Login

MET

Città metropolitana di Firenze Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Aeronautica Militare Scuola Militare Aeronautica “Giulio Douhet”: giurano gli allievi del corso “Nadir”
La Cerimonia è stata presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare Venerdì 28 aprile, presso il piazzale bandiera dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche (ISMA), 42 giovani Allievi della Scuola Militare Aeronautica “Giulio Douhet” hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana alla presenza dei familiari e delle massime cariche Istituzionali Civili, Militari e Religiose.

La cerimonia, presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli ed alla presenza del Comandante delle Scuole, Gen. S.A. Fernando Giancotti, è stata aperta dall’intervento del Col. Michele Buccolo, Comandante della Scuola Militare Aeronautica, che ha ricordato come il percorso intrapreso dai giovani allievi sia “un percorso complesso, impegnativo ma di certo coraggioso, a testimonianza di come si possa ancora guardare con fiducia e speranza a generazioni come la vostra, fieri e capaci di abbracciare valori di fedeltà, sacrificio e senso del dovere”.

Nel prendere la parola, il Generale Vecciarelli ha ringraziato le Autorità e tutti i presenti che con la loro testimonianza di vicinanza hanno voluto rendere ancora più significativa la giornata odierna. Un deferente saluto è stato poi rivolto al Gonfalone della Città di Firenze, inquadrato nello schieramento, insignito di ben 4 medaglie d’oro, a testimonianza del coraggio e abnegazione, di civismo e solidarietà che hanno contraddistinto i fiorentini nell’arco della storia del nostro Paese.

“Il vostro impegno, le vostre volontà, ambizioni e desideri saranno sostenuti dalla passione e dalla serietà degli insegnanti perché dare prospettiva al vostro futuro è il compito affidato a questo istituto. Tutto ciò auspicabilmente ispirandovi ai principi cardine della nostra organizzazione quali il senso del dovere e della responsabilità, la coesione, la tenacia, la passione, l’altruismo, il coraggio. Tutti valori etici che vi vengono proposti con l’esempio del buon senso, al fine di lasciar maturare in ognuno di voi il pensiero che dietro ogni possibile e desiderato successo si cela il merito dei tanti e non soltanto l’ambizione del singolo.”

All’evento hanno altresì partecipato i Gonfaloni della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e gli ex Comandanti dell’ISMA, della Scuola Douhet e i docenti.

Particolarmente toccante è stata la presenza dell’Associazione ex-Allievi della Scuola con una nutrita rappresentanza, la cui vicinanza è attestazione dell’indissolubile legame tra il passato, il presente ed il futuro per gli uomini e le donne dello stesso Istituto Scolastico.



Alla cerimonia di Giuramento è seguito il Battesimo del Corso che ha assunto il nome “Nadir”; a simboleggiare un punto immaginario nella volta celeste, opposto allo Zenit, punto che al suo massimo è notte, ombra, proprio quando la luna è più alta nel cielo.

Il motto scelto dal Corso è “Aestus nitor, lumen noctem”: lo splendore dell’ardore è luce nella notte.



Il padrino, Generale di Divisione Aerea Stefano Fort, Comandante dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, ha infine consegnato nelle mani del Capo Corso il vessillo che identificherà e accompagnerà per sempre il Corso medesimo.



Il Liceo Militare Aeronautico “Giulio Douhet” (inaugurato nel 2006) così come le altre Scuole Militari (Nunziatella di Napoli, Teulié di Milano e Morosini di Venezia) è un istituto di istruzione secondaria di secondo grado, che svolge i corsi del secondo triennio negli indirizzi classico e scientifico, al quale si accede per concorso pubblico.

Attualmente sono in forza alla Scuola Douhet 129 Allievi di cui 38 di sesso femminile, suddivisi nel Corso Lyra al terzo ed ultimo anno di frequenza, il Corso Mito al secondo anno di frequenza ed il Corso Nadir, incorporato lo scorso 5 settembre 2016.
28/04/2017 13.07 Aeronautica Militare
Comune di Firenze Taglio del nastro per il by-pass di Mantignano
Il sindaco Nardella: “La prima di quattro importanti inaugurazioni: il by-pass del Galluzzo e il parcheggio di Villa Costanza prima dell’estate, a settembre il by-pass di Cascine del Riccio”
Poco più di un chilometro e mezzo di nuova strada destinata a migliorare la vivibilità dell’abitato di Mantignano. Si tratta del by-pass di Mantignano-Ugnano, di cui stamani è stato inaugurato il primo e più esteso tratto. Al taglio del nastro il sindaco Dario Nardella, gli assessori alla mobilità Stefano Giorgetti, all’urbanistica Giovanni Bettarini e alla toponomastica Andrea Vannucci, il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni e Alberto Selleri di Autostrade per l’Italia oltre a molti abitanti della zona.
“Quest’anno inauguriamo un poker di opere molte attese in città – ha dichiarato il sindaco Nardella – . Iniziamo oggi con il by pass di Mantignano-Ugnano, un intervento di cui si parlava da 20 anni e sulla quale abbiamo dato una decisa accelerazione. Questa strada dà una risposta ai problemi del traffico di attraversamento che finora utilizzava le strade del centro abitato con tutto quello che ne conseguiva a livello di qualità della vita degli abitanti. Oggi apriamo il primo importante tratto, ma nei prossimi mesi la strada sarà completata fino a via Canova”.
Per quanto riguarda le altre opere, il sindaco ha confermato a maggio l’apertura del by-pass del Galluzzo, a giugno quella del primo parcheggio scambiatore autostrada-tramvia a Villa costanza mentre a settembre sarà la volta del by-pass di Cascine del Riccio.
La nuova strada, della lunghezza di oltre un chilometro e mezzo, si è sviluppata in parte su una nuova sede stradale realizzata su aree prevalentemente agricole e parzialmente su quella esistente. L’intervento ha origine ad est dell’abitato di Ugnano, in corrispondenza dell’incrocio con le vie di Ugnano, dei Pozzi di Mantignano e dell’Arlotto Piovano e termina in questa prima fase al nuovo ponte sul fiume Greve. La connessione con la viabilità esistente è assicurata grazie a due nuove rotatorie agli estremi del tracciato cui si aggiungono intersezioni a raso lungo il tragitto.
Tra gli elementi qualificanti del progetto la pavimentazione stradale realizzata con materiali innovativi che ne migliorano la durabilità rispetto alle pavimentazioni tradizionali; il tappeto di usura stradale con prestazioni di fono assorbenza rispetto alle pavimentazioni tradizionali e realizzato con materiali che riducono il fenomeno dell’acquaplaning. A questo si aggiungono l’illuminazione con lampade a LED per il risparmio energetico e la durevolezza dell’impianto e la realizzazione di un tratto di oltre 300 metri barriere antirumore a protezione del centro abitato di Mantignano e del plesso scolastico Abrosoli. Il finanziamento, pari a poco più di 6,2 milioni di euro ( di cui oltre un milione e mezzo per gli espropri) è a carico di Autostrade per l’Italia: si tratta infatti di un intervento compreso nel pacchetto nelle opere di compensazione per il progetto della Terza Corsia. Al termine della cerimonia l’assessore Vannucci ha intitolato due strade. È stata dedicata a Santa Berta, badessa del 12esimo secolo della vicina chiesa di Mantignano, la strada che inizia da via del Fosso degli ortolani all’altezza di via del Ponticino e termina in via di Mantignano. Si chiamerà invece via di Scopaia la strada che inizia da via di Mantignano e termina all’incrocio con via del Piovano Arlotto, via di Ugnano e via dei Pozzi di Mantignano, comprendendo parte dell’attuale viuzzo di Scopaia. (mf-sc)
28/04/2017 16.34 Comune di Firenze
Comune di Scandicci Fallani: “Utilizzare piazze, strade e luoghi della città per fare di Scandicci un museo a cielo aperto”
Firmata intesa con la Fondazione Arti contemporanee “Tante città al mondo hanno bei musei, noi invece seguiamo la nostra vocazione all’innovazione, alla contemporaneità, e scegliamo di utilizzare piazze, strade e luoghi della città per fare di Scandicci un museo a cielo aperto”. Con queste parole il Sindaco Sandro Fallani ha commentato l’intesa tra il Comune di Scandicci e la Fondazione per le Arti contemporanee in Toscana del Centro Luigi Pecci di Prato, firmata dal primo cittadino e dalla Presidente della Fondazione Irene Sanesi. “Non è una semplice dichiarazione d’intenti – dice Irene Sanesi – ma l’avvio di una collaborazione tra due enti importanti, sancita da un protocollo che dà inizio fin da subito ad attività e iniziative culturali in città. L’importanza dell’arte in una comunità è quella di creare identità e condivisione intorno alle diverse idee di bellezza”. “Per quanto riguarda le arti visive siamo già alla fase progettuale dei prossimi eventi – annuncia il Sindaco Sandro Fallani – il primo traguardo a settembre, con un’esposizione cittadina delle opere del nostro Paolo Staccioli che avrà un curatore del livello di Marco Tonelli, il primo a portare in Italia artisti del valore di Ai Weiwei”.

La Fondazione per le Arti contemporanee in Toscana, che raccoglie l’eredità del Centro per l’Arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, è il soggetto al quale la Regione Toscana ha affidato il ruolo di coordinamento delle attività del sistema dell’arte contemporanea nell’ambito della rete regionale, attraverso la collaborazione con gli altri musei e gli altri Istituti culturali toscani. La Fondazione è quindi il punto di riferimento e il centro di coordinamento del contemporaneo in Toscana.


“Le istituzioni pubbliche e private attive sul territorio devono elaborare strategie volte ad ampliare e a qualificare la partecipazione del pubblico – è scritto nel protocollo d’intesa firmato - Questo comporta necessariamente una progettualità inclusiva che concepisce l’arte contemporanea come sistema, cioè non legata al singolo evento o mostra ma in grado di attivare un vero indotto culturale, facilitando il rapporto fra il pubblico e l’istituzione attraverso la formazione artistica, la didattica ed un corretto uso dei mezzi di comunicazione. Riteniamo quindi necessario fidelizzare il pubblico attraverso l’involmement, facendolo diventare parte del progetto e non un semplice spettatore”.


Gli ambiti d’intervento dell’accordo riguardano la formazione, l’obiettivo di un network toscano - ovvero un progetto di rete regionale contemporanea in grado di promuovere e dare cittadinanza ai nuovi linguaggi del contemporaneo - oltre alla valorizzazione, la conservazione e il restauro dell’arte ambientale.


“Un altro dei grandi temi su cui è necessario sviluppare il confronto è il rapporto fra l’Arte Contemporanea e le eccellenze artigianali del territorio – è scritto ancora nel testo dell’intesa - esistono già tentativi di mettere in relazione importanti artisti internazionali con il ‘saper fare’ delle botteghe artigiane, innestando meccanismi di innovazione sociale attraverso il coinvolgimento delle comunità. Al riguardo si possono definire obiettivi specifici, quali: la contaminazione artistica e l’accrescimento delle potenzialità stilistiche ed espressive delle produzioni tradizionali; la sistematizzazione di un rapporto stabile tra arte, artigianato e impresa da realizzarsi attraverso la sperimentazione di modalità di collaborazione per la progettazione e realizzazione delle opere; la formazione di giovani artisti toscani per entrare in contatto con i laboratori e le aziende del territorio; la caratterizzazione dei luoghi simbolo dal punto di vista storico culturale con opere in grado di richiamare l'identità produttiva del territorio attraverso la capacità espressiva degli artisti, e la capacità manuale e produttiva di artigiani e imprese, per la costituzione di un distretto del contemporaneo volto a far lavorare insieme artigiani del territorio, industria e mondo dell’arte contemporanea internazionale”.
28/04/2017 17.35 Comune di Scandicci

Comune di Vinci Il borgo di Vinci su Rai3 nella puntata di Ulisse su Leonardo e la Gioconda
Alberto Angela in visita ad Anchiano e al Museo Leonardiano ci racconta il Genio Domani, sabato 29 aprile, alle 21.15 su Rai3, andrà in onda la puntata di “Ulisse - Il piacere della scoperta”, condotto da Alberto Angela, dedicata al mondo della Gioconda e quindi al suo creatore: Leonardo. E ci sarà naturalmente anche il borgo di Vinci, che diede i natali al grande Genio, con Angela che percorrerà i vicoli del centro storico e farà visita al Museo Leonardiano racchiuso nella splendida (e da poco restaurata) Rocca dei Conti Guidi, alla casa natale di Leonardo ad Anchiano e al fonte battesimale dove è stato battezzato. Un imperdibile e straordinario viaggio nella storia del Maestro, dunque, che parte dal ritratto più famoso del mondo e dai suoi ancora tanti misteri. Ma perché è così famoso? Da dove deriva il suo fascino? Chi è veramente la donna del ritratto? Per trovare delle risposte Angela parte dal luogo in cui è nato l'autore, il piccolo borgo di Vinci in Toscana. “Vinci è cambiata poco nei secoli - dice Angela camminando nel borgo - ed è facile immaginare Leonardo che cammina fra questi vicoli”. Nella puntata di Ulisse, si vedrà la formazione artistica di Leonardo e i suoi molteplici interessi: dalla medicina alla meccanica, dall’ingegneria al volo, dall’urbanistica all’architettura, dalla scultura alla pittura. Tra le testimonianze della puntata gli storici dell’arte Paolo Forcellino e Ernesto Solari. “Leonardo e la sua opera - chiude così la puntata Alberto Angela - continuano a 500 anni di distanza ad affascinarci e interessarci. Ed è qualcosa che accade soltanto con i grandi geni dell'umanità”.
28/04/2017 17.56 Comune di Vinci

Città Metropolitana di Firenze Viabilità: sabato 29 aprile inaugurazione della Rotatoria delle Mozzete
Presenti il Sindaco Federico Ignesti e il consigliere delegato della Metrocittà Massimiliano Pescini Definitivo taglio del nastro per la rotatoria delle Mozzete che verrà inaugurata ufficialmente sabato 29 aprile alle ore 9.00 dal Sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti e dal consigliere della Città Metropolitana Massimiliano Pescini delegato alla Viabilità. L’infrastruttura rappresenta un importante passo avanti nel miglioramento della viabilità e della sicurezza stradale di uno degli snodi più congestionati della zona, con un transito giornaliero di circa 15000 veicoli. La sostituzione dell’impianto semaforico con la nuova rotatoria, infatti, porrà fine all’annosa problematica delle code in località Le Mozzete.
Un investimento di € 800.000 (finanziato dal Comune di Scarperia e San Piero e dai contributi concessi dalla Regione Toscana, dalla Città Metropolitana e dall’Unione dei Comuni del Mugello) suddiviso in tre lotti di lavori, iniziati il 30 marzo del 2016 e che adesso vedono la conclusione del secondo lotto, quello più consistente. Infatti con la modifica della viabilità, il completamento dell’asfalto con la realizzazione del tappeto d’usura, la posa dei cordoli e degli spartitraffico, la nuova segnaletica stradale orizzontale e verticale e l’installazione dell’illuminazione pubblica può dirsi definitivamente conclusa la rotatoria, che verrà poi completata nel terzo lotto con la realizzazione dei raccordi per le diverse attività produttive già esistenti.
28/04/2017 12.12 Città Metropolitana di Firenze - Comune di Scarperia e San Piero
Comune di Firenze Ad aprile inflazione ancora in crescita a Firenze
In un anno i prezzi sono cresciuti di +2,2%, in un mese di 0,9%. Aumentano alberghi e ristoranti Continua a crescere l’inflazione a Firenze. Questo quanto emerso dall'anticipazione dei risultati del calcolo dell'inflazione a Firenze nel mese di aprile (che dovranno poi essere confermati dall'Istat) fatti dall’ufficio comunale di statistica. In base a questi dati la variazione mensile è +0,9% (mentre a marzo 2017 era +0,4%) e la variazione annuale è +2,2% (a marzo era +1,8%). A contribuire a questo dato sono state, rispetto al mese precedente, principalmente le variazioni registrate per le divisioni servizi ricettivi e di ristorazione (+6,3%), prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,7%), trasporti (+1,4%) e abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+0,4%). Nella divisione servizi ricettivi e di ristorazione sono in aumento i servizi di alloggio (+24,6% rispetto al mese precedente e +5,6% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente).
Nei prodotti alimentari e bevande analcoliche, la diminuzione su base mensile è causata dalle variazioni delle carni (+0,3% rispetto al mese precedente), dei pesci e prodotti ittici ( 0,1% su base mensile. +4,7% su base annuale), dei vegetali ( 3,0% rispetto al mese precedente, +9,1% su base annuale), della frutta (-2,6 rispetto al mese precedente), di latte, formaggi e uova (+0,2% rispetto a marzo 2017) e pane e cereale (-0,4% su base mensile). Nella divisione trasporti sono in aumento il trasporto aereo passeggeri (+31,7% rispetto al mese precedente, +36,9% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), gli altri servizi relativi ai mezzi di trasporto privati (+0,5% su base mensile e +1,0% su base annuale) e la manutenzione e riparazione mezzi di trasporto privati (+0,3% rispetto al mese precedente). In diminuzione i carburanti e lubrificanti per mezzi di trasporto privati (-0,8% su base mensile, +13,4% su base annuale) e le automobili ( 0,1% rispetto al mese precedente). Nella divisione abitazione, acqua, elettricità e combustibili sono in aumento l’energia elettrica (+2,2% su base mensile, +5,1% su base annuale). In diminuzione gli affitti reali per l’abitazione principale (-0,1% rispetto al mense precedente, -0,2% rispetto ad aprile 2016).

Il carrello della spesa:
I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai consumatori sono variati di -0,5% rispetto al mese precedente e di +2,6% rispetto a un anno fa. I prodotti a media frequenza di acquisto registrano una variazione di +2,6% rispetto a marzo 2017 e di +2,7% rispetto ad aprile 2016. I prezzi di quelli a bassa frequenza sono in diminuzione di -0,4% rispetto all’anno scorso e invariati rispetto al mese precedente.

La rilevazione si è svolta dal 1 al 21 del mese di aprile su oltre 900 punti vendita (anche fuori dal territorio comunale) appartenenti sia alla grande distribuzione sia alla distribuzione tradizionale, per complessivi 11.000 prezzi degli oltre 900 prodotti compresi nel paniere. Sono poi considerate anche quotazioni di prodotti rilevati nazionalmente e direttamente dall'Istituto Nazionale di Statistica. I pesi dei singoli prodotti sono stabiliti dall'Istat in base alla rilevazione mensile dei consumi delle famiglie e dai dati di contabilità nazionale. I beni, che pesano nel paniere per circa il 52%, hanno fatto registrare una variazione di +2,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. I servizi, che pesano per il restante 48%, hanno fatto registrare una variazione annuale di +1,9%. Scomponendo la macrocategoria dei beni, si trova che i beni alimentari registrano una variazione annuale pari a +2,8%. I beni energetici sono in aumento di +9,3% rispetto ad aprile 2016. I tabacchi fanno registrare una variazione +2,7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La componente di fondo (core inflation) che misura l’aumento medio senza tener conto di alimentari freschi e beni energetici fa registrare una variazione annuale pari a +1,1%. (sp)
28/04/2017 18.33 Comune di Firenze
Musei Statali Uffizi: un trimestre e due weekend festivi da record
Crescita del 20% rispetto all’anno precedente Le Festività Pasquali e il successivo weekend della Liberazione hanno fatto registrare un ottimo risultato in termini di presenze per tutti i musei afferenti alle Gallerie degli Uffizi. L’affluenza durante i tre giorni di Vigilia, Pasqua e Pasquetta ha raggiunto la cifra di 53.177 visitatori per la somma dei tre circuiti di: Uffizi, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, segnando una crescita del 20% rispetto all’anno precedente
Ragguardevole la crescita dei visitatori durante il giorno di Pasquetta, con 57% in più rispetto al 2016. Grazie a questo, anche la Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi - che già da anni raggiunge il limite di capienza durante i giorni delle maggiori festività - ha potuto registrare un aumento di visitatori pari ai 11% per i tre giorni pasquali, da sabato a lunedì (23,727 visitatori totali). Un aumento possibile principalmente per via di un migliore scaglionamento orario dei visitatori, che si sono distribuiti in fasce differenziate fra Pitti e gli Uffizi.
Notevole la crescita delle visite al Giardino di Boboli, che ha visto 22.738 ingressi durante tutto il weekend, pari ad una crescita del 32% rispetto al 2016.

Il giorno della Liberazione ha fatto il bis della Pasquetta, con i visitatori anche in questo caso aumentati del 57% rispetto all’anno precendente (17,962 visitatori). Significativo sia l’incremento degli Uffizi (+42%, con un totale di 7,950 visitatori), che nel Giardino di Boboli (+22,8%, 7,153 visitatori). Anche in questa occasione, il numero assoluto dei visitatori - Giardino di Boboli - ha quasi raggiunto quello degli Uffizi.

Questi straordinari risultati continuano e amplificano la tendenza decisamente positiva registrata per tutti i musei delle Gallerie degli Uffizi nel primo trimestre 2017. Infatti in questo periodo dell’anno il totale dei visitatori delle Gallerie degli Uffizi è cresciuto del 12% rispetto al 2016 (697.234 visitatori). In particolare, la Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi ha registrato il +10% (420,459 visitatori), il circuito della Galleria Palatina e della Galleria d’arte moderna a Palazzo Pitti il +9.5% (103,008 visitatori), mentre le presenze al Giardino di Boboli sono addirittura raddoppiate rispetto agli altri circuiti museali, ovvero il +19% (173.767 visitatori).
“Il godimento del Giardino di Boboli da parte dei fiorentini e dei turisti che passano ore e ore di studio, relax e socializzazione con amici e familiari nel parco monumentale - commenta Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi - conferma quanto il nostro verde, che ora stiamo riportando alle glorie antiche, sia nel cuore di tutti. Inoltre la crescita notevole delle visite durante i giorni “secondari” intorno alle feste (invece della tradizionale concentrazione nei giorni apicali) e durante i mesi di bassa stagione conferma il nascere di un equilibrio migliore nella fruizione della Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi, al centro dell’attenzione mondiale dopo l’inaugurazione delle nuove sale del Botticelli e il ritorno dell’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci restaurata.”
28/04/2017 11.24 Musei Statali
Musei Statali Una reggia tutta da scoprire
A partire dal 16 maggio biglietto e orari di apertura unificati per tutti i 4 musei di Palazzo Pitti; il Giardino di Boboli prosegue la bigliettazione congiunta con il Museo delle Porcellane e il Giardino Bardini La Reggia di Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli, a partire dal 16 maggio cambiano regime di bigliettazione, al fine di permettere una migliore fruizione e comprensione dei due spazi.
Non mutando le quote dei singoli biglietti, utili a visitare le due realtà museali, si è provveduto a unificare tutta la parte museale di Palazzo Pitti, separandola da quella del Giardino.
Rimane parte del circuito del verde solo il Museo delle Porcellane, ospitato nella Palazzina del Cavaliere al colmo della collina di Boboli, che continuerà ad osservare gli orari di apertura stagionale del Giardino, dipendenti ciclicamente dalle ore utili di luce.
Il biglietto per l’ingresso a tutti i musei ospitati nella Reggia di Pitti, che manterrà il prezzo di base di
€ 8,50 intero e € 4,25 ridotto, darà accesso, dalle 8.15 alle 18.50 da martedì alla domenica alla Galleria Palatina e Appartamenti Reali, al Tesoro dei Granduchi (già Museo degli Argenti), al Museo della Moda e del Costume (già Galleria del Costume; temporaneamente chiuso per riallestimento dal 2 maggio al 12 giugno 2017) e alla Galleria d’Arte Moderna. Continuando l’accordo sulla maggiorazione del biglietto in occasione delle esposizioni temporanee, durante la mostra "Maria Lassnig: Woman Power" (25 marzo - 25 giugno 2017) all'Andito degli Angiolini, il prezzo del biglietto continua a costare, per intero € 13,00 e ridotto € 6,50.
Invariato rimane anche il prezzo dell’ingresso al Giardino di Boboli (che include l’accesso al Museo delle Porcellane e al Giardino Bardini) ammontante a € 7,00 intero e € 3,50 ridotto.
“Finora chi voleva conoscere Palazzo Pitti con le sue collezioni doveva comprare due biglietti, e si imbatteva nell’incongruenza dell’orario di apertura tra i due circuiti museali diversi: adesso è sufficiente un solo biglietto per visitare l’intero Palazzo Pitti – commenta Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi. – Il nuovo sistema risulta essere più logico e semplice, circostanza che favorisce una migliore comprensione della Reggia di Pitti, della storia e delle preziose collezioni in essa contenute Si abbattono limitazioni d’orario e complicazioni per chi entra in questi spazi magnifici e desideri ammirare i loro ricchi apparati– pitture murali, arredi, sculture, tesori in pietre preziose – insieme alla più grande raccolta al mondo di quadri di Raffaello.
Due biglietti, due opzioni allargate: la via più semplice per offrire al visitatore la possibilità di una perlustrazione più libera e curiosa, ma anche per restituire alla Reggia la sua unità storica.”

Per consultare le odierne condizioni di accesso collegarsi a http://www.uffizi.it/index.php?it/239/orari-e-info
28/04/2017 11.32 Musei Statali
Regione Toscana Primo maggio, Rossi a Empoli e poi pranzo in fabbrica alla Maestrelli
Un corteo, organizzato dai sindacati, partirà intorno alle 9.30 da via Roma, di fronte alla Stazione Corteo a Empoli e poi pranzo in fabbrica, alla Cartotecnica Maestrelli di Sovigliana, occupata dagli operai in lotta per la sopravvivenza dell'azienda.

Così il presidente Enrico Rossi celebrerà, lunedì 1° maggio, la Festa del Lavoro, portando l'attenzione e la solidarietà della Regione a questa e ad altre realtà produttive, quasi sempre di piccole o medie dimensioni che, nella zona dell'empolese e della Valdelsa, hanno risentito pesantemente della crisi degli ultimi anni.

Il corteo, organizzato dai sindacati, partirà intorno alle 9.30 da via Roma, di fronte alla Stazione di Empoli. Il comizio conclusivo si terrà alle 11.30, in piazza della Vittoria.

Il presidente Rossi raggiungerà poi Sovigliana (nel comune di Vinci), dove intorno alle 13 pranzerà insieme ai lavoratori della Maestrelli, nello stabilimento di viale Togliatti.

L'azienda Maestrelli è stata occupata nel marzo scorso dopo un lungo braccio di ferro con la proprietà che, oltre un anno fa, aveva annunciato esuberi e promesso un rilancio che non è mai avvenuto. Nelle ultime settimane è stata aperta una procedura di licenziamento collettivo. A febbraio la Maestrelli ha fatto richiesta di concordato in bianco ed è in attesa del pronunciamento da parte del Tribunale. Nel frattempo i lavoratori stanno perseguendo il tentativo di costituirsi in cooperativa per dare continuità alle produzioni - in presenza di commesse e di un nutrito portafoglio clienti - e salvare i posti di lavoro.
28/04/2017 17.43 Regione Toscana
Prefettura di Firenze Primo maggio, si festeggiano i "maestri del lavoro"
Lunedì 1° maggio 2017, ore 10.30 – Salone dei Cinquecento Palazzo Vecchio, Firenze Sono 74 i toscani che quest’anno riceveranno la “Stella al Merito del Lavoro”, l’onorificenza conferita dal presidente della Repubblica a coloro che “nella loro esperienza lavorativa si sono distinti per perizia, laboriosità, condotta morale e anzianità di servizio”.

La tradizionale cerimonia di consegna si svolgerà lunedì 1° maggio, Festa del Lavoro, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, con inizio alle ore 10.30. Interverranno il prefetto Alessio Giuffrida, l’assessore Federico Gianassi, il direttore territoriale del Lavoro Antonio Zoina e il console regionale della Federazione Maestri del Lavoro della Toscana Alberto Taiti.

Elenco dei 74 toscani “Maestri del Lavoro” (suddivisi per provincia di residenza):

Firenze (28): Vanni Ammannati, Luigi Baldini, Valter Ballini, Luigi Bandini, Massimo Bartolini, Cristina Bassi, Lucia Berti, Enrico Berto, Franco Borgi, Graziano Calzolai, Marco Caracciolo, Alessandro Casini, Luana Conti, Gertraud Egger, Serena Fontanelli, Giovanni Franco, Andrea Giachi, Giorgio Guidalotti, Mauro Labanti, Patrizia Maestri, Andrea Mattesini, Lucia Mengoni, Luca Minghi, Riccardo Pistolesi, Antonella Prestigiacomo, Dolores Sforza, Enza Tozzi, Rita Zancan Del Gallo.

Arezzo (8): Carla Bacconi, Mario Cerboni, Luca Lorenzini, Roberto Lorenzini, Marcello Mazzetti, Marco Scarini, Roberto Schinco, Massimo Vichi

Grosseto (5): Giorgio Bellaveglia, Maria Gabriella Grechi, Gianni Pratesi, Enrico Ricci, Massimiliano Signori.

Livorno (3): Mauro Gentili, Mirio Giannellini, Enrico Signorini.

Lucca (6): Luca Franceschini, Mauro Lucchesi, Franco Mungai, Rossella Scarpellini, Luigi Stefani, Roberto Taddeucci.

Massa Carrara (5): Angelo Alberti, Giovanni Davide Ceresa, Ermanna Pucci, Riccardo Rossetti, Ferdinando Vannucci.

Pisa (4): Gianfranco Benedetti, Alessandro Bettini, Roberta Bianchi, Fausto Tanzini.

Pistoia (10): Claudio Barbera, Fabiano Gaggini, Marco Giannoni, Osvaldo Giuntoli, Pierluigi Lottini, Nicola Luongo, Damiano Maffucci, Pierluigi Petri, Federico Tosi, Anna Vannucci.

Prato (3): Marco Biondi, Giovanni Guantini, Stefano Guidi.

Siena (2): Fabrizio Dei, Aurelio Testi.
28/04/2017 12.15 Prefettura di Firenze
Musei Statali Il Giardino di Boboli si racconta: la parola ai Giardinieri
Secondo appuntamento informale per conoscere Boboli attraverso le parole del personale che cura il Giardino Il 4 maggio alle ore 17.00, presso il Teatro del Rondò di Bacco, piazza Pitti 1, si terrà il secondo incontro gratuito del ciclo “L’arte racconta il Passaggio”
La voce parlante di Paolo Basetti animerà il secondo appuntamento pomeridiano della serie dei tre incontri informali pomeridiani previsti.
Una voce che si farà racconto e confidenza e che andrà a proporre curiosità e aneddoti insieme a un simpatico “dietro le quinte” estratto dalle cronache e memorie dell’antico parco storico, chiamato altrimenti a Firenze “il Giardino del Re”.
Per gli incontri gratuiti non è prevista alcuna forma di prenotazione e l’ingresso sarà consentito fino a esaurimento dei posti disponibili in sala.
Si ricorda che il terzo e ultimo incontro del breve ciclo è fissato per martedì 12 settembre
28/04/2017 11.29 Musei Statali
Comune di Firenze Tutto pronto a Firenze per la quarta edizione del Festival d’Europa
Dal 4 al 9 maggio oltre 100 eventi in 20 location Oltre 100 eventi, 20 location in città, 18 enti e associazioni coinvolte, studenti Erasmus provenienti da 28 Paesi riuniti a Firenze per parlare d'Europa. Questi alcuni dei numeri del Festival d’Europa 2017 che animerà il capoluogo toscano dal 4 al 9 maggio per proseguire fino a giugno e oltre con il Festival OFF. La quarta edizione della manifestazione sarà dedicata al 60° anniversario dei Trattati di Roma e al 30° dalla nascita del Programma Erasmus e avrà come temi chiave: la costruzione di un’identità europea, i nuovi modelli di integrazione e le trasformazioni della scuola e dell’università. Sei giorni di incontri, convegni e laboratori, a cui si affiancheranno mostre, spettacoli e concerti per riflettere e delineare l’Europa di domani. La manifestazione coinvolgerà varie location in città: da Palazzo Vecchio alle Murate, dal Teatro de La Compagnia al Polo universitario di Novoli, da Villa Salviati a piazza SS. Annunziata passando per Ponte Vecchio.
All’interno della programmazione del Festival d’Europa, ancora una volta centrale il ruolo di “The State of the Union” (dal 4 al 6 maggio), l’evento organizzato dall’Istituto Universitario Europeo e giunto alla sua settima edizione. Un appuntamento di rilievo - che avrà come sottotitolo “Building a People’s Europe”- che richiamerà a Firenze economisti, accademici e figure di primo piano del panorama internazionale. Il presidente del Senato, Pietro Grasso aprirà i lavori il 4 maggio alla Badia Fiesolana. Venerdì 5 maggio l’evento si sposta in Palazzo Vecchio. In apertura l’intervento del ministro degli Esteri, Angelino Alfano mentre il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, terrà il discorso a chiusura della conferenza. Parteciperanno alla giornata i tre presidenti delle istituzioni europee: Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo e Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea.
Il 6 maggio Open Day nella sede degli Archivi Storici dell’Unione Europea a Villa Salviati. Ad accogliere i visitatori workshop, visite guidate e concerti. Gli Archivi saranno protagonisti anche il 4 maggio insieme a Firenze Città Metropolitana per la premiazione del concorso “Un Nuovo Trattato per l’Europa” realizzato con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Le tre classi vincitrici (prima la 5D dell’Istituto superiore statale “Elsa Morante”, seconda la 5A del Liceo Linguistico del Liceo Statale “Giovanni Pascoli”, terza la 4B del Liceo Classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “Virgilio”) verranno premiate dal presidente del Senato Grasso.
Dal 7 al 9 maggio al via il ricco calendario di eventi per le Celebrazioni dei 30 anni di Erasmus a cura delle Agenzie nazionali Erasmus+ INDIRE, Ang e Inapp. Cuore degli eventi è piazza SS. Annunziata dove verrà allestito un palco e un punto informativo per incontri, concerti e spettacoli. Il programma verrà inaugurato domenica 7 alle 18 con l'esordio assoluto dell’Orchestra Erasmus, composta da studenti Erasmus di conservatori e istituti musicali da tutt’Italia. L'orchestra suonerà insieme all’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, in memoria delle ragazze vittime nell’incidente stradale di Freginals, in Spagna. A seguire la performance dell’Accademia nazionale di Danza di Roma. Il 9 maggio spazio alla Conferenza “Erasmus+ e il futuro dell’Europa” nel Salone de’ Cinquecento di Palazzo Vecchio dalle ore 9; nell’occasione verrà presentata la Carta della Generazione Erasmus. Parteciperanno, tra gli altri, la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e il sottosegretario con delega agli Affari europei, Sandro Gozi. La conferenza prevede anche una tavola rotonda alla presenza di rappresentanti istituzionali italiani e europei oltre a una selezione di storie di successo raccontate da alcuni pionieri Erasmus. A seguire Ponte Vecchio si tingerà di blu per l’iniziativa “M’illumino d’Erasmus” a cui hanno aderito vari Comuni da tutta l’Italia. La tre giorni si concluderà in piazza SS. Annunziata con il concerto gratuito di Sergio Sylvestre e la band fiorentina Street Clerks. A chiudere Dj set degli Elements of Life.
Decine gli appuntamenti inseriti nel programma della Notte Blu, la kermesse curata da Europe Direct Firenze che animerà il complesso delle Murate l’8 e 9 maggio. Due giornate di riflessione dedicate idealmente a Ernesto Balducci, fondatore della rivista “Testimonianze”, che vedrà susseguirsi una serie di incontri sui temi delle migrazioni e del dialogo interculturale. Parteciperanno, tra gli altri: Severino Saccardi e Simone Siliani, rispettivamente direttore e condirettore di Testimonianze, il demografo Massimo Livi Bacci, lo scrittore Mauro Ceruti, la filosofa Vittoria Franco, il direttore di Stamp Toscana Piero Meucci. Il 9 maggio la serata proseguirà con l’aperitivo alle 20.30 e, dalle 21.00, con la musica dell’Orchestra giovanile di Firenze dell’Accademia musicale diretta da Janet Zadow seguita dall’ esibizione dei Whisky Trail.
Il 4 maggio, il Teatro de La Compagnia ospiterà la proiezione di tre pellicole a tema Festival d’Europa, tutte ad ingresso libero: Miracolo a Le Havre di Aki Kaurismaki (ore 17.00), Welcome di Philippe Lioret (ore 19.00) e Europe she loves di Jan Gassmann (ore 21.00, anteprima toscana). Sabato 6 maggio dalle 16 alle 17.30, sempre a La Compagnia, spazio a “First Play”: 5 pièces teatrali sui temi legati all’Europa e al Parlamento europeo messe in scena da 5 cinque classi toscane. In giuria ci saranno: l’onorevole Simona Bonafè, l’onorevole David Maria Sassoli, l’assessora alle Relazioni Internazionali del Comune di Firenze Paola Concia e la direttrice di Fondazione Toscana Spettacolo Patrizia Coletta. La classe che si aggiudicherà la miglior performance avrà l’opportunità di volare a Strasburgo per una visita guidata ad una delle sedi del Parlamento Europeo. First Play è organizzato da Fondazione Sistema Toscana in collaborazione con Centrale dell’Arte, Controradio ed Europe Direct Firenze.
Fitto il calendario eventi proposto dall’Università di Firenze. Arriveranno nel capoluogo toscano 60 studenti di 28 università, una per ciascun Paese europeo. Dal 3 al 5 maggio si incontreranno presso la Scuola di Scienze Politiche per confrontarsi e intavolare un dialogo con rappresentanti delle istituzioni europee (edificio D15, aula 005 – Piazza Ugo di Toscana, 5 - ore 9.30). L’ iniziativa, che si svolge sotto l’alto patrocinio del Parlamento europeo, fa parte delle attività promosse dal Centro di Eccellenza Jean Monnet dell’Ateneo fiorentino, sostenuto dalla Commissione europea. La tre giorni sarà inaugurata da una lezione dell’ambasciatore Pasquale Baldocci, testimone diretto della firma dei trattati di Roma del 1957. Responsabile scientifico dell’iniziativa è Valeria Fargion, titolare di una cattedra Jean Monnet di Politiche dell’ Integrazione europea. Parteciperanno al confronto con gli studenti il rettore Luigi Dei, le europarlamentari Mercedes Bresso, Simona Bonafé e la Co-Chair dell’European Green Party, Monica Frassoni. Il convegno sarà chiuso da Roberto Gualtieri, presidente della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo. L’evento sarà preceduto dall’inaugurazione della mostra “Ever Closer Union - Un' Europa sempre più unita” (Biblioteca delle Scienze Sociali, ore 9.00), un’esposizione itinerante realizzata dagli Archivi storici dell'Unione europea per tracciare la storia dell'integrazione europea dalla firma dei Trattati di Roma a oggi. La mostra sarà aperta al pubblico dal 28 aprile al 12 maggio dal lunedì al venerdì con orario 8.30-19.00 e sabato dalle 8.30 alle 13.30.
Le iniziative dell’Università di Firenze proseguono con l’incontro “Generazione Erasmus, mobilità e ricerca: Unione Europea e Stati Uniti a confronto” in programma martedì 9 maggio al Polo di Scienze sociali (Edificio D15, Aula 05 – Piazza Ugo di Toscana, ore 14.30). All’iniziativa interverranno il prorettore alle relazioni internazionali Giorgia Giovannetti, Adelina Adinolfi docente di Diritto dell'Unione europea, cattedra Jean Monnet di Unifi, il direttore della sede fiorentina della Syracuse University, Sasha Perugini. Infine, “Dai trattati di Roma alla Brexit: quale futuro per l’Unione Europea”, è il titolo della lezione magistrale che il presidente dell’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, Renaud Dehousse, terrà venerdì 12 maggio al Polo delle Scienze sociali (Edificio D5 – Aula 0.10, via delle Pandette, 21 – ore 10). L’iniziativa è organizzata dal Dipartimento di Scienze giuridiche per iniziativa di Adelina Adinolfi e Chiara Favilli, docenti del corso di Diritto dell’Unione Europea. La lezione magistrale sarà introdotta dai saluti del direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche, Patrizia Giunti.
Da non perdere l’incontro promosso da Tia Europe e Liberi Cittadini dal titolo “Come l'Europa ci cambia la vita” in programma il 5 maggio alle ore 21 al Teatrino Società Machiavelli. Fra gli interventi programmati, Letizia Ciancio, responsabile del Dipartimento Politiche di Genere e della Famiglia per Liberi Cittadini, Valeria Fargion dell'Università degli Studi di Firenze, Alessio Morganti, senior partner di Morganti&Partners, Cristiana Muscardini, membro della Convenzione europea, Niccolò Rinaldi, presidente di Liberi Cittadini e Giusy Rossi, esponente del Movimento Federalista Europeo.
Il Festival d’Europa conferma il gemellaggio culturale con Fabbrica Europa, manifestazione giunta quest’anno alla sua XXIV edizione. Segnaliamo, infine, il workshop “EU Sight Workshop” in programma il 3 maggio dalle 10 alle 17 presso ZAP. L’incontro offre l’opportunità di formare 20 giovani sulle tecniche di storytelling di eventi per raccontare il Festival d’Europa alle nuove generazioni, http://www.lajetee.it/corsi-firenze/eu-sight-workshop/
Sempre nella sede di ZAP, il 10 maggio dalle 15 alle 21, si terrà EUROPA 1+1=1. Una performance di live painting urban artist sulle vetrate dello spazio con l'azione di due artisti come Ache77 e Jamesboys. Un Wor[l]d X.change dove il gruppo di scrittura EsseCíEffe, nato da una esperienza del progetto Erasmus, proporrà testi e pensieri sull'Europa da cogliere direttamente dalle fronde degli alberi di ZAP. Il Festival d’Europa proseguirà anche nelle settimane successive con il Programma Off. Tutti gli eventi su www.festivaldeuropa.eu. (fn)
28/04/2017 16.38 Comune di Firenze

Comune di San Casciano Turismo. Quattro comuni, un unico territorio per la promozione del Chianti
Bilancio dei primi mesi di attività di accoglienza svolta dagli info point. Strategie, progetti sperimentali, servizi. All’attivo due punti di forza: la gestione integrata degli info point e il piano di incoming per il 2017 Offrire l’essenza più profonda e genuina del Chianti, spingendosi oltre i confini amministrativi. Cogliere l’identità di una terra unica e unitaria che affida la propria ricchezza al patrimonio culturale di tante piccole grandi realtà, caratterizzata ognuna da storie, peculiarità, identità, tradizioni diverse. Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa: quattro comuni al timone di una nuova avventura nell’oceano delle scoperte e della conoscenza, legata alla cultura del viaggio che nasce dall’esperienza, dalla storia, dall’accoglienza di qualità e dai servizi mirati alle necessità del visitatore.

Per la prima volta le amministrazioni chiantigiane non solo attivano una rete condivisa e integrata nella gestione dei servizi di informazione, promozione e accoglienza turistica, ma progettano e realizzano azioni, piani strategici e interventi sperimentali per lo sviluppo della promozione territoriale del Chianti. L’obiettivo è quello di internazionalizzare l’anima e la vita del territorio, che gode già di un suo brand identificabile, qualificare e rendere competitiva l’offerta turistica del made in Italy. Una nuova visione del Chianti, innovativa, aperta, pronta a sostenere le sfide del futuro, che prova a riscrivere la propria storia, a ridisegnare la strada fisica e virtuale di connessione con l’Italia e l’estero partendo dal superamento dei propri campanili. Le linee geografiche perdono di significato per creare una meta unitaria: il CHIANTI.

I Comuni promotori della gestione integrata degli uffici turistici, affidata sulla base di una convenzione alla società Itur Società Cooperativa vincitrice di un bando pubblico, si mettono in rete per omogeneizzare, qualificare, potenziare i servizi turistici, in stretta collaborazione con gli operatori economici locali, e allo stesso tempo personalizzare l’esperienza del viaggiatore.

“Abbiamo avviato l’esperienza la scorsa estate - dichiarano i sindaci Massimiliano Pescini, Marcello Bonechi, David Baroncelli, Giacomo Trentanovi- ed ora entriamo nel vivo con la prossima stagione turistica. In questi mesi abbiamo lavorato assiduamente con il nuovo soggetto gestore del servizio, gli operatori e le strutture ricettive, con l’intento di unire forze e idee e condividere il progetto di una promozione coordinata del Chianti e delle sue importanti risorse. Una sinergia che rappresenta un ulteriore passo in avanti nella messa in rete di energie e risorse, puntando a dare continuità ai servizi già esistenti, anche attraverso il personale già impiegato, e ad altre iniziative tese a valorizzare i territori coinvolti in maniera unitaria. Fra queste ricordiamo il protocollo teso a promuovere un brand unitario dell’area senese e fiorentina, il regolamento comune per l’applicazione dell’imposta di soggiorno, adottato dal 2012 con buoni risultati, e il percorso già avviato per la costituzione del distretto rurale del Chianti”.

PIANO DI INCOMING 2017

Lo strumento più innovativo risiede nell’elaborazione di un piano di incoming, ovvero un modello economico finanziario, lavoro avviato nel 2017 e da sviluppare gradualmente nelle prossime annualità, che comprende attività off line e on line. La prima si rivolge soprattutto alle famiglie, alle scuole, ai piccoli gruppi e ai visitatori individuali. Oltre alla realizzazione di materiale informativo con l’offerta delle proposte e delle esperienze da far vivere nel Chianti, i Comuni si propongono di partecipare a fiere di rilievo internazionale nel settore delle città d’arte e del turismo attivo, confezionare percorsi e itinerari ed elaborare pacchetti turistici all inclusive, progettati in particolare per il viaggio green, ambientale e destinato al coinvolgimento delle famiglie. Le amministrazioni comunali intendono per la prima volta attivare uno specifico settore indirizzato al turismo scolastico. Il territorio si racconta agli studenti attraverso itinerari specifici, visite culturali, laboratori didattici incentrati sulla scoperta e sulla valorizzazione dell’artigianato locale, percorsi ambientali.

Sul fronte promozione on line il Chianti cercherà di conquistare più spazi e terreni web possibili assicurandosi la presenza sulle reti civiche, sui profili social di taglio turistico, nei canali web e social utilizzati da Itur. L'azione di promozione è la personalizzazione del viaggio, il racconto di una visita come strumento di coinvolgimento sensoriale che fa leva sui temi della memoria, delle sensazioni, delle emozioni di una visita che va oltre l’aspetto concreto del percorso e vuole lasciare traccia di sé nella memoria dell’esploratore. Il piano di incoming prevede importanti opportunità in cui i luoghi del Chianti, la bellezza, l’identità, la visione storica e lo sguardo verso il futuro abitano lo spazio virtuale e le azioni di marketing attraverso il racconto di chi il territorio lo ha vissuto e lo vive nella sua molteplicità di espressioni.

“Il piano di incoming del 2017 – dichiarano gli assessori Davide Venturini, Cristina Pratesi, Andrea Pucci e Roberto Ciappi- è soprattutto uno strumento volto a innovare e migliorare il nostro modo di comunicare e promuovere il territorio all’esterno puntando ad un maggior coordinamento tra i soggetti che operano in questo settore, ci concentreremo sullo sviluppo di proposte e attività progettuali che favoriscano la crescita del tessuto economico, legato all’accoglienza, al commercio, all’artigianato, alla ristorazione del Chianti”. Si fanno alcuni esempi di intervento. “Saranno individuati - spiegano – percorsi mirati ad evidenziare le potenzialità del territorio legate alle eccellenze delle produzioni vinicole ed olivicole, lavoreremo alla valorizzazione puntuale dei borghi storici e della loro vitalità culturale e del pregio delle emergenze architettoniche, siamo impegnati a dare forma ad un progetto di coordinamento delle aperture e degli orari di visita e accesso agli info point e ad alcuni beni culturali per migliorarne la fruizione e permettere una comunicazione più efficace, continueremo la nostra attività nella valorizzazione delle tipicità enogastronomiche e nella promozione delle risorse artigianali locali, utilizzando gli infopoint comevetrine del territorioe punti di promozione e vendita diretta dei prodotti. Al visitatore intendiamo offrire tutto ciò che il Chianti è in grado di dare, una visita che invita a tornare, il nostro obiettivo è allungare la permanenza del soggiorno e favorire la destagionalizzazione”.

NUOVE FRONTIERE DEL TURISMO INTERNAZIONALE

L’aspetto di maggior interesse, legato al brand Chianti, marchio riconoscibile e consolidato a livello internazionale, è quello che gioca sul binomio cultura-enogastronomia. I fattori di appeal del Chianti si muovono tra i tasselli di un mosaico pieno di tesori che al patrimonio artistico del territorio, costituito da spazi museali e siti archeologici, scorci, paesaggi e tradizioni, affiancano la qualità della vita e la genuinità della cucina locale. Le amministrazioni comunali decidono di spingersi oltre ed incrementare lo sviluppo di tipologie diverse di visita come l’ecoturismo, il turismo sportivo, il turismo religioso, il turismo di giornata. “C’è una riscoperta del turismo religioso, percorsi e cammini dedicati a figure storiche o personaggi spirituali in direzione di monumenti e luoghi di culto - aggiungono gli assessori - che intendiamo potenziare e diffondere nel Chianti, il nostro territorio è così ricco di testimonianze del passato, le origini dei numerosi borghi del Chianti sono strettamente legate alla presenza di chiese e pievi millenarie”.

BILANCIO DELL’ATTIVITA’ 2016: I NUMERI, LE PROVENIENZE, LE RICHIESTE

In quattro mesi di attività nel 2016, dall’apertura degli Info Point, avvenuta lo scorso agosto, i passaggi registrati presso i quattro uffici turistici ammontano a 5.387 passaggi, distribuiti in modo equo durante le ore di apertura mattutine e pomeridiane. Il numero maggiore di flussi è stato rilevato nel mese di settembre. Per quanto riguarda le provenienze è emerso che la maggior parte di turisti stranieri è giunta dalla Francia (1009), dalla Germania (869) e dall’Inghilterra (783). Considerevole anche la presenza dei turisti americani (519) e spagnoli (429), minore quella nord-europea (181) ed est-europea (74). E’ stato registrato un numero cospicuo di presenze italiane (609), soprattutto dalle regioni del nord e del centro. Numerosi anche i cittadini, provenienti dai comuni limitrofi, che utilizzano l’info point per raccogliere materiale informativo vario e per trarre informazioni sulle manifestazioni e sugli eventi del territorio.

Le informazioni maggiormente richieste negli infopoint riguardano i sentieri e luoghi in cui poter effettuare trekking (9,12 %). Rilevanti sono state inoltre le richieste relative alle manifestazioni in corso (7,26 %), gli orari di bus e treni (7,02 %), le strutture che propongono wine tasting (6,34 %) ed alcune informazioni di carattere generale sulla Toscana (6,26 %). In misura leggermente minore si contano le domande sulle attività sportive (2,78 %), sulla ricettività (2,74%).

Durante i mesi di apertura le telefonate sono giunte soprattutto dal resto d’Italia (32 %), da Firenze e provincia (24 %) e dalla Toscana in generale (22 %). Cospicue sono state anche le telefonate provenienti dai comuni dove hanno sede gli uffici (18%). Le informazioni richieste hanno riguardato le informazioni relative ai comuni (70,4 %) e alle manifestazioni in programma sul territorio (11,6 %). Ci sono state, inoltre, domande su strutture ricettive (6,3 %) e gli orari dei mezzi di trasporto pubblico (5,3 %); in minor numero si contano richieste relative a luoghi che propongono wine tasting (2,6 %) e aree in cui passeggiare (1,1 %) e praticare sport (0,5 %).

Gli operatori preposti alle attività presso gli uffici di informazione e accoglienza turistica hanno ricevuto una adeguata formazione in tre momenti formativi realizzati ad hoc.

PRESENZE TURISTICHE 2016

BARBERINO VAL D’ELSA: 142mila (2016), nel 2015 (più o meno lo stesso numero)

CASTELLINA IN CHIANTI: in fase di definizione (2016), 157milanel 2015

SAN CASCIANO: 152mila (2016), 142mila (2015)

TAVARNELLE: 172mila (2016), 159mila (2015)

GLI INFOPOINT DEL CHIANTI si trovano nelle seguenti sedi: BARBERINO VAL D’ELSA - Spedale dei Pellegrini, CASTELLINA IN CHIANTI – via Ferruccio, SAN CASCIANO - via Machiavelli, TAVARNELLE - piazza Matteotti.

www.barberinovaldelsa.net

www.comune.castellina.si.it

www.sancascianovp.net

www.comune.tavarnelle-val-di-pesa.fi.it

www.coopitur.com
28/04/2017 17.06 Comune di San Casciano
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - Gherardo Colombo e Anna Sarfatti a Bagno a Ripoli, martedì 2 maggio nella Sala Consiliare Falcone e Borsellino
Anna Sarfatti e Gherardo Colombo saranno a Bagno a Ripoli martedì 2 maggio 2017 per presentare il libro “Sono Stato Io! Una Costituzione pensata dai bambini”. L'appuntamento, organizzato nell'àmbito delle attività di “Bagno a Ripoli per l'istruzione”, è per le ore 17 nella Sala Consiliare Falcone e Borsellino, nel Palazzo Comunale, in piazza della Vittoria 1, a Bagno a Ripoli capoluogo. Saranno presenti il sindaco Francesco Casini e l'assessora alle politiche della scuola, cultura e biblioteca Annalisa Massari. Il volume, rivolto ai ragazzi e agli insegnanti, nasce da un progetto realizzato dall'ex-magistrato e costituzionalista in collaborazione con l'insegnante Licia Di Blasi e la scrittrice Anna Sarfatti, pensato per spiegare in modo semplice che cosa siano le regole e a cosa servano. L'iniziativa è aperta a tutti.
L'incontro con Gherardo Colombo rientra nel ciclo di interventi che il Centro di Documentazione Educativa (Cde) di Bagno a Ripoli, con la collaborazione dell'Anpi ripolese, organizza nell'àmbito della formazione alla legalità nel campo educativo. L'occasione quest'anno è data dall'uscita del nuovo libro dell'ex magistrato di Mani Pulite, sulla base di un esperimento didattico indirizzato a far sì che i bambini di una scuola primaria scrivessero le regole "costituzionali" della vita scolastica alle quali tutti avrebbero poi dovuto attenersi, una volta che fossero state democraticamente approvate. Ne è scaturito un progetto formativo di educazione alla cittadinanza, nel corso del quale tutti gli operatori hanno avuto l'occasione di riflettere e imparare, inseriti un cammino virtuoso di ricerca-azione, tipico dell'azione educativa quando è seriamente impostata. La collaborazione tra Gherardo Colombo e Anna Sarfatti dura da diverso tempo e questa non è che la fatica più recente che ci propongono.
"È un piacere accogliere nella sala consiliare dedicata a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino Gherardo Colombo, sempre attivo nell'educazione alla legalità sia nelle scuole sia in tutte le realtà locali – dicono il sindaco e l'assessora alla pubblica istruzione -. Il nostro Comune, sede di associazioni e fondazioni che operano in maniera importante nel campo del diritto e della cittadinanza, esprime la volontà di continuare su tale percorso, aprendo questa occasione all'intera comunità e ringrazia gli autori del testo per la loro disponibilità e l'Anpi per l'indispensabile e costante supporto."
Informazioni: Cde, tel. 055/6390.455/6, cde@comune.bagno-a-ripoli.fi.it; Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.
28/04/2017 10.07 Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

Comune di Empoli Nuovo ‘Castellani’, Brenda Barnini: «Occasione di rilancio per tutta Empoli»
«OLo stadio rientra nella operazione di cambiamento da noi intrapresa» Ieri, giovedì 27 aprile, l’Empoli FC ha protocollato in Comune la proposta di progetto per la ristrutturazione e il rifacimento dello stadio comunale ‘Carlo Castellani’.

La proposta prevede un importante intervento sull’impianto sportivo, la realizzazione ex novo di un impianto per l’atletica in zona Santa Maria, alcune modifiche alla viabilità nella zona del quartiere di Serravalle adiacente allo stadio che resta nella sede attuale.

Oggi, venerdì 28 aprile, il sindaco di Empoli Brenda Barnini ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione del progetto, avvenuta nella sala stampa ‘Antonio Bassi’, proprio al ‘Castellani’, tenuta dai vertici del club, il presidente Fabrizio Corsi e dall’ad Francesco Ghelfi.

RIVOLUZIONE AZZURRA - «Se a Firenze hanno presentato il progetto per il nuovo stadio come ‘Rinascimento Viola’, noi a Empoli vogliamo fare la Rivoluzione Azzurra – così Brenda Barnini, ha sintetizzato l’idea che sta alla base dell’inserimento della proposta dell’Empoli FC di rifare il ‘Castellani’ dentro a tutta una serie di altri interventi che mirano al rilancio della città e del suo centro -. Il progetto dello stadio – spiega – sta a pieno titolo nel percorso intrapreso da questa amministrazione che mira allo sviluppo della città e alla sua crescita economico-sociale. L’ambizione che assieme vogliamo coltivare deve andare a beneficio di Empoli. Il sindaco deve essere garante affinché questo progetto possa realizzarsi a servizio di tutti i cittadini».

MAI STATI CONTRO – «Sono molto felice di fare questa conferenza stampa dentro il nostro Stadio comunale. Dall’annuncio del club, nell’agosto 2015, sono trascorsi oltre 20 mesi. Un periodo lungo, un lavoro intenso dietro da parte della società. Come tutte le cose belle per realizzarle ci vuole tempo. Noi come amministrazione non siamo mai stati contro questo progetto, il nuovo stadio è una risorsa per la città. Volevamo però tenere i piedi per terra con il fine di intraprendere il percorso giusto. Ieri finalmente è stata protocollata la proposta e possiamo dare avvio all'iter».

SVILUPPO DELLA CITTÀ - «Empoli è una città che promuove lo sport a 360 gradi – ha sottolineato Barnini –. Tengo a ribadire, la pista d'atletica non era un problema del sindaco, ma un bisogno della città e delle associazioni che gravitano attorno al ‘Castellani’. Sono molto felice di aver visto nel progetto dello stadio anche la proposta di un nuovo impianto per l'atletica. Opere che si vanno ad aggiungere ad altre che questa amministrazione ha messo come sue priorità, non possono non citare la conclusione del tratto empolese della Strada Regionale 429, ma anche la strada che collegherà Empoli Est al polo tecnlogico di via Piovola, la circonvallazione a sud della città. E poi il Progetto di Innovazione Urbana che darà un nuovo volto agli spazi del centro storico. Sono tutte azioni per Empoli e per la sua crescita».

RISOLVERE VECCHI PROBLEMI - «Da ieri abbiamo in mano una proposta vera e concreta rispetto a cui l’amministrazione ha il diritto e dovere di rispondere e di dare un parere. Doveroso che il consiglio comunale si esprima con grande attenzione su questa proposta, non solo la giunta. Sono convinta che il nuovo stadio non sia un problema, ma anzi ci darà una mano a risolvere problemi vecchi di questa città, anche di viabilità in questa zona. Grazie alle ultime modifiche alla normativa sul codice degli appalti di fronte a queste proposte possiamo andare verso un procedimento semplificato della variante urbanistica. Abbiamo intenzione di dar vita a una discussione che speriamo possa svolgersi nei tempi più brevi possibili. A questa discussione dovranno partecipare però tutti i soggetti interessati: cittadini, imprese, commercianti e ambulanti. Il mercato ad esempio deve rimanere nella zona sportiva e non deve muoversi da qui. In questi dettagli entreremo in un momento successivo. Ma il percorso partecipativo sarà fatto in modo serio».

TEMPI – Il sindaco Brenda Barnini ha anche illustrato i tempi in cui verrà valutato il progetto: «Abbiamo, secondo la normativa, 90 giorni di tempo per valutare la proposta su due fronti. Quello interno ai nostri uffici per esaminare la proposta nella parte economico-finanziaria e urbanistica. Per farlo avremo bisogno di tecnici specializzati nella materia. Una volta concluse le operazioni di discussione e modifica si potrà dar via alla fase di stesura del progetto esecutivo. Quello che è stato presentato adesso è un progetto preliminare, uno studio di fattibilità. Contemporaneamente organizzeremo la gara pubblica. Chi ha presentato il project ha un diritto di prelazione, ma è un adempimento obbligatorio che andrà sicuramente fatto. Ribadisco il ruolo centrale del consiglio comunale, espressione di tutti i cittadini di Empoli».
28/04/2017 19.06 Comune di Empoli
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - L’astronomia e Firenze
Una scuola che guida verso il cielo, l'I.S.I.S. Gobetti - Volta di Bagno a Ripoli. Il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Firenze, l'Osservatorio Astrofisico di Arcetri – INAF ed il Liceo Scientifico dell'I.S.I.S. Gobetti - Volta di Bagno a Ripoli stringono un'alleanza per coinvolgere studentesse e studenti dell'area fiorentina in un progetto altamente innovativo che, primo in Italia, è stato subito accolto con entusiasmo dalle famiglie che hanno iscritto i loro figli al Liceo Scientifico per l'anno scolastico 2017/2018.
Le conoscenze e le competenze altamente qualificate dell'Osservatorio di Arcetri e del Dipartimento universitario fiorentino, che tengono viva la tradizione galileiana, saranno messe a disposizione di una "classe pilota" del Liceo Scientifico, che, a partire dal prossimo anno scolastico, potenzierà il suo quadro orario, fin dalla prima classe, con un percorso di eccellenza incentrato sull'astronomia. Grazie anche ai docenti interni del Liceo, la disciplina "astronomia", sarà sviluppata nell'ambito della fisica moderna, in sinergia con le altre materie scientifiche, ma non solo: in parallelo sarà approfondita con riferimento alla letteratura, alla filosofia e con il contributo di altre discipline quali informatica, inglese, storia dell'arte.
Nell'arco del quinquennio, grazie allo studio dell'astronomia, le studentesse e gli studenti del Gobetti - Volta avranno una visione approfondita del mondo della ricerca scientifica di base, ne comprenderanno l'importanza e acquisiranno un vero e proprio respiro internazionale, anche grazie alla collaborazione con i docenti del Dipartimento di Fisica e Astronomia e dell'Osservatorio che consentiranno di effettuare esperienze dirette nei luoghi europei in cui si svolgono le ricerche più avanzate, come ad esempio il Telescopio Nazionale Galileo.
La scuola intesa dunque come guida del cielo, affinché chi frequenta questa classe del liceo scientifico acquisisca una preparazione multidisciplinare scientifica ed umanistica, con tutti gli strumenti necessari per avvicinarsi alla ricerca e scrutare il cielo.
Una modalità moderna, completa e legata ad un sistema integrato teorico-pratico, con grande respiro culturale, che permetterà a studentesse e studenti di conoscere ed utilizzare davvero al meglio, anche con scopi professionali, quell'autostrada del cielo, tanto affascinante quanto complessa, che incrocia i nostri destini di oggi con le prospettive del futuro.
“Abbiamo aderito subito con entusiasmo alla proposta dei professori del Gobetti – Volta – dichiara Filippo Mannucci, direttore dell'Osservatorio Astrofisico di Arcetri (INAF) - perché si inserisce molto bene all'interno del nostro programma di comunicazione verso il pubblico e di formazione di studenti e insegnanti. Collaborare alla formazione scientifica degli studenti rientra nella mission dell'Osservatorio, in particolare ci interessa che gli studenti imparino cos’è il metodo scientifico e come si usa anche nella vita di tutti i giorni. L’Astronomia è una scienza che ben si presta allo scopo”.
“Sono molto orgoglioso che questa bellissima iniziativa trovi casa in una scuola del nostro territorio – dice il sindaco -. Sarà un'occasione unica per gli studenti, che potranno entrare in contatto e conoscere nel profondo una scienza che tratta forse la materia più affascinante, quello spazio che è ancora terreno da esplorare e di cui molto resta da scoprire. Ma potrà essere anche un'opportunità per il loro percorso di studi futuro e un indirizzo per la loro successiva formazione professionale. Ad accompagnarli avranno guide di eccezione: oltre ai loro insegnanti, l'equipe del Dipartimento di Fisica dell'Università di Firenze e dell'Osservatorio Astronomico di Arcetri. Le premesse ci sono tutte per augurarsi che il potenziamento di astronomia all'Isis Gobetti-Volta si radichi con un ampio successo di partecipazione”.
“Il progetto – dice il professor Paolo Boncinelli, che ne è il responsabile - si inserisce nel quadro della pluriennale attività di approfondimento svolta dalla nostra scuola nel campo dell’Astronomia, iniziata nel 2010 con lo svolgimento del primo corso di “Laboratorio di Astronomia”, e proseguita negli anni successivi con numerosi altri progetti, fra i quali spicca “Luce dalle stelle”, cofinanziato dal MIUR e svolto in collaborazione con l’Osservatorio di Arcetri e il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze. Siamo quindi orgogliosi e insieme responsabilmente determinati nel portare avanti questo nuovo progetto, insieme di avanguardia e di eccellenza, che mira ad istituzionalizzare tale attività e a renderla organica all’offerta formativa della scuola.”
“Il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze – dice il direttore Alessandro Marconi - insieme all'Osservatorio Astrofisico di Arcetri, ha collaborato all’ideazione del nuovo percorso di studi e sarà coinvolto nella didattica per l’intero quinquennio. I ricercatori terranno lezioni e seminari per approfondire gli aspetti teorici delle discipline del percorso e presenteranno agli studenti i risultati degli studi e le scoperte fatte. Inoltre, li guideranno nelle esperienze pratiche presso gli osservatori astronomici”.
28/04/2017 13.11 Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

Città Metropolitana di Firenze 'Il coraggio di vivere': i Saharawi nelle immagini di Domenico Costanzo
Presentato il nuovo docufilm del regista fiorentino Mercoledì 26 aprile, nella sala Gigli del Palazzo del Pegaso a Firenze, presso il Consiglio Regionale della Toscana, è stato proiettato ill docufilm “Il coraggio di vivere”, regia di Domenico Costanzo, prodotto dall’associazione 'Sahara libero onlus', in occasione del il 30°anniversario del gemellaggio tra Pontassieve e Tifariti, con l'intervento di Bullahi Mohamed Fadel Sid, Ministro della Cooperazione della Repubblica Saharawi.
Domenico Costanzo, in servizio presso la Città Metropolitana di Firenze, è riuscito a proporre in immagini le domande e le attese dei Saharawi, a partire dai bambini, che accompagnano il suo viaggio tra i profughi le cui terre sono state occupate dal Marocco.
Alla proiezione è intervenuto il Presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani. L’evento, promosso dal Consiglio regionale e dall’Aiccre, è stato aperto dai saluti di Giani e da Ilaria Bugetti, consigliera regionale e segretaria Aiccre Toscana. Alla cerimonia presenti la consigliera regionale Alessandra Nardini; Monica Marini, sindaco di Pontassieve; Demaha Mohamed Maati, sindaco di Tifariti, Repubblica Saharawi; Omar Mih, ambasciatore della Repubblica Saharawi.

In allegato: alcune immagini della presentazione
28/04/2017 13.39 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Lastra a Signa Lastra a Signa: Bibliocult continua
Venerdì 5 maggio “Da Marinella a Princesa”, appuntamento con le donne cantate da Fabrizio de Andrè La serata, che vedrà alternarsi letture, musica e immagini, è curata da Mauro Marzi in collaborazione con ANPI e Lastraonline

Chi erano le donne protagoniste delle canzoni di de Andrè? C’è un’intera serata per rispondere a questa domanda: venerdì 5 maggio alle 21.15 presso la Biblioteca comunale è in programma “Da Marinella a Princesa – le donne cantate da Fabrizio de Andrè”. L’evento vedrà alternarsi letture, musica e immagini ed è curato da Mauro Marzi in collaborazione con la sezione ANPI “Bruno Terzani” di Lastra a Signa e il portale web Lastraonline.

Durante l’iniziativa, che rientra nella rassegna Bibliocult di maggio, gli appuntamenti culturali per adulti e bambini promossi dalla biblioteca comunale di via Togliatti, e che è nata da un percorso di ricerca di Mauro Marzi, saranno proiettati video e immagini dedicati alle 14 donne cantate da de Andrè. Al microfono, per le letture e gli approfondimenti che accompagneranno la parte video, ci saranno lo stesso Marzi e la poetessa e operatrice culturale Roberta Degl’Innocenti. Per informazioni è possibile chiamare il numero 055 3270124
28/04/2017 11.41 Comune di Lastra a Signa
Comune di Firenze Firenze: scavo urgente Enel, restringimento di carreggiata all’incrocio tra via Lorenzo il Magnifico e via Leone X
Venerdì 28 aprile Per uno scavo urgente di Enel a seguito di un guasto è stato istituito un restringimento di carreggiata all’incrocio tra via Leone X e via Lorenzo il Magnifico. Disponibile una sola corsia in entrambe le strade. Si stanno registrando rallentamenti della circolazione nella direttrice piazza della Libertà-viale Strozzi. I lavori termineranno nel pomeriggio. (mf)

28/04/2017 11.59 Comune di Firenze
Comune di Empoli ‘Bill Viola: dialogo tra Rinascimento e modernità’, se ne parla agli Agostiniani di Empoli
L’ iniziativa fa parte del ‘Fuorimostra’ dell’esposizione in corso a Palazzo Strozzi ed è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze nell’ambito del progetto Piccoli Grandi Musei. Giovedì 3 maggio, alle 17.30 Mentre ‘Sharon’, celebre video installazione di Bill Viola, fa bella mostra di sé all’ombra della Collegiata di Sant’Andrea di Empoli, grazie al ‘Fuorimostra’ dell’esposizione in corso fino al 23 luglio a Palazzo Strozzi di Firenze ‘Bill Viola. Rinascimento elettronico’, un altro importante appuntamento culturale e di approfondimento è in programma al Cenacolo di Santo Stefano degli Agostiniani. Giovedì 3 maggio alle 17.30, inserita nel progetto Piccoli Grandi Musei della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, è prevista la seconda conferenza dal titolo ‘Bill Viola: dialogo tra Rinascimento e modernità’. Relatrici Cristina Gnoni e Ludovica Sebregondi. La prima è funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato; la seconda è curatore di Palazzo Strozzi.

Nella conferenza di giovedì prossimo l’attenzione sarà rivolta allo stretto rapporto tra l’artista americano e l’arte del Rinascimento. Bill Viola, infatti, ha lavorato tra il 1974 e il 1976 a Firenze, presso art/tapes/22, uno dei primi studi in cui si andavano sperimentando le possibilità della videoarte.

Quel periodo si è rivelato, nel tempo, fondamentale per l’arte di Viola, che in quegli anni non solo scoprì l’arte del Rinascimento, ma vide come essa permeava di sé la quotidianità.

Nello specifico le due relatrici si soffermeranno sulle suggestioni che due artisti intimamente legati a Empoli, Masolino e Pontormo, hanno esercitato su Bill Viola, in particolare nella realizzazione di Emergence e The Greeting.

Entrambe le opere sono ora esposte a Palazzo Strozzi poeticamente affiancate ai loro modelli, il Cristo in Pietà di Masolino, proveniente dal Museo della Collegiata di Empoli, e la Visitazione del Pontormo conservato nella Chiesa di San Michele a Carmignano.
28/04/2017 13.30 Comune di Empoli
Firenze Fiera La console USA in visita alla Mostra dell'Artigianato
Domenica il raduno di Harley Devidson alla Fortezza La Console Generale degli Stati Uniti a Firenze Abigail M. Rupp ha visitato nel pomeriggio di ieri (venerdì) la mostra. Nello spazio dedicato agli Stati Uniti al piano interrato del Padiglione Spadolini, la Console è stata ricevuta dai rappresentanti di Firenze Fiera e ha poi incontrato Alessandro Martire, avvocato presso l’Alto Commissariato dei Diritti dell’uomo di Ginevra della Nazione Lakota-Sioux di Rosebud. Abigal M. Rupp ha ammirato gli oggetti e i manufatti delle popolazioni dei nativi americani esposti in mostra della preziosa collezione di Martire che ha omaggiato la Console con una collana artigianale, manufatto dalle popolazioni indigene.

“La mostra dell’artigianato è sempre un bell’evento e per me è come sentirsi un po’ a casa” ha commentato la console americana davanti ai capi di abbigliamento ed altri manufatti americani. Nel corso della giornata (domani) altre iniziative a Stelle e Strisce comprendono un Music Truck nel piazzale delle ghiaie con performance dal vivo lungo tutto l'arco del giorno. A partire dalle 17 e fino a chiusura, nello spazio al piano inferiore del Padiglione Spadolini ballo Country con i gruppi di linedance 4 Jumps e Country River a cura di Lourdes Echavarria e Stefano M. Cruciani di Messico e Nuvole, storici importatori fiorentini di artigianato dalle Americhe.

Fra le altre iniziative in programma domani (sabato) ritorna a grande richiesta lo Workshop sul Fumetto di Elena Triolo di Carote e Cannella (14,00-16,00- 17,00-19,00) al Padiglione Nazioni, perché come spiega Elena, "il fumetto è anch’esso un prodotto molto artigianale, che dà la possibilità a tutti di lasciar correre la propria fantasia per creare fantastiche storie e racconti!"

Alle 17,00 l’immaginifico artista Giampaolo Talani alla Polveriera, all’interno dell’iniziativa ORI E TESORI, terrà una conversazione sul tema “Quando un artista si avvicina all’Arte Orafa”.

Per gli appassionati di motori l'appuntamento in fiera è per domenica quando la mostra accogliera' le possenti bicilindriche di Milwaukee. Grazie alla cooperazione tra Firenze Fiera e il Chapter HOG di Firenzei motociclisti su moto Americane Harley Davidson avranno ingresso libero e parcheggio gratuito all'interno della Fortezza a partire dalle 11 del mattino. Il Ristorante American Diner offrira' un drink a tutti i partecipanti. Il divertimento è garantito!
28/04/2017 18.14 Firenze Fiera
Regione Toscana Francesco Guasti, da "Toscana 100 band" a Sanremo
L'incontro in Regione con il presidente Rossi "Per me è un onore ricevere questo disco. Grazie davvero Francesco. "Toscana 100 band" è stato un bellissimo progetto, che ha avuto una risposta straordinaria, un progetto con il quale abbiamo aiutato i giovani che vogliono fare e produrre musica. Il successo di Francesco è la dimostrazione che dobbiamo ripetere questa iniziativa". Queste le parole con cui il presidente Enrico Rossi ha accolto stamani in Palazzo Strozzi Sacrati il cantante Francesco Guasti, che gli ha consegnato il suo cd, "Universo".

Di origine pratese, Francesco Guasti si è piazzato al terzo posto nell'ultima edizione del festival di Sanremo, sezione nuove proposte, con la canzone "Universo", con la quale il cantautore ha voluto inviare ai giovani della sua generazione un messaggio di speranza. "Sì, la canzone che ho scritto parla di speranza - ha detto Francesco nel colloquio con Rossi - Ai giovani dico che bisogna credere nei proprio sogni e nei propri valori. Dobbiamo avere sempre sogni più grandi delle nostre vite".

Il trentaquattrenne cantautore pratese è stato uno dei giovani premiati della prima edizione del progetto regionale "Toscana 100 band" (una delle iniziative di Giovanisì, il progetto dela Regione Toscana per l'autonomia dei giovani), concorso al quale avevano partecipato quasi 750 progetti. Guasti era stato premiato con un assegno di 5.000 euro e cinquanta ore di corso di formazione con esperti e addetti ai lavori: un percorso che lo ha condotto fino al palco dell'Ariston dopo una lunghissima selezione. "Ringrazio la Regione Toscana per questo progetto - ha detto Guasti - Non è così scontato investire nella musica emergente, ed è bello che un'iniziativa così sia partita proprio dalla Toscana, la mia regione. La musica di solito viene considerata un hobby, invece è un lavoro vero. Il festival di Sanremo mi ha dato popolarità, ma c'è sempre da rimb occarsi le maniche".

"Dobbiamo assolutamente reiterare il progetto "Toscana 100 band" - ha detto Rossi - per dare possibilità ai giovani di esprimersi in modo creativo. I giovani, quando va bene hanno un lavoro precario, saltuario, che non corrisponde alle loro potenzialità. Quando va male, il non lavoro, la disoccupazione. Se teniamo fuori un'intera generazione dalla vita sociale, culturale, economica, è come condannarci a non avere futuro. Noi adulti dobbiamo avere il coraggio di farci da parte e aiutare una nuova generazione a emergere".

Francesco Guasti, ultimo di cinque figli, fa musica fin da piccolo, ha cominciato a suonare la batteria a 6 anni. Ha una band che lo supporta, ma è un cantante solista. Il 12 maggio sarà in concerto a Firenze, alle Murate, poi in giro per l'Italia: Sicilia, Puglia; il 20 maggio al Salone del libro a Torino. E il 2 maggio terrà un concerto con altri al teatro Pacini di Fucecchio, per il progetto "Amatrice 2.0", in sostegno alle popolazioni delle zone del terremoto.
28/04/2017 18.01 Regione Toscana

Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana Triokola, in anteprima a Firenze il documentario di Leandro Picarella
Cinema La Compagnia, mercoledì 3 maggio, ore 21.00 Alla presenza del regista e di Andrej Andreevic Tarkovskij
Una 'riflessione visiva' sulla vita e il suo mistero dell'impalpabile, che prende spunto dal paesaggio siciliano di Caltabellotta, sorta sulle rovine della città greca Triocala
Sarà proiettato in anteprima toscana, mercoledì 3 maggio (ore 21.00), al cinema La Compagnia di Firenze, Triokala, il documentario di Leandro Picarella.
Ad ispirare il film, un angolo dell'estremo sud della Sicilia, Caltabellotta, cittadella arroccata sulle rovine dell'antica città greca di Triocala (tre cose belle), luogo che deve il suo nome ai tre doni ricevuti da Madre Natura: la fertilità delle sue campagne; l'abbondanza delle sue acque; la posizione geografica in cima ad una montagna, spesso avvolta dalla nebbia che la rende luogo inespugnabile e protetto da ogni male.
Triokala restituisce sul grande schermo un paesaggio incantato e immoto, i suoi silenzi, che corrispondono al paesaggio interiore degli abitanti di un mondo intriso di magia, religione e superstizione.
Un film a metà tra realtà e finzione, in cui alle riprese di tipo documentaristico si alternano quelle ideate dal regista, che propone una 'riflessione visiva' sulla vita e sul suo mistero dell'impalpabile, con l’intento di realizzare un film in cui la religiosità e la spiritualità del luogo fa da contorno alla storia umana.
Il film, esordio alla regia dei Leandro Picarella, ha ottenuto la Menzione Speciale a Visions du Réel, festival internazionale del cinema di Nyon, sezione Regard Neuf; è stato presentato al Filmmaker Festival di Milano, dove ha vinto il premio Movie People; al IsReal, Festival del Cinema del Reale di Nuoro, dove si è aggiudicato il premio della Giuria Giovani.
Alla proiezione, a presentare il film, interverrà insieme al regista Andrej Andreevich Tarkowskij (presidente dell'Andrej Tarkowskij International Institute).
Ingresso: 6 euro, ridotto 5
Triokala, è stato realizzato e prodotto da Centro Sperimentale Cinematografia Production, su incarico della Sede Sicilia, grazie al contributo della Regione Siciliana, Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo, Ufficio Speciale per il cinema e l'Audiovisivo/ Sicilia Film Commission, nell'ambito del Programma "Sensi Contemporanei per il Cinema e l'Audiovisivo".
28/04/2017 11.16 Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana
Comune di Fucecchio Fucecchio torna puntuale “E…state in Comune”
Progetto di continuità educativa nel periodo estivo per ragazzi Il Comune di Fucecchio propone anche quest'anno "E...state in Comune", progetto di continuità educativa nel periodo estivo per ragazzi residenti nel Comune di Fucecchio di età compresa tra i 15 ed i 25 anni compiuti.
Il progetto prevede esperienze di tirocinio, di attività educative e di volontariato in vari servizi comunali, come i servizi educativi, culturali, amministrativi e nelle associazioni del territorio.

Alcuni posti verranno riservati a ragazzi che hanno preso parte a percorsi educativi individualizzati.

Per gli altri posti verrà data priorità a chi non ha mai partecipato all'iniziativa e a chi partecipa quest'anno per la prima volta.

Tutti i ragazzi partecipanti al progetto dovranno partecipare ad alcune ore di formazione durante la seconda metà di giugno secondo il calendario che verrà consegnato durante il colloquio di selezione.

E' previsto un rimborso spese per tutti i partecipanti.
A partire da giovedì 13 Aprile sono disponibili i moduli di iscrizione presso lo Sportello InformaGiovani di Fucecchio o scaricabili dal sito internet www.informagiovanivaldarno.it e www.comune.fucecchio.fi.it o dalla pagina Facebook.

Il modulo debitamente compilato potrà essere riconsegnato dalle ore 15,00 del giorno 4 Maggio alle ore 13,00 del 12 maggio.
Il giorno 4 Maggio, giorno di riconsegna delle iscrizioni, a partire dalle ore 15,00 verrà distribuito a ciascuna persona un numero che corrisponderà all'ordine d'iscrizione.

E' possibile la consegna contemporanea di più moduli di iscrizione da parte della stessa persona solo se si tratta dei propri figli.

Coloro che arriveranno prima delle ore 15, 00 sono invitati a disporsi autonomamente in fila. L'organizzazione non è responsabile di eventuali disguidi.

Per maggiori informazioni, ritiro e consegna dei moduli: Centro InformaGiovani & Servizi per l'Impiego Piazza La Vergine, 21 – Fucecchio tel. 0571.23331

Orario di apertura: mattina: lun. mar. gio. ven. ore 10.00-13.00; pomeriggio: mar. e gio. ore 15.30-19.00
28/04/2017 10.11 Comune di Fucecchio
Città Metropolitana di Firenze Viabilità, masso sulla Sr 302 nei pressi di Razzuolo
I tecnici della Città Metropolitana a lavoro per la rimozione e la verifica dell'evento franoso, per prendere provvedimenti ai fini della sicurezza dei cittadini Questa mattina, intorno alle 6, al km 44 della Sr 302 (Faentina), nei pressi di Razzuolo, è caduto un masso di grosse dimensioni, senza provocare danni a persone e veicoli. Carabinieri e operatori della Città Metropolitana sono intervenuti sul posto ed è stato rimosso il masso. In particolare è stata condotta un'ispezione dca parte del personale del Centro operativo di Marradi che ha rimosso anche alcuni detriti residui.
Al momento nello stesso sito non si riscontrano altre criticità, tuttavia i tecnici della Metrocittà stanno verificando l'entità di un eventuale movimento franoso e la sua collocazione sul versante di montagna, per prendere i più opportuni provvedimenti ai fini della sicurezza dei cittadini.
28/04/2017 19.23 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Borgo San Lorenzo - Ufficio stampa Laboratori “Fuoriclasse” già tutto esaurito a “Mugello da Fiaba”
Terminate ancora prima del via ufficiale le disponibilità per i laboratori dedicati alle scuole Da martedì 9 a domenica 14 Maggio Villa Pecori Giraldi, a Borgo San Lorenzo, prende il via “Mugello da Fiaba” il Festival per bambini e ragazzi che quest'anno avrà per tema “Gli animali nelle fiabe”.

Il Festival si apre quest'anno martedì 9 Maggio con un'inaugurazione (alle ore 10:00) dedicata alle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria e superiore di Borgo San Lorenzo e del Mugello, e con il via! ufficiale al “Fuoriclasse” attività educative gratuite di tipo laboratoriale che proseguiranno fino al venerdì che quest'anno hanno già raggiunto il “tutto esaurito ben prima dell'inizio dell'evento. Una grande soddisfazione per questa iniziativa che vedrà, solo nei laboratori, la partecipazione di oltre 900 alunni, grazie all'importante sinergia con le scuole del territorio e con la partecipazione attiva dell'Istituto Superiore "Chino Chini" di Borgo San Lorenzo.
Il Festival, iniziativa dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Borgo San Lorenzo, giunge nel 2017 alla sua terza edizione, ancora più ricca e articolata, e con una durata maggiore rispetto agli anni precedenti: un impegno ancora più grande per gli organizzatori, primi fra tutti i volontari della ProLoco di Borgo San Lorenzo, che vengono però ripagati dalla soddisfazione dei tanti partecipanti (l'anno scorso sono stati ben 30.000!).
Insomma, anche per il 2017 “Mugello da Fiaba” propone tante novità e iniziative, in un'edizione più lunga e più densa di eventi, sempre comunque ad ingresso gratuito!
Mugello da Fiaba è un Festival per bambini e ragazzi del Comune di Borgo San Lorenzo organizzato dalla ProLoco di Borgo San Lorenzo con la direzione artistica di Serena Pinzani, autrice dell’omonimo libro di fiabe da cui il festival prende il nome, con la collaborazione del Centro di Riuso Creativo - ReMida. Il Festival gode del patrocinio della Regione Toscana, del Consiglio Regionale Toscano, dell'Unione Montana dei Comuni del Mugello e della Città Metropolitana di Firenze, e del sostegno di Mukki, Fondazione Cassa di Risparmio, Toscana Energia, Mediolanum, Fila, Caf, Banco Fiorentino, River Auto, Estote Misericordia, Centro Commerciale Naturale Borgo San Lorenzo, Assiboni, Fasep, Parigieoltre, Kartidea, Rotary Club.

(Fonte: Ufficio Stampa Mugello da Fiaba)

28/04/2017 13.58 Comune di Borgo San Lorenzo - Ufficio stampa
Comune di Montelupo Fiorentino 100 mila orti in Toscana: dalla Regione in arrivo un finanziamento di 50.000 euro
Il comune di Montelupo ha risposto a un bando pubblico posizionandosi al decimo posto della graduatoria. Grazie a tale progetto sarà possibile dare una risposta a tante richieste dei cittadini L’orto urbano, o sociale, che dir si voglia ha un valore rilevante per un territorio; da un lato permette di dare risposte alle esigenze di persone economicamente svantaggiate, dall’altro costituisce un forte elemento di aggregazione.

Nel territorio di Montelupo Fiorentino è già attiva l’esperienza degli “orti sociali” dal 1996.
Ne esistono 15 e sono situati nella frazione di Camaioni, sull’argine del fiume Arno.

I singoli appezzamenti sono abbastanza grandi. Inizialmente ciascun orto era di circa 350 mq, successivamente alcuni sono stati suddivisi e la situazione attuale è di 11 orti da 350 mq e 4 da 150 mq

Il target tipico di “ortista” è stato fino a oggi il pensionato con un’età fra i 55 e i 56 anni, residente a Montelupo in grado di occuparsi personalmente dell’orto.

L’ultimo orto è stato assegnato nel 2011 poi il comune ha deciso di non proseguire per due ragioni: il terreno si è rivelato inadeguato e franoso e sono state presentate lamentele per le casette create dagli ortisti per il ricovero degli attrezzi.

Tuttavia, il comune continua a ricevere richieste; è però cambiata la tipologia di persone: accanto ai pensionati, ci sono disoccupati e inoccupati, giovani e anche alcune donne rimaste senza lavoro.

Da qui è nata l’idea di individuare una nuova area e di rispondere alla chiamata della Regione per “100mila Orti in Toscana” con il progetto denominato “Colture Urbane”.

“Per molto tempo il modello adottato ha risposto ai bisogni della cittadinanza: la domanda di spazi da coltivare arrivava prevalentemente da pensionati giovani che desideravano impiegare in maniera “produttiva” e all’aria aperta il loro tempo.

Negli ultimi dieci anni abbiamo assistito a un progressivo mutamento della popolazione, delle esigenze delle persone e anche dell’approccio nei confronti dell’agricoltura e soprattutto in merito alla situazione occupazionale. Non è un caso, che la domanda di avere uno spazio di terra da coltivare arrivi anche da disoccupati, inoccupati e donne. Diventa pertanto prioritario per l’amministrazione proporre nuovi modi di aggregazione e conoscenza fra le persone e ripensare in tal senso anche la forma di gestione degli orti urbani”, spiega l’assessore alle Politiche sociali, Marinella Chiti.

IL PROGETTO.

Il Comune di Montelupo ha scelto di realizzare gli orti urbani in una nuova zona, con logiche molto diverse rispetto all’esperienza precedente, che ha dimostrato i limiti e l’inadeguatezza a rispondere ai bisogni attuali.

L’intervento proposto insiste su di un’area collocata nella zona di Fibbiana, di proprietà comunale di oltre 2800 mq, dove saranno realizzati 20 orti urbani di 45 mq.

Si tratta di appezzamenti rettangolari di terreno destinati alla produzione individuale e familiare. In comune tra due appezzamenti sarà assegnata una casetta in legno da usare come ripostiglio.

Oltre agli orti, nell’area si troveranno spazi e attrezzature comuni.

Un giardino di circa 800 mq, Si trova al confine con una proprietà privata e con la zona sportiva e ha un duplice scopo: quello di allontanare dal confine gli orti individuali, e quello di creare ambienti favorevoli allo svolgimento di attività terapeutiche e didattiche.
Una zona con spazi di socializzazione e incontro
Orti terapeutici e orti didattici

Gli interventi strutturali andranno di pari passo con azioni di coinvolgimento delle associazioni al fine di individuare eventuali soggetti interessati alla gestione. Per l’assegnazione degli spazi sarà pubblicato un vero e proprio bando.

L’obiettivo dell’ente è quello di dare gli spazi disponibili a diverse tipologie di destinatari: giovani under 35, anche riuniti in associazioni o gruppi, disoccupati e inoccupati, soggetti svantaggiati (nell’ambito di progetti concordati con operatori del settore) e in parte residuale adulti e anziani.

L’assegnazione degli orti sarà accompagnata da iniziative quali incontri di formazione sull’agricoltura, scambio di saperi fra generazioni, attività didattiche con le scuole, un’area da destinare a orto terapeutico per progetti specifici che coinvolgeranno persona disagiate, l’apertura al pubblico dello spazio.

Tali progetti saranno avviati anche grazie al coinvolgimento delle associazioni del territorio, già contattate anche nella fase di stesura del progetto.
28/04/2017 11.35 Comune di Montelupo Fiorentino
Comune di Empoli Empoli. Al campo di Marcignana vola la 27a ‘Festa dell’elicottero e aerei radiocomandati'
Lunedì 1 Maggio, dalle 10 alle 18, via provinciale Lucchese Presenti i migliori piloti italiani di aeromodelli ed elicotteri comandati a distanza

Elicotteri, aerei a turbina, aerei con motore a scoppio, aerei elettrici, auto fuoristrada e non solo. Questo e molto altro alla ventisettesima edizione della ‘Festa dell’elicottero e aerei radiocomandati’ che lunedì 1 maggio 2017, dalle 10 alle 18, voleranno al campo di volo in località Marcignana, a Empoli, via provinciale Lucchese.

Fantastiche evoluzioni sotto gli occhi di tutti gli spettatori con i migliori piloti italiani di aeromodelli e elicotteri comandati a distanza, con la possibilità di radiocomandare un aereo in tutta sicurezza con l'aiuto di un istruttore.

Grandi e piccini, nessuno escluso, potranno provare il brivido di pilotare.

Anche quest’anno stand gastronomici per rifocillarsi durante l’intera giornata, così come non mancheranno i simulatori di volo sui computer. E tante attività per i più piccoli. La giornata si concluderà con una fantastica e ricca lotteria con premi a tema e non solo.

L’iniziativa è organizzata tradizionalmente dal Gruppo Aeromodellistico Empolese, col patrocinio del Comune di Empoli. Il Gae invita “tutti coloro che vorranno trascorrere una giornata straordinaria all’insegna del Modellismo e del divertimento”.
28/04/2017 10.04 Comune di Empoli
Comune di Figline e Incisa Valdarno Figline Incisa. Strade, sicurezza idraulica, ciclopista: in partenza 5,4 milioni di opere
Proseguono interventi su edilizia scolastica e illuminazione pubblica. Avanti anche con Variantina e Lambruschini Molti i lavori in partenza nelle prossime settimane a Figline e Incisa Valdarno, dove l’Amministrazione sta investendo sia sulle manutenzioni (strade, marciapiedi) sia su opere straordinarie (sicurezza idraulica Ponterosso, ciclopista”) per un totale di 5.405.600 euro.

“Le opere partite in queste settimane, così come quelle che inizieranno a brevissimo – spiega la vicesindaca Caterina Cardi – sono il frutto di una programmazione che non si è mai interrotta e che, anzi, cerca di tenere un ritmo molto alto per approfittare appieno dei benefici della fusione dei comuni. Tutti questi investimenti non riguardano solo le cosiddette grandi opere come la Variantina alla SR 69 e il Centro polifunzionale Lambruschini, che comunque troveranno nel 2017 il loro anno di svolta, ma tutta una serie di lavori che contribuiscono a mantenere alta la qualità della vita nella nostra città: scuole, strade, edifici pubblici sono costantemente monitorati, perché la più grande opera che possiamo realizzare è prenderci cura del nostro territorio ogni giorno”.

STRADE (120mila euro): i lavori per il rifacimento di alcune strade bitumate della città sono in fase di consegna e prevedono un investimento di 120mila euro. In 120 giorni la ditta Bindi Strade interverrà con varie opere su: via Pistelli (lato torrente), via di Norcenni (vari tratti), via Golfonaia (vari tratti e risanamenti), via Fratelli Rosselli-Matassino (tratto lato scuola e lato banca), via Lavagnini-Matassino (vari tratti), via Berlinguer-Matassino (vari tratti), piazza Caduti Pian d’Albero (risanamenti e nuovo tappeto nelle corsie del parcheggio), via Barducci (vari tratti), piazza Bonechi, via Fratelli Rosselli-Incisa (risanamenti), via Grandi (tappeto usura), zona Barberino-Incisa (risanamenti e tappeto usura), via Fratelli Cervi-Incisa (riprese varie), via Amendola-Incisa (tappeto usura), via Gaville (zona Borghetta e zona cooperativa), strada Gaville-Ponte Stolli (risanamenti vari), piazza Baden Powell (risanamenti e tappeto usura), piazzetta Poggio alla Croce, Bifolcheria.

MARCIAPIEDI (120mila euro): i lavori partiranno il 3 maggio e dureranno 120 giorni, per una spesa di 120mila euro. A curarli sarà la ditta Valdarno Strade, che si occuperà sia dell’abbattimento delle barriere architettoniche sia della realizzazione di nuovi tratti di marciapiede, nell’ottica di collegarli con quelli già esistenti e garantire quindi la sicurezza dei pedoni. Rientrano in quest’ultima categoria gli interventi previsti in via Benelux e in via Petrarca-Figline, dove sarà completato il collegamento con lo stabilimento ex Pirelli. Saranno invece interessati da manutenzioni e risanamenti via Roma-Figline (tratto Ponterosso), via Valdossola (lato scuola), via del Poggiolino, via Rosselli-Matassino, via Urbinese, via Pisacane, via Volta, piazza Salvo D’Acquisto e la zona di Barberino-Incisa. Inoltre, il programma di lavori prevede anche il risanamento della carreggiata nei tratti stradali particolarmente danneggiati (per evitare la formazione di ristagni di acqua piovana) e l’introduzione di scivoli in prossimità degli attraversamenti pedonali.

CICLOPISTA (487mila euro): Il progetto della Ciclopista dell’Arno è l’itinerario ciclopedonale che la Regione ha progettato per favorire la mobilità sostenibile in Toscana. Tra tutti i Comuni interessati dal passaggio della ciclopista, quello di Figline e Incisa Valdarno è stato il primo a presentare il progetto esecutivo e ad ottenere un finanziamento regionale di 437mila euro. Nello specifico, per Figline e Incisa la realizzazione del progetto significa ottenere un collegamento ciclabile tra i centri abitati di Figline, Incisa e Matassino, con particolare attenzione per le due stazioni ferroviarie, l’autostazione ed i principali punti di interesse della città come scuole, aree verdi, centri di aggregazione.

I lavori saranno consegnati alla ditta il 2 maggio e, inizialmente, interesseranno la realizzazione del percorso ciclabile da piazza Danimarca proseguendo su via Portogallo, via Irlanda, via Di Vittorio e via Brodolini per circa 1,5 km nella zona industriale di Figline. Per non creare disagio ai lavoratori delle aziende della zona, già nei prossimi giorni il Comune riorganizzerà i parcheggi dell’area aumentando i posti auto a disposizione. I lavori, che riguardano anche la sistemazione dei tratti di ciclopista che corrono lungo gli argini dell’Arno (da San Giovanni a Figline e da La Massa alla stazione Fs di Incisa), avranno una durata di 210 giorni per un una spesa totale di 487mila euro.

SEMAFORI (75mila euro): si tratta di un progetto di miglioramento della gestione del traffico veicolare e smaltimento più rapido delle code che, nelle ore di punta, si formano in città, con particolare attenzione per il tratto urbano della SR69. Sono gli obiettivi che il Comune di Figline e Incisa Valdarno si propone di realizzare grazie all’installazione dei cosiddetti semafori intelligenti, che saranno collocati a breve nei principali incroci stradali di Figline e Incisa. Il totale dell’investimento è di 75mila euro; i lavori saranno realizzati dalla ditta Iles e dureranno circa 60 giorni.

Nello specifico, si tratta di una particolare tipologia di semafori che permette di regolare i flussi incrociati della viabilità in base all’effettivo transito veicolare, rilevato in determinate fasce orarie. In definitiva, quindi, il loro funzionamento (in termini di tempi di attesa da parte dei veicoli agli incroci) non sarà costante nell’arco della giornata ma, grazie al telecontrollo, sarà tarato in base alle caratteristiche del traffico nelle diverse fasce orarie. Sarà inoltre possibile prevedere variazioni stagionali dei piani semaforici oppure modificarli nel corso dell’anno, in occasione di particolari eventi o necessità. I lavori saranno eseguiti in: via XX Settembre, via Marconi, via Puccini, via Barberino, via Fratelli Rosselli e via Olimpia, a Incisa; via Roma e via Locchi, a Figline.

ILLUMINAZIONE PUBBLICA (50mila euro): da qualche settimana si stanno effettuando vari interventi sull’illuminazione pubblica di Figline e Incisa Valdarno, con sostituzioni e nuove installazioni da parte di Enel Sole. Rientra tra queste la sistemazione degli impianti in piazza della Fattoria (2.500 euro) e nella frazione del Cesto. Saranno invece sostituiti pali e punti luce in via Roma, in via Locchi, in via Machiavelli , sul lungarno Matteotti , in via Fiorentina, in via Barducci, in via Berlinguer e in zona Fiera-Incisa. Ad essere interessate dalle nuove installazioni, invece, saranno via Carresi (tre punti luce e relativi impianti, per 8.900 euro), via San Biagio (tre nuove installazioni dietro la chiesa, per un totale di 2.900 euro), la frazione di Ripalta (3.500 euro di lavori, tra installazione e impiantistica), via Brucalassi e altri punti luce deteriorati sul territorio (ripristino e messa in sicurezza per un totale di 8.200 euro).

SCUOLA PETRARCA (482.600 euro): è invece in corso il primo stralcio dei lavori alla scuola “Petrarca” di Incisa. Si tratta di una serie di interventi di adeguamento sismico che servono a rendere l’edificio più sicuro in caso di terremoto. Il progetto relativo a questo primo stralcio prevede un rinforzo della struttura a partire dai suoi elementi più vulnerabili, collocati al secondo piano, in primis la finestratura. Per questo motivo, si andrà quindi a intervenire sull’intera facciata inserendo un controvento in acciaio, particolarmente adatto a sopportare i carichi strutturali dell’edificio, a controbilanciarne i pesi degli elementi interni e a rispondere alle sollecitazioni esterne. Per evitarne invece il surriscaldamento, soprattutto in estate, saranno installati dei frangisole (sia al livello di copertura che al livello del solaio, al secondo piano), che contribuiranno a migliorare la fruibilità dei locali interni. Questa prima fase di interventi terminerà a giugno e avrà un costo di 82.600 euro. Contemporaneamente, l’Amministrazione comunale sta approvando il progetto relativo al secondo stralcio di interventi, che consistono nel completamento dell’adeguamento sismico da effettuare in 120 giorni per un importo di 400mila euro.

CIMITERO CILIEGI (230mila euro): il progetto prevede la sistemazione della vecchia porzione di cimitero, la realizzazione di 90 ossari e di 45 loculi. A breve saranno affidati i lavori alla ditta che si è aggiudicata l’appalto.

SICUREZZA IDRAULICA TORRENTE PONTEROSSO (3.841.000 euro): il primo stralcio delle opere sul torrente Ponterosso è in fase di attesa della firma del contratto con la ditta aggiudicataria (Italbuild). Il primo stralcio (450mila euro per 120 giorni di lavori) prevede l’intervento sul torrente da via Copernico fino al cantiere comunale dello Stecco.

Il secondo stralcio – per il quale a breve ci sarà la gara per la progettazione - prevede invece un intervento da 2.266.000 euro dal cantiere fino al Ponte dello Stecco.

L’ultimo stralcio, invece, riguarderà il collegamento tra il torrente Ponterosso e il borro delle Granchie (1.125.000 euro).

Come accennato, ci sono poi gli interventi per il completamento della Variantina alla SR 69 (su cui si sono chiuse tutte le pratiche legali relative alla transazione con i proprietari dei terreni) e la ripartenza dei lavori al Centro polifunzionale Lambruschini, per i quali proprio ieri si è tenuta l’apertura delle offerte economiche delle ditte candidate ad eseguire la progettazione esecutiva e la direzione dei lavori.
28/04/2017 12.35 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Comune di Impruneta Impruneta: gli eventi del lungo weekend 28 aprile-1° maggio
Cosa fare nel fine settimana a Impruneta? Ecco alcuni suggerimenti per il lungo weekend dal 28 aprile al 1° maggio 2017. Calendario:
- Venerdì 28 aprile, ore 21.30, Cineforum Sala conferenze della Casa del Popolo di Impruneta, Vicolo della Croce 39: proiezione di “Pride”, di Matthew Warchus. Introduzione della curatrice della rassegna Lara Fabbrizzi.
- Ultima di campionato di promozione per il Basket Impruneta. Venerdì 28 aprile ore 21.30, presso la Palestra della Scuola Vamba, in via Giardino della Bizzarria, a Firenze: Freccia Azzurra-Basket Impruneta.
- Secondo weekend con la 6a Festa di Primavera (22 aprile-7 maggio), in piazza Bandinelli, a Impruneta: sabato 29 aprile, ore 15.30, in collaborazione con la Proloco di Impruneta, costruzione degli aquiloni; lunedì 1° maggio, ore 15.30, dimostrazione con biciclette da escursione (mountain bike). Insieme alle giostre ed altri eventi, sarà presente un banco dell'Ente Nazionale Protezione Animali (Enpa) di Firenze, che esporrà i propri gadget per raccogliere fondi per la costruzione del canile in località" Falciani" e raccoglierà scatolette e croccantini per le 15 colonie feline di Impruneta, qualora qualcuno volesse portarle.
- Sabato 29 aprile, ore 17, presso la Biblioteca Comunale, piazza Buondelmonti 19-20, Impruneta: presentazione del libro “Esercizi di volo”, di Roberto Mosi. Dialoga con l'autore Mirko Tondi, scrittore e critico. Letture a cura di Giulia Capone Braga. Disegni del pittore Enrico Guerrini “L'ossessione del volo e la follia creativa”. Info: 055 2036404, biblioteca@comune.impruneta.fi.it.
- Sabato 29 aprile ore 21.15, domenica 30 aprile ore 21.15, lunedì 1° maggio ore 17.15, presso il Teatro Buondelmonti, in piazza Buondelmonti 27, a Impruneta, la Compagnia del Pinguino presenta lo spettacolo “Praticamente perfetta...”, liberamente tratto da Mary Poppins. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza. Prenotazioni presso il Circolo San Giuseppe di Impruneta, 055 2312304.
- Partite dell'Asd Impruneta Tavarnuzze: sabato 29 aprile, ore 15, al Comunale “A. Nesi” di Tavarnuzze, Impruneta Tavarnuzze-Firenze Sud S.C., Giovanissimi B 2003 B; sabato 29 aprile, ore 16, al Comunale di via Fermi a Gambassi Terme, Virtus Gambassi Terme-Impruneta Tavarnuzze, Giovanissimi A 2002 C; sabato 29 aprile, ore 16.30, al Comunale “A. Nesi” di Tavarnuzze, Impruneta Tavarnuzze-Audax Rufina, Juniores Provinciali A; domenica 30 aprile, ore 10.30, a Montelupo, Montelupo Asd-Impruneta Tavarnuzze, Allievi Regionali 2000 C; domenica 30 aprile, ore 16, al Comunale “A. Nesi” di Tavarnuzze, Impruneta Tavarnuzze-Castellina Scalo, Dilettanti seconda categoria.
Informazioni: Ufficio Relazioni con il Pubblico, tel. 055/2036640, mail urp@comune.impruneta.fi.it.
28/04/2017 12.07 Ufficio Stampa Comune di Impruneta

Comune di Certaldo Certaldo. Un 1 maggio tra piazza e Parco: il lavoro, tra radici e futuro
Comizio sindacale, la banda, esibizioni musicali, danza, cinofile, ecc Per i festeggiamenti del 1 Maggio 2017, le organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL, in collaborazione con il Comune di Certaldo, hanno predisposto un cartellone di eventi ed iniziative, grazie a molte associazioni locali, per celebrare la festa del lavoro e dei lavoratori dedicata quest’anno al tema “LAVORO, le nostre radici, il nostro futuro”. Le iniziative sono realizzate da Associazione Amici a 4 Zampe, Associazione Arcieri Certaldesi, Associazione Avis, Associazione Auser, Spi-Cgil, Prociv-Arci, Misericordia, Associazione Fata Morgana, Associazione Polis, Rotaract.

La giornata vede al mattino la parte sindacale e l’esibizione della Show Band ANgiolo del Bravo in centro, poi, dalle ore 12,30, lo spostamento al parco di Canonica dove nell’area pic nic dei bracieri sarà possibile fare pranzo a sacco mentre nelle altre aree si svolgeranno esibizioni di vario genere.

Questo il programma completo:

Piazza Boccaccio (con ritrovo in via Leopardi)

Iniziativa Sindacale, ore 9.30 - 12.30

ore 09,30 - Ritrovo in via Leopardi (piazzale antistante scuola media Boccaccio)

Esibizione della Filarmonica Show Band ANGIOLO DEL BRAVO

ore 10,30 - Piazza Boccaccio - partenza corteo per le vie cittadine

ore 11,00 - Saluto del sindaco Giacomo Cucini

a seguire comizio di: Massimiliano Fabozzi della FILCAMS CGIL Firenze

Nella mattinata lo SPI CGIL offrirà una colazione a tutti I partecipanti.

All'interno di Piazza Boccaccio, dimostrazione di "Arti e Mestieri" per i più piccoli.

Parco di Canonica ore 10 - 19

Area Giochi

Non ti scordar di me - Amici a 4 zampe

L'associazione "Amici a 4 zampe di Emma & Co" presenta la quattordicesima edizione di "Non ti scordar di me", giornata in compagnia dei cani, per raccogliere fondi da destinare al canile di Certaldo e a sostegno degli animali abbandonati.

Il programma prevede una pesca di beneficenza a premi, una vera e propria mostra e sfilata canina.

Parcheggio Parco di Canonica adiacente alla scuola elementare

Presidio Misericordia - Prociv Arci

Sarà presente in forze, con volontari e mezzi, anche la Associazione Prociv, che ha in gestione da alcuni anni il parco da parte del Comune di Certaldo e si occupa anche della sua manutenzione. Sarà come sempre presente, nell'area in prossimità della scuola elementare di Canonica, con volontari e mezzi, la Arciconfraternita di Misericordia.

Chalet Parco di canonica

Dalle ore 17,00

-Danza - Allieve Modem, seguite da Diletta Furesi

-Danza - Breakdance con Tofik

-Musica - Jl@b Trio

-Iniziative a cura di Prociv Arci, Associazione Fata Morgana, Associazione Polis, Rotaract

-Raccolta fondi per Laboratori Polis a cura di Rotaract

Parco di Canonica - Campo Arcieri

Tiro con l'arco - Ass. Arcieri Certaldesi

ore 8.00 - 20.00

Parco di Canonica - Campo Arcieri

dalle 15,00 alle 20,00

“Festeggiando il 1 ° Maggio” stand informativo e ricreativo a cura dell'Associazione Avis Certaldo

Nella zona bracieri del Parco possibilità di pranzo a sacco con grigliata
28/04/2017 12.21 Comune di Certaldo
Comune di Fucecchio Palio di Fucecchio, domenica 30 aprile secondo appuntamento con le Corse di Primavera
Si partirà alle ore 14,30 con la prima delle 8 batterie nelle quali sono stati suddivisi i 57 cavalli iscritti Secondo appuntamento stagionale con le Corse di Primavera, vero e proprio antipasto del Palio di Fucecchio nel quale le 12 contrade hanno modo di valutare lo stato di forma dei tanti cavalli che scuderie e proprietari portano nella Buca in occasione di questo evento.

Alle corse di domenica prossima 30 aprile sono stati iscritti 57 cavalli. L’assemblea formata dai capitani delle contrade e dai membri del cda dell’associazione Palio delle Contrade “Città di Fucecchio”, riunitasi ieri sera, ha deciso si suddividerli in otto batterie. L’inizio delle corse, con la partenza della prima batteria, è previsto per le ore 14,30. Lo starter sarà Gennaro Milone, volto ben noto agli appassionati fucecchiesi che lo hanno visto al via anche in occasione dell’ultimo Palio.

Per quanto riguarda il numero di cavalli iscritti a questa seconda sessione delle Corse di Primavera, l’associazione Palio ha commentato il risultato in maniera positiva.

“Siamo soddisfatti – ha detto il presidente Massimo Billi – anche perché in questo periodo c’è la concomitanza di tante corse in altre realtà paliesche della nostra regione e quindi temevamo che ci fosse un numero di iscritti più basso. Invece siamo ben felici di prendere atto che l’interesse per il nostro Palio è in continua crescita”.
28/04/2017 12.30 Comune di Fucecchio
Comune di Castelfiorentino Castelfiorentino: Come cambia la Valdelsa, convegno in Municipio venerdì 5 maggio
Dinamiche demografiche e familiari, trasformazioni socio-economiche i temi che saranno
affrontati all’incontro promosso dal Comune e dalla Società Storica della Valdelsa.
Come è cambiata la famiglia in Valdelsa? Quali sono stati i flussi migratori dalla seconda metà del Novecento ad oggi? Sono solo alcuni dei temi che saranno affrontati al convegno “Trasformazioni socio-economiche e dinamiche demografiche nella Valdelsa fiorentina” che si terrà nella sala rossa del Municipio di Castelfiorentino venerdì 5 maggio 2017 (ore 16.30).
Promossa dal Comune e dalla Società Storica della Valdelsa con il patrocinio dei Comuni di Certaldo, Gambassi Terme, Montaione, e l’Unione Comunale del Chianti Fiorentino, l’iniziativa si presenta come occasione di confronto e di dibattito su alcune questioni di stringente attualità, in sintonia con il rinnovato interesse della Società Storica della Valdelsa per i fenomeni più recenti che hanno interessato il territorio (due mesi fa un convegno analogo si è svolto a Colle Val d’Elsa).
Fra i temi “caldi” che saranno affrontati figurano appunto, come dicevamo, i mutamenti avvenuti nelle relazioni e nella composizione stessa della famiglia, i movimenti demografici avvenuti negli ultimi sessant’anni, gli sviluppi sul versante creditizio. La serata sarà aperta dal saluto del Sindaco, Alessio Falorni, e, a seguire, interverranno i relatori: Paolo Regini (presidente Banca Cambiano 1884) su “I recenti sviluppi del credito in Valdelsa” teso a evidenziare la crescente importanza del settore creditizio nell’economia attuale; Alfiero Falorni (ricercatore IRPET) sulle “dinamiche demografiche nella Valdelsa fiorentina dalla metà del Novecento ad oggi”, con uno sguardo rivolto ai flussi migratori interni e internazionali e a fenomeni quali il progressivo invecchiamento della popolazione; Francesco Zanotelli (Antropologo, Università di Messina) su “La famiglie sono così nuove? Riflessioni dalla Valdelsa”: un’analisi dei mutamenti nei modelli familiari con l’aumento dei divorzi e l’incremento dei nuclei familiari.
Modererà la serata Fabio Dei, presidente della Società Storica della Valdelsa. Al termine degli interventi i relatori saranno come di consueto disponibili a rispondere a eventuali domande da parte del pubblico.
“La Società Storica della Valdelsa – sottolinea Fabio Dei – è interessata non solo alle origine medioevali del nostro territorio, ma anche alla sua "storia del tempo presente". Con questo convegno intendiamo comprendere, attraverso gli strumenti e il respiro della riflessione storica, l'attuale crisi identitaria della Valdelsa. Crisi del modello che l'ha caratterizzata in modo molto netto almeno a partire dal secondo dopoguerra, fatto di un'economia basata sulla piccola industria diffusa, di una solida tradizione di valori civici, una subcultura politica compatta. Questi elementi sono oggi frammentati dalla crisi economica, dalle nuove dinamiche demografiche, da più generali mutamenti socio-culturali. Cosa ne resta? Prevalgono le continuità o le rotture rispetto al passato recente? Da quali elementi di forza è possibile ripartire? Con questo incontro cerchiamo di iniziare a ragionare su alcuni problemi specifici. Naturalmente – conclude Dei - pubblicheremo i contributi sulla Miscellanea Storica della Valdelsa e ci auguriamo che si tratti del punto di partenza di una più ampia riflessione in grado di coinvolgere i soggetti di governo del territorio”.
"Credo che sarà una serata importante – sottolinea il Sindaco, Alessio Falorni - e che darà grandi spunti di riflessione anche a noi amministratori locali, oltre che ai cittadini. Conoscere in maniera appropriata la realtà di riferimento serve a fondare le politiche su analisi oggettive, e non solo su percezioni che rischiano di essere sempre limitate. parteciperò con gioia, e sono grato alla Società Storica per aver pensato a un'iniziativa così stimolante".


28/04/2017 12.56 Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino

Comune di Certaldo Certaldo. Ben venga Maggio… amatoriale!... Al via la prima rassegna dei gruppi amatoriali (a prezzi popolari)
Mercoledì 3 maggio in scena “I pochi e nemmen tanto boni” Conto alla rovescia in pieno svolgimento per la partenza del «Maggio amatoriale 2017», la prima rassegna di teatro amatoriale certaldese che si svolgerà al Teatro Multisala Boccaccio con sei spettacoli a partire da mercoledì 3 maggio e fino a mercoledì 7 giugno.

In cartellone sei spettacoli e sei compagnie assai diverse, a conferma del variegato panorama culturale certaldese. Si dall’immancabile vernacolo, ai testi originali contemporanei, fino alla rivisitazione di un classico di Goldoni, e ci si spinge fino alla commedia latina di Plauto.

Questo dunque il calendario completo: si comincia mercoledì 3 maggio con I pochi e nemmen tanto boni che portano in scena “Basta che sian di fòri” di Massimo Valori, regia de I pochi e nemmen tanto boni, si prosegue mercoledì 10 maggio con I’Tutolo che presenta “Il nonno supersexy”, commedia in tre atti di Emilio Caglieri, regia di Roberto Bandinelli; mercoledì 17 maggio ecco La porta al sole con “Le cose non dette”, testo e regia di Paolo Leoncini; mercoledì 24 maggio, I Cettardini con “Uccio uccio…. sento odor d’un certo Guccio”, commedia liberamente ispirata al Decameron di Giovanni Boccaccio, testo e regia di I Cettardini; mercoledì 31 maggio arriva L'Oranona Teatro Giovani – Associazione Polis con “Mostellaria”, da Mostellaria, di Tito Maccio Plauto. Adattamento Carlo Romiti, Maria Teresa Franchi, regia di Martina Dani; infine mercoledì 7 giugno c'è Ipotesi teatrale con “La Locandiera ovvero gli amori inquieti”, un omaggio a Carlo Goldoni, testo e regia di Riccardo Diana.

“Maggio Amatoriale” è l’occasione per aprire i palco più nuovo e anche prestigioso di Certaldo, quello del rinnovato Teatro Boccaccio, alle compagnie locali, ma si tratta anche di un’occasione per tutti i cittadini per apprezzare l'attività e la vitalità delle compagnie e, magari, per appassionarsi a questo mondo.

“Maggio Amatoriale” nasce su iniziativa del Comune di Certaldo e di sei compagnie teatrali certaldesi, in collaborazione con la società GrandeSchermo di Mario Lorini, che gestisce lo spazio, con il direttore artistico della stagione teatrale Gianfranco Martinelli, e la collaborazione per l'immagine coordinata della rassegna del gruppo fotografico FFLLMM.

Sei gli spettacoli in programma a prezzi ultra popolari (posto unico 8 euro, con riduzione soci Coop o Chianti Mutua 7 euro), e con un abbonamento 6 spettacoli a soli 40 euro (riduzione soci Coop e Chianti Mutua € 35,00) che consente di assistere alla rassegna spendendo meno di 6 euro a spettacolo.

Si ricorda inoltre che anche gli spettacoli teatrali possono essere acquistati usufruendo della 18APP per i giovani di diciotto anni (al momento quelli nati nel 2016) o con la Carta del docente, per tutti i docenti abilitati

Info: www.multisalaboccaccio.it tel. Tel. 0571 664778
28/04/2017 12.38 Comune di Certaldo
Comune di Figline e Incisa Valdarno Figline Incisa. Una guida per bambini sul Valdarno Superiore
Si intitola “Guida per picci(o)ni viaggiatori. Il Valdarno superiore tra arte e storia” e contiene descrizioni, foto e giochi Si chiama “Guida per picci(o)ni viaggiatori. Il Valdarno Superiore tra arte e storia” ed è una vera e propria guida turistica per bambini, pubblicata da Aska edizioni con il contributo della Banca Credito Cooperativo del Valdarno. L’iniziativa è della cooperativa Itinera Certa, che ha realizzato il progetto di mappare i 13 Comuni del Valdarno Superiore (Bucine, Castelfranco Piandiscò, Castiglion Fibocchi, Cavriglia, Figline e Incisa Valdarno, Laterina, Loro Ciuffenna, Montevarchi, Pergine Valdarno, Reggello, Rignano sull'Arno, San Giovanni Valdarno e Terranuova Bracciolini) che fanno parte del Sistema Museale del Chianti e del Valdarno e di intraprendere al loro interno un viaggio di fantasia in compagnia di un piccione viaggiatore, pronto a guidare i più piccini alla scoperta di quei territori. Il risultato è un volume di 60 pagine, che descrive la storia di ogni centro abitato, dei suoi edifici più importanti e dei musei da visitare. Il tutto corredato da fotografie e da illustrazioni, che rendono immediatamente riconoscibili i luoghi citati. Nelle ultime pagine, inoltre, sono presenti giochi e passatempi educativi sugli elementi distintivi del Valdarno Superiore, finalizzati a testare le nozioni acquisite, e un glossario per spiegare il significato di vari termini, tecnici e non.

I testi contenuti nella guida sono stati curati dal personale della cooperativa Itinera Certa, mentre le illustrazioni sono firmate da una giovane illustratrice, Elisa Bindi, che ha usato uno stile che richiama al fumetto per rendere il volume particolarmente adatto ai suoi destinatari.

“Promuovere la cultura e parlare del Valdarno attraverso pubblicazioni pensate per i più piccini e per le scuole è un’iniziativa in cui, come Amministrazioni comunali, crediamo molto – spiegano gli assessori alla Cultura e Promozione del territorio dei Comuni coinvolti -. La realizzazione di una guida con testi, giochi e disegni è un ottimo strumento per catturare l’attenzione dei destinatari e per insegnare loro a valorizzare o, semplicemente, a conoscere le bellezze artistiche, architettoniche, paesaggistiche e museali presenti sul territorio in cui vivono. Il disegno e le illustrazioni, poi, sono il mezzo attraverso il quale tutto ciò diventa immediatamente riconoscibile e memorizzabile”.
28/04/2017 11.45 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Comune di Firenze Bruciato tavolo da picnic ai giardini di via Novelli, nel Quartiere 2
Il danno subito è di circa 450 euro oltre ai costi della messa in opera Vandali in azione ai giardini di via Novelli (Quartiere 2), dove, nella notte tra mercoledì e giovedì, è stato appiccato il fuoco ad un tavolo da picnic. A dare l'allarme gli operai della coop Samarcanda che esegue la pulizia per conto di Alia.
«Abbiamo sporto denuncia contro ignoti – ha spiegato l'assessore all'ambiente Alessia bettini – interverremo subito per la sostituire il tavolo».
Il danno subito è di circa 450 euro oltre ai costi della messa in opera. (fn)
28/04/2017 16.35 Comune di Firenze

Redazione Met Sport Al via il circuito Terre dei Medici di granfondo cicloturistico
Parte domenica 30 aprile da Calenzano la manifestazione del Ciclismo Uisp Firenze Prende il via domenica 30 aprile da Calenzano con il G.F. Alfredo Martini ASD Giglio d’oro la quarta edizione del “Circuito Terre dei Medici” di granfondo cicloturistico. La Uisp settore Ciclismo di Firenze e le società ciclistiche (Avis Verag Prato, Bicisporteam Firenze, Cascine del Riccio Bike team, Florence by Bike, Giglio D’Oro, Gruppo Sportivo Poppi e Mtb Rufina) organizzano la manifestazione che si svolgerà in sette prove e coinvolgerà le province di Firenze, Prato e Arezzo. La manifestazione è stata presentata questa mattina presso il Consiglio regionale della Toscana alla presenza del presidente Eugenio Giani.
“Nel corso di questi quattro anni la manifestazione è cresciuta -ha sottolineato Orlando Materassi, coordinatore Ciclismo Uisp Firenze-. Questa è la prima volta che sono coinvolte anche le province di Prato e Arezzo”.
Ogni manifestazione proporrà tre percorsi: granfondo, medio fondo e corto in modo da poter rispondere alle esigenze di tutti.
“L’iniziativa si pone l'obiettivo di promuovere non solo l'attività sportiva del cicloturismo ma di scoprire luoghi, emozioni e sapori dei colli toscani on the road” ha aggiunto Mario Innocenti, responsabile del settore cicloturismo del Ciclismo Uisp Firenze. Ad ogni gara infatti saranno associati eventi collaterali, sagre e feste locali oltre a iniziative per la promozione del ciclismo e dell’educazione stradale per i giovani.
Il circuito si concluderà l’8 ottobre a Prato con il G.F. Sulle orme di Leonardo ASD Avis Verag-Prato. Le premiazioni finali si svolgeranno durante la festa annuale del ciclismo Uisp a settembre. Verranno premiate le prime 15 squadre classificate e da quest'anno tutti coloro che parteciperanno a tutti e sette i percorsi di granfondo.

Programma del Circuito
Domenica 30 Aprile 2017?G.F. Alfredo Martini ASD Giglio D’Oro - Calenzano
Domenica 11 Giugno 2017?G.F. Colli del Chianti ASD Cascine del Riccio - Impruneta
Domenica 25 Giugno 2017?G.F. Città di Rufina ASD GC MTB Rufina - Rufina
Domenica 9 Luglio 2017?G.F. Del Casentino ASD G.S. Poppi - Poppi
Domenica 3 Settembre 2017?G.F. Del Gusto ASD Florence By bike - Firenze
Domenica 10 Settembre 2017?G.F. Giro della Toscana ACD BicisporTeam Firenze - Galluzzo
Domenica 8 Ottobre 2017?G.F. Sulle Orme di Leonardo ASD Avis Verag Prato – Prato
28/04/2017 18.05 Redazione Met Sport
Asl Toscana Centro - Pistoia Ictus, a Pistoia un convegno nazionale
L'importanza della prevenzione e del trattamento per aumentare la sopravvivenza dei pazienti C’è ancora poca informazione tra la popolazione e mentre si chiama subito il 118 o si corre al pronto soccorso per un dolore al petto e quindi si è affermata un’adeguata cultura sul rischio di infarto al miocardio, si ritarda invece nel dare l’allarme in caso di sintomi premonitori di ictus, pregiudicando la possibilità di intervento una volta giunti in ospedale”. Con queste parole il dottor Gino Volpi, presidente provinciale dell’Associazione ALICE – e direttore della unità operativa di neurologia del presidio ospedaliero San Jacopo ha presentato il convegno che si svolgerà il prossimo 5-6 maggio a Pistoia dal titolo “Ictus: conoscere, prevenire e trattare”.

Nella cura dell’ictus cerebrale è, infatti, di fondamentale importanza effettuare un intervento tempestivo (trombolisi) che deve avvenire entro 4.5 ore dall’esordio acuto della malattia. Solo a Pistoia ogni anno sono 320 le persone ricoverate per questa patologia.

Insieme a Volpi erano presenti Maria Teresa Noci vice presidente Alice Toscana, Michela Trinci Segreteria Alice Pistoia e Giancarlo Landini direttore dipartimento specialistiche mediche e Pasquale Palumbo direttore area malattie cerebro vascolari e degenerative dell’AUSL Toscana centro.

Landini e Palumbo in particolare hanno evidenziato che sono otto i presidi di riferimento per la rete ictus nell’Azienda USL Toscana centro: il S.S. Cosma e Damiano a Pescia, il San Jacopo a Pistoia, il Santa Maria Nuova, Santa Maria Annunziata e San Giovanni di Dio a Firenze, il San Giuseppe a Empoli, il Santo Stefano a Prato e a Borgo San Lorenzo. Mediamente, in un anno, le persone ricoverate per ictus cerebrale sono 2000.

I dati sulla mortalità per ictus a 30 giorni dal ricovero indicano che in Toscana, dove sono presenti centri con équipes che prendono in carico i ricoveri ospedalieri e dotate di personale esperto e dedicato, si ottengono i migliori risultati. Tali risultati collocano i centri ictus toscani (fonte Agenas) ai vertici delle performance nazionali.

Un altro dato riguarda la tempestività dei soccorsi: in un qualsiasi territorio, mediamente, i soccorsi arrivano in 51 minuti e, dal momento che l’ictus dal suo esordio deve essere trattato rapidamente i dati di sopravvivenza sono più che confortanti.

Francesco Bellomo - responsabile rete ictus regione Toscana, ha sottolineato l’importanza della sicurezza diffusa capillarmente in tutti i territori: la disponibilità di centri specializzati e la rete dei soccorsi garantiscono in Toscana una copertura del 112%, anche questo uno degli standard più alti a livello nazionale.

“Con il nuovo ospedale –ha detto Giacomo Corsini direttore sanitario del San Jacopo – vengono garantiti percorsi di cura completi e supportati dall’aumentata capacità tecnologica: il paziente è correttamente collocato nel contesto assistenziale a lui più idoneo e seguito da un team multiprofessionale medico e infermieristico, che lo segue dall’ingresso in pronto soccorso, al ricovero fino alla dimissione; il percorso prosegue a livello territoriale quando continuano ad essere necessarie le cure e le terapie riabilitative”.

“Il nostro è un modello assistenziale che prevede un’area dedicata per i pazienti con ictus -ha aggiunto Nadia Cunti coordinatrice infermieristica- abbiamo realizzato percorsi clinici predefiniti comprendenti anche la continuità riabilitativa, che migliorano la sopravvivenza e diminuiscono la disabilità inoltre l’Azienda ha recentemente progettato un percorso formativo in grado di garantire la formazione continua del personale; stiamo anche migliorando il sistema di monitoraggio multiparametrico dei pazienti attraverso nuovi sistemi di telemetria” .
28/04/2017 17.19 Asl Toscana Centro - Pistoia
Regione Toscana Maggio fiorentino, Barni: "Impegno per rilanciare e rafforzare l'istituzione"
Lo sforzo di tutti i soggetti interessati potrà contare sul lavoro del nuovo soprintendente Chiarot "La realtà della situazione di bilancio del Maggio fiorentino è nota, come è nota la straordinaria importanza di questa istituzione culturale per Firenze e per tutta la Toscana. La Regione continuerà a seguirne le vicende con un unico scopo: rafforzarne e rilanciarne il ruolo". La vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni conferma la posizione del governo regionale sul teatro musicale fiorentino.

"Si tratta adesso – continua – di individuare le strade e le modalità migliori per raggiungere questo obiettivo, tenendo insieme le ragioni di un suo pieno rilancio e della corretta valutazione di quanto reso possibile dal bilancio regionale. E' un percorso – conclude Barni – che richiede lo sforzo di tutti soggetti interessati e che potrà sicuramente contare sul lavoro del nuovo soprintendente Chiarot".
28/04/2017 18.10 Regione Toscana
Comune di Calenzano Buon compleanno CiviCa, un luogo dove tutto fiorisce
Un mese di eventi e una nuova campagna comunicativa per festeggiare il secondo anno della biblioteca di Calenzano “Un luogo che lascia il segno”. Era questo lo slogan con cui è stata aperta CiviCa nel 2015 ed è proprio quello che la biblioteca ha fatto nei suoi primi due anni.

“CiviCa è un luogo che si è fatto amare – ha commentato l’Assessore alla Cultura Irene Padovani – e che ha lasciato un segno profondo nella nostra comunità. Al compimento dei due anni abbiamo deciso di cambiare la veste grafica e CiviCa è diventata ‘un luogo dove tutto fiorisce’, perché proprio qui fioriscono le idee, l’intelletto, la passione, gli eventi”.

Due gli eventi principali nel mese di maggio: il compleanno di CiviCa martedì 9 maggio con la serata musicale “Rock Tales” e la festa del lettore di venerdì 26 maggio, quando verranno premiati i migliori lettori del 2016. Il 12 maggio inizieranno gli eventi per celebrare il 50° anniversario della morte di Don Milani, che andranno avanti per tutto l’anno, mentre il 19 maggio ci sarà un’anteprima di Luglio Bambino, che si conferma un appuntamento fisso anche per Calenzano.

Il programma di maggio inizia martedì 2 maggio alle 9.30 nella sala bambini con il laboratorio “Ti leggo, ti racconto...giochiamo?” per bambini da 0 a 3 anni, a cura della Dott.ssa Federica Vannoni. Giochi di voce, tiritere, conte e piccoli grandi abbracci sonori. Posti limitati, prenotazione obbligatoria.

Sempre martedì 2 maggio alle 17 nello spazio ragazzi si terrà il laboratorio ludico-pittorico “Arte in gioco – Osservare, Pensare, reinventare!”, per bambini dai 7 ai 10 anni, a cura di M. Antonietta De Roma, pittrice ed educatrice dell’associazione Le Muse, coadiuvata da Giulia Naitana.

Mercoledì 3 maggio alle 17.00 l’appuntamento è con le “Favole e merenda” di Giulia Aiazzi, che racconterà la storia di una torta e di una tortiera.

Venerdì 5 maggio alle 17.00 ci sarà il primo appuntamento con “Un tè a CiviCa tra libri, film e curiosità”, talk show di SestoTv e Piananotizie in diretta streaming dalla biblioteca insieme agli utenti. Visibele su diretta.sesto.tv Il tè sarà offerto dagli Amici di CiviCa. L’idea è quella di farlo diventare un appuntamento mensile, un’occasione per parlare di cultura, di Calenzano e della sua biblioteca.

Gli Amici di CiviCa promuovo laboratori di creatività per adulti e bambini: tutti i lunedì dalle 17 alle 18.30 alla scoperta di nuovi giochi da tavolo; tutti i mercoledì dalle 10 alle 12 il mercatino di libri, dalle 10 alle 17 il laboratorio di sartoria a cura di Elena dedicato a “facciamo un top per l’estate”; ragazzi madrelingua provenienti da diversi paesi saranno inoltre presenti per il tandem linguistico, per approfondire inglese e francese. Informazioni e iscrizioni: amicidicivica@gmail.com – Barbara 333 7534738. Gli Amici di CiviCa saranno in biblioteca tutti i martedì dalle 17 alle 19.

Il programma completo di “Accade a CiviCa” è su www.civicaonline.it

Info e prenotazioni: 055-8833421 biblioteca@comune.calenzano.fi.it
28/04/2017 13.35 Comune di Calenzano
Comune di Scandicci Progetto melanoma: visite dermatologiche gratuite da Ant
Per i cittadini di Scandicci, prenotazioni dal 5.5 Tornano le visite dermatologiche gratuite per i cittadini di Scandicci della fondazione Ant, per il Progetto melanoma, il 15 e il 22 maggio 2017. Per prenotare le visite di Progetto Melanoma Ant di maggio è necessario chiamare il 3490693571 in orario 9-13, dal lunedì al venerdì, dal 5 al 12 maggio. Anche quest’anno Fondazione Ant offrirà quattro giornate di visite dermatologiche gratuite di Progetto Melanoma Ant, per un totale di 120 pazienti, ai cittadini del Comune di Scandicci. Le prime date disponibili saranno quelle del mese di maggio, ma l’iniziativa sarà replicata con altre due date in autunno Il 15 e 22 maggio saranno dunque a disposizione dei cittadini le prime 60 visite dermatologiche gratuite per la prevenzione del melanoma, effettuate da un medico specialista Ant con l’ausilio di un videodermatoscopio, strumento sofisticato per la diagnosi precoce delle lesioni sospette.

Le visite si terranno il 15 maggio presso gli Studi Medici della Farmacia Comunale n.8, in Via della Pace Mondiale 86 e il 22 maggio presso gli Studi Medici della Farmacia Comunale n. 2 in Via Giotto 65b. L’iniziativa ha ricevuto anche quest’anno il Patrocinio e il sostegno economico del Comune di Scandicci e il contributo di Farmacie Comunali Alliance Scandicci che ha anche messo a disposizione gratuitamente i propri ambulatori per l’iniziativa.

“Ant porta avanti dal 2007, nella nostra Regione, campagne gratuite di prevenzione oncologica - ha dichiarato Simone Martini, Delegato Ant Firenze - Il nostro impegno in questi anni è stato in costante crescita. Il Comune di Scandicci è stato uno dei primi nell’area metropolitana fiorentina a credere nel nostro operato. Devo ringraziare il Sindaco Fallani e l’Assessore Capitani per aver dato costante collaborazione e sostegno a Fondazione Ant in questi anni per i Progetti di prevenzione che abbiamo organizzato per i cittadini del territorio: Progetto Tiroide, Progetto Ginecologia, Progetto Nutrizione e Progetto Melanoma”.


“Come per tante altre patologie, la prevenzione è la miglior arma che abbiamo contro il melanoma – ha dichiarato l’Assessora alle Politiche sociosanitarie Elena Capitani – i controlli per i cittadini ripetuti nel tempo sono un’attività preziosissima per la salute collettiva. La collaborazione con Ant, che prosegue con efficacia ormai da anni, va proprio in questa direzione: a loro va il nostro grazie per la puntualità con la quale organizzano iniziative come le visite dermatologiche gratuite, che rappresentano una risposta concreta per contrastare questa malattia”.

Per prenotare le visite di Progetto Melanoma Ant di maggio è necessario chiamare il 3490693571 in orario 9-13, dal lunedì al venerdì, dal 5 al 12 maggio. Per conoscere il calendario mensile delle visite Ant nella nostra regione, è possibile visitare la sezione Prevenzione del sito www.ant.it/toscana. Per avere informazioni sulle attività di Fondazione ANT in Toscana e offrire il proprio aiuto come volontari è possibile contattare la sede Ant di Firenze allo 055.5000210.
28/04/2017 18.31 Comune di Scandicci

Comune di Firenze Domenica torna la Guarda Firenze
Ecco i provvedimenti di circolazione Torna domenica 30 aprile la Guarda Firenze, la seconda corsa più antica della città dopo la Firenze Marathon. Per consentire lo svolgimento dell’evento, giunto alla 45esima edizione, sono stati predisposti alcuni provvedimenti di circolazione.
Prima di tutto domenica dalle 9 alle 11 lungarno della Zecca Vecchia sarà chiusa nella direttrice di marcia da piazza Piave a piazza Cavalleggeri, dalle 9.30 sarà la volta del divieto di transito in viale Galileo (per la sola direttrice di marcia piazzale Galileo-viale Michelangelo) e in lungarno Cellini (nella sola direttrice di marcia Ponte San Niccolò-piazza Poggi).
Dalle 9.30, orario della partenza delle due corse, scatteranno i divieti di transito al passaggio dei partecipanti lungo i due percorsi.
Per la 10 chilometri: piazza San Giovanni-via Calzaiuoli-piazza Signoria-via Vacchereccia-via Por Santa Maria-Ponte Vecchio-Borgo San Jacopo- piazza de Frescobaldi-lungarno Guiccardini-Ponte alla Carraia-piazza Goldoni-via della Vigna Nuova-via degli Strozzi-piazza della Repubblica- via Roma-piazza Duomo-via del Proconsolo-piazza San Firenze-via dei Leoni- via dei Neri-via dei Benci-lungarno delle Grazie-lungarno della Zecca Vecchia-Ponte San Niccolò-piazza Ferrucci-viale Michelangiolo- piazzale Michelangelo-viale Poggi-via dei Bastioni-piazzetta di San Miniato-via di San Miniato-via di San Niccolò-via dell’Olmo-via dei Renai-piazza Demidoff-lungarno Serristori-Ponte alle Grazie-lungarno Generale Diaz-Lungarno Luisa de Medici-via Por Santa Maria-via Calimaia-via Roma- piazza San Giovanni.
Per la Mini Guarda Firenze il percorso è piazza San Giovanni-via Calzaiuoli-piazza Signoria-via Vacchereccia-via Por Santa Maria-Ponte Vecchio-via dei Guicciardini-piazza Pitti-piazza San Felice-via Maggio- piazza dei Frescobaldi-Ponte Santa Trinità-via de’ Tornabuoni-via degli Strozzi-piazza della Repubblica-via degli Speziali-via dei Calzaiuoli piazza San Giovanni. (mf)
28/04/2017 19.11 Comune di Firenze
 
 




Vai al contenuto