libri dedicati a musica e letteratura medievali, che culminerà con la intitolazione del Centro Studi sull’Ars Nova italiana del Trecento a Marcello Masini
13/12/2017 12.27 Comune di Certaldo
Comune di Vicchio - Ufficio stampa Protocollo di intesa per le linee ferroviarie del Mugello e della Valdisieve: la soddisfazione del Comune di Vicchio in una nota del Sindaco
Tra gli interventi previsti un sottopasso e nuovi marciapiedi alla Stazione ma anche l’eliminazione del passaggio al livello Diffondiamo una nota del Sindaco di Vicchio Roberto Izzo sulla firma del protocollo d'intesa tra Mit, Regione Toscana, RFI, ANAS, Unione Montana dei comuni del Mugello e Unione dei comuni Valdarno e Valdisieve, per l'adeguamento e la riqualificazione delle infrastrutture sulle linee ferroviarie Faentina e Valdisieve, firmata la settimana scorsa a Firenze. Un accordo che prevede, come noto, un investimento complessivo di 47 milioni di euro e che comprenderà anche vari interventi nel Comune di Vicchio, tra i quali il superamento del passaggio al livello sulla SP551 in ingresso al paese provenendo da Borgo San Lorenzo.

"Siamo contenti di questo intervento; da quando sono diventato Sindaco ogni anno ho scritto a RFI, alla Regione e a tutte le autorità competenti sollevando l'annoso problema del passaggio a livello in ingresso al nostro paese. I tempi di attesa, 9 minuti di media ma con punte anche di 15 minuti, creano un disagio enorme non solo ai cittadini di Vicchio, ma a tutti i mugellani, visto che il passaggio a livello si trova sulla "traversa del Mugello", principale arteria di comunicazione tra i paesi della vallata e la Valdisieve”.

“Oltre a questo intervento siamo ovviamente molto soddisfatti anche della prevista riqualificazione sulla nostra stazione ferroviaria, che vedrà il rifacimento dei marciapiedi e la costruzione di un sottopasso che permetterà di raggiungere i binari in sicurezza. Un intervento quest’ultimo che potrebbe anche far giungere, fino alla Stazione di Vicchio, i treni che attualmente percorrono la Faentina da Firenze a Borgo San Lorenzo”.

“Un progetto quindi importantissimo per Vicchio, e per tutto il Mugello, per il quale vogliamo ringraziare il Vice-ministro ai trasporti Riccardo Nencini, RFI e la Regione Toscana, che hanno lavorato per stanziare le risorse e per migliorare tutta l'infrastruttura ferroviaria del nostro territorio”.

13/12/2017 16.11 Comune di Vicchio - Ufficio stampa
Redazione di Met Capodanno 2018 piazza della Resistenza. Extraliscio, Dente, Mauro Ermanno Giovanardi, Amarcord
Domenica 31 dicembre 2017 Piazza della Resistenza - Scandicci ingresso libero, inizio concerti ore 22 fermata tramvia Resistenza (attiva tutta la notte) Una balera contemporanea e intergenerazionale, fra tradizione e innovazione, dove scoprire nuove tendenze superando vecchie frontiere, all’insegna della festa, del sorriso e del ballo. Stare fermi non sarà possibile e stare insieme sarà un gran divertimento. Potrebbe essere riassunto così il capodanno 2018 in Piazza della Resistenza a Scandicci (ingresso libero, inizio concerti ore 22, fermata tramvia Resistenza attiva tutta la notte).
Protagonista il Liscio, anzi l'ExtraLiscio di Moreno il Biondo, del sassofonista Fiorenzo Tassinari e del polistrumentista di Vinicio Capossela Mirco Mariani, sul palco della quinta piazza del Capodanno Fiorentino in compagnia di due nomi noti nel panorama cantautorale e indipendente, ovvero Dente e Mauro Ermanno Giovanardi.

Un fenomeno, quello del ballo, che cattura sempre più adepti, basti pensare che nel 2017 in Italia le scuole di danza hanno registrato un milione di nuovi iscritti. Tra i vari generi di ballo spicca ovviamente anche il Liscio, che gli ExtraLiscio rivisitano in maniera ironica in chiave contemporanea, spalancando così le porte a mondi nuovi, inediti e folli. Dopo un esordio folgorante, che ha portato questa musica dalla balere ai centri sociali, dalle mega-discoteche ai club, sino al palco della Notte del Liscio, condiviso nell’estate del 2016 con Goran Bregovic e nel 2017 con la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Pupo e DJ Shantel, gli Extraliscio arrivano sul palco di Piazza della Resistenza per presentare “Balabilessum e Not Danceable”, un disco doppio che racconta questa musica in bilico tra l’amore per le radici e il futuro.

Ospiti dell'evento Mauro Ermanno Giovanardi: tra i cantautori più raffinati della scena musicale italiana l'ex frontman La Crus, che vanta una carriera ricca di prestigiosi premi e riconoscimenti, nel settembre del 2017 è uscito per Warner Music Italy con “La Mia Generazione”, dove rilegge la scena musicale degli anni '90. Un pegno d’amore con cui l’artista vuole celebrare una stagione musicale irripetibile, quando sia l’industria discografica che il pubblico recepì il messaggio che l’idea di un rock cantato finalmente italiano, originale, libero da imitazioni di omologhe esperienze straniere, non fosse più un’eresia ma una realtà. In questo disco Giovanardi ripercorre, evitando qualunque accenno nostalgico a quei tempi e con l’aiuto di ottimi musicisti (tra cui Davide Rossi), alcuni brani storici di Afterhours, Marlene Kunz, Subsonica, Neffa, Casinò Royale e tanti altri, accompagnandosi anche ad alcuni protagonisti di quella stagione: Manuel Agnelli, Rachele Bastreghi, Emidio Clementi e Cristiano Godano e Samuel. Ognuno chiamato a interpretare un pezzo iconico della scena di quegli anni, in un gioco di specchi in cui nessun artista canta il proprio brano.

Secondo ospite sul palco degli ExtraLiscio Giuseppe Peveri, in arte Dente, fra i più conosciuti e apprezzati cantautori italiani contemporanei. Una carriera intrapresa a tredici anni come chitarrista dei Quic, nel 2006 la decisione di proseguire da solista esordendo con il disco “Anice in bocca” firmato per Jestrai. A questo primo lavoro seguono “Non c'è due senza te” nel 2007, “L'amore non è bello” (2009) – con cui si aggiudica il Premio Italiano della Musica Indipendente -, “Io tra di noi” (2011) e “Almanacco del giorno prima” (2014). Nel 2016 il suo ultimo album “Canzoni per metà” edito da Pastiglie, mentre il 2017 lo vede impegnato nella produzione del suo ultimo singolo “Quel che si ha”.
Un artista poliedrico che, oltre ad esibirsi sul palco di Piazza della Resistenza nelle sue vesti più consuete, sarà protagonista di un dj set di chiusura con musica selezionata del repertorio italiano degli anni ‘50/’60, playlist che spazierà da Rita Pavone ad Adriano Celentano, da Clem Sacco a Mina.

In apertura gli Amarcord, band fiorentina nota anche per aver calcato il palco dell'ultima edizione del concerto del primo Maggio a Roma. Dopo i recenti riconoscimenti al Festival di Musicultura (Macerata) per la migliore performance live e un periodo intenso di registrazioni per il secondo album svolte nello studio privato di Luciano Ligabue, che ha scoperto gli Amarcord grazie al Rock Contest di Controradio, la band fiorentina avrà l'onore e l'onere di aprire il capodanno 2018 in Piazza della Resistenza organizzato dal Comune di Scandicci in collaborazione con La Scena Muta.
L''evento sarà facilmente raggiungibile con la tramvia (attiva tutta la notte). Per maggiori informazioni: www.comune.scandicci.fi.it.

Il Capodanno in Piazza della Resistenza a Scandicci è reso possibile grazie ai seguenti sponsor: GUCCI spa, CF&P SRL, Univergomma spa, Autostrade per l'Italia spa, Petroli Firenza spa, Banca CR Firenze, CIR FOOD, GRUPPO RORANDELLI spa, GRUPPO CFT, BALENCIAGA LOGISTICA srl, ARVAL Service Lease Italia spa, C.S.O. Italia srl, OROPLAC srl, PELLETTERIA MONTBLANC Firenze srl, Chiaverini Firenze srl, Olivicoltori Toscani, Pelletteria Almax S.r.l., ARPASS SRL, L.MOLTENI & C DEI F.LLI ALITTI SPA, ITALSCAVI di Alvaro Pratelli SPA, Ascom UMS srl, Fattoria I COLLAZZI SOC. AGR., Unicoop, Oleificio Salvadori srl, Arizzi Mario e Figli smc, Farma.net Scandicci spa, Savino Del Bene spa, Edil Due Effe, Sime Telecomunicazioni spa, Banci srl, Idee Consulting srl, Parco Acciaiolo srl, Frama srl, Scas srl, SICREA SRL, FIGLI di ENIO PESCINI srl, Verniani srl
13/12/2017 12.16 Redazione di Met
Città Metropolitana di Firenze Il Valdarno che guarda alla Città Metropolitana di Firenze
Dario Nardella al confronto della Cna sulla 'Grande Firenze' Il Sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella ha parlato durante un confronto con Cna Firenze, del progetto di accorpare a Firenze alcuni comuni limitrofi, denominato Grande Firenze.
La presentazione del libro di Riccardo Nocentini “Dalla fusione dei Comuni alla grande Firenze” (Ed. Polistampa) è stata l’occasione martedì sera per aprire la discussione e il confronto su questi temi nella sede di Cna Firenze, alla presenza del presidente Giacomo Cioni, del direttore generale Franco Vichi e del sindaco di Firenze e della Città Metropolitana Dario Nardella.
«La fusione dei Comuni va incontro alla semplificazione amministrativa e all’ottimizzazione delle risorse, ma soprattutto a un maggior senso di appartenenza territoriale – ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze e della Città Metropolitana -. Sperimentiamo questa crescita di sensibilità anche grazie al Piano strategico della Città Metropolitana di Firenze, che abbiamo chiamato 'Rinascimento metropolitano' e che sta facendo crescere tra i cittadini la consapevolezza di un’appartenenza più larga di quella a cui si è abituati a pensare. Stiamo seguendo con simpatia, attenzione e rispetto il dibattito che sta animando alcune comunità vicine alla provincia di Firenze, come in Valdarno».
Il libro di Riccardo Nocentini, edito da Polistampa, mette in primo piano i processi istituzionali per generare il cambiamento e ridefinire una nuova governance. In sala anche Franco Vichi, direttore generale Cna Firenze, che ha firmato la presentazione del libro. «Quello della fusione dei Comuni è un tema molto caro a Cna Firenze – hanno commentato Franco Vichi e Giacomo Cioni -. La frammentazione e la sovrapposizione legislativa impongono costi altissimi al sistema delle imprese che sono ancora costrette a confrontarsi con una pluralità di soggetti e le loro relative regolamentazioni per compiere le operazioni anche più semplici, quelle legate alla nascita e allo sviluppo della propria azienda. In questo senso, il caso di San Piero e Scarperia è emblematico: qui registriamo una riduzione del livello di tassazione. E tutto ciò non può che andare a vantaggio di un rafforzamento dei servizi per i cittadini e per il sistema impresa».

13/12/2017 23.32 Città Metropolitana di Firenze - Cna Firenze
Guardia di Finanza - Comando regionale Auto usate, la grande truffa delle "schilometrate" a Prato
Nove denunce per frode in commercio, 32 veicoli sequestrati Il vizio di scaricare i KM di un’auto usata è una pratica disonesta che non sembra essersi affievolita, anzi, al contrario continua a contagiare sia i professionisti della vendita, sia quei privati furbetti che intendono sbarazzarsi velocemente della propria auto usata ottimizzando al massimo il proprio guadagno. I chilometri percorsi da una autovettura, infatti, sono tradizionalmente considerati dai consumatori come il fattore decisivo per l’acquisto della propria autovettura usato, e su questa aspettativa il venditore scorretto fa leva. Ed è così che il commerciante senza scrupoli, che sa come “ringiovanire” la vettura, fa apparire un valore di percorrenza che ritiene “di sicurezza” per venderla al meglio. E con lo sviluppo delle flotte a noleggio, poi, il fenomeno è diventato virale e gli artigiani che hanno imparato i trucchi per soddisfare la domanda non temono crisi. Nr. 9 soggetti responsabili, fra soggetti rivenditori e titolari di autofficine, di frode in commercio, n. 32 autovetture sequestrate che erano state poste in vendita con Km percorsi non veritieri e individuazione di n. 15 veicoli venduti all’ignara clientela con contachilometri manomesso sono le risultanze della strutturata attività eseguita dalla Guardia di Finanza di Prato insieme alla Polizia Stradale di Prato, sotto il coordinamento e la costante direzione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Prato, D.ssa Laura Canovai. Gli uomini della Polizia Giudiziaria hanno operato sul territorio della Provincia facendo emergere questa ormai nota pratica di frode in commercio nella commercializzazione di autovetture a privati. Preziose sono state le analisi investigative operate sul patrimonio informativo acquisito in sede dei diversi e mirati accessi amministrativi operati a diversi rivenditori di auto nella Provincia. Le emergenti risultanze info-investigative hanno consentito alla Procura di indirizzare sapientemente le indagini eseguite - in perfetta sinergia Istituzionale – dai militari della Guardia di Finanza e dagli operatori della Polizia Stradale che, mettendo a sistema il know-how di specialità e ogni elemento utile all’indagine, hanno individuato, infine, la ricorrenza e la conseguente partecipazione al pactum sceleris di un’autofficina pratese che si prestava alla materiale manomissione dei contachilometri, utilizzando software piratati delle maggiori case automobilistiche internazionali e strumentazioni tecniche di pregevole fattura e il coinvolgimento attivo nelle dinamiche illecite di ulteriori due concessionarie pratesi, rivenditrici di autovetture usate. Nel rivolgersi alla tutela del corretto funzionamento del mercato respingendo tutti quegli operatore che ne alterano illecitamente il funzionamento a discapito di quelli onesti e interferendo impropriamente sui prezzi di mercato delle auto (usate nell’operazione svolta) si è riusciti, soprattutto, a difendere i diritti di quegli inconsapevoli consumatori che, affidandosi alla bontà palesata dai venditori di prodotti, tutto sommato, nuovi (con pochi km percorsi) e venduti a un buon prezzo, cercavano di acquistare l’auto dei propri sogni che, altrimenti, come nuova avrebbe avuto prezzi tali da non essere facilmente accessibile a tutti.
13/12/2017 10.07 Guardia di Finanza - Comando regionale
Fondazione Palazzo Strozzi Palazzo Strozzi. Un convegno dedicato a Francesco I De' Medici
L'evento venerdì 15 dicembre dalle ore 15:00 alle 19:00 nell'Altana di Palazzo Strozzi In occasione della mostra Il Cinquecentoa Firenze, “maniera moderna” e controriformatra Michelangelo, Pontormo e Giambologna, la Fondazione Palazzo Strozzi e The Medici Archive Project organizzano Il Principe dei Granduchi, convegno di studi su Francesco I de’ Medici. Da un’idea di Marco Ferri, l’evento speciale si terrà venerdì 15 dicembre, dalle 15 alle 19 nell’Altana di Palazzo Strozzi, a Firenze.

Si tratterà di uno spazio di approfondimento sulla figura di Francesco
I, figlio di Cosimo I, formato per succedere al padre nella guida del Granducato di Toscana, figura emblematica del XVI secolo, della committenza medicea e del concepimento dell’idea degli Uffizi come museo.

Il convegno intende, tra l’altro, celebrare i 430 anni dalla morte di lui (il funerale del granduca si tenne proprio il 15 dicembre 1587) e della sua seconda moglie, Bianca Cappello, ma anche i 50 anni trascorsi dalla pubblicazione delPrincipe dello Studiolo, testo di Luciano Berti, ancor oggi essenzi
ale per chiunque voglia affrontare la Firenze dell’epoca.

L’incontro si aprirà con i saluti istituzionali del Direttore generale della Fondazione Palazzo Strozzi, Arturo Galansino, cui farà seguito la prima se
ssione del convegno dal titolo Il Cinquecento a Firenze. “Lascivia” e
“divozione” che vedrà impegnati i due curatori della mostra in svolgimento fino al prossimo 21 gennaio, Antonio Natali e Carlo Falciani.

La seconda sessione – presieduta daCristina Acidini (Presidente del Consiglio di indirizzo della Fondazione Palazzo Strozzi) –avrà come titolo Francesco I de’ Medici tra educazione, determinazione e ricordo e prevede quattro interventi: Alessio Assonitis si focalizzerà sull’educazione del principe Francesco voluta da Cosimo I, mentre Francesca Funis interverrà sul tema della costruzione della G
alleria agli Uffizi e della nascita dell’idea di museo. Ad Amelio Fara il compito di illustrare lo strettissimo rapporto esistito tra Francesco I e Bernardo Buontalenti circa la realizzazione del giardino della villa di Pratolino e la mai
completata facciata di Santa Maria del Fiore; infine Marco Ferri ricostruirà la vicenda che ha impedito alla coppia granducale, Francesco I e Bianca Cappello, di
condividere l’eterno riposo.

L’ingresso al convegno è libero, fino a esaurimento dei posti disponibili.
13/12/2017 10.15 Fondazione Palazzo Strozzi
Comune di Fiesole L’arte del buon vino: i termini di colori, profumi e sapori della terra fiesolana
Venerdì 15 dicembre 2017, ore 17.30 Sala Costantini, Fiesole, Via Portigiani, 9 Ripartono gli appuntamenti con i Seminari MASTRI. Il decimo Seminario, che si terrà venerdì 15 dicembre alle ore 17.30 nella Sala Costantini (Fiesole, Via Portigiani, 9), intende far ripercorrere la tradizione, l’operatività e la progettualità della vinicoltura attraverso la presentazione di termini e discorsi delle esperienze vinicole fiesolane, grazie alla discussione intorno a problemi e metodi di questa arte preziosa.
Nel dialogo fra natura e cultura, il vino costituisce un antico mondo nel quale si incontrano colori, sapori, profumi, si ragiona di sapienzialità e di tecniche, all’interno di una filiera di produzione che racconta una lunga storia di sostenibilità ambientale.
Il percorso offerto da un illustre viticoltore consentirà di conoscere realtà e procedure di grande interesse, oltre che di penetrare in una terminologia specifica che costituisce gli strumenti di lavoro dei mestieri e dei linguaggi del vino.
Un altro passo che i Seminari MASTRI propongono nell’appassionante universo delle arti e dei mestieri fiesolani. “Et però credo che molta felicità sia agli homini che nascono dove si trovano i vini buoni”, scriveva Leonardo da Vinci.

I Seminari MASTRI di Fiesole intendono essere momenti di incontro, di analisi e dibattito sulla ricchezza culturale di mestieri che testimoniano l’arte antica dell’innovazione tecnica, scientifica, organizzativa e produttiva in Italia. Il filo conduttore che li unisce è il passato e il futuro della loro terminologia, dove le parole sono la porta d’ingresso delle loro specificità. Dalle parole ai metodi e alle forme che li caratterizzano oggi.

Il programma della serata, dopo i saluti di Anna Ravoni Sindaco di Fiesole e di Stefania Iacomi, Assessore allo Sviluppo Economico, prevede l’intervento di Maria Teresa Zanola, OTPL Università Cattolica del Sacro Cuore e l’intervento di Mauro Galardi della Fattoria Poggiopiano che ci accompagnerà nei colori, profumi e sapori dei vini della terra fiesolana.
13/12/2017 9.52 Comune di Fiesole
Prefettura di Firenze Consegna della cittadinanza italiana alla vedova di Samb Modou
Giovedì 14 dicembre, alle ore 17.30 a Palazzo Medici Riccardi mel sesto anniversario dei tragici fatti di piazza Dalmazia e piazza san Lorenzo Domani, giovedì 14 dicembre, alle ore 17.30 a Palazzo Medici Riccardi si svolgerà la cerimonia per la consegna della cittadinanza italiana per meriti speciali a Ndeye Rokhaya Mbengue, vedova del cittadino senegalese Samb Modou, ucciso a Firenze il 13 dicembre 2011. L’attestato sarà consegnato dal prefetto Alessio Giuffrida unitamente a al presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e al sindaco di Firenze, Dario Nardella
13/12/2017 11.46 Prefettura di Firenze
Camera di Commercio di Firenze Camera di Commercio. Entra in visura il rating della legalità
La visura del Registro Imprese (anche nella versione inglese) si arricchisce del rating di legalità rilasciato, su richiesta dell'impresa, dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) dopo adeguata verifica Il rating di legalità è uno strumento innovativo, introdotto nel 2012 per le imprese italiane con fatturato sopra i 2 milioni di euro, volto alla promozione di principi di comportamento etico in ambito aziendale tramite l’assegnazione di un riconoscimento - misurato in stellette – indicativo del rispetto della legalità e, più in generale, del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business.

All’attribuzione del rating l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario (maggiori dettagli sul sito dell'Autorità).

Maggiori informazioni sul sito della Camera di Commercio di Firenze
13/12/2017 10.08 Camera di Commercio di Firenze
Comune di Scandicci Scandicci. Il Libro della Vita
Domenica domenica 17 dicembre in Auditorium Bartezzaghi con Esercizi di stile di Queneau Stefano BartezzaghiStefano Bartezzaghi parla di Esercizi di stile di Raymond Queneau, domenica 17 dicembre 2017 alle 11 nell’Auditorium del Centro Rogers di Scandicci (piazza Resistenza, fermata tramvia Resistenza), per il ciclo di incontri Il libro della Vita; la rassegna è giunta alla sua quarta edizione, è curata da Raffaele Palumbo e organizzata dal Comune di Scandicci con la Biblioteca di Scandicci e i patrocini della Regione Toscana e della Città Metropolitana di Firenze. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti. La domenica mattina alle 11, nell’Auditorium in piazza della Resistenza, un personaggio del mondo della cultura italiano incontra il pubblico per raccontare, in 50 minuti, in che modo e in quale occasione un libro, abbia influenzato la sua vita in maniera definitiva.

Domenica 17 dicembre alle 11, nell’Auditorium in piazza della Resistenza Stefano Bartezzaghi affronterà un testo divertente e funambolico: gli Esercizi di Stile di Raymond Queneau. Un esilarante “catalogo” di variazioni sul tema, ciascuna diversa dalle altre per tecnica lessicale o per tono della scrittura. Un trattato di retorica applicata che Bartezzaghi ha da poco riveduto ed ampliato in una edizione arricchita e rinnovata. Non è difficile capire in che modo i racconti di Queneau si siano intrecciati, tanto da indirizzarne il cammino, con la vita di un amante della parola creativa quale è Bartezzaghi, vista la loro caratteristica struttura multiforme, solo in apparenza sconclusionata ma in realtà tenuta insieme da una serie di stratagemmi sintattici ad orologeria. E visto anche il gusto per l’ironia e per l’abbondanza di imprevedibili giochi di parole, che sopravvive nella traduzione originale di Umberto Eco.

Il Libro della Vita è una rassegna dove non si vende né si promuove niente. Centrale è la dinamica del dono. Il pretesto per far innamorare il pubblico di un testo. Una sorta di piccola grande scuola di lettura, straordinariamente eterogenea per linguaggi, temi, libri, personaggi, stili. L'affabulazione e la divulgazione sono sempre di livello alto, mentre il codice espressivo è comprensibile a tutti.

Il Libro della vita ha confermato anche per questa edizione il favore di un pubblico ampio ed eterogeneo, che affolla le sale dell’Auditorium la domenica mattina.

STEFANO BARTEZZAGHI (Milano, 20 luglio 1962) è un giornalista e scrittore italiano. Si è laureato con una tesi in Semiotica al DAMS con relatore Umberto Eco. È figlio di Piero Bartezzaghi, famoso enigmista, e fratello di Alessandro Bartezzaghi, condirettore della Settimana Enigmistica, e di Paolo, redattore della Gazzetta dello Sport. Dal 1987 ha tenuto rubriche sui giochi, sui libri, sul linguaggio; collabora con il quotidiano La Repubblica, per il quale pubblica le rubriche Lessico e Nuvole, Lapsus, Fuori di Testo, e con il settimanale l'Espresso, con la rubrica di critica linguistica Come dire. Dal 2010 insegna Teorie della creatività e Semiotica presso lo IULM di Milano. Al tema della creatività ha dedicato il libro Il falò delle novità, nel quale prende in esame il rapporto tra creatività, linguaggio e nuovi media. Dal 2016 è direttore del Master in Giornalismo della stessa Università. Da settembre 2012 è presente nella trasmissione Stile Libero condotta da Marco Santin, Giorgio Gherarducci e Flavia Cercato su R101 con una sua rubrica dal titolo Parole Parole dove si occupa di far tornare in corso i termini dimenticati dalla lingua italiana. Nel febbraio 2013 è membro della giuria di qualità alla 63ª edizione del Festival di Sanremo. Ha inoltre curato quasi 200 puntate di diverse trasmissioni in radio a Rai Radio 2 e Rai Radio 3. Tra le sue varie attività c'è anche stata la revisione della traduzione dei libri della saga di Harry Potter.

ESERCIZI DI STILE è un esilarante testo di retorica applicata, un'architettura combinatoria, un avvincente gioco enigmistico. Però è anche un manifesto letterario (antisurrealista), un tracciato di frammenti autobiografici, la trascrizione di una serie di sogni realmente effettuati da Queneau. È perfino un testo politico, nonché un'autoparodia. Questo è quanto emerge dalle riflessioni che Stefano Bartezzaghi ha dedicato, in un lavoro di anni, a questo libro-capolavoro. E la sua postfazione al volume diventa complementare alla classica e sempre illuminante introduzione di Umberto Eco, del quale si conserva, ovviamente, anche la traduzione. In appendice, alcuni esercizi lasciati cadere nell'edizione definitiva, un indice preparatorio e l'introduzione, scritta da Queneau per un'edizione del 1963.

LA CITAZIONE. «Un episodio di vita quotidiana, di sconcertante banalità, e novantanove variazioni sul tema, in cui la storia viene ridetta mettendo alla prova tutte le figure retoriche (dall'epico al drammatico, dal racconto gotico alla lirica giapponese) giocando con sostituzioni lessicali, frantumando la sintassi, permutando l'ordine delle lettere alfabetiche... Un effetto comico travolgente». Umberto Eco

RAYMOND QUENEAU (Le Havre, 21 febbraio 1903 - Parigi, 25 ottobre 1976) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo francese. Intellettuale dai molteplici talenti e dagli infiniti interessi, si è occupato anche di linguistica, sociologia, fantascienza; è stato pittore, sceneggiatore e perfino autore di canzoni per Joseph Kosma e Johnny Halliday. I suoi interessi per la matematica come sorgente di ispirazione creativa da combinare con la letteratura hanno dato vita, fra gli altri, al celeberrimo Excercises de Style. Figura di spicco della casa editrice Gallimard, nella sua vita è entrato in contatto con il meglio della scena artistica francese del ‘900, costruendosi così un background bizzarro ed eterogeneo, dal surrealismo alla patafisica.

I LIBRI CHE TROVERETE. Raymond Queneau, Esercizi di stile, nuova ed. a cura di Stefano Bartezzaghi, (Einaudi). Stefano Bartezzaghi, Anche meno. Viaggio nell'italiano low cost (Mondadori); Il falò delle novità. La creatività al tempo dei cellulari intelligenti, Torino-Novara (Utet-De Agostini); Parole in gioco. Per una semiotica del gioco linguistico (Bompiani).

IL PROGRAMMA - IL LIBRO DELLA VITA - IV EDIZIONE

Domenica 05 novembre 2017, ore 11:00
EMANUELE MACALUSO parla di I MISERABILI di Victor Hugo (con Sergio Staino)

Domenica 19 novembre 2017, ore 11:00
MARIA CASSI parla di LA PORTA APERTA di Peter Brook

Domenica 03 dicembre 2017, ore 11:00
MAURIZIO VIROLI parla di IL PRINCIPE di Machiavelli

Domenica 17 dicembre 2017, ore 11:00
STEFANO BARTEZZAGHI parla di ESERCIZI DI STILE di Raymond Queneau

Domenica 14 gennaio 2018, ore 11:00
ERALDO AFFINATI parla di PENNY WIRTON E SUA MADRE di Silvio D'Arzo

Domenica 28 gennaio 2018, ore 11:00
NADA MALANIMA parla di POESIE E LETTERE di Emily Dickinson (con Sergio Staino)

Domenica 11 febbraio 2018, ore 11:00
SIMONA BALDANZI parla di LA BATTAGLIA di John Steinbeck

Domenica 25 febbraio 2018, ore 11:00
GIUSI NICOLINI parla di IL RAZZISMO SPIEGATO A MIA FIGLIA di T. Ben Jelloun

Domenica 11 marzo 2018, ore 11:00
ANTONIO NATALI parla di DA CIMABUE A MORANDI di Roberto Longhi

Domenica 18 marzo 2018, ore 11:00
PUPI AVATI parla di IL VANGELO (con Sergio Staino)

EVENTO STRAORDINARIO Domenica 06 maggio 2018, ore 11:00
IGOR SIBALDI parla di RESURREZIONE di Lev Tolstoj

A cura dell’ufficio stampa de Il libro della vita
Seguici su facebook e su twitter @comunescandicci
13/12/2017 12.36 Comune di Scandicci
Comune di Fucecchio La Vergine Maria Ferruccia: nuovi documenti sull’affresco di Filippino Lippi
Presentazione sabato 16 dicembre nella chiesa della Ferruzza a Fucecchio Sabato 16 dicembre alle 10,30 nella chiesa della Ferruzza a Fucecchio saranno presentati da Aurora Del Rosso i nuovi documenti relativi all’affresco di Filippino Lippi che integrano i risultati della pubblicazione “La Vergine Maria Ferruccia di Filippino Lippi e altro nella Fucecchio di Lorenzo il Magnifico”. Interverranno il sindaco di Fucecchio, Alessio Spinelli, il vescovo di San Miniato, Mons. Andrea Migliavacca, l’Arciprete della Collegiata, Mons. Andrea Pio Cristiani, l’editore della rivista “Erba d’Arno”, Aldemaro Toni, e l’autrice, Prof.ssa Aurora Del Rosso.

La ricerca è stata effettuata nei vari archivi della Sovrintendenza di Firenze, nell’Archivio dell’Opificio delle Pietre Dure, oltre all’Archivio Storico del Comune di Fucecchio e all’Archivio Storico Vescovile di San Miniato.
Fondamentali per la comprensione della storia dell’affresco sono le immagini fotografiche che l’Opificio delle Pietre Dure ha messo a disposizione e di cui, il Ministero dei beni culturali, ha consentito la pubblicazione. Raccontano dei danni provocati dalla guerra e dell’aspetto originario del tabernacolo. Risulta evidente che l’affresco fu eseguito a diretto contatto con l’edificio adiacente, una falegnameria in disuso a cui lo unisce una sottilissima parete. Un tempo quell’edificio era probabilmente destinato a luogo di culto.
Nel tabernacolo dove si inserisce l’affresco “pregevole, pieno, sagomato, a porzione di cerchio nella parte superiore, con figure poco sotto il vero” (Ferdinando Rondoni, 1864) sono evidenti i cardini dell’ ”uscio” che protesse l’opera fin dalla data dell’esecuzione (1473).

Aurora del Rosso: “Il parere dell’ispettore Rondoni che attribuì l’affresco alla scuola di Fra Filippo Lippi, aggiunge una nota che conforta e completa sul piano stilistico le mie conclusioni dettate dall’analisi dei documenti e degli stilemi dell’arte fiorentina in quell’anno. Filippino Lippi era, infatti, nel 1473, insieme a Sandro Botticelli di cui frequentava la bottega, non avendone una propria, l’erede del padre e il più vicino, da giovanissimo, alla sua maniera”.

Il tema dell’attribuzione delle opere di Filippo Lippi e dei suoi allievi, Sandro Botticelli e Filippino Lippi, fu oggetto della discussione di fine ‘800 e della prima metà del ‘900 tra gli storici dell’arte, da Cavalcaselle a Berenson, a Longhi tanto che Berenson assegnò ad una figura di comodo da lui evocata, l’ “Amico di Sandro (Botticelli)”, alcune opere che vennero alla fine della sua vita da lui stesso attribuite a Filippino Lippi.

“Credo che la Vergine Ferruccia – prosegue l’autrice - meriti una particolare attenzione da parte degli studiosi perché si inserisce a pieno titolo in quella discussione a cui può portare i nuovi elementi di una certezza nella datazione e di una ulteriore conoscenza di quanto si stava elaborando nelle botteghe di Verrocchio e Botticelli in quel periodo e dell’attribuzione al giovanissimo Filippino”.

Per la comprensione dell’affresco risultano fondamentali due immagini: quella che documenta la situazione precedente al restauro e quella che rappresenta il risultato finale dell’intervento ponendo sotto una luce nuova le immagini di San Giovanni Battista e di Sant’Antonio Abate, le quali sono maggiormente leggibili grazie al restauro recente rispetto alla situazione attuale. L’osservazione di questi personaggi ha permesso nuovi raffronti con le opere di Filippino Lippi, in particolare con il San Giovanni Battista della Galleria dell’Accademia di Firenze e con lo Studio per “figura intarsiata di Petrarca” realizzata da Giuliano da Maiano.

I documenti dell’Archivio Storico di Fucecchio, citati nello studio, confermano la committenza di Antonio Ferrucci e l’importanza che i fucecchiesi attribuirono fin da subito all’affresco e all’immagine della Vergine Ferruccia che fu ritenuta miracolosa e divenne oggetto di culto.
Nel dopoguerra fu essenziale per il salvataggio dell’opera e per i successivi interventi l’interesse dell’ispettore onorario Egisto Lotti e dell’Arciprete della Collegiata, Mons. Pietro Stacchini, come risulta dalla documentazione epistolare con la Soprintendenza ai monumenti conservata negli archivi. Recentemente l’interessamento di Mons. Andrea Pio Cristiani ha permesso il restauro del campanile della chiesetta colpito da un fulmine.
13/12/2017 13.58 Comune di Fucecchio
Ufficio stampa Comune di Marradi Il presidente della Cei Bassetti a Marradi
La visita si terrà venerdì 15 dicembre Sarà una giornata storica per Marradi quella di venerdì 15 dicembre, con un suo illustre concittadino, il cardinal Gualtiero Bassetti, attuale presidente della Cei, che incontrerà la comunità marradese.
La visita del presidente della Conferenza Episcopale Italiana inizierà alle 10 in Comune con il saluto al sindaco Tommaso Triberti e al Consiglio comunale. Alle 11 Sua Eminenza presenzierà a Crespino del Lamone alla cerimonia d'inaugurazione del “Cammino della Memoria”, nell'ambito dell'intervento di riqualificazione del centro storico, per poi incontrare i marradesi alle 16 al Teatro degli Animosi ed infine celebrare messa presso la Chiesa parrocchiale.
13/12/2017 12.28 Ufficio stampa Comune di Marradi

Comune di San Casciano Natale delle meraviglie. Arte sacra e contemporanea, cori e arpa celtica, presepi nelle antiche pievi, concorsi per bambini. San Casciano fa un giro intorno al mondo, valorizza la memoria e scatta una foto ai giochi di una volta
Iniziative al museo, in teatro e in biblioteca. Concerti e presepi nelle pievi e nei monasteri. Prende avvio il ricco cartellone natalizio promosso dal Comune in collaborazione con la Pro Loco e le associazioni del territorio. Da domani a domenica 17 il carnet è fitto di eventi

Dicembre, entrato a pieno titolo nel clima delle festività, continua il suo viaggio a spasso nel tempo e nei luoghi della cultura chiantigiana. A San Casciano lo spirito più intimo del Natale si avverte e si condivide attraverso i linguaggi della musica, dell'arte, del teatro e della fotografia. Un cartellone ricco di eventi, quello organizzato dalla giunta Pescini in collaborazione con la Pro Loco, i Circoli e le associazioni del territorio, che parla anche in inglese e scrive lettere a Santa Claus per realizzare i piccoli grandi sogni dei bambini. Dopo aver arricchito e adornato piazze, vie e borghi di San Casciano con l’installazione di abeti natalizi anche nelle frazioni più decentrate e nei quartieri del capoluogo come Decimo e il Gentilino, prende il via l’ampio ventaglio di opportunità per vivere il Natale in famiglia, con gli amici, nel cuore della comunità.

Si apre domani, giovedì 14 dicembre alle ore 17.30 la mostra “En Arkè in principio - il sacro attraverso l'arte moderna e contemporanea” a cura di Giuseppe Billi, incaricato di valorizzare l'arte sacra contemporanea per la C.E.I Roma, in collaborazione con Andrea Pignataro. La mostra, allestita negli spazi del Museo Ghelli e della Chiesa della Misericordia di San Casciano, raccoglie fino al 21 gennaio una selezione di opere d'arte provenienti dal museo e dagli spazi della Pieve di San Pietro Apostolo di Figline di Prato. “Sono opere di arte sacra moderna e contemporanea – spiega Andrea Pignataro – la mostra offre l'opportunità di confrontarsi con temi sacri in chiave attuale”. L’iniziativa è organizzata dall’associazione Spiga d'Argento e nasce della collaborazione tra il Circolo Arci di Montagnana e il Comune di San Casciano con il patrocinio della Confraternita della Misericordia. Ingresso libero.

“A proposito di rappresentazioni sacre e religiose – commenta l’assessore alla Cultura Chiara Molducci - fervono anche quest’anno i preparativi in varie aree del territorio per la realizzazione di presepi artigianali, artistici e viventi, uno dei più coinvolgenti è quello realistico allestito dalla comunità in una delle più antiche pievi di San Casciano, la chiesa di Decimo, in cui i cittadini interpretano la Natività con una partecipazione diretta e particolareggiata”.

Il connubio che lega arte contemporanea e arredo urbano è un fil rouge del cartellone natalizio. Sabato 23 alle ore 15 l’uomo, il poeta e il sognatore che convivono nel genio pittorico di Giuliano Ghelli, il pittore toscano scomparso alcuni anni fa, sono reinterpretati in un’opera scultorea in terracotta dall’artigiano di Impruneta Luigi Mariani. All’inaugurazione, in programma nell’aiuola tra via Cassia per Siena e Viale Corsini, saranno presenti il sindaco Massimiliano Pescini e gli assessori Chiara Molducci e Roberto Ciappi.

Venerdì 15 dicembre alle ore 21 il carnet si amplia con lo spettacolo in abbonamento in programma al Teatro comunale Niccolini. Si tratta di uno degli appuntamenti della stagione che nasce dal sodalizio tra Comune e Fondazione Toscana Spettacolo: Il Giro del Mondo in 80 Giorni Storygame fra Jules Verne e Sotterraneo concept per la regia SotterraneoCoproduzione Sotterraneo/Associazione Teatrale Pistoiese. Per consentire alle famiglie con bambini di recarsi a teatro il Comune e FTS hanno attivato un servizio di baby sitting, sostenuto da Unicoop Firenze, con letture, fiabe e laboratori a tema a cura di Tiziana Giuliani (055 8256388).

Sabato 16 dicembre alle ore 18 il Coro Quodlibet diventa itinerante e tra le sale del Museo Ghelli incanterà con un percorso multisensoriale tra musica, pittura e spazialità. L’evento “Sale di suono” è diretto da Gianni Franceschi e vede la partecipazione di Claudia Duranti con la sua arpa celtica. Ingresso libero. Il coro si esibirà anche il 17 dicembre alle ore 18.30 nella chiesa di San Francesco, Monastero delle Clarisse, nel tradizionale concerto di Natale. Ingresso libero.

Dear Santa Claus…sabato 16 dicembre dalle ore 10 Babbo Natale in carne e ossa premierà nella sala delle conferenze della biblioteca comunale le migliori letterine scritte in inglese dai bambini e dagli studenti delle scuole del territorio che hanno partecipato al concorso Father Christmas is Here! Saranno premiate lettere individuali, collettive e creative. Prima della premiazione, prevista intorno alle ore 12, un laboratorio in movimento con Babbo Natale farà ballare la biblioteca e i suoi piccoli utenti. L’iniziativa è rivolta a bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni.

La domenica prenatalizia è un trionfo di parole, immagini e memoria. Un omaggio all’artigiano dello sguardo Alessandro Sardelli, il fotografo di San Casciano scomparso prematuramente cui è dedicata la prima antologica organizzata al Centro Lotti di Mercatale. Un evento espositivo che ripercorre la vita di uno dei fondatori dell'associazione culturale L’Arsomiglio, le cui opere sono oggi conservate presso il Dipartimento Arte&Spettacolo dell'Università di Firenze. Il titolo dell’evento è Il Viaggio di Alessandro Sardelli - artigiano dello sguardo (1940-2014). Prima Tappa - Le Origini in 40 scatti. Orario di apertura: sabato dalle 16 alle 19, domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Ingresso libero. La mostra sarà visibile fino al 21 gennaio 2018. L’inaugurazione è in programma domenica 17 alle ore 16.
13/12/2017 17.46 Comune di San Casciano
Comune di Certaldo Sosta a pagamento: entrano in servizio a Certaldo gli ausiliari della sosta
Cucini: “Le regole non cambiano, ma vanno rispettate” Obiettivo: pagamenti regolari e più turnazione della sosta Entrano in servizio ufficialmente a partire da questa settimana gli ausiliari della sosta. Due persone, incaricate dalla società che ha in gestione i parcometri delle aree di sosta a pagamento, che avranno il compito di controllare che gli automezzi in sosta all’interno delle strisce blu abbiano pagato ed esposto il regolare contrassegno e, in caso contrario, dovranno redigere l’avviso di accertamento, finora competenza esclusiva della Polizia Municipale, lasciandolo sul cruscotto dell’autoveicolo.

L’iniziativa è stata formalizzata con un atto dell’Unione dei Comuni, su richiesta del Comune di Certaldo. Gli ausiliari della sosta, che sono contraddistinti da apposite pettorine, avranno solo il compito di controllare le aree di sosta a pagamento (strisce blu) e redigere l’avviso di sanzione, non avranno incarico nè titolarità a svolgere altri tipi di controllo.

“Diamo notizia di questa novità, ma che una novità però non dovrebbe essere - dice il sindaco Giacomo Cucini - perchè la sosta a pagamento era già tale e per questo andava rispettata. E’ evidente però che con questo servizio i controlli saranno più frequenti e quindi, se non si vorranno avere sorprese, sarà importante ancora di più attenersi alle regole. Certaldo investe da sempre importanti risorse nella viabilità, mobilità e nel sistema dei parcheggi: e in questo sistema rientra il pagamento della sosta, il cui importo aumenta con l’avvicinarsi al centro ed è giusto che sia pagata da tutti quelli che usufruiscono del servizio. Il pagamento della sosta è anche un modo per favorire la turnazione delle auto nelle aree più vicine al centro, per fare trovare posto a chi si reca presso attività commerciali e servizi, e far sì che chi deve sostare a lungo utilizzi invece le aree di sosta gratuita, che distano dal centro pochi minuti a piedi e, come dimostrano i recenti rilevamenti, hanno sempre posti liberi”
13/12/2017 11.26 Comune di Certaldo
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - A Tutto Natale: le prime iniziative per le feste natalizie
Libri, mercatini, Babbo Natale, musica, Presepe Vivente e solidarietà: queste e molte altre iniziative nel programma delle manifestazioni natalizie 2017 a Bagno a Ripoli. Si inizia nello Spazio Più della Biblioteca Comunale giovedì 14 dicembre, alle 17, con la presentazione del libro “A casa per Natale e racconti per tutto l'anno”, di Claudio Muscolino. Insieme all'autrice interverrà Nicoletta Manetti. La Biblioteca Comunale è in via di Belmonte 38, a Ponte a Niccheri.
Sabato 16 dicembre la festa sarà ad Antella. In programma, dalle 15.30, intrattenimento e laboratori per bambini e ragazzi a cura di Number One. E poi 'Babbo Natale in piazza', stand gastronomico con gli arrosticini originali abruzzesi, uno stand fotografico con i nostri amici a 4 zampe, a cura della Clinica Veterinaria di Antella, dell'Ottica Vederbene di Franco Bernacchioni e del negozio Maramiao, la Sfilata di Vespe storiche, con possibilità di sfilare per le vie del Paese SE TI PORTI IL CASCO DA CASA, e ancora l'inaugurazione, alle 16, del nuovo defibrillatore semiautomatico donato alla popolazione dalla Misericordia di Antella e dal Comitato Vivere all’Antella. Alle 18.30, estrazione della lotteria natalizia: in premio magnifici cesti natalizi; dalle 19.30 alle 21, musica in piazza con Happy Hour. Al termine dell’inaugurazione del defibrillatore, sarà inoltre offerta una fantastica merenda con cioccolata calda e panna, dolcetti e fettunta.
Contemporaneamente, a Grassina, alla Casa del Popolo, dalle 9 alle 18, il Calcit presenta il secondo appuntamento con 'Regala un regalo'. Grassina, dove il clou delle iniziative è domenica 17 novembre, con 'Natale a Grassina': dalle 9 alle 18, in piazza Umberto I, Mercatino Natalizio. Alle 11.30 e alle 15.30, Babbo Natale aspetta i bambini nella sua casetta. In via Costa al Rosso, alle 17, Presepe Vivente a cura del Cat Grassina, che, come l'anno scorso, partirà dal Circolo Acli percorrendo un tratto di via Chiantigiana. E poi... una sorpresa per tutti i bambini!
Ancora, mercoledì 20 dicembre, alle 21, l'associazione ArPa di Bagno a Ripoli, le cui attività sono da sempre patrocinate dall'amministrazione comunale, si svolgerà la consueta festa di Natale, per meditare e brindare in compagnia. In via Poggio della Pieve 10/a, nel capoluogo.
Proprio il giorno di Natale, dalle 23, torna anche 'Autentica', seconda edizione dell'evento benefico organizzato dalla crew fiorentina “Musica elettronica per l'Ospedale pediatrico Meyer. Sei Dj di Firenze Sud uniti per la solidarietà nella serata firmata Autentica” (http://www.autenticaon.com).
E ci sono anche i Mercati straordinari di Natale domenica 17 dicembre a Bagno a Ripoli e domenica 24 dicembre ad Antella.
Informazioni: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.
“La Comunità di Bagno a Ripoli si accende per il Natale ormai alle porte – ha detto il sindaco Francesco Casini – e riempie di eventi di tutti i tipi piazze, vie e luoghi pubblici e dell'associazionismo, in un movimento di festa che coinvolge solidarietà, gastronomia, musica e cultura, specchio della nostra realtà viva e generosa. Auguri a tutti di buone feste”.
13/12/2017 10.40 Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - Influenza, da Conferenza dei sindaci della Zona fiorentina sud-est e dai medici di famiglia invito alla cittadinanza a vaccinarsi
Copertura vaccinale ancora troppo bassa, inferiore al 50%. Nell'ultima settimana colpiti dai sintomi influenzali circa 145mila italiani. Appello alla prevenzione. Comincia la scalata dell'influenza stagionale e la Conferenza dei sindaci della Zona fiorentina sud-est insieme ai medici di medicina generale lanciano un appello alla prevenzione con l'invito alla cittadinanza a vaccinarsi. La copertura vaccinale nei Comuni dell'area risulta ancora bassa, inferiore al 50% della popolazione a rischio. E non deve essere sottovalutata l'eventualità di complicanze derivanti dall'influenza soprattutto per ciò che riguarda i soggetti più fragili, anziani o persone con patologie a rischio o croniche.
“I dati della rete Influnet, coordinata dall'Istituto superiore di sanità con il sostegno del ministero della salute parlano di una escalation dell'influenza – dice il sindaco di Bagno a Ripoli e presidente della Conferenza dei sindaci Francesco Casini -. La scorsa settimana circa 145mila italiani sono stati messi a letto dall'influenza, 600mila in totale dall'inizio del monitoraggio. Il picco è atteso tra fine anno e l'inizio di gennaio ed è importante che le persone più fragili corrano ai ripari. I rischi collegati all'influenza non devono essere sottovalutati, ogni anno a livello nazionale sono ancora migliaia i decessi causati dall'influenza, direttamente o per complicanze. La vaccinazione rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire la malattia”.
Il vaccino contro l'influenza può essere richiesto al proprio medico di famiglia. Il vaccino è gratuito per gli anziani con un'età superiore ai 65 anni e per tutte le categorie a rischio.
13/12/2017 10.59 Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

Comune di Montespertoli Natale a Montespertoli: associazioni e artigiani insieme in piazza
Tante iniziative sabato 16 dicembre: mercatino, musica, laboratori e altro ancora Il comitato Soffitte in Piazza, in collaborazione con l'Associazione Commercianti e Coop Montespertoli ha organizzato per sabato 16 dicembre l’evento “Natale a Montespertoli”. In piazza del Popolo saranno tantissimi gli stand per il mercatino dell’artigianato locale. E non solo: oltre al mercatino natalizio, sono state organizzate diverse iniziative. Alle 15.30 ci sarà la “Banda dei Babbi Natale”, che suonerà e canterà nel corso dello spettacolo offerto da Coop Montespertoli. Il Gruppo 900, invece, porterà in piazza alcuni giochi storici, mentre le associazioni sociosanitarie Avis, Croce d'Oro, Caritas e Fratres offriranno il panettone e il vin brulé. E poi ci sarà la Pro loco con le caldarroste, l'asilo parrocchiale Immacolata Concezione che allestirà un simpatico selfie-point, il Comitato genitori delle scuole con la lotteria e l'associazione culturale “Noi che” con le iniziative di beneficenza organizzate insieme a “Incontriamoci al Parco”. Inoltre, è prevista l'apertura straordinaria della biblioteca comunale “Ernesto Balducci” dalle 14 alle 18, dove si terrà un laboratorio natalizio per bambini dai 4 ai 10 anni, alle ore 16
13/12/2017 11.50 Comune di Montespertoli
Comune di Empoli Empoli. In arrivo due nuovi scuolabus a metano
Brenda Barnini: «Investimento per mantenere elevata la qualità del trasporto scolastico» Il Comune di Empoli sta procedendo all’acquisto di due nuovi scuolabus che vanno a rinnovare il numeroso parco mezzi comunale destinato al trasporto scolastico degli alunni.

Si tratta di due mezzi nuovi di fabbrica per i quali l’amministrazione comunale spenderà 140.000 euro, oltre all’Iva, serviranno principalmente al trasporto di bambine e bambini di scuole dell’infanzia e primarie.

SINDACO - «Una scelta importante di investimento per mantenere elevata la qualità del servizio di trasporto scolastico – commenta il sindaco Brenda Barnini – . Erano quasi dieci anni che non venivano acquistati nuovi mezzi e appena ne abbiamo avuto la possibilità economica non abbiamo esitato a farlo. È l'ennesima scelta che conferma come per noi la scuola sia prioritaria e il supporto alle famiglie nell'organizzazione dei servizi. L'acquisto di mezzi a metano corrisponde poi in modo coerente alle scelte in materia di sostenibilità ambientale dell'amministrazione».

NUMERI - Nello scorso anno scolastico il servizio di trasporto per i bambini ha servito 148 alunni della scuola dell’infanzia e 355 delle scuole primarie. Quotidianamente 10 scuolabus per 10 zone coprendo tutto il territorio comunale e tutte le frazioni, con una percorrenza che si è attestata su una media giornaliera di 1.000 km. Il trasporto è stato usato dalle scuole anche ad attività didattiche che venivano svolte all’esterno della scuola, per la partecipazione a visite guidate, spettacoli nell’ambito delle iniziative teatrali e durante i centri estivi. La tariffa è a carico dell’utente: 142 euro per le scuole primarie (8 mesi) e 160 euro per la scuola dell’infanzia (9 mesi). Il servizio ha un costo medio annuo per il Comune di circa 700.000 euro, coperto per circa 50.000 euro dalle tariffe.

PARCO MEZZI - Attualmente il parco mezzi conta 12 scuolabus, 10 sono sempre in funzione, 2 sono tenuti come riserva in caso di particolari emergenze o di guasti meccanici altri veicoli. L’ultimo scuolabus acquistato è del 2008.

I nuovi veicoli, il cui acquisto sarà ufficializzato al termine delle verifiche di legge, quando l’aggiudicazione alla ditta vincitrice del bando di gara diverrà definitiva, dovrebbero entrare in funzione nel mese di marzo. Si tratta di due scuolabus con motorizzazione a metano, quindi con occhio di riguardo alle emissioni inquinanti. Uno è munito di pedana per renderlo facilmente accessibili da portatori di Handicap e ha 35 posti a sedere, utilizzabili anche dai bambini e da ragazzi più alti di statura, quindi delle scuole medie.

L’altro ha 40 posti a sedere, senza pedana per disabili, e può ospitare fino a 40 bambini in età dalla scuola dell’nfanzia a quella primaria. Andranno a sostituire due mezzi con motoirizzazioni Diesel, acquistati dal Comune nei primi anni ’90 che hanno 450.000 km e 590.000 km percorsi all’attivo. Entrambi hanno in dotazione le cinture di sicurezza per tutti i sedili.
13/12/2017 13.03 Comune di Empoli
Comune di Firenze Firenze. #Natale al Q4
Mercoledì 13 dicembre alle ore 15.30 in Piazza Isolotto Canti e cori a cura dei bambini della scuola Montagnola- Accensione abete e piccolo rinfresco per tutti bimbi a cura dei commercianti della piazza

Il programma
ore 14.30 - Centro Diurno "Le Rondini"

Recital di canzoni popolari fiorentine con Beltrando Mugnai
ore 15.30 / 17,30 - Cantiere Futurarte / RSSA - Residenze socio shakespeariane assistite / RSA "Il Giglio"

Laboratorio di teatro aperto a tutti su Romeo e Giulietta di William Shakespeare
ore 17 / 19 - Ludoteca l’Albero di Alice

A tutto zenzero, laboratori di manipolazione alimentare a tema natalizio. fascia 3-6 anni

ore 17 Spazio Gioco 1,2,3... cresco Racconti, Fiabe e Leggende. Arriva Santa Lucia con campanellini, carota, paglia e caramelle

ore 17 - BIBLIOTECANOVA Junior
Aurora Conan Boyle e Il Grande Segreto di Babbo Natale di Wladimiro Borchi (La Signoria, 2017)... Presentazione e lettura a cura dell’Autore.

Ore 16,40 - Montagnola
merenda e corteo di lanterne autocostruite di bambini e genitori sul perimetro della Montagnola per manifestare l'interesse dei cittadini verso questo luogo popolato di bambini. Si raccomanda di portare un vasetto di vetro per la costruzione della lanterna.

Prima di partire per il corteo verrà presentato l'albero di Natale della Montagnola: un abete che ci è stato regalato dal Quartiere 4 e che verrà adottato dagli alunni del comprensorio.
13/12/2017 12.39 Comune di Firenze
Comune di Scandicci Strade, marciapiedi, asfalto: lavori in via Pisana, adesso Makarenko e altre quattro vie
I lavori di riqualificazione da gennaio A gennaio i lavori per la riqualificazione di due tratti di via Pisana, il primo a Casellina tra via Baccio da Montelupo e via Respighi: qui, a partire dalla metà del prossimo mese, sarà effettuato anche l’intervento per risolvere i problemi di ristagno dell’acqua in caso di pioggia; l’altro intervento su via Pisana sarà invece nella frazione di Granatieri.

In queste settimane della prima metà di dicembre i lavori interessano invece via Makarenko, dove viene rifatto il marciapiede sul lato sinistro nel tratto compreso tra via Sant’Antonio e via di Scandicci Alto – con la predisposizione per la nuova canalizzazione dell’illuminazione pubblica – e a seguire l’asfaltatura nelle vie Bezzuoli a Le Bagnese, in via Boncinelli a Badia a Settimo (dove si è già proceduto con la riqualificazione stradale), in via Acciaiolo nel tratto compreso tra le vie Donizetti e Paesiello e in via Sant’Antonio (il cronoprogramma è soggetto a variazioni dovute alle condizioni meteorologiche).

“Con l’intervento del prossimo mese affrontiamo i problemi che si creano con l’acqua piovana nel tratto di via Pisana, dopo l’incrocio con via Baccio a Casellina – dice l’assessore alle Opere pubbliche e Vicesindaco Andrea Giorgi – abbiamo scelto di aprire i cantieri dopo le feste di Natale per non creare disagi alle attività commerciali della zona. Interveniamo intanto con il nuovo marciapiede in via Makarenko, oltre che con il nuovo asfalto in quattro strade nei diversi quartieri cittadini, con un’attenzione sempre maggiore alla sicurezza dei pedoni e di chi si muove sulle nostre strade in auto o su due ruote”.

Gli interventi per la riqualificazione delle strade, dei marciapiedi e per l’asfalto nelle vie cittadine rientrano nel piano complessivo per la manutenzione straordinaria che interessa dodici vie e piazze cittadine, affidata all’impresa Pisana costruzioni Srl di Ospedaletto (Pi), per un importo di 531.607,79 euro iva esclusa.


In via Pisana a Casellina (tre settimane per i marciapiedi, una quarta per la carreggiata) vengono realizzati il completamento di un tratto di marciapiede mancante sul lato destro, nel tratto compreso tra Via Baccio da Montelupo e Via Respighi, la predisposizione della canalizzazione per l’illuminazione pubblica e del nuovo sistema di raccolta delle acque meteoriche, l’asfaltatura di un tratto di marciapiede sul lato opposto, il risanamento parziale della carreggiata e la stesa del manto di usura per l’intera superficie da via Baccio da Montelupo a via Respighi.

In via Pisana a Granatieri (tre settimane complessive) il completamento di un tratto di marciapiede mancante sul lato destro, nel tratto compreso tra via Gozzoli e via Don Milani, la predisposizione della nuova canalizzazione per l’illuminazione pubblica, l’asfaltatura della carreggiata nel tratto compreso tra via Barontini e via Don Milani e il rifacimento dello strato di collegamento per l’intera superficie.
13/12/2017 13.55 Comune di Scandicci
Comune di Firenze Tramvia, per maltempo prorogata di una notte la chiusura di via Valfonda
Giovedì sera previsto un restringimento di carreggiata nel sottopasso di viale Fratelli Rosselli A causa delle avverse condizioni meteorologiche, i lavori notturni in via Valfonda non potranno concludersi come previsto domani mattina. Pertanto la chiusura della strada in orario 21-5.30 sarà replicata anche nella notte tra domani e venerdì. Confermato quindi il percorso alternativo per i veicoli in uscita dalla stazione via Santa Caterina da Siena-via della Scala.
Rimanendo sempre nella zona e sempre in orario notturno, domani notte sarà istituito un restringimento di carreggiata nel sottopasso di viale Fratelli Rosselli. Si tratta dell’apertura dei pozzetti dei cavidotti di alimentazione della tramvia. Il provvedimento sarà istituito da domani alle 22 a venerdì alle 5 con replica nella notte tra martedì 19 e mercoledì 20 dicembre

13/12/2017 18.03 Comune di Firenze
Comune di Vinci Al Museo Leonardiano di Vinci è “Natale coi fiocchi”
Ingresso gratuito nel circuito museale il 25 dicembre e per il primo dell’anno Il giorno di Natale e il primo dell'anno visitare il circuito museale vinciano non costerà nulla. Arriva il “Natale coi Fiocchi” al Museo Leonardiano e alla Casa di Leonardo a Vinci. Il 25 dicembre e l'1 gennaio, infatti, ci sarà l'ingresso gratuito negli orari di apertura, vale a dire dalle ore 15 alle 19 per quanto riguarda il Museo e dalle 15 alle 17 ad Anchiano. Sempre per “Natale coi Fiocchi”, il 5 e 6 gennaio sarà possibile andare “Alla scoperta del Museo Leonardiano e della Casa natale di Leonardo”, grazie alle visite guidate gratuite previste per entrambi i giorni alle 11 ad Anchiano e alle 16 presso il Museo. La durata della visita è di circa un'ora e l'ingresso è a pagamento secondo tariffario. Per ulteriori informazioni è possibile telefonare allo 0571 933285, oppure scrivere una e-mail a info@museoleonardiano.it
13/12/2017 13.07 Comune di Vinci
Comune di Firenze Tramvia, le prove del tram in viale Morgagni a gennaio
Decise questa mattina nel coordinamento dei lavori della tramvia le prove dei nuovi Sirio da Careggi a via Corridoni/via Vittorio Emanuele II Le prove dei nuovi Sirio da Careggi a via Corridoni/via Vittorio Emanuele II saranno effettuate a gennaio. È quanto è stato deciso questa mattina nel coordinamento dei lavori della tramvia dopo aver approfondito le problematiche relative alle prove previste delle nuove vetture e al loro impatto sull’attuale circolazione. Per iniziare la fase di collaudo occorre attivare tutti gli impianti semaforici come a definitivo (ovvero con la tramvia in funzione) oltre a mantenere in esercizio gli attuali provvisori. Tutto questo, come verificato stamani, comporterà ulteriori rallentamenti sulla circolazione giudicati non compatibili con il periodo prenatalizio e con le attuali condizioni meteorologiche. Per evitare eventuali appesantimenti le prove sono state riprogrammate per gennaio

13/12/2017 17.55 Comune di Firenze
Comune di San Casciano Una notte al museo con i talenti dell’Accademia musicale di San Casciano
L’Accademia musicale diretta da Ilaria Favini sfodera tre eventi dal cofanetto natalizio. Auguri in note tra i capolavori dell’arte medievale e rinascimentale del Museo Ghelli e le sale della biblioteca comunale
Il Natale di San Casciano è una stella che brilla di notte per illuminare la grande arte di campagna custodita nel museo Ghelli, è il suono di una viola che riecheggia tra i libri della biblioteca comunale, è una scia di note che inonda il centro storico riempendo di soavi armonie spazi pubblici e luoghi della comunità, con musiche, voci e giovani talenti del territorio. L’Accademia musicale di San Casciano mette in scena la propria orchestra di eventi. Un tris di appuntamenti ideati e organizzati con il patrocinio e la collaborazione del Comune per la promozione e la diffusione della cultura musicale tra i musicisti e i cantanti in erba. Una notte al museo Giuliano Ghelli diventa l’occasione per un augurio speciale, avvolto dalle magie del Natale. Sabato 16 dicembre alle ore 21 saranno alcuni studenti dell'Accademia, coordinati dal Maestro Andrea Di Donna, ad esibirsi tra le sale e i capolavori del Medioevo e del Rinascimento, tra i reperti e le testimonianze della civiltà etrusca.

“Il lavoro dell’Accademia con la quale collaboriamo da anni – commenta l’assessore alla Cultura Chiara Molducci – è fondamentale per valorizzare le attività musicali dei giovani allievi nei luoghi della cultura sancascianese, l'intervento al Museo Ghelli (via Lucardesi) è inquadrato nel cartellone di eventi Echi di Contaminazioni, vincitore di un bando indetto dalla Città Metropolitana”. Le performances permetteranno di ascoltare alcune delle più belle pagine del repertorio dell'800 e del 900 con piano solo, pianoforte e violino e un quartetto di pianoforte, violino, chitarra elettrica e flauto.

Domenica 17 dicembre alle ore 17.30 l’Auditorium Machiavelli di ChiantiBanca (piazza Arti e Mestieri) ospiterà “We wish you a merry Christmas”, uno spettacolo offerto dagli allievi del dipartimento di musica moderna. “L’iniziativa - fa sapere il presidente dell’Accademia musicale Ilaria Favini - vede protagonisti i gruppi di musica d’insieme e gli ensemble vocali. Il coro incanterà il pubblico, accompagnandolo in un viaggio che ripercorre la cultura musicale legata in particolar modo alle canzoni di Natale”.

Terzo e ultimo appuntamento è quello proposto domenica 23 dicembre alle ore 16 nella sala conferenze della biblioteca comunale (via Roma). Un’altra occasione in note per osservare la tradizione, baciarsi sotto il vischio e scambiarsi gli auguri. Luci e festoni natalizi puntati sugli allievi solisti e di musica d’insieme del dipartimento di musica classica. I giovani studenti si esibiranno in un programma di musica tradizionale natalizia e non solo.

La musica può donare sorrisi e offrire idee da mettere sotto l’albero. Un corso, un ciclo di lezioni o un altro tipo di attività chiusi in un cofanetto natalizio, i “buoni regalo di Natale” sono una proposta originale dell’Accademia che promuove il linguaggio della musica sotto forma di dono per le festività. Le iniziative al museo, nella biblioteca e nell’auditorium sono ad ingresso libero.
13/12/2017 8.05 Comune di San Casciano
Comune di Firenze Festa degli auguri al quartiere 3
Martedì 19 dicembre, alle 17,30 al Teatro dell'Affratellamento I cittadini del quartiere 3 sono invitati al tradizionale scambio di auguri martedì 19 dicembre, alle 17,30 al Teatro dell'Affratellamento, in via Giampaolo Orsini, 73. Il quartiere offrirà lo spettacolo, ad ingresso gratuito, “Il Natale secondo me” con Lorenzo Andreaggi e Luciano Casaredi. Da un'idea di Mario Mariani, Lorenzo Andreaggi e Luciano Casaredi. Dopo lo spettacolo rinfresco.

13/12/2017 18.00 Comune di Firenze

Comune di Montespertoli Piantati altri 100 alberi sul territorio di Montespertoli
Il Comune continua a investire su verde pubblico e cultura ambientalista L'amministrazione comunale di Montespertoli conferma la sua anima ecologista, sempre attenta alle tematiche ambientali, attraverso attività culturali e interventi sul territorio. Continua, infatti, l'opera di tutela dell'ambiente e valorizzazione del verde pubblico, con il programma di piantumazione alberi portato avanti dalla giunta guidata dal sindaco Giulio Mangani. Nelle ultime settimane sono stati piantati 50 cipressi e 40 fusti di querci e lecci nel giardino della scuola elementare “Montalcini” di Montagnana, a completamento del perimetro dell'area verde. Inoltre, sono stati interrati due lecci in piazza del Popolo, altri due nel giardino della scuola elementare “Machiavelli” e tre tigli nella pinetina di Baccaiano. Salgono, dunque, a quota 500 gli alberi piantati sul territorio di Montespertoli nell'arco degli ultimi tre anni: “Abbiamo terminato l'opera di piantumazione di alberi nel giardino della scuola di Montagnana - spiega l'assessore all'Ambiente del Comune di Montespertoli, Mauro Mucciarelli - Alberi che, ricordiamo, provengono dalla serra comunale realizzata grazie al progetto portato avanti con l'associazione Pacciamama e alla fornitura gratuita da parte del Corpo Forestale dello Stato, in ottemperanza alla cosiddetta legge 'Un albero per ogni neonato'”. E poi, non sono mancate le iniziative per diffondere la cultura ambientalista, grazie alla terza edizione della “Festa degli Alberi”, promossa da un Comitato organizzativo e finanziata dal Comune. Un'edizione, quella del 2017, che ha visto allargarsi la partecipazione delle associazioni e delle scuole. “È stata un’esperienza molto soddisfacente - dicono dal Comitato - perché la coesione di tutte le forze in campo ha permesso di svolgere un programma molto ricco di attività ed eventi in diversi ambiti. L'interesse suscitato e la grande partecipazione di cittadini e studenti, sono un grande incoraggiamento a proseguire il cammino iniziato, per radicare la Festa degli Alberi soprattutto nelle scuole, così da perseguire l’intento alla sensibilizzazione e garantirne la continuità, magari con interventi anche durante tutto l’anno scolastico. Un grazie particolare a tutte le persone che con entusiasmo hanno partecipato con proprie foto ad arricchire la mostra fotografica”. Le associazioni e le singole persone intervenute operano da molti anni nel territorio, in tutta la Toscana e anche in ambito nazionale, e hanno contribuito a dare respiro e qualità alla festa. Oltre alle attività svolte con i bambini di tutte le scuole di Montespertoli e con gli anziani della Casa di Riposo, è stato molto significativo anche il momento di confronto e condivisione di saperi tra agronomi, giardinieri, artisti, scrittori e storici dei giardini, in occasione della presentazione del libro “Gli alberi e noi umani” di Sara Pajossin. “Ringraziamo il comitato organizzativo per la buona riuscita della manifestazione - aggiunge l'assessore alla Cultura del Comune di Montespertoli, Elena Ammirabile - Quest'anno si sono aggiunti anche altri soggetti che hanno permesso di coinvolgere, con eventi mirati, tutte le scuole comunali, incluso il nido d'infanzia. Questa festa rappresenta una tappa fondamentale per una rinascita della consapevolezza ambientalista e del rispetto della natura, perché permette di affrontare questo tema declinandolo in diversi aspetti, ma soprattutto perché coinvolge i bambini, che sono la comunità del futuro. È un investimento in educazione che, con l'aiuto del comitato, il Comune ritiene importante portare avanti”.
13/12/2017 13.57 Comune di Montespertoli
Comune di Palazzuolo sul Senio Tempesta di vento tocca anche Palazzuolo sul Senio. Ingenti i danni a case e patrimonio arboreo
La tempesta di vento dell'11 e 12 dicembre ha impegnato duramente i vigili del fuoco e alcune ditte private incaricate dal comune in somma urgenza E' tempo della conta dei danni, che non sono pochi. La tempesta di vento che ha imperversato l'11 ed il 12 dicembre sul Mugello non ha risparmiato nemmeno Palazzuolo sul Senio dove ha recato numerosi danni a case, capannoni, alberi e infrastrutture tecnologiche. Chi ne ha risentito maggiormente sono stati infatti i tetti di abitazioni e delle stalle che sono stati scoperchiati, alberi sradicati, cavi dell'energia elettrica e delle telecomunicazioni spezzati, luminarie private spazzate via assieme alle insegne pubblicitarie.
Per le emergenze dovute alla caduta di alberi e rami pericolanti hanno lavorato i Vigili del fuoco e ditte private incaricate dal comune in somma urgenza.
Moltissimi gli alberi caduti all'interno dei giardini privati, fortunatamente senza danni per gli abitanti delle rispettive case. Per ripristinare le linee elettriche, le squadre di Enel hanno lavorato per tutta la notte in condizioni proibitive, riparando i cavi laddove possibile e montando dei gruppi elettrogeni in altre situazioni.
«Analizzando lo storico dei dati meteorologici disponibili - sottolinea il sindaco, Cristian Menghetti - una tempesta di vento di tale potenza non si era mai verificata a Palazzuolo sul Senio. Ma sono tanti i segnali che ci portano alla preoccupazione, cambi di temperatura repentini, estati siccitose alternate ad eventi piovosi violenti, bombe d'acqua con frane sempre più frequenti che costringono ad interventi e costi straordinari per gli enti pubblici. Il clima - conclude - non sta cambiando è già cambiato».
13/12/2017 17.37 Comune di Palazzuolo sul Senio
Unione Montana dei Comuni del Mugello Rei (Reddito Inclusione): cos'è, a chi spetta, come richiederlo
Misura contro la povertà: beneficio economico con progetto personalizzato Il Reddito di Inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale introdotta dallo Stato e dal 1° gennaio 2018 sostituirà il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione). Il REI si compone di: un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI); un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa, volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune. La durata del beneficio è stabilita in 18 mesi.
Per poterne usufruire sono previsti specifici requisiti di residenza, economici, di composizione del nucleo familiare e di compatibilità. L’ammontare dell’importo è correlato al numero dei componenti del nucleo familiare e tiene conto di eventuali trattamenti assistenziali e redditi in capo al nucleo stesso. In ogni caso, l’importo complessivo annuo non può superare quello dell’assegno sociale.
Tra i requisiti generali: cittadinanza italiana o comunitaria, oppure cittadinanza di Paesi terzi con permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo e titolari di protezione internazionale. E' necessaria inoltre la residenza in Italia da almeno 2 anni.
Requisiti familiari: presenza di un minorenne; presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o un suo tutore; presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l'unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica), presenza di un componente che abbia compiuto 55 anni con specifici requisiti di disoccupazione.
Requisiti economici: un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6mila euro; un valore ISRE (l'indicatore reddituale dell'ISEE, ossia l'ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3mila euro; un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro; un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola).
Infine, è necessario che ciascun componente del nucleo familiare non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego (Naspi) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria; non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità); non possieda navi e imbarcazioni da diporto.
E' gia possibile presentare domanda, per farlo bisogna rivolgersi ai Comuni. I servizi sociali successivamente contatteranno i soggetti le cui domande sono state accolte per attivare il progetto Rei, con durata di 18 mesi.
Coloro che, alla data del 1° dicembre 2017, stanno ancora percependo il SIA potranno presentare immediatamente domanda di REI o decidere di presentarla al termine della percezione del SIA, senza che dalla scelta derivi alcun pregiudizio di carattere economico.
Il modello di domanda è disponibile presso i Comuni, nelle sedi Inps, ed è scaricabile direttamente dalla pagina sito Inps, a questo link: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=51383
13/12/2017 12.25 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello
Comune di Firenze Indagine “anti writers”, perquisizioni della Polizia Municipale su delega della Procura di Firenze
Agenti in azione nelle provincie di Firenze e Pisa Questa mattina la Polizia Municipale ha effettuato quattro perquisizioni (due in provincia di Firenze e due nel pisano) nelle abitazioni di altrettanti writers tutti maggiorenni. Si tratta di tre uomini (V.P. 20 anni, suo fratello 18 anni e P.R. 21 anni) e di una donna (A.P. 19 anni ragazza del primo).

Gli agenti erano sulle tracce dei quattro giovani writers considerati tra i protagonisti di una indagine condotta per danneggiamento, deturpamento e imbrattamento. Il loro coinvolgimento risale ad una notte dello scorso febbraio durante la quale venne realizzato un grosso graffito in via del Capaccio (tra via delle Terme ed il mercato del Porcellino) sulla facciata del palazzo storico che ospita il distaccamento della Polizia Municipale della Zona Centrale. Negli stessi giorni altre “opere” erano state realizzate anche sulla chiesa di Santa Maria Soprarno e sul Palazzo di Palagio Arte della seta, tutti edifici storici.

In casa dei giovani gli agenti questa mattina hanno sequestrato telefoni cellulari, schede di memoria, pennarelli, bombolette spray, tappini modificati, computer e quaderni contenenti disegni con le tag della crew (firma della loro banda), che li inchioda alle loro responsabilità come autori del danneggiamento di febbraio.

Per rimuovere la grossa scritta impressa sull’edificio storico di via di Capaccio è stato necessario l’intervento di ditta specializzata nella ripulitura della pietra. Il tutto ad un costo per l’Amministrazione di circa 8.000 euro.

Costituita alla fine del 2015 per contrastare i fenomeni di danneggiamento da parte di writers, l’apposita squadra della Polizia Municipale tramite le proprie indagini svolte in stretta collaborazione con la Procura della Repubblica ha dato un’identità ad almeno 80 tag (firme) diverse, compiuto più di 30 perquisizioni delegate e denunciato altrettanti writers o street artists. Tra questi anche alcuni extra Firenze (Salerno, Roma, Milano e addirittura da Toronto) che avevano deciso di operare in città approfittando della sua rinomanza artistica.

13/12/2017 17.58 Comune di Firenze
Comune di Montemurlo Sequestrata nuova colonica-fabbrica nella zona industriale di Bagnolo Montemurlo
La polizia municipale di Montemurlo, insieme ad Usl, Vigili del Fuoco e Carabinieri, nell'ambito di un'operazione interforze, ha trovato una ditta di confezioni, che risultava chiusa alla Camera di Commercio, ma che continuava a operare clandestinamente in un grande immobile rurale, trasformato in dormitorio Continua la stretta voluta dal Comune di Montemurlo per stroncare il pericoloso fenomeno della promiscuità tra locali abitativi e lavorativi ed evitare così tragedie come quella dell'agosto scorso alla Tignamica.

Nei giorni scorsi, nella zona industriale di Bagnolo, nell'ambito di una operazione interforze, alla quale hanno preso parte la Polizia Municipale di Montemurlo, i Carabinieri della locale Tenenza, la Usl e i Vigili del Fuoco e Alia, è stata sequestrata per le precarie condizioni di igiene e sicurezza trovate al suo interno una grande colonica trasformata in “dormitorio – fabbrica”.

Nell' immobile rurale di circa 500 metri quadrati, posto su due piani, operava in clandestinità una ditta di confezioni, gestita da un cittadino cinese. L'azienda, infatti, risultava cessata alla Camera di Commercio, ma di fatto continuava a lavorare a nero. In un locale-deposito sul retro della colonica, trasformato in laboratorio artigianale, gli agenti hanno trovato 25 macchine taglia e cuci e scarti di lavorazione, segno che gli operai continuavano la produzione, nonostante la ditta fosse formalmente chiusa. Pessime le condizioni di sicurezza dell'impianto elettrico, che era stato manomesso con fili e prese volanti per azionare i macchinari, senza alcun rispetto delle più elementari norme di sicurezza nei luoghi di lavoro e antincendio. Molto precaria anche l'igiene dei locali, con sporcizia e rifiuti sparsi dappertutto. Pericolosa la situazione della cucina, dove, oltre allo sporco, gli agenti hanno trovato cinque bombole di gas, che in caso di incendio avrebbero prodotto una deflagrazione devastante, bombole che sono state prontamente rimosse dai vigili del fuoco. Oltre alla “confezione fantasma” durante il controllo nell'immobile sono stati trovati 35 “loculi-dormitorio”, ricavati attraverso pannellature in cartongesso. Anche in questo caso l'impianto elettrico era stato manomesso con fili volanti per dare luce a tutte le stanzette, abitate sia dagli operai della confezione della colonica, che da altri lavoratori, sempre di origine cinese, che lavoravano in ditte vicine. La colonica, quindi, aveva la funzione di “affittacamere abusivo”. Come se tutto questo non bastasse i Carabinieri, nell'ambito del controllo, hanno trovato ben otto cittadini cinesi privi dei documenti di soggiorno, che sono stati denunciati. Oltre al sequestro della colonica per le gravi carenze rispetto in materia di igiene, sicurezza e antincendio, la polizia municipale ha fatto scattare la denuncia penale nei confronti del titolare della ditta di confezioni per le variazioni d'uso dei locali: da civile abitazione ad attività artigianale e da residenziale a ricettivo.

«A Montemurlo non abbassiamo la guardia sull'illegalità, tanto che questo è il quarto sequestro che facciamo in meno di un mese - dice il sindaco, Mauro Lorenzini- La promiscuità tra abitativo e produttivo rappresenta un fenomeno estremamente pericoloso da non sottovalutare, ma anzi da perseguire con decisione per evitare tragedie come quella avvenuta ad agosto scorso a Vaiano. Infine vorrei ringraziare la Polizia Municipale, i Carabinieri, la Usl, i Vigili del Fuoco per l'egregio lavoro svolto e per la proficua sinergia messa in atto».
13/12/2017 17.18 Comune di Montemurlo
Comune di Scarperia Il Comune di Scarperia e San Piero ha azzerato l’aliquota TASI per tutte le categorie di immobili anche per l’anno 2017, pertanto non è dovuto alcun importo a titolo di TASI
Il 18 dicembre scade il termine per il pagamento del saldo IMU per l’anno 2017
Le aliquote sono quelle stabilite con delibera C.C. n. 48/2015 e sono invariate rispetto all’anno 2016 ovvero:

Aliquota di base (art. 13, comma 6, del D.L. 201/2011) 1,06%;

Aliquota 0,4 % e con detrazione di € 200,00 - Abitazione principale e abitazioni assimilate per legge o per regolamento classificate nelle categorie catastali A1, A8 e A9 unitamente alle relative pertinenze classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo;

Aliquota agevolata 0,85% per le seguenti fattispecie:

Abitazioni concesse dal possessore in uso gratuito a parenti in linea retta di 1°grado (genitori e figli), che vi hanno preso la residenza anagrafica, a condizione che questi ultimi non siano proprietari o comproprietari di altra unità immobiliare, unitamente alle relative pertinenze classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo;

b) Immobili locati o concessi in comodato con contratto registrato ad Associazioni Sportive Dilettantistiche o Associazioni Ricreative Culturali;

Aliquota agevolata 0,91% per gli Immobili locati o concessi in comodato con contratto registrato.

ATTENZIONE: dal 2016 la base imponibile dell'IMU è ridotta del 50 per cento per le unità immobiliari (ad eccezione delle cat. A1, A8, A9), concesse in comodato dal soggetto passivo (comodante) ai parenti in linea retta entro il primo grado, vale a dire genitori e figli (comodatari), che le utilizzano come abitazione principale.

La stessa norma prevede come ulteriori condizioni per poter beneficiare della riduzione che:

il contratto sia registrato;
il comodante possieda un solo immobile di tipo abitativo in Italia (il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all'immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione sempre delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9);
il comodante risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile oggetto del comodato.

IMU - Terreni agricoli
Il Comune di Scarperia e San Piero è comune montano pertanto i terreni agricoli sono esenti dall’IMU.
13/12/2017 16.21 Comune di Scarperia
Unione Montana dei Comuni del Mugello Verso Piano Strutturale Mugello: "Ascolto del territorio" con 6 tavoli tematici
Gli incontri partecipativi si terranno il 19 e 20 dicembre all'Unione dei Comuni Sei tavoli tematici per “incontrare e ascoltare il territorio”, verso il Piano Strutturale Intercomunale del Mugello. Dopo gli incontri pubblici di presentazione del Processo partecipativo per la redazione del Piano Strutturale del Mugello, scatta ora l'“Ascolto del territorio” con i tavoli tematici che si terranno il 19 e 20 dicembre dalle 9 alle 16,30 presso l’Unione Montana dei Comuni del Mugello. A partecipare sono stati invitati in particolare associazioni, categorie economiche e sociali, amministratori pubblici, ordini professionali.
La redazione del Piano Strutturale Intercomunale, come previsto dalla legge regionale toscana 65/2014 sul governo del territorio, è accompagnata, in tutte le sue fasi, da un 'Percorso di Partecipazione' che coinvolge varie realtà locali. Un percorso partecipativo per confrontarsi sull'“idea di Mugello” e contribuire attivamente con proposte, suggerimenti, osservazioni, stimoli.
Sei gli ambiti tematici e i relativi tavoli: “Sistema produttivo, manifatturiero, industriale e artigianale e commerciale”; “Sistema del Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico e dell’ospitalità turistica”; “Sistema della mobilità, trasporto e connettività; Sistema delle risorse ambientali: la gestione della risorsa acqua e le fonti di energia rinnovabile”; “Sistema agro-silvo-pastorale e della filiera agroalimentare”; “Sistema della qualità degli insediamenti: abitare, centralità degli insediamenti, spazio e servizi pubblici”.
“Chiamiamo il territorio per ascoltarlo, per confrontarci su quello che è oggi il Mugello e su ciò che vogliamo sia domani - afferma il presidente dell'Unione dei Comuni del Mugello Paolo Omoboni -. Due giornate, sei tavoli tematici, e ci auguriamo un'ampia partecipazione, per 'Pensare e Fare Mugello' discutendo e confrontandosi su punti di forza e debolezza, sugli aspetti positivi e le criticità, sugli obiettivi e le priorità. Cercheremo tutti insieme di raccontare il territorio e - continua - delinearne lo sviluppo dei prossimi anni. E' un cammino che iniziamo con questi due primi appuntamenti”.
I tavoli tematici, si spiega, sono pensati come “interviste collettive finalizzate a produrre un primo ritratto condiviso in termini di potenzialità e criticità che il territorio del Mugello esprime da un punto di vista territoriale e a individuare alcune prime linee di intervento da inserire nel Quadro Conoscitivo del costruendo Piano Strutturale Intercomunale”.
Martedì 19 dicembre il confronto verterà su “Sistema produttivo, manifatturiero, industriale e artigianale e commerciale, dalle 9 alle 11, “Sistema del Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico e dell’ospitalità turistica” dalle 11,30 alle 13,30, e “Sistema della mobilità, trasporto e connettività”, dalle 14,30 alle 16,30. Si prosegue mercoledì 20 dicembre confrontandosi invece su “Sistema delle risorse ambientali: la gestione della risorsa acqua e le fonti di energia rinnovabile” , dalle 9 alle 11, “Sistema agro-silvo-pastorale e della filiera agroalimentare”, dalle 11,30 alle 13,30, ed infine “Sistema della qualità degli insediamenti: abitare, centralità degli insediamenti , spazio e servizi pubblici”, dalle 14,30 alle 16,30. Il processo partecipativo continuerà nel mese di gennaio realizzando una serie di interviste in profondità ad alcune figure locali che rappresentano un punto di vista qualificato sul territorio, che non sono stati raggiunti con i tavoli di lavoro, al fine di un ampio coinvolgimento di soggetti eterogenei e diversificati.
13/12/2017 14.41 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze Rinvenuto cadavere al confine tra Sesto Fiorentino e Calenzano
Il corpo ritrovato a seguito della segnalazione di un operaio di una ditta della zona industriale Nella tarda mattinata, al confine tra Sesto Fiorentino e Calenzano, a seguito della segnalazione di un operaio di una ditta della zona industriale ivi presente, è stato rinvenuto in via San Morese, sotto il ponte che attraversa un canale di scolo, il cadavere di un uomo, non ancora identificato, di carnagione chiara, dell'età apparente di circa 70 anni, altezza 165 cm circa. Non risultano segni di violenza sul corpo. Il decesso potrebbe risalire ad uno/due giorni. Indossava un giubbotto nero, un maglione verde scuro a collo alto con chiusura lampo, una camicia a quadri scura e un pantalone scuro
Sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Signa, della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale e i Vigili del Fuoco per la rimozione del cadavere
13/12/2017 16.14 Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
 
 




Vai al contenuto