Login

MET

Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Città Metropolitana di Firenze A Firenze il primo Forum delle capitali europee della cultura
Il Sindaco incontra il Commissario Navracsics a Bruxelles Il 5 e 6 novembre prossimi si svolgerà a Firenze il primo forum delle capitali europee della cultura, un inedito summit per celebrare e riunire insieme per la prima volta le città europee che sono state dichiarate capitali della cultura dal 1985, anno di lancio dell' iniziativa. Lo ha annunciato il Sindaco di Firenze e della Città metropolitana, incontrando giovedì 22 febbraio a Bruxelles il Commissario alla cultura e formazione Tibor Navracsics.
Il forum riunirà sessanta Sindaci delle città europee che sono stati capitali europee della cultura e di quelle già designate per i prossimi anni (dalla prima, Atene, ad Amsterdam, da Parigi a Berlino, da Lisbona a Matera), e avrà il sostegno della Commissione europea. I sindaci porteranno l' esempio della propria città e condivideranno esperienze e prospettive. Saranno coinvolti enti culturali, università, istituzioni.
L' obiettivo finale sarà quello di elaborare una strategia condivisa che metta al centro dell'agenda pubblica la cultura, vista come chiave per la formazione, lo sviluppo, il progresso dei Paesi.
L'appuntamento potrebbe avere cadenza biennale e dopo Firenze essere ospitato in altre città. Il Commissario Navracsics ha sottolineato l'estremo interesse per il progetto e ha assicurato il supporto europeo per la riuscita dell'evento. Il Sindaco ha anche ricordato che il summit anticiperà l'ormai abituale appuntamento con Unity in diversity, il consesso dei sindaci del mondo che si riuniscono annualmente a Firenze sull'esempio dei "dialoghi" di Giorgio La Pira.
La missione a Bruxelles del Sindaco si é conclusa con la partecipazione al decimo anniversario del Covenant of Mayors, il Patto dei sindaci, principale movimento europeo di autorità locali e regionali impegnate ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori. Il Sindaco é intervenuto, insieme ad un numero selezionato di primi cittadini e personalità internazionali, alla tavola rotonda sul tema delle "città a basse emissioni di anidride carbonica" durante la cerimonia nella sede del Parlamento europeo.
Il Sindaco ha ricordato le principali azioni di riduzione del Co 2 portate avavnti in questi anni, dalla tramvia al bike e carsharing, dai taxi elettrici all'allargamento delle aree pedonali, e ha sottolineato il ruolo strategico delle realtà locali nel raggiungere gli obiettivi fissati a livello internazionale. Il coinvolgimento dei cittadini, secondo il sindaco, é il primo e fondamentale passo per la creazione di una nuova coscienza ambientale europea.
La missione si é conclusa con incontri con altri sindaci europei facenti parte di Iclei, International Council for Local Environmental Initiative, di cui la Città Metropolitana di Firenze è nel comitato direttivo europeo. Oltre a Navracsics, ieri il sindaco ha incontrato il Commissario europeo per la Politica regionale Corina Cretu a proposito della fase finale dei lavori delle linee 2 e 3 della tramvia e delle nuove linee future che completeranno il quadro tramviario fiorentino.
La Commissaria Cretu ha espresso apprezzamento per l'andamento dei lavori delle linee 2 e 3 della tramvia e per come sono stati usati i fondi europei per questa infrastruttura, e ha annunciato la sua visita a Firenze nel prossimo maggio per verificare l'ultimazione dei cantieri. (edl)
23/02/2018 9.26 Città Metropolitana di Firenze - Comune di Firenze
Autostrade per l'Italia Maltempo, da domenica nevicate a quote autostradali in diverse regioni
Autostrade per l'Italia consiglia di evitare gli spostamenti nelle zone più a rischio, sull'A1 tra Parma e Firenze. Attivato il piano antineve, con oltre 2.200 mezzi operativi e 3.600 uomini Dalle prime ore di domenica 25 febbraio l'arrivo di una corrente di aria gelida di origine siberiana, associata a perturbazioni estese e persistenti sulla nostra penisola, causerà nevicate fino a quote di pianura che potranno interessare oltre 1.500 km di tratte autostradali in diverse Regioni del Paese. In particolare, domenica mattina sono attese precipitazioni nevose sull'A1 tra Parma e Firenze e sull'A14 tra Bologna e Pesaro. Nel pomeriggio-sera di domenica le nevicate potrebbero estendersi sull'A14 nel tratto tra Pesaro e Ancona e sull'A1 tra Chiusi e Frosinone. Lunedì le nevicate potrebbero interessare l'A14 tra Bologna e Poggio Imperiale e l'A1 tra Chiusi e Frosinone.
Viste le previsioni meteorologiche particolarmente avverse, Autostrade per l'Italia invita gli automobilisti a limitare gli spostamenti evitando le zone più a rischio, mettendosi in viaggio solo se strettamente necessario e, comunque, solo dopo essersi informati sulle condizioni della viabilità e del meteo.
In ogni caso, al fine di garantire la percorribilità in sicurezza della propria rete, Autostrade per l'Italia ha già attivato il piano antineve, con oltre 2.200 mezzi operativi e 3.600 uomini dedicati alle attività di prevenzione ed abbattimento della neve con una capacità di circa 240.000 tonnellate di fondenti stradali.
Nelle tratte interessate dalle precipitazioni nevose potranno essere attivati, in stretta collaborazione con la Polizia Stradale, i dispositivi di fermo temporaneo per i mezzi con massa superiore alle 7,5 t in conformità ai protocolli vigenti.
Autostrade per l'Italia raccomanda a chi sarà costretto a mettersi in viaggio sulle tratte interessate dalle precipitazioni di:
- programmare le partenze ben informati, evitando ove possibile il viaggio sulle tratte e nei periodi interessati dalle nevicate più intense e considerando comunque tempi di percorrenza superiori alla norma, per effetto delle precipitazioni, dell'azione dei mezzi antineve (che operano a 40 km/h) e del traffico;
- intraprendere il viaggio solo dopo aver controllato la piena efficienza del veicolo, con il pieno di carburante e qualche genere di prima necessità;
- verificare la disponibilità a bordo e la piena funzionalità delle dotazioni di legge (giubbini rifrangenti; triangolo, catene da neve o pneumatici invernali in buone condizioni). A querto proposito, si consiglia sempre l'uso di pneumatici invernali al posto delle catene, più sicuri e adatti al transito su strade e autostrade in condizioni di fondo innevato. Nel caso si disponesse delle sole catene, evitare assolutamente di montarle o smontarle lungo le corsie di emergenza o di marcia o all'interno delle gallerie per evitare gravi rischi per la sicurezza delle persone e intralcio ai mezzi antineve (l'operazione è consentita solo in Area di Servizio e di Parcheggio).
Si consiglia inoltre di tenersi costantemente aggiornati sulla situazione della viabilità e sugli eventuali percorsi alternativi tramite i collegamenti "My Way" in onda sul canale 501 Sky Meteo24 e su Sky TG24 (canali 100 e 500 di Sky e canale 50 del Digitale Terrestre); sulla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple; su Sky TG24 HD; sul sito www.autostrade.it; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21, attivo 24 o e su 24.
23/02/2018 17.46 Autostrade per l'Italia
Città Metropolitana di Firenze Neve, rischio slavine: chiusa la Sp 477 dell'Alpe di Casaglia/VIDEO
TRa il km 7+000 e il km 12+400. Immagini degli interventi operati dalla Protezione civile e dai tecnici della viabilità della Città Metropolitana di Firenze La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala che la Sp 477 dell'Alpe di Casaglia è chiusa tra il km 7+000 e il km 12+400 per rischio slavine.
Si può praticare una viabilità alternativa tramite la Sr 302 fino a Marradi e la Sp 306. I tempi di riapertura non sono ancora prevedibili: rimarrà chiusa fino a che le condizioni meteo non miglioreranno. Stamani deboli nevicate sui passi appenninici dell'Alto Mugello. Gli operatori della Protezione civile e della Viabilità della Metrocittà sono impegnati nel rendere fruibili le strade di competenza. (mb)

Su https://youtu.be/Wzs-LRvmB3k il video di Florence Tv sugli interventi operati dalla Città Metropolitana, utilizzabili da social e media
23/02/2018 13.15 Città Metropolitana di Firenze
Regione Toscana Maltempo, lettera del Presidente della Regione alle Prefetture e ai settori viabilità e protezione civile delle Province
Garantire ai cittadini l'erogazione dei servizi. Particolare attenzione verso i soggetti più fragili o persone senza fissa dimora Il Presidente della Regione Toscana ha inviato una lettera ai soggetti che nei prossimi giorni di maltempo dovranno garantire ai cittadini l'erogazione dei servizi. Nella missiva si invita a "verificare preventivamente la propria organizzazione e in particolare l'effettiva operatività dei mezzi e l'adeguata disponibilità di sale per il contrasto delle situazioni di neve e gelo". Data l'emergenza freddo un'attenzione particolare è rivolta ai soggetti più deboli a partire dai senza fissa dimora.

La missiva è stata spedita alle Prefetture e ai settori viabilità e protezione civile delle Province; a gestori delle reti di trasporto su ferro e strada RFI, Autostrade per l'Italia, SALT, Autocisa, ANAS; ai gestori elettrici e del gas e-distribuzione, SNAM Rete Gas, a Telecom; alle sale operative del 118 e per conoscenza al Dipartimento della Protezione Civile Nazionale.

Ecco il testo integrale della lettera:

Comunicazioni in merito alle condizioni meteo previste per i prossimi giorni.

La probabile evoluzione meteo disponibile ad oggi prevede a partire domenica 25 febbraio la possibilità di nevicate a bassa quota e soprattutto la persistenza per più giorni di temperature ben al di sotto dello zero per tutto il territorio regionale.
Ferma restando la catena operativa prevista dal sistema di allertamento regionale che verrà attivata secondo le consuete procedure, con la presente si invitano in senso generale le strutture territoriali responsabili della gestione della viabilità a verificare preventivamente la propria organizzazione e in particolare l'effettiva operatività dei mezzi e l'adeguata disponibilità di sale per il contrasto delle situazioni di neve e gelo. In tal senso sarà auspicabile il consueto rapporto con le Prefetture UTG quale soggetto di riferimento in caso di eventuale attivazione dei COV - Comitati Operativi per la Viabilità.
Allo stesso modo l'invito ad una verifica circa l'effettiva disponibilità operativa dei sistemi di contrasto alle possibili interruzioni nell'erogazione dei servizi è rivolto anche ai gestori dei servizi essenziali, anche nelle loro articolazioni territoriali.
Rispetto alle strutture socio-sanitarie si richiama ad una particolare attenzione verso i soggetti più fragili o persone senza fissa dimora che potrebbero trovarsi esposte a condizioni di rischio, operando in raccordo con le Amministrazioni Comunali.
Il Centro Funzionale Regionale e la Sala Operativa Regionale renderanno disponibili secondo i consueti canali e tempistiche di comunicazione ogni informazione disponibile circa l'aggiornamento della previsione meteo e sulla situazione in atto sul territorio regionale. Si invitano i soggetti in indirizzo a voler segnalare prioritariamente ai Centri Situazioni Provinciali eventuali situazioni di criticità di protezione civile che dovessero interessare il proprio territorio, fermo restando l'operatività in H24 della Sala Operativa Regionale per qualsiasi eventualità.

Il sito regionale dell'allerta meteo è all'indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo
23/02/2018 18.29 Regione Toscana
Regione Toscana Via Francigena, nasce il primo prodotto turistico omogeneo
Aggrega 39 comuni in quattro ambiti. Una rete degli Ostelli per permettere la programmazione dei pernottamenti Per fare il punto su stato dell'arte dei percorsi, manutenzione, valorizzazione turistica, ricettività e coordinamento con altri cammini, si è tenuta oggi, nell'Auditorium del Consiglio regionale a Firenze, la tappa conclusiva del mini ciclo di incontri dal titolo ‘La nostra Francigena'. L'iniziativa, organizzata da Regione Toscana, il consigliere delegato del Presidente per la Via Francigena, Toscana Promozione Turistica e Fondazione Sistema Toscana in collaborazione con l'Associazione europea Via Francigena, ha preso il via lo scorso novembre; cinque tappe (Fucecchio, Pontremoli, Siena, Lucca e, appunto, Firenze) per coinvolgere tutti gli attori verso la strutturazione del prodotto turistico.

Situazione del percorso. Quello escursionistico è oramai consolidato e a breve verrà approvato il tracciato definitivo. Anche quello cicloturistico è stato individuato ed è in corso una verifica degli ultimi punti critici prima della definitiva approvazione; per la cartellonistica e messa in sicurezza la Regione ha recentemente messo a disposizione 315 mila euro, i lavori dovrebbero concludersi entro l'estate. Situazione analoga per quanto riguarda l'ippovia, per la quale però sussistono alcuni problemi nel tratto Cisa-Lucca dove il percorso dovrebbe sfruttare il Cammino del Volto Santo; assegnata all'Università di Firenze la messa in opera della cartellonistica verticale e orizzontale a norma RET-Rete Escursionistica Toscana. Tutto questo renderà necessario, entro il 2018, un aggiornamento della georeferenziazione.

Prodotto Turistico Omogeneo della Toscana. Aggrega 39 comuni in quattro ambiti distinti con quattro comuni capofila: Nord (Pontremoli), Centro Nord (Lucca), Centro Sud (Fucecchio), Sud (Siena). Tutti hanno sottoscritto una convenzione ed i capofila stanno formalizzando i protocolli operativi con Toscana Promozione Turistica (promozione) e Fondazione Sistema Toscana (comunicazione web). Scopo della convenzione è consentire, attraverso il contenimento dei costi di gestione e la pianificazione delle attività, l'esercizio delle funzioni di accoglienza e informazione turistica a carattere sovracomunale, le attività di manutenzione periodica ordinaria, la promozione e comunicazione del prodotto turistico ed il monitoraggio e l'analisi dei flussi turistici. Per la promozione unitaria ed integrata del prodotto verrà costituito un gruppo operativo e di coordinamento e stilato un piano triennale che prevederà la partecipazione a fiere di settore, la realizzazione di eventi e di campagne.

Manutenzione. Il percorso escursionistico è stato classificato in quattro categorie: tratti stradali, su strade bianche, sterrate e sentieri. Per ognuna di queste sono stati individuate le attività di manutenzione necessarie e individuati i soggetti esecutori. Per le operazioni di manutenzione ordinaria, per il triennio 2018, sono stati messi a disposizione 360 mila euro.

Osservatorio Turistico di Prodotto. E' lo strumento che il prodotto turistico avrà a disposizione con compiti di valutazione costante della sostenibilità e competitività delle attività di accoglienza e di organizzazione territoriale attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti che operano sul territorio. Irpet inoltre fornirà periodicamente rilevazioni statistiche su analisi della domanda e dell'offerta con approfondimenti di medio e di breve periodo, contributo alla crescita delle presenze apportato dai principali mercati internazionali e nazionali, spesa media del turista, dati sul valore aggiunto e sull'occupazione, analisi di benchmark.

Ricettività. L'obiettivo principale è la creazione di una rete degli Ostelli che permetta la programmazione dei pernottamenti attraverso un sistema integrato e digitale di prenotazione. A breve partirà un'attività informativa mirata per far conoscere la tipologia introdotta dalla nuova legge regionale sul Turismo, ovvero il Rifugio escursionistico, uno strumento normativo che permette di creare strutture di accoglienza lungo i cammini riconosciuti con specifiche e semplici regole gestionali. Attualmente gli ostelli finanziati con i Fondi Par-Fas 2007-2013 sono 15, per un totale di 487 posti letto. Quasi conclusa una ricognizione delle strutture religiose che offrono accoglienza in forma gratuita per i pellegrini. Infine a breve saranno formalizzati gli standard minimi per le strutture ricettive private (ubicazione nel raggio di 1 km dal percorso escursionistico e di 5 km da quello cicloturistico; disponibilità ad offrire il soggiorno per una sola notte, con una tariffa preferenziale; servizio di lavaggio e asciugatura indumenti o messa a disposizione di ambiente e attrezzature lava-asciuga; possibilità di consumare la cena con piatti della tradizione locale e con il giusto apporto nutritivo, a tariffa preferenziale; disponibilità di un ambiente uso cucina).

Coordinamento e collegamento con altri cammini. Il completamento del progetto complessivo comprende anche il lavoro di collegamento con altri cammini come Via del Volto Santo, Via Romea Strata e Via Romea Germanica. Prosegue anche la preparazione di un Masterplan, con regole e metodologie per tutti i soggetti che, sulla scia della Francigena, vogliono organizzare un percorso a piedi, in bici o a cavallo. Il documento definirà le caratteristiche di messa in sicurezza e fruibilità, regole per l'organizzazione del cammino, per la sua manutenzione e per l'ospitalità. Tra i cammini potenziali, le Vie di Francesco, la Via degli Dei ed i Cammini Etruschi.

Sul web: http://www.regione.toscana.it/via-francigena
23/02/2018 14.53 Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze Neve su strade metropolitane. Gli interventi di Prociv e operatori Viabilità della Metrocittà Firenze/FOTOGALLERY
Alto Mugello, Mugello e Val di Sieve. In azione turbina a Firenzuola Durante la notte e stamani il personale della Protezione civile e della Viabilità della Città Metropolitana è stato ed è impegnato a garantire la percorribilità delle strade di competenza. Erano previste e si sono verificate nevicate fino a quote di fondovalle (200-300 m) sui versanti emiliano-romagnoli dell'Appennino. Nell'Alto Mugello sono previste nevicate fino a quote di fondovalle (200-300m). Fino alla tarda mattinata previste deboli nevicate anche sui rilievi del Mugello-Val di Sieve a quote superiori ai 500 metri. La Prociv sta utilizzando una turbina nella zona di Firenzuola. "Nei prossimi giorni - spiega il consigliere delegato alla Protezione civile - è atteso un deciso calo termico. Si invitano perciò tutti i cittadini a proteggere i propri contatori e tubazioni dell'acqua. Si ricorda l'obbligo delle dotazioni invernali e si raccomanda cautela alla guida e di mettersi in viaggio solo se necessario".
23/02/2018 9.49 Città Metropolitana di Firenze
Museo dell’Opera del Duomo Il Museo dell’Opera del Duomo e il Museo della Misericordia visitabili con un unico biglietto
Dal primo marzo 2018, grazie alla convenzione siglata tra l’Opera di Santa Maria del Fiore e l’Arciconfraternita della Misericordia di Firenze, della durata di un anno Il Museo dell’Opera del Duomo e il Museo della Misericordia a Firenze saranno visitabili con un unico biglietto. Grazie alla convenzione siglata tra l’Opera di Santa Maria del Fiore e l’Arciconfraternita della Misericordia di Firenze, della durata di un anno, è offerta un’altra oppurtunità ai milioni di turisti che ogni anno visitano Firenze. Entrambi con sede in Piazza Duomo, i due musei sono tappe fondamentali per chi voglia conoscere la storia e le origini di Firenze.

Fondato nel 1891, negli ambienti trecenteschi dove Michelangelo scolpì il David, per raccogliere le opere eseguite nei secoli per i monumenti della Cattedrale di Firenze, il Museo dell’Opera del Duomo è stato completamente rinnovato e ampliato nel 2015. In uno spettacolare allestimento sono presentate le 750 opere della collezione, tra cui i capolavori dei maggiori artisti del tempo: da Michelangelo a Donatello, Arnolfo di Cambio, Lorenzo Ghiberti, Andrea Pisano, Antonio del Pollaiolo, Luca della Robbia, Andrea del Verrocchio e altri ancora. Il Museo della Misericordia, inaugurato nel 2016, è la testimonianza di sette secoli di vita dell’istituzione più antica di Firenze, l’Arciconfraternita della Misericordia di Firenze, fondata nel 1244. Il percorso museale presenta 80 pezzi - tra manoscritti, stemmi, quadri, oggetti d’uso e arredi - esposti in 14 stanze per una superfice di circa 560 metri quadri, che consentono di ricostruire come operò nei secoli il Sodalizio, primo del genere nel mondo. Le opere esposte sono frutto di committenze artistiche, di lasciti e di donazioni che fino al 2016 erano solo parzialmente visibili al pubblico perché conservate in uffici e archivi.

“L'Opera di Santa Maria del Fiore - spiega il presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore Luca Bagnoli - si è posta l'obiettivo di essere sempre più vicina alle esigenze del territorio e della collettività. L’accordo siglato tra le due istituzioni va in questa direzione. Ci auguriamo di poter far conoscere il Museo della Misericordia, un gioiello della nostra città, ai tanti turisti che visitano i nostri monumenti". “Abbiamo sottoscritto con molto piacere questo accordo - sottolinea il provveditore della Misericordia di Firenze Giovangualberto Basetti Sani -, per noi è un grande onore poter attivare questa collaborazione con uno dei musei più importanti e conosciuti a livello internazionale. La Misericordia di piazza Duomo è nata e cresciuta assieme alla città di Firenze, e siamo felici di poter dare ai tanti turisti provenienti da tutto il mondo la possibilità di conoscere la nostra istituzione tanto cara ai fiorentini, perché Firenze e la Misericordia sono profondamente legate da secoli di storia comune”.

Il biglietto, del costo di 16 euro, sarà acquistabile presso le casse dell’Opera di Santa Maria del fiore in Piazza Duomo e avrà durata di 72 ore dal primo ingresso in uno dei due musei.
23/02/2018 12.42 Museo dell’Opera del Duomo
Redazione di Met Viabilità Italia: ondata di gelo, come informarsi
Martedì 27 e Mercoledì 28 il quadro termico resterà all’insegna del gelo diffuso. Possibile l’adozione di misure di regolazione del traffico con fermo temporaneo dei mezzi pesanti Viabilità Italia informa che, a causa di una imponente e repentina irruzione di una massa d’aria
gelida proveniente dalla Lapponia a partire dalla seconda parte della giornata di domenica, il
Dipartimento della Protezione Civile ha annunciato un drastico cambiamento delle condizioni
atmosferiche che coinvolgerà, almeno per tutta la prima metà della prossima settimana, in
particolare le regioni centro-settentrionali della penisola, ma con un generale abbassamento delle
temperature, straordinario rispetto alla medi stagionale, anche su alcune regioni del meridione.
Stante la spiccata dinamicità della situazione, a livello generale è comunque possibile delineare
uno scenario caratterizzato da fenomenologie significative.
In particolare, per la giornata di Domenica 25 febbraio sono previste ancora nevicate a quote di
pianura al nord Italia e sulle Marche, con quantitativi più significativi sulla fascia collinare ed
appenninica emiliana, sul basso Piemonte e sulle zone adriatiche del centro. Sul resto del centrosud
si prevedono condizioni di tempo generalmente perturbato, con quota neve che sulla fascia
fra Toscana centro-settentrionale, Umbria settentrionale e Abruzzo calerà progressivamente fino
a quote di pianura entro la fine della giornata, mentre sul resto del centro e su Campania,
Basilicata e Puglia centro-settentrionale, la quota neve pure in calo si fermerà a livelli collinari,
con apporti però anche abbondanti sul settore lucano. Sul resto del meridione neve a quote più
alte, con apporti al suolo però anche abbondanti sulla Sila. Temperature in marcata diminuzione,
specie nei valori pomeridiani e serali, sulle regioni del nord e sulle centrali adriatiche.
Per Lunedì 26 febbraio, si prevedono ancora nevicate fino al livello del mare in Romagna e
tempo prevalentemente asciutto sul resto del nord Italia ma clima gelido, con temperature in
pianura che scenderanno fra i -5 e i -10 e massime diurne che difficilmente supereranno lo zero;
valori naturalmente molto più rigidi, con punte di gelo particolarmente intenso, nelle località in
quota. Al centro Italia nevicate fino al livello del mare su Umbria, Marche, Abruzzo e Molise e
sui settori orientali e meridionali del Lazio. Neve a quote collinari anche sulla Sardegna, specie
sul settore settentrionale. Temperature in generale e spiccato calo, più marcato sulle regioni
adriatiche. Al sud Italia, neve a tutte le quote sui settori settentrionali e orientali della Campania,
sulla Puglia garganica e sulla Basilicata settentrionale, a quote basso-collinari sul resto della
Basilicata e della Puglia, a quote alto collinari sulla Calabria, a quote superiori sulla Sicilia.
Temperature in decisa diminuzione sulla Puglia.
Nelle giornate di Martedì 27 e Mercoledì 28 il quadro termico resterà all’insegna del gelo diffuso
al nord – con minime notturne in pianura che potranno in alcuni casi scendere al di sotto dei -
10°C, e massime diurne che seguiteranno a non superare lo zero – e del freddo intenso sulle
regioni centrali e su Campania, Puglia e Basilicata, dove le minime in pianura scenderanno
diversi gradi al di sotto dello zero e le massime diurne non saliranno molto al di sopra, con valori
naturalmente molto più rigidi nelle località in quota.
Viabilità Italia, unitamente alle Prefetture – UU.TT.GG. competenti territorialmente, seguirà
costantemente l’evolversi delle condizioni meteo e la regolarità del traffico veicolare e
ferroviario.
Al riguardo, si comunica che con particolare riferimento ai conducenti di massa superiore alle 7,5
tonnellate, le condizioni di transitabilità delle strade potranno rendere necessaria l’adozione di
provvedimenti restrittivi della circolazione senza soluzione di continuità con il divieto di
circolazione già previsto per tali veicoli, dalle ore 09.00 alle ore 22.00 nella giornata di domenica
25 febbraio.
Si ricorda, inoltre, che in caso di pioggia che, a causa delle temperature prossime allo zero
termico si congela al suolo (c.d. freezing rain) le procedure di sicurezza vigenti impongono il
blocco totale del traffico veicolare lungo la strada interessata dal fenomeno, fino alla verifica
positiva delle condizioni di aderenza al manto stradale.
CONSIGLI PER GLI AUTOMOBILISTI
Considerando i riflessi sulla circolazione stradale che potranno verificarsi a causa delle
precipitazioni nevose, si consiglia di mettersi in viaggio solo dopo essersi informati sulle
condizioni della viabilità e del meteo.
Si invitano tutti i conducenti a partire solo dopo aver controllato l’efficienza del veicolo e di
avere a bordo idonee catene da neve o di viaggiare con pneumatici invernali montati ed in buone
condizioni. L’uso di pneumatici invernali in luogo delle catene da neve risulta più sicuro ne l
transito su strade e autostrade in condizioni di fondo innevato; ove si disponesse delle sole catene,
evitare assolutamente di montarle o smontarle lungo le corsie di emergenza o di marcia o
all’interno delle gallerie, per evitare gravi rischi per la sicurezza delle persone e intralcio ai mezzi
di sgombero della neve (l’operazione è consentita solo in Area di Servizio e di Parcheggio). Per
l’attività di montaggio delle catene si consiglia di avere a disposizione dei guanti per proteggere
le mani dal freddo.
Si raccomanda di utilizzare l’apposito liquido per tergicristalli antigelo e di evitare qualsiasi
distrazione alla guida, soprattutto quella causata dall’utilizzo, vietato, dei cellulari. Si raccomanda
di mantenere sempre idonea distanza di sicurezza dal veicolo che precede, di moderare la
velocità, anche in relazione alla visibilità della strada, di allacciare le cinture di sicurezza anche
nei sedili posteriori, di assicurare i bambini con seggiolini ed adattatori e di fare soste frequenti.
CONSIGLI ED INFORMAZIONI PER I CONDUCENTI PROFESSIONALI
Le precipitazioni nevose attese, unite alla presenza dei venti di burrasca, con probabili localizzate
bufere di neve, imporranno l’adozione di misure di regolazione del traffico con fermo
temporaneo dei mezzi pesanti, in attesa della possibilità di riprendere la marcia in condizioni di
sicurezza. Per l’ampiezza dei territori coinvolti, la persistenza delle precipitazioni nevose,
l’abbassamento delle temperature con possibili formazioni di ghiaccio, potranno essere adottate
misure di contenimento degli afflussi di mezzi nelle aree di crisi, mediante l’adozione di
provvedimenti di limitazione della circolazione per i veicoli di massa superiore a 7,5 t, in
aggiunta ai divieti già in calendario per la giornata festiva del 25 febbraio 2018.
Si consiglia di prestare attenzione al contenuto dei Pannelli a Messaggio Variabile disponibili
lungo la rete autostradale e che forniscono in tempo reale le informazioni anche sull’attivazione
di misure di regolazione del traffico.
INFORMAZIONI SUL TRAFFICO
Per informazioni aggiornate in tempo reale sul traffico sono disponibili i canali del C.C.I.S.S.
(numero gratuito 1518, siti web www.cciss.it e mobile.cciss.it, applicazione iCCISS per
iPHONE, il canale Twitter del CCISS), le trasmissioni di Isoradio, i notiziari di Onda Verde sulle
tre reti Radio-Rai e sul Televideo R.A.I..
Per informarsi sullo stato del traffico sulla rete stradale di competenza Anas è possibile, inoltre,
utilizzare l'applicazione VAI (Viabilità Anas Integrata) visitabile sul sito www.stradeanas.it e
disponibile anche per Smartphone sia in piattaforma Apple che Android in "Apple store" ed in
"Google play". Gli utenti hanno poi a disposizione il numero unico 800.841.148 del servizio
clienti per informazioni sull’intera rete Anas.
Altre informazioni sulla rete autostradale in concessione con numeri e contatti utili sono
disponibili sul sito www.aiscat.it, sui siti delle singole Società Concessionarie autostradali, o
mediante l’applicazione Myway Truck.
23/02/2018 20.06 Redazione di Met
Comune di Firenze Maltempo, riunione a Palazzo Vecchio, per fronteggiare eventuali emergenze ghiaccio
Domenica 25 febbraio attesa ondata di gelo di origine siberiana. Le basse temperature potrebbero portare a rotture delle tubazioni dell'acqua e ad allagamenti delle strade Riunione, ieri pomeriggio a Palazzo Vecchio, per fronteggiare le eventuali emergenze ghiaccio che potrebbero verificarsi nei prossimi giorni. Lo ha deciso l'amministrazione comunale in vista del vento forte che domenica porterà in Italia dalla Siberia un'eccezionale ondata di gelo. Al tavolo erano presenti i rappresentanti della protezione civile e di Alia spa, la società di servizi ambientali. Secondo gli esperti del consorzio Lamma, le masse d'aria molto fredda di origine artica-continentale causeranno un marcato abbassamento delle temperature a partire dalla sera di domenica 25 febbraio e fino a giovedì primo marzo. Le basse temperature potrebbero portare a rotture delle tubazioni dell'acqua e, quindi, a possibili allagamenti di strade con conseguente formazione di ghiaccio e necessità di più interventi in varie zone della città.

Da parte sua Publiacqua raccomanda a tutti gli utenti di provvedere a proteggere con scrupolo il proprio contatore dell’acqua con materiali isolanti o con stracci di lana, per evitarne la rottura a causa del gelo; ciò provocherebbe infatti la cessazione dell'erogazione di acqua per il tempo necessario alla sostituzione del contatore i cui costi sarebbero, tra l’altro, a carico degli utenti stessi. Oltre a questo Publiacqua ricorda anche che un problema a parte è rappresentato dalle seconde case, inabitate nel periodo invernale, dove il ghiaccio può provocare la rottura di tubazioni e termosifoni. Anche in questo caso si raccomandano agli utenti, oltre che proteggere il contatore, di tenere sotto controllo le tubazioni del proprio impianto interno adottando, al bisogno, qualche piccolo accorgimento come quello di mantenere un minimo flusso da un rubinetto per evitare il congelamento delle tubazioni esposte.

A Firenze, comunque, il piano comunale emergenza neve e ghiaccio per l’inverno 2018 è scattato il 1 dicembre dello scorso anno e terminerà il 31 marzo prossimo.
Per la viabilità principale, che ha priorità di intervento, sono interessati 485 chilometri nelle seguenti zone: viali di circonvallazione nord – sud; viale Lavagnini e Careggi; viadotto Indiano e viale XI Agosto; via Aretina, Cure Oberdan Masaccio; via Pistoiese, via Baracca e Porta al Prato; piazza Gaddi, viale Talenti, Torregalli, Legnaia, Soffiano, Isolotto e Argingrosso; via Forlanini e via Vittorio Emanuele; via Faentina, Cure alte, San Domenico e Settignano; viadotto Marco Polo e Lungarni da nord a sud; viale Redi, via Mariti e Rifredi; viale Guidoni, via Pistoiese e via Baracca; Firenze sud e Affrico; via Bolognese.
A seguire, tutte le altre zone della città saranno interessate dallo sgombero neve o eventuale salatura delle strade. In particolare, al centro storico sono destinati 10 piccoli spargisale.

Complessivamente saranno messi in campo 33 mezzi tra spargisale e spalaneve; 500 tonnellate di sale stoccato da Alia e 330 tonnellate sale stoccato dall’amministrazione comunale.
Tutte le operazioni saranno coordinate dalla sala operativa comunale della protezione civile che si avvarrà della collaborazione delle associazioni di volontariato. (fn)

23/02/2018 13.30 Comune di Firenze
Museo dell’Opera del Duomo La predica del Battista di Giovanfrancesco Rustici
Centro Arte e Cultura dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Firenze, 27 febbraio 2018, ore 17.30, con possibilità di prenotarsi on line Terzo incontro del ciclo di conferenze “Il Silenzio delle Opere. Letture Di Pensieri”: martedì 27 febbraio, alle ore 17.30, con Tommaso Mozzati e La predica del Battista di Giovanfrancesco Rustici. Le conferenze, promosse dall’Opera di Santa Maria del Fiore, si tengono presso Il Centro Arte e Cultura a Firenze (Piazza San Giovanni 7). L’ingresso è gratuito, con la possibilità di prenotarsi on line (a partire dal martedì della settimana precedente all’evento) sul sito dell’Opera al link (https://operaduomo.firenze.it/eventi/g/48-il-silenzio-delle-opere-letture-di-pensieri/e/74-a-cura-di-antonio-natali) oppure presentandosi al Centro Arte e Cultura, dalle ore 16.30, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Il ciclo di incontri proseguità il 13 marzo conClaudio Pizzorusso e Herman de Vries e la religione della natura; il 27 marzo Timothy Verdon con Confessio laudis: La Pietà di Michelangelo all’Opera del Duomo; il 17 aprile Giovanni Serafini con Carlo Dolci: devoto e naturalista. Infine l’ultimo appuntamento, l’8 maggio 2018, con Sergio Givone e Verso l’infinito. Il Wanderer di Caspar David Friedrich.

Il ciclo “Il Silenzio delle Opere. Letture Di Pensieri” ha come tema centrale l’arte e il pensiero, in un’ottica di (ri)scoperta della trama sottesa a un’opera per favorire la piena comprensione di quest’ultima. Quella che lo stesso Natali indica come: “Un’urgenza storica e critica: i dipinti, che in passato erano posti sugli altari, enunciavano nozioni teologiche e raccontavano storie destinate alla devozione e all’educazione del popolo di Dio. Ignorare i messaggi che essi seguitano a proporre significa ammutolirli per sempre. Da qui la scelta di offrirne esegesi iconologiche, che ne aiutino la lettura.” Un percorso che partendo da Leonardo da Vinci si concluderà con Caspar David Friedrich e abbraccerà più secoli, dal Rinascimento fiorentino fino al contemporaneo con Herman de Vries, per un totale di undici appuntamenti presentati da nove relatori.


Centro Arte e Cultura dell’Opera di Santa Maria del Fiore

Piazza San Giovanni 7, Firenze

Ingresso gratuito con la possibilità di prenotarsi on line (a partire dal martedì della settimana precedente all’evento) sul sito dell’Opera al link (https://operaduomo.firenze.it/eventi/g/48-il-silenzio-delle-opere-letture-di-pensieri/e/74-a-cura-di-antonio-natali) oppure presentandosi al Centro Arte e Cultura, dalle ore 16.30, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni: Tel. 055 2302885

Email:opera@operaduomo.firenze.it
23/02/2018 16.16 Museo dell’Opera del Duomo
Publiacqua spa Attenzione ai contatori dell’acqua
Notevole abbassamento, soprattutto notturno, delle temperature previsto per i prossimi giorni. I consigli di Publiacqua per proteggere anche nelle seconde case gli impianti in caso di temperature sotto lo zero Considerato il notevole abbassamento, soprattutto notturno, delle temperature previsto per i prossimi giorni, soprattutto nelle zone collinari e appenniniche per le Province di Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo, Publiacqua raccomanda a tutti gli utenti di provvedere a proteggere con scrupolo il proprio contatore dell’acqua con materiali isolanti o con stracci di lana, per evitarne la rottura a causa del gelo; ciò provocherebbe infatti la cessazione dell'erogazione di acqua per il tempo necessario alla sostituzione del contatore da parte nostra. Sostituzione i cui costi sarebbero tra l’altro a carico degli utenti stessi. Oltre a questo Publiacqua ricorda anche che un problema a parte è rappresentato dalle seconde case, inabitate nel periodo invernale, dove il ghiaccio può provocare la rottura di tubazioni e termosifoni. Anche in questo caso raccomandiamo agli utenti, oltre che proteggere il contatore, di tenere sotto controllo le tubazioni del proprio impianto interno adottando, al bisogno, qualche piccolo accorgimento come quello di mantenere un minimo flusso da un rubinetto per evitare il congelamento delle tubazioni esposte.
23/02/2018 9.31 Publiacqua spa
Ospedale Pediatrico Meyer Torna l’open day “Il Meyer per amico” con giochi, spettacoli, laboratori. E una mostra speciale che vede protagonisti i pazienti
Sabato 24 febbraio l’Ospedale pediatrico apre le porte ai bambini e alle famiglie Una giornata all’insegna dell’allegria, con un programma denso di giochi, spettacoli, laboratori e animazioni: anche quest’anno all’Ospedale pediatrico fiorentino tutto è pronto per “Il Meyer per amico”, il tradizionale open day promosso dalla Fondazione Meyer. Una grande festa dedicata ai bambini e alle famiglie, per vivere l’ospedale in modo diverso e imparare a considerarlo, appunto, come un “amico”. E così il Meyer torna ad aprire la sue porte, offrendo a grandi e piccini una giornata speciale, dove il divertimento si intreccia con la cultura. Quest’anno l’evento si arricchisce di una iniziativa speciale: una mostra fotografica, che si inaugura alle 11, “Mpiù storie”, che vede protagonisti coloro che il Meyer lo vivono ogni giorno. Attraverso immagini e parole, i piccoli pazienti, e anche gli operatori raccontano la loro esperienza. Anche quest’anno l’evento si celebra a febbraio: il Meyer, uno dei primi ospedali in Europa dedicato ai bambini, fu infatti fondato il 19 febbraio di 127 anni fa. Ospite d’onore della giornata sarà l’attrice fiorentina Vittoria Puccini, madrina della festa: sarà lei, alle 11.30, a leggere la storia bellissima ed emozionante di Carlotta, una delle piccole protagoniste della mostra, che sarà presente, insieme a tutti gli altri. Grande attesa anche per la visita, prevista nel tardo pomeriggio, della delegazione dei giocatori della Fiorentina, che come ogni anno sarà presente per far sentire la sua vicinanza ai piccoli.

Il programma della giornata: sorpresa preistorica nel parco. Tra le novità più attese di questa edizione della festa, una sorpresa che arriva diritta dalla preistoria e che, muovendosi nel parco, sorprenderà i bambini, facendoli divertire ed emozionare. Come sempre, ad animare i grandi spazi verdi che circondano l’Ospedale saranno i vigili del fuoco, con i loro mezzi di soccorso amatissimi dai bambini: i più coraggiosi potranno anche cimentarsi nell’emozione di salirci sopra. Nel parco interno, invece, sarà creato il Villaggio natura a cura del Comando Regione Carabinieri Forestale Toscana, un percorso di laboratori di educazione ambientale che permetteranno di viaggiare con la fantasia nelle riserve naturali e nel mondo della biodiversità. Gli amanti degli animali, potranno incontrare i dolcissimi asinelli dell’Arci Asino di Calenzano, facendo piccole passeggiate a bordo di un calesse. Dalla natura alla sicurezza: per tutta la giornata nel parco esterno, saranno esposti alcuni mezzi della Polizia di Stato. Durante la mattinata, nella Hall serra, saranno protagonisti i personaggi più simpatici dei cartoni animati: Minions, Paw Patrol e PJ Masks. Come colonna sonora di tutta la giornata, le note musicali dei ragazzi dell’ensemble Crescendo della Scuola di musica di Fiesole, l’Orchestra della Scuola di musica di Greve in Chianti e di T’INcanto, il coro composto dagli operatori della Terapia intensiva neonatale del Meyer. I burattini dei Pupi di Stac metteranno in scena la celeberrima novella “Il gatto con gli stivali”, uno dei personaggi più amati dai piccoli che ne apprezzano la scaltrezza. Tra i momenti formativi dell'evento, la presentazione di un progetto di educazione e prevenzione, nell’ambito del programma “Kids save lives”: medici e infermieri dell’Ospedale pediatrico faranno dimostrazioni di rianimazione cardiopolmonare e disostruzione pediatrica, insegnando queste preziose tecniche salvavita ai ragazzi a partire dai dodici anni di età. Ad accogliere i visitatori, all’ingresso, sarà presente uno stand della Fondazione Meyer. In regalo, per tutti, palloncini colorati e un adesivo in ricordo della giornata. Nella Hall serra sarà anche presente un Punto informazioni del Centro affidi, un servizio del Comune di Firenze che si occupa di reperire e sostenere le famiglie con o senza figli, le coppie e le persone che desiderano accogliere temporaneamente un bambino nella propria casa. Girando nell'Ospedale sarà possibile imbattersi in coloro che, ogni giorno, contribuiscono a renderlo un luogo accogliente per i bambini: musicisti, clown e quattro zampe della Pet Therapy.

La mostra Meyer più. Il Meyer è fatto di storie. Storie di bambini, di ragazzi, di genitori, di operatori sanitari e di volontari: è anche grazie al contributo di tutti loro se l'ospedale continua a crescere e diventa più grande. Per questo “Il Meyer per Amico”, tradizionale appuntamento della Fondazione Meyer con la sua città, quest’anno avrà come filo conduttore proprio quello delle Storie. Con una mostra fotografica dedicata proprio ai pazienti e alle persone del Meyer che si raccontano. Una selezione di volti e di parole che vuole essere un filo diretto con quella “comunità Meyer” sempre più numerosa. La mostra, come detto, sarà inaugurata alle 11, nel corridoio laterale dell'ospedale dove rimarrà allestita per alcune settimane.

Laboratori per tutti i gusti. A scandire la giornata, saranno i laboratori, pensati come un’occasione per divertirsi e, al tempo stesso, imparare qualcosa di nuovo. Molti i momenti dedicati al Carnevale: l’angolo riservato al trucco, il laboratorio per costruire cappelli di tutti i tipi e una parata di personaggi in maschera, di ispirazione Disneyana, in trasferta dal carnevale di Foiano, il più antico d’Italia. L’artigianato di alta moda sarà oggetto di un laboratorio curato dal Museo Salvatore Ferragamo, dove i bambini potranno dipingere in modo creativo le forme di legno utilizzate per realizzare le scarpe. Un Museo per la matematica insegnerà il mondo dei numeri che si nasconde negli origami, mentre pupazzi, macchinine e giocattoli rotti potranno tornare a nuova vita grazie alle mani sapienti dei medici dell’Ospedale delle bambole di Pistoia, in collaborazione con l’associazione Orecchio Acerbo. Il Museo fiorentino di Preistoria organizzerà infine un laboratorio di pitture preistoriche con colori naturali.

Per tutta la giornata nella Hall serra ci saranno gratuitamente acqua e frutta di stagione, offerte da CFT, latte, panna e yogurt della Mukki e i gelati della Sammontana. Alle 17, nella Hall serra, è prevista una sana merenda con pane e olio extravergine di oliva dell’Associazione Pomario e dell’Associazione Grani antichi di Montespertoli. Mentre all’esterno, sarà possibile gustare le prelibatezze dell’azienda toscana La Toraia, che sarà presente con un truck food per offrire a tutti hamburger di Chianina a filiera corta. A dare il loro prezioso sostegno per la riuscita gastronomica della festa, anche il locale Panino tondo e il ristorante di Sant’Ambrogio Pescepane. Anche quest’anno, è prevista una merenda finale per tutti a base di schiacciata.

Tutti gli eventi sono a titolo gratuito e il programma completo si può consultare alla pagina: www.meyerperamico.it
23/02/2018 10.48 Ospedale Pediatrico Meyer
Provincia di Pistoia La Provincia di Pistoia regolamenta il traffico sulla SP 20 Popiglio – Fontana Vaccaia
A seguito della chiusura al transito della SS 12, dopo il movimento franoso in località Pian dei Sisi A causa del movimento franoso avvenuto in prossimità della SS12 in località Pian dei Sisi in Comune di Abetone Cutigliano l'ANAS con apposita ordinanza ha stabilito il temporaneo divieto di transito a tutti gli utenti della strada nel tratto interessato, fino a risoluzione della criticità, ad eccezione dei residenti e dei mezzi di soccorso.

Il traffico leggero, gli autobus di linea, e i mezzi che garantiscono l'approvvigionamento locale, saranno deviati sulla viabilità alternativa, individuata nella SP 20 Popiglio – Fontana Vaccaia.

La Provincia ha stabilito, fino al ripristino della corretta viabilità sulla SS12, di regolamentare il traffico lungo la SP20 Popiglio – Fontana Vaccaia, nel tratto ricompreso tra la loc. Pianaccina (P.zle Beatrice) ed il ponte sul torrente Sestaione, denominato ponte dei Mandrini, nel modo seguente:

•Istituzione di senso unico alternato regolato da impianto semaforico ex art. 42 comma 3 lett. c) DPR 495/1992;

•Dalle ore 7:45 alle 12:30 e dalle 15:00 alle ore 18:00 nei giorni di sabato e domenica istituzione di senso unico alternato regolato da movieri ex art. 42 comma 3 lett. b) DPR 495/1992;

•Istituzione di divieto di sosta, in entrambi i sensi di marcia, lungo tutto il tratto interessato dalla presente ordinanza nonchè sul piazzale Beatrice in loc. Pianaccina.

•Divieto di transito agli autoveicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate;

•Il traffico per i bus turistici sarà ammesso esclusivamente ai seguenti orari: dalle 7:45 alle 9:45 e dalle 15:30 alle 17:30.

Per quanto concerne la percorrenza di camper e caravan è consigliato l'utilizzo di viabilità alternative.
23/02/2018 18.22 Provincia di Pistoia
Città Metropolitana di Firenze Piste ciclabili a Sesto Fiorentino
Finanziamento dal "Bando periferie" coordinato dalla Città Metropolitana di Firenze Grazie al “Bando Periferie” del Governo e al progetto coordinato dalla Città Metropolitana di Firenze è stato finanziato nel comune di Sesto Fiorentino il completamento della dorsale delle piste ciclabili (un milione di euro completamente finanziato dal Bando), che andrà ad affiancarsi alla nascita della pista ciclabile del Polo Scientifico e tecnologico (il cui costo di 2.972.076,02 euro sarà totalmente a carico degli enti locali) e il primo lotto delle piste della Piana (5.050.000 euro interamente finanziati dagli enti locali).
In alcuni casi i lavori partiranno nei prossimi mesi. Per le piste nel parco della Piana, viste le complessità legate agli espropri ed a procedure amministrative più complesse, è probabile lo sforamento al 2019 per la posa del primo mattone.

Su https://www.youtube.com/watch?v=Bm-RZ7nn8yU il video di Florence Tv utilizzabile da social e media
23/02/2018 10.16 Città Metropolitana di Firenze
Unione Montana dei Comuni del Mugello Dall'aula al museo, gli studenti-ciceroni del Giotto Ulivi
Alternanza scuola-lavoro, 80 ragazzi nel sistema museale In aula e poi... al museo. Come novelli ciceroni.
Anche nella rete dei musei del territorio prosegue l'esperienza di alternanza scuola-lavoro con il progetto “Ciao! Conosci i musei del tuo territorio? Te li presento io!” promosso dall'Istituto d'Istruzione Superiore Giotto Ulivi in collaborazione con l'Unione dei Comuni del Mugello (tramite la Segreteria “Esploramuseo” dell'Ufficio Sviluppo Economico e Culturale). Lo scorso anno scolastico l'hanno svolta 4 classi di 3° e 4° di indirizzo scientifico, con 80 ragazze e ragazzi che hanno vestito i panni di guida museale. Altre 4 classi, 2 a indirizzo scientifico e 2 a indirizzo linguistico, altri 80 loro coetanei la svolgeranno quest'anno, per 45 ore, tra aprile e settembre.
Dodici i musei partner: dal Centro documentazione archeologica e raccolta di arte sacra di Sant’Agata al Museo dei Ferri Taglienti di Scarperia al Centro documentazione ricerche storiche di Ponzalla (Scarperia) a S’Agata Artigiana e Contadina di Leprino di Sant’Agata, dal Museo della civiltà contadina di Casa d’Erci di Grezzano (Borgo San Lorenzo) alla Casa di Giotto e Museo di arte sacra e religiosità popolare di Vicchio, dal Museo delle genti di montagna di Palazzuolo sul Senio al Museo archeologico comprensoriale di Dicomano, dal Museo della Pietra Serena di Firenzuola fino al Piccolo Museo dei Bambini di Borgo San Lorenzo. E per quest'anno si stanno valutando anche ulteriori disponibilità.
Un'esperienza, quella dell'alternanza scuola lavoro nei musei locali, che ha arricchito gli studenti con conoscenze e competenze da sfruttare, possibilmente, in futuro. Come hanno raccontato loro stessi all'auditorium della scuola superiore durante l'incontro sul progetto appena terminato, al quale hanno partecipato anche i ragazzi che prenderanno il loro posto e rappresentanti dei musei che hanno illustrato le proposte specifiche per quest'anno scolastico.
Come spiega l'assessore alla Formazione e Cultura dell'Unione dei Comuni, l'Ufficio Sviluppo Economico e Culturale segue questo progetto di alternanza scuola-lavoro, curato per il liceo dalla professoressa Lucilla Fagorzi. Come lo scorso anno saranno organizzati 2 incontri di formazione per gli studenti con la presentazione del Sistema Museale Mugello Montagna Fiorentina, una panoramica sulle professioni museali e un approfondimento sulle tecniche di guida museale, propedeutici all'attività nei musei. Un'esperienza di crescita per gli studenti, continua l'assessore, ma anche in un'ottica di promozione e valorizzazione degli stessi musei. Musei che, sottolinea con soddisfazione l'assessore, vivono una stagione positiva, con una crescita significativa di visitatori anche nel 2017. Infatti, il segno + del 2016 ha accompagnato pure il 2017 con quasi 47.000 visitatori (+13%).
23/02/2018 12.32 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello
Comune di Borgo San Lorenzo - Ufficio stampa Appuntamenti tra teatro e letture
Il fine settimana si apre oggi con M’Illumino di Meno Sabato pomeriggio, dalle 16.30, tornano in Biblioteca le letture animate stavolta dedicate ai bambini dai 3 ai 6 anni. Protagonista “Pinocchio e la balena”, i piccoli partecipanti costruiranno un librino realizzando le illustrazioni con la tecnica del frottage e animandolo con la marionetta in cartone del burattino che potrà passare di scena in scena. L’attività sarà condotta dall’Associazione Alchimja, ingresso gratuito con iscrizione obbligatoria (tel. 055 8457197).

Mercoledì 28 alle 21.15 torna la stagione teatrale al Giotto di Borgo San Lorenzo con Miss Marple, la più famosa detective di Agatha Christie per la prima volta in teatro con la simpatica Maria Amelia Monti, che dà vita a un personaggio divertente e contagioso. Lo spettacolo è diretto da Pierpaolo Sepe. Informazioni in Biblioteca

Ad aprire il week-end borghigiano saranno però, oggi pomeriggio, gli eventi di “M’Illumino di Meno” l’evento, legato alla trasmissione Caterpillar di Radio2, a cui per il secondo anno consecutivo aderisce il Centro d’Incontro e che da qui prenderà avvio alle 16.30, con una passeggiata aperta a tutti che si dirigerà verso il centro. Dalle 17.30 in auditorium sono previsti balli, canti e teatro, protagoniste le parole sul consumo consapevole ed il risparmio energetico. Alle 19.00 l’aperitivo offerto dalla sezione soci Coop di Borgo San Lorenzo e alle 21.00 la giornata sarà chiusa dalle prove aperte a tutti del coro CONfusion.

23/02/2018 10.33 Comune di Borgo San Lorenzo - Ufficio stampa
Città Metropolitana di Firenze Barberino Val d'Elsa: in ultimazione la rotatoria sulla Sr 2 Cassia
Investimento della Regione Toscana e della Città Metropolitana da 572 mila euro Vanno avanti e sono in fase d'ultimazione i lavori per la realizzazione della rotatoria sulla Sr2 Cassia, in corrispondenza della curva del Borraccio, all'ingresso di Barberino Val d'Elsa. L'investimento, finanziato dalla Regione Toscana e dalla Città Metropolitana per un importo complessivo pari a 572mila euro, si è articolato in due fasi. La prima ha previsto la realizzazione di una palificata lungo il margine a valle dell'attuale viabilità ai fini della stabilità idrogeologica dell'opera, la seconda tranche ha compreso la realizzazione delle opere stradali vere e proprie.
La direzione del cantiere è stata affidata dalla Città Metropolitana all'Unione comunale del Chianti fiorentino. L’opera costituisce di fatto il primo lotto della Circonvallazione di Barberino Val d’Elsa.
23/02/2018 11.07 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Figline e Incisa Valdarno Figline-Incisa. Caccia al tesoro in biblioteca: alla “Ficino” c’è Enigma live Game
Domenica 25 febbraio si inizia alle 15,30 con la registrazione delle squadre. Poi tutti in gara muniti di smarphone e app Sarà una domenica pomeriggio da trascorrere alla ricerca di indizi, tra libri e scaffali, quella in programma per il 25 febbraio nella biblioteca Ficino di Figline. Si tratta dell’Enigma Live Game che, a partire dalle 16, prevede la ricerca (e la risoluzione) di enigmi sparsi all’interno della biblioteca comunale, situata in via Locchi 15.
Per decifrarli, però, occorre arrivare muniti del proprio smartphone e scaricare l’apposita app, Enigma live game, dal proprio negozio virtuale. La partecipazione è gratuita.

Per iscrivere la propria squadra o per avere ulteriori informazioni sul gioco e sulle sue prossime date di svolgimento basta visitare il sito www.enigmalivegame.it oppure la relativa pagina facebook www.facebook.com/enigmalivegame/ .

Si precisa che il 25 febbraio sarà possibile iscriversi anche direttamente in biblioteca, presentandosi mezz’ora prima dell’evento.

Anche questo appuntamento si inserisce nell’ambito della rassegna di promozione della lettura “Agenda letteraria per una comunità che legge”, di cui è possibile reperire il programma completo sul sito www.fiv-eventi.it .

Per rimanere aggiornati su tutte le iniziative organizzate a Figline e Incisa e ricevere informazioni di servizio dal Comune basta iscriversi al servizio di messaggistica istantanea WhatsFiv (regolamento completo e modalità di iscrizione: www.comunefiv.it/whatsfiv) .

23/02/2018 10.57 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Regione Toscana Poli tecnico-professionali, al via il secondo bando dei finanziamenti
La Giunta regionale della Toscana ha emanato il secondo avviso pubblico per la concessione di finanziamenti attivati per la realizzazione di interventi rafforzativi dei Poli tecnico-professionali Le risorse stanziate, finanziate nell'ambito del Por-Fse 2014-20, ammontano a circa 655 mila euro. Con questo secondo avviso si allocano, esaurendole, tutte le risorse messe a disposizione dal Por Fse per le attività destinate ai Poli tecnico-professionali. Il bando rientra nell'ambito del progetto regionale Giovanisì. Le domande possono essere presentate entro e non oltre il 15 marzo prossimo.

Soddisfazione per questa ennesima misura a sostegno della formazione viene espressa dall'assessore a Lavoro, istruzione e formazione della Regione Toscana, che evidenzia come ciascun progetto debba contenere azioni finalizzate al miglioramento della governance attraverso la realizzazione di azioni per il rafforzamento del coordinamento e della comunicazione con la valorizzazione di risorse umane, strumentali ed organizzative, finalizzate alla realizzazione delle azioni previste dalle linee di sviluppo regionali.

In coerenza con gli obiettivi generali e specifici dell'avviso, i progetti devono contenere la definizione di un sistema stabile e permanente di coordinamento, comunicazione e monitoraggio, che sia sostenibile oltre il termine del contributo regionale. E' inoltre richiesta la realizzazione di azioni informative e formative per gli studenti degli istituti scolastici che ne fanno parte, azioni finalizzate ad accrescere competenze e conoscenze degli alunni sulle innovazioni tecnologiche e le figure professionali che girano attorno al paradigma dell'Industria 4.0.

Possono presentare progetti gli istituti tecnici o professionali già capofila di un Polo tecnico-professionale riconosciuto in Toscana e con un accordo di rete valido al momento della presentazione della domanda, al cui interno sia presente una Fondazione Its. Il partenariato prevede l'obbligatoria presenza di istituti tecnici e professionali, imprese (secondo determinate percentuali) e almeno un organismo formativo facente parte della Polo considerato. E' anche possibile la partecipazione di due Poli tecnico-professionali al medesimo progetto.
23/02/2018 11.22 Regione Toscana
Pergola, Niccolini, Mila Pieralli, Era Teatro della Toscana: prima nazionale al Teatro Studio di "Appunti di un pazzo", Alessio Bergamo mette in scena il realismo fantastico di Gogol’
Da venerdì 2 a domenica 11 marzo al Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci Il realismo fantastico di Gogol’ è al Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci da venerdì 2 a domenica 11 marzo con la prima nazionale di Appunti di un pazzo dal quasi omonimo racconto Il diario di un pazzo.

In uno spazio ridisegnato per l’occasione, con gli spettatori direttamente in scena con gli attori, Alessio Bergamo e un gruppo di sette interpreti di scuola stanislavskijana, convergenti nell’interesse per il lavoro del maestro russo Anatolij Vasil’ev, hanno creato un carosello di apparizioni surreali, umoristiche e anche demoniache, che guidano il pubblico nella mente (e i suoi meandri) del consigliere titolare Aksentij Ivanovic Popryšin.

“Per Stanislavskij in scena tutto deve essere reale – afferma Bergamo – Vasil’ev, di cui sono stato collaboratore, ha fatto una rivoluzione copernicana: ciò che accade sul palcoscenico è una realtà di ‘gioco’. In Appunti di un pazzo gli attori Daniele Caini, Alessandra Comanducci, Domenico Cucinotta, Massimiliano Cutrera, Marco Di Costanzo, Erik Haglund, Stefano Parigi, danno vita a una fantasmagoria piena di senso che condividono a stretto contatto con gli spettatori, accolti in sala dallo stesso Popryšin, interpretato da Cucinotta”.

Popryšin è un impiegato ordinario che appunta sul suo diario pensieri e gesti di una mente straordinaria. Si innamora della figlia di Sua Eccellenza, ma scopre che lei non lo ama leggendo le lettere del suo cagnolino. Poi apprende di essere il re di Spagna, ma esita a presentarsi a corte prima che vengano da lui i deputati. Fino all’inaspettato e sconvolgente finale.

Una produzione Fondazione Teatro della Toscana, Teatro dell’Elce, Cantiere Obraz, in collaborazione con Postop Teatro, con il sostegno produttivo di Armunia Festival Costa degli Etruschi, con il sostegno di Regione Toscana.

Grande viaggiatore e amante dell’Italia, Nikolaj Vasil’evic Gogol’ è considerato uno dei padri della letteratura russa, precursore del realismo dell’Ottocento maturo, a cui mescola una vena fantastica e un infaticabile spirito satirico, che vira a tratti nel grottesco. Gogol’ pubblica Il diario di un pazzo nel 1835, che viene inserito nel 1842 nella celebre raccolta dei Racconti di Pietroburgo. Un universo di sogno e delirio che arriva al Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci da venerdì 2 a domenica 11 marzo con la prima nazionale di Appunti di un pazzo, restituzione fedele del testo originale diretta da Alessio Bergamo.

“La novella di Gogol’ altro non è che una parabola sotto forma di scherzo – sostiene Bergamo – una riflessione sul rapporto tra l’uomo e la sua immagine sociale. Un tema inevitabile e oggi asfissiante, visto il moltiplicarsi delle immagini che quotidianamente, come in una camera di specchi, ci provocano scissioni interiori sempre più profonde, ci inducono a non farci capire più dove siamo noi e dove siano gli altri. Lo spettacolo va oltre la poetica di un teatro di rappresentazione tradizionale e lancia un ponte (o una sfida) verso la performance”.

Aksentij Ivanovic Popryšin, interpretato da Domenico Cucinotta, è un impiegato statale al grado più basso della gerarchia impiegatizia. Sta seduto nell’anticamera dell’appartamento di servizio del suo capo. Durante la giornata attende alle sue mansioni principali: porge gli incartamenti e tempera le penne per Sua Eccellenza e, a omaggio, per la figlia di Sua Eccellenza. Oltre la porta pulsa la vita sgargiante, misteriosa e inaccessibile delle alte sfere della società. Accadono cose incomprensibili alla mente dei semplici. È necessario penetrare, scoprire, indagare se si vuole comprendere, se si vuole ascendere. Popryšin non è persona priva di intraprendenza e indaga, penetra, affronta decine di visioni, impersonate da Daniele Caini, Alessandra Comanducci, Massimiliano Cutrera, Marco Di Costanzo, Erik Haglund, Stefano Parigi.

Il cast, accumunato da un’unica origine, la scuola di matrice stanislavskijana, e convergente nell’interesse per il lavoro del maestro russo Anatolij Vasil’ev, assecondano il taglio surreale-metafisico di Gogol’, affrontando in termini pratici la questione di cosa sia il fantastico in scena e di quali rapporti esso abbia con la presenza dell’attore. Alessio Bergamo, regista, studioso, docente di Storia dello spettacolo in alcuni atenei italiani, è il curatore dell’unico volume finora uscito in Italia di Vasil’ev (autore, regista e teorico teatrale di cui Bergamo è stato collaboratore).

“L’immagine che abbiamo di noi e che, nella realtà, non ci corrisponde del tutto – spiega – è un riferimento di ‘gioco’ costante all’interno di Appunti di un pazzo. Popryšin sogna di essere qualcuno, ma questi sogni si svincolano da lui e gli riappaiono sotto forma di demoni. Quando si fa uno sgambetto a volte il malcapitato, invece di cadere, prende velocità per restare in piedi: è ciò che succede a Popryšin, gli ‘sgambetti’ dei suoi deliri gli fanno prendere sempre più velocità, fino ad arrivare a un finale davvero a sorpresa”.

È difficile capire quale sia la verità delle cose. Comprendere è un atto intellettuale e dove c’è intelletto c’è immaginazione e dove c’è immaginazione è facile non distinguere più la realtà. Popryšin vivrà eventi straordinari che lo porteranno lontano dalla patria (o forse no), innalzato a cariche altissime (o forse no), implicato in intrighi di Stato, clamorosi trionfi, gloriose imprese e terribili persecuzioni. E a una, una sola, autentica rivelazione.

Lo spazio scenico è di Irina Dolgova e Alessio Bergamo, gli oggetti e i costumi di Thomas Harris, i contributi sonori di Andrea Pistolesi. Una produzione Fondazione Teatro della Toscana, Teatro dell’Elce, Cantiere Obraz, in collaborazione con Postop Teatro, con il sostegno produttivo di Armunia Festival Costa degli Etruschi, con il sostegno di Regione Toscana. Una prima versione di Appunti di un pazzo ha debuttato nel 2016 per “Il Sole d’Inverno”, la stagione teatrale invernale di Fiesole promossa dal Teatro Solare.

“Attratto dai modelli di successo della società e pronto a conformarsi a essi, ma costretto in una posizione subalterna, Aksentij Ivanovic Popryšin – conclude Alessio Bergamo – si lascia cadere in una spirale di pazzia che esplode nella delirante prospettiva di un’improbabile rivalsa sui suoi superiori, avversari e oppressori immaginari. L’onirico diventa reale e il suo progressivo impazzimento si trasforma nel conflitto di un malato contro una realtà organizzata in modo più folle di lui”.

2 – 11 marzo | Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci PRIMA NAZIONALE
(ore 21; domenica ore 16:45; riposo lunedì 5 marzo)
Fondazione Teatro della Toscana, Teatro dell’Elce, Cantiere Obraz
in collaborazione con Postop Teatro
con il sostegno produttivo di Armunia Festival Costa degli Etruschi
con il sostegno di Regione Toscana
APPUNTI DI UN PAZZO
di Nikolaj Vasil’evic Gogol’
con Daniele Caini, Alessandra Comanducci, Domenico Cucinotta, Massimiliano Cutrera, Marco Di Costanzo, Erik Haglund, Stefano Parigi
spazio scenico Irina Dolgova e Alessio Bergamo
oggetti e costumi Thomas Harris
contributi sonori Andrea Pistolesi
regia Alessio Bergamo
Durata: 1h e 45’, atto unico.

Biglietti
Intero 14€
Ridotto | over 60, under26, soci Unicoop Firenze, abbonati Teatro della Toscana
12€
Ridotto | residenti comune di Scandicci, possessori di ICard e EduCard
10€
Biglietteria di prevendita
Teatro della Pergola
Via della Pergola 30, Firenze
055.0763333 – biglietteria@teatrodellapergola.com.
Dal lunedì al sabato: 9.30 / 18.30
Circuito regionale Boxoffice e online su https://www.boxol.it/TeatroDellaPergola/it/advertise/appunti-di-un-pazzo/219442
Biglietteria serale
Sul luogo dell’evento la sera stessa a partire da un’ora prima dello spettacolo.
23/02/2018 12.08 Pergola, Niccolini, Mila Pieralli, Era
Comune di Prato Il Presidente del Consiglio dei Ministri firma il decreto per la statalizzazione della Leonardo da Vinci.
Entro il 15 maggio al via il cantiere E' stato firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri con il quale è stata disposta la revisione della “rete stradale d’interesse nazionale” di varie regioni italiane. Un decreto che contiene anche la statalizzazione della “ declassata di Prato” descritta come tratto stradale " da casello di Prato Calenzano a innesto con la S.S. n. 716 presso Pistoia”. Il rimanente tratto da Sesto Fiorentino fino a via Perfetti Ricasoli di Firenze sarà trasferito allo Stato non appena saranno completati i lavori. In tutto saranno 32 i chilometri di strada che passeranno alla competenza dell'Anas, dei quali 24 già statalizzati con il DPCM appena sottoscritto. Come da prassi il decreto è stato inviato alla Corte dei Conti per la dovuta registrazione.

La statalizzazione è il presupposto per l'avvio dei lavori per la realizzazione del sottopasso in viale Leonardo da Vinci a cura di Anas. L'atto di statalizzazione segna un punto di non ritorno rispetto alla scelta di realizzare un sottopasso per migliorare la viabilità e la qualità urbanistica e ambientale in zona Soccorso, con un progetto che porterà risolvere i problemi di traffico e a creare un'ampia zona verde in superficie.

I lavori inizieranno entro il 15 maggio, quando il Comune insedierà il cantiere del primo lotto delle complanari e del parco di superficie, progetto curato interamente dagli uffici comunali. Le complanari serviranno come viabilità alternativa nelle fasi di cantiere, così da ridurre il più possibile gli inevitabili disagi, mentre, dopo l'apertura del sottopasso, serviranno in parte come viabilità cittadina e in parte come parco.Per quanto riguarda la parte interrata dell’opera, il progetto, curato da Anas, sarà presentato all'ufficio Concessione Edilizie (per la verifica di assoggettabilità, o meno, a VIA Verifica Impatto Ambientale) e anche alla Città entro il prossimo 15 marzo. La copertura finanziaria dell’intera opera (sia la parte interrata sia la parte di superficie) è stata completata con lo stanziamento deciso dal Cipe lo scorso 22 dicembre. Come noto i costi a carico del Comune di Prato saranno di 5 milioni di euro, mentre il vecchio progetto per la realizzazione di un viadotto sopraelevato avrebbe pesato sulle casse comunali per 10 milioni di euro. Le altre risorse saranno stanziate dallo Stato con fondi Sviluppo e Coesione e con fondi del contratto di programma tra Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e Anas
23/02/2018 12.50 Comune di Prato
Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana Balkan Florence Express
Sabato 24 Febbraio, Cinema La Compagnia, Firenze Matinée per le scuole con Ethnophobia, cortometraggio d’animazione eThe Frog di Elmir Jukic (dalle 09.30);
• In programma 4 anteprime italiane: di When Pigs Come, della regista serba Biljiana Tutorov, ospite in sala; la commedia Ministry of Love, del regista croato Pavo Marinkovic; Three Days in September, film considerato il “Thelma & Louise in salsa macedone”, di Darijan Pejovski e Requiem for Mrs. J, del serbo Bojan Vuletic
• Alle ore 20.00 la consegna dei premi 'Balkan Florence Bridges Awards', prima edizione, ai registi delle sezioni documentario e fiction per la valorizzazione del tema dei diritti umani
Terza giornata del Balkan Florence Express, Sabato 24 febbraio, al Cinema La Compagnia di Firenze.

Matinées per le scuole
Vengono riproposte le proiezioni dedicate ai ragazzi: alle 09.30, Ethnophobia, di Joan Zhonga, giovanissimo e promettente regista albanese che ha realizzato un corto d’animazione con la tecnica stop-motion, assoluta novità dell’edizione 2018 del festival. Il film è una storia allegorica di popoli di diversi colori che racconta la continua tensione tra accoglienza e rifiuto del diverso.

A seguire, alle 10:00, presentato in anteprima italiana durante il festival, The Frog di Elmir Jukic il racconto dei traumi di un ex soldato, Zeko, e della sua difficoltà nel lasciarsi un cruento passato alle spalle. Il film, proiettato al Sarajevo Film Festival 2017, rappresenta la quotidianità di molti bosniaci di oggi che vivono ancora in uno stato mentale posttraumatico Programma di film pomeridiano e serale

Alle 16, l’anteprima italiana di Ministry of Love, del regista croato Pavo Marinkovic, la storia di un amore un po’ tormentato tra una vedova di guerra e il funzionario ministeriale incaricato di denunciarne la percezione illegale della pensione del defunto marito. I ragazzi dell’Istituto Cicognini di Prato hanno curato la traduzione di questa commedia come parte integrante di un percorso di alternanza scuola-lavoro.

Alle 18, Pink Elephant, cortometraggio che racconta con intelligenza la storia di un padre, di una figlia e degli scheletri nell’armadio di entrambi.
Alle 18:30 spazio a When Pigs Come, della regista serba Biljana Tudorov, presente in sala. La storia di Dragoslava e della sua vita quotidiana, alle prese con le tante contraddizioni del suo paese. Anteprima italiana

Dopo la consegna dei Balkan Florence Bridges Awards, novità di questa edizione per premiare i registi che più di altri hanno saputo valorizzare l’aspetto dei diritti umani nelle loro pellicole (sia per la categoria documentari che per le fiction), altre due anteprime italiane:
Alle 20:30 Three Days in September, alla presenza del regista macedone Darijan Pejovski: la storia di due ragazze diversissime tra loro e del passato che entrambe cercano, per ragioni diverse, di dimenticare; le due donne si incontrano su un treno e affronteranno insieme un viaggio che le costringerà a fare i conti con i segreti e le intenzioni che ognuna nasconde all’altra. alle 22:30 Requiem for Mrs.J, del serbo Bojan Vuletic, una commedia noir sulla difficoltà di vivere, ma anche morire, in un paese che, negli ultimi vent’anni, non è riuscito mai ad uscire dalla transizione post-bellica.

Biglietti Intero: euro 5; ridotto cartolina: euro 4 Giornaliero: euro 10 Abbonamento completo: euro 30
23/02/2018 12.20 Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana
Ordine degli Architetti di Firenze Rischio sismico, cambiano le norme per la sicurezza degli edifici
Un nuovo strumento per la prevenzione in Toscana Pubblicate le nuove norme tecniche per le costruzioni in zona sismica. Nella nostra regione 256 comuni e 686mila abitazioni ricadono nelle zone a rischio sismico 2 e 3. Cambiano i riferimenti per la sicurezza degli edifici esistenti: “La nuova norma consente di mettere in sicurezza il proprio edificio con criteri diversi rispetto al passato e con migliori livelli di sicurezza”

Sono state approvate con decreto ministeriale del 17 gennaio e pubblicate il 20 febbraio le nuove norme tecniche per le costruzioni in zona sismica, a dieci anni di distanza dalle precedenti, risalenti al 2008. La loro entrata in vigore è prevista per il prossimo 22 marzo. In Toscana, 256 comuni su un totale di 274 ricadono nelle zone a rischio sismico 2 e 3 (su una scala da 1 a 4 in ordine decrescente): tutta la provincia di Firenze è in zona 3, mentre tutto il Mugello è in zona 2 a maggior rischio. Sono circa 686mila le abitazioni esistenti in zona sismica 2 e 3.

“Tutta la Toscana è interessata dalle nuove norme tecniche, che contengono le regole di riferimento per la realizzazione di nuove costruzioni e infrastrutture e per l'adeguamento delle costruzioni esistenti”, evidenzia Duilio Senesi, vicepresidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze. “Effettuare interventi efficaci per la sicurezza sismica di costruzioni antiche o comunque costruite prima della dichiarazione di sismicità delle varie zone è operazione assai complessa ma indispensabile – continua – la scarsa adesione agli incentivi del Sismabous, come il recente caso dei coefficienti di sicurezza della scuola di Ribolla, ci richiamano a non perdere il contatto con la realtà, a fare i conti con le risorse, a scegliere delle priorità, a rimuovere gli ostacoli. Confidiamo che le nuove norme tecniche per le costruzioni rappresentino un passo in avanti per attuare un piano di prevenzione sismica rivolto soprattutto alla tutela dei centri urbani e del patrimonio edilizio storico dei nostri borghi e per la salvaguardia della vita della popolazione e del sistema produttivo dei comuni sismici della Toscana”.

Con le nuove norme cambiano le regole sulla messa in sicurezza degli edifici esistenti. “Vengono introdotte precisazioni utili già evidenziate nel corso di applicazione di quasi dieci anni delle norme del 2008, che consentono di progettare meglio le nuove costruzioni ma soprattutto centrano l’attenzione sulla sicurezza degli edifici esistenti, che costituiscono la criticità del nostro antico patrimonio edilizio – spiega Maurizio Ferrini, coordinatore della Commissione strutture e prevenzione sismica dell’Ordine degli Architetti di Firenze e già dirigente del Servizio Sismico Regionale – la nuova norma consente di mettere in sicurezza il proprio edificio con criteri diversi rispetto al passato e con migliori livelli di sicurezza. Si pone sempre più il concetto di intervento locale e miglioramento sismico, senza voler sempre raggiungere l'adeguamento sismico, addirittura uguale alle strutture di nuova progettazione”.

Tra le novità introdotte dalle nuove norme tecniche, per il miglioramento sismico viene introdotto un livello di sicurezza minimo che prima non c'era e che, nel caso ad esempio degli edifici pubblici scolastici o di quelli con funzioni pubbliche strategiche, deve essere di almeno il 60% rispetto a quello per le nuove costruzioni, mentre edifici come quelli residenziali devono raggiungere un livello di sicurezza maggiore di almeno il 10% rispetto a quello attuale. Per l'adeguamento sismico, in alcuni limitati casi i livelli di sicurezza non saranno più quelli per le nuove costruzioni ma potranno essere pari o superiori all’80%.

“Altre misure di prevenzione sismica sono attese, come sollecitato dalla Conferenza delle regioni e degli enti locali, quali ad esempio la revisione del testo unico 380/01 per chiarire le responsabilità dei progettisti e i controlli dei Geni Civili e l’emanazione del libretto del fabbricato per una conoscenza organica, preventiva, del nostro patrimonio edilizio e delle sue condizioni strutturali”, aggiunge Ferrini.

L’attenzione sul tema del recupero e della sicurezza del tessuto storicizzato diffuso esposto al sisma alla luce delle nuove norme tecniche è stata posta da Giacomo Tempesta, docente del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze. “Le nuove norme tecniche possono costituire supporto e valorizzazione della professionalità dell’architetto progettista in zona sismica”, ha sottolineato il professor Valerio Alecci dello stesso Dipartimento.

Erasmo D’Angelis di Italia Sicura Palazzo Chigi, che sta coordinando la messa in sicurezza dai rischi idrogeologici nelle regioni del Centro Italia colpite dal terremoto del 2016-17 dove, per la prima volta dopo un sisma, la ricostruzione è completata anche da opere contro frane e alluvioni, ha ricordato “i finanziamenti messi a disposizione dallo Stato per fare prevenzione strutturale e proseguire sia nelle verifiche sismiche ma soprattutto nel rafforzamento dell’edilizia scolastica e pubblica, e il nuovo Sismabonus per l’edilizia residenziale e produttiva che copre fino all’85% dell’investimento anche su un intero condominio”. “Dal dopoguerra ad oggi lo Stato ha speso ogni anno in media 4 miliardi di euro solo per riparare danni da terremoti e oggi la parola 'prevenzione' deve entrare nel vocabolario della politica, delle classi dirigenti, di noi cittadini. La Regione Toscana – ha illustrato D'Angelis – è stata la prima ad attivare in Italia una seria politica di prevenzione antisismica fin dal 1985 con l'adeguamento sismico degli edifici pubblici e poi con il primo sisma bonus che ha permesso di consolidare una parte degli edifici dei comuni della Lunigiana e Garfagnana che non hanno subito danni e vittime nel terremoto del giugno 2013 di magnitudo 5,3 che altrove avrebbe provocato disastri. La stessa prevenzione che ha fatto la differenza a Norcia, resa più sicura dopo il terremoto del 1997, che non ha visto danni né vittime nel forte terremoto del 2016. È questa la strada da seguire”.
23/02/2018 13.36 Ordine degli Architetti di Firenze
Comune di Certaldo Giuliano Giuggioli: sguardo surrealista e beffardo sui nostri giorni
Sabato 24 febbraio si apre la mostra “Il viaggio” Inaugurazione della stagione espositiva 2018 di Palazzo Pretorio Si apre sabato 24 febbraio la stagione espositiva 2018 di Palazzo Pretorio, con l’inaugurazione, in programma alle ore 16.00 della mostra “Il Viaggio” dell'artista Giuliano Giuggioli, curata da Filippo Lotti. La mostra è stata presentata stamani in Palazzo Pretorio.

La stagione espositiva 2018 è contrassegnata dall’hashtag #lookatme: ovvero guardami, osservami. Un richiamo all'attenzione, come spiega l'assessore alla cultura del Comune di Certaldo, un modo per invitare l'ospite ad essere curioso per la nuova prospettiva che si può aprire, per lui, grazie alle mostre in programma quest’anno.
Giuliano Giuggioli nasce nel 1951 a Vetulonia, in provincia di Grosseto. Autodidatta, si perfeziona nelle tecniche pittoriche e di stampa frequentando assiduamente botteghe, stamperie, cantieri artistici, gallerie e musei di tutto il mondo. La sua produzione spazia dalle tele ad olio alle tecniche su carta e legno. Tante le sue mostre personali, in Italia e all’estero.

In mostra a Certaldo circa 35 opere pittoriche - su tela e su tavola - nelle quali, con uno stile che richiama la pittura surrealista e metafisica, emergono architetture, paesaggi e persone, in situazioni che richiamano il tema del viaggio cui è dedicata appunto questa esposizione. Viaggio fisico, viaggio dell’anima.

Per il sindaco di Certaldo, con “Il viaggio” di Giuliano Giuggioli si apre una nuova, ricca e intensa stagione espositiva che conferma Palazzo Pretorio come un museo e centro espositivo di arte contemporanea, tra i più visitati della nostra regione, da un pubblico sia di italiani che di stranieri. Le forme e i colori di Giuggioli dialogheranno al tempo stesso con lo spettatore e con il passato immutabile affrescato sulle pareti. La pittura di Giuggioli, che da buon etrusco ha scelto di conoscere le sue radici ma poi di confrontarsi con la storia della pittura e con le inquietudini post moderne, così anche Certaldo con le sue politiche culturali ha scelto di non fermarsi al Medioevo, ma di valorizzarlo e al tempo stesso di accettare la sfida del contemporaneo.

Per l’assessore alla cultura, nelle opere di Giuggioli c’è la ricerca di un dialogo garbato con se stessi, la ricerca continua di una risposta alla domanda “chi siamo e dove andiamo”. L’autore, con stile romantico e lievemente beffardo, ci condiziona, ci induce ad una scelta, tutta soggettiva, fatta di intraprendenza e sfrontatezza o di indolenza e pigrizia: ci pone di fronte ad un bivio, ci invita a riflettere, a metterci in discussione. Un dialogo che nasce dalla tela per essere poi interiorizzato in una potente carica emotiva.

La mostra, che resterà aperta fino al 2 aprile, è organizzata dal Comune di Certaldo - Assessorato alla cultura, con il patrocinio di Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Unione dei Comuni Circondario dell'Empolese Valdelsa, mente l’allestimento è curato da Casa d’Arte San Lorenzo. A disposizione dei visitatori, il catalogo delle opere in mostra con testo critico di Francesca Bogliolo, edito da Bandecchi & Vivaldi.

Al termine della cerimonia inaugurale, ai presenti sarà offerto un aperitivo, realizzato e servito dai partecipanti al progetto "La mente serve a tavola", in collaborazione con Associazione per i Gemellaggi di Certaldo. "La mente serve a tavola" è un progetto gestito, per la zona della Valdelsa, dalla Cooperativa sociale Minerva, in collaborazione con la Società della Salute Empolese Valdelsa, progetto finanziato e realizzato come primo a livello nazionale con il Fondo UNRRA del Ministero dell’Interno.

E la prossima estate, Giuliano Giuggioli - e come lui anche gli artisti Fabio Calvetti e Francesco Nesi - sarà presente con alcune sue installazioni a “Mercantia 2018 - Tra la terra e il cielo”, installazioni giganti esposte in Certaldo Alto e realizzate appositamente per il Festival che si svolgerà dal dal 11 al 15 luglio.

La mostra sarà poi aperta fino al 2 aprile con i seguenti orari: 9.30-13.30 / 14.30-16.30 (chiusura martedì). Pasqua e Lunedì di Pasqua (1 e 2 aprile): 9.30-13.30 / 14.30-19.00 Ingresso a pagamento: € 4,00 (ticket Sistema Museale, comprensivo visita Palazzo Pretorio e Casa di Boccaccio).


23/02/2018 13.06 Comune di Certaldo
Comune di Firenze Firenze. Personale, arrivate quasi 8.000 domande per istruttore amministrativo e oltre 760 per istruttore direttivo tecnico
Va avanti il piano assunzioni: nel triennio 350 neo dipendenti. Ad aprile il bando per 48 agenti di Polizia Municipale. In corso le prove dei concorsi pubblicati nel 2017 Procede il piano di assunzioni dell'Amministrazione che prevede circa 350 neo dipendenti nel triennio. Ieri è scaduto il termine per presentare le domande dei due concorsi pubblicati a gennaio per la copertura di 23 posti a tempo indeterminato per istruttore amministrativo (categoria C) e 6 posti, sempre a tempo indeterminato, per istruttore direttivo tecnico (categoria D). Per il primo bando sono arrivate 7.970 domande, per il secondo 761.

In dettaglio il primo concorso era rivolto a diplomati di scuola superiore di durata quinquennale, il secondo ai laureati in Ingegneria (anche laurea triennale) con abilitazione alla professione di ingegnere o iscrizione al relativo albo professionale. Per ambedue dopo l’istruttoria saranno effettuate le preselezioni che, presumibilmente, si terranno entro luglio. Nelle prossime settimane l’Amministrazione comunicherà date e luoghi. A seguire le prove scritte e orali.

Intanto vanno avanti le procedure aperte. Per quanto riguarda il concorso per 46 istruttori direttivi amministrativi, le prove orali inizieranno il 7 marzo e gli ammessi sono 122. Sono iniziate ieri e si concluderanno oggi invece le prove scritte per il concorso per istruttore tecnico: 244 i candidati ammessi. A fine aprile sarà pubblicato il bando per la selezione di 48 agenti di Polizia Municipale, in autunno sarà la volta del concorso per 6 istruttori direttivi informatici e 4 ispettori di Polizia Municipale. A questi si aggiungeranno i 25 neo assunti nel sociale.

Per ulteriori informazioni: https://www.comune.fi.it/pagina/amministrazione-trasparente-bandi-di-concorso/selezioni-esterne (mf)

23/02/2018 13.32 Comune di Firenze
Comune di Lastra a Signa Bibliocult, nel programma di marzo ancora tanti appuntamenti per i più piccoli
Laboratori e incontri per adulti e piccoli utenti sull’opera lirica Proseguono le attività della biblioteca comunale di via Togliatti. Nel mese di marzo il calendario di eventi Bibliocult prevede ancora tanti eventi per adulti e bambini.
Si parte sabato 3 marzo alle 16 quando le attività si trasferiranno al Museo Caruso per la rassegna Bambini all’opera-A casa di Enrico.
Da una vecchia valigia spuntano sorprese che il padrone di casa ha preparato per far scoprire con divertimento il museo e la sua storia. Alla fine dell'avventura, un regalo per tutti. Il laboratorio è riservato ai bambini dai 6-12 anni, per prenotazioni: 055 3270124.
Martedì 6 marzo alle 17 torna il filo di Arianna (ogni 1° martedì del mese), maglia, uncinetto, ricamo, fai da te: chiacchierare e imparare scambiandosi idee ed esperienze (e’ possibile portare i tuoi strumenti di lavoro: gomitoli, ferri, uncinetto). Il programma prosegue martedì 13 marzo ore 17 con l’iniziativa per bambini dai 3 ai 5 anni Una valigia piena di storie,letture a cura della Biblioteca (informazioni e prenotazioni: 055 3270124) mentre venerdì 16 marzo alle 17 con Tutti all’Opera, la presentazione, con curiosità e aneddoti, delle opere liriche in programma al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino a cura di Silvano Sanesi. L’opera su cui si concentrerà l’incontro è l’Alceste di Christoph Willibald Gluck.Infine gli ultimi due appuntamenti saranno sabato 24 marzo alle 10.30 con La città dei fiori, laboratorio di costruzione di fiori e farfalle con materiali di riciclo per bambini dai 6 agli 11 anni e mercoledì 28 marzo alle 17 con il Circolo di lettura, l’appuntamento mensile per condividere idee ed emozioni sui libri, in questo caso su Un nome di Paolo Ciampi.
23/02/2018 12.38 Comune di Lastra a Signa
Redazione di Met Aran e Organizzazioni sindacali hanno firmato l’Ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro 2016-2018 del comparto Sanità
Aumenti economici pari a circa 86 Euro medi, con una forbice che va da circa 80 Euro poco meno di 95 al mese ed incrementi percentuali a regime del 3,48% Aran e Organizzazioni sindacali hanno firmato l’Ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro 2016-2018 per i circa 543.400 pubblici dipendenti appartenenti al comparto Sanità, che comprende Aziende sanitarie e ospedaliere del SSN, policlinici universitari, ARPA, istituti zooprofilattici sperimentali e altri istituti di cura.

Si tratta del quarto contratto firmato in circa due mesi - dopo i contratti di Funzioni centrali, Istruzione e ricerca, Funzioni locali - a seguito dell’accordo del novembre 2016 tra il Ministro Madia e le organizzazione sindacali, che ha fissato le coordinate generali dei rinnovi contrattuali nel settore pubblico.

Con l’accordo siglato oggi, i circa 2.400.000 dipendenti pubblici, che applicano contratti stipulati dall’Aran, hanno visto rinnovato il loro contratto collettivo nazionale, per il triennio 2016-2018, dopo un lungo periodo di blocco della contrattazione nazionale.

Il contratto riconosce aumenti economici, pari a circa 86 Euro medi, con una forbice che va da circa 80 Euro poco meno di 95 al mese ed incrementi percentuali a regime del 3,48%. Tali valori sono raggiunti anche attraverso un elemento perequativo della retribuzione, che presenta valori più elevati per le categorie e posizioni economiche collocate nelle fasce più basse della scala parametrale. Per il periodo 2016-2017, sono riconosciuti anche gli arretrati contrattuali. Dalla fine del 2018, con decorrenza 2019, è previsto, infine, un incremento dei Fondi destinati alla contrattazione integrativa.

L’accordo interviene su molti aspetti normativi quali le assenze, i permessi e congedi, le ferie, i rapporti di lavoro flessibile, l’ampliamento di alcune tutele (malattie gravi, permessi per visite).

In materia di orario di lavoro, l’accordo raggiunge un buon equilibrio tra tutele e garanzie per i lavoratori ed esigenze organizzative delle aziende sanitarie.

E’ stato ridefinito un quadro organico di regole sulle relazioni sindacali presso le aziende, valorizzando gli istituti della partecipazione e la contrattazione integrativa.

Il nuovo contratto collettivo, in attuazione della Riforma Madia, ha operato anche una revisione del codice disciplinare dei dipendenti pubblici, prevedendo anche specifiche sanzioni in caso di assenze ingiustificate in prossimità dei giorni festivi o per assenze collettive.

Il contratto diventerà efficace, a seguito della sottoscrizione definitiva, una volta concluso l’iter di verifica e controllo della sua compatibilità economica, come previsto dalle norme vigenti.

https://www.aranagenzia.it/comunicati/8811-aran-e-organizzazioni-sindacali-hanno-firmato-lipotesi-di-contratto-collettivo-nazionale-di-lavoro-2016-2018-del-comparto-sanita.html
23/02/2018 18.03 Redazione di Met

Guardia di Finanza - Comando regionale GdF-Firenze. Controlli a tappeto in città delle unità cinofile: arrestati 2 corrieri della droga
Sequestrati oltre 1,2 Kg di sostanze stupefacenti
Negli ultimi giorni, i finanzieri del Comando Provinciale di Firenze hanno condotto una serie di operazioni di contrasto alla vendita di sostanze stupefacenti.

Le attività ispettive, coadiuvate dal rilevante contributo delle unità cinofile, hanno portato:

• all’arresto di 2 corrieri della droga (un nigeriano ed una donna italiana);
• alla denuncia all'Autorità Giudiziaria di 3 persone per la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti;
• alla segnalazione alle competenti Prefetture di 50 persone per uso di sostanze psicotrope.

Complessivamente è stato sequestrato oltre 1,2 Kg di sostanza stupefacente (870 grammi circa di marijuana, 230 grammi circa di hashish e 110 grammi di oppio).

In particolare, i controlli dei finanzieri del Gruppo di Firenze hanno interessato le zone del capoluogo toscano dove maggiore è la presenza di soggetti dediti alla vendita delle sostanze stupefacenti: dai quartieri della movida nel centro storico alle zone periferiche della città, dall'aeroporto di Firenze-Peretola alla stazione di Santa Maria Novella.

Presso la stazione ferroviaria è stato tratto in arresto un corriere della droga (un giovane cittadino nigeriano con un permesso di soggiorno da richiedente asilo) che, appena sceso da un treno ad alta velocità proveniente da Roma, alla vista dei cani “antidroga” tentava, prontamente, di nascondersi e defilarsi tra la folla. L’uomo, grazie all’ausilio dei cani, è stato fermato e dagli ulteriori controlli è emerso che aveva occultato in uno zainetto a spalla 790 grammi di marijuana, confezionati in un unico grande panetto, pronta ad essere immessa nel mercato della droga fiorentino.

Un secondo corriere (33enne italiana residente nell’hinterland fiorentino) è stato arrestato presso l'autostazione Bus-Italia di via Santa Caterina da Siena. La donna, già gravata da precedenti specifici, era scesa da un Autobus proveniente da Barcellona ed aveva occultato 110 grammi di oppio e 115 grammi di hashish nel suo bagaglio a mano e nelle tasche interne del suo giubbotto.

Le unità cinofile sono impiegate quotidianamente anche presso la sala arrivi internazionale dell'aeroporto “Amerigo Vespucci”. Le modalità di occultamento delle sostanze stupefacenti che i passeggeri adottano sono, come sempre, diverse e fantasiose: oltre che negli indumenti intimi, nelle scarpe o negli zaini, le sostanze vengono nascoste anche all’interno di barattoli di caffè o altri alimenti per cercare di mascherare l’odore al fiuto dei cani.
Lo scorso anno sono state complessivamente verbalizzate 389 persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti, di cui 2 arrestate, 23 denunciate all’Autorità Giudiziario e 364 segnalate alle competenti Prefetture.

23/02/2018 10.19 Guardia di Finanza - Comando regionale
Comune di Impruneta Impruneta - Pimpirulino, centro per bambini e famiglie marzo-maggio 2018
Aperte le iscrizioni: c'è tempo fino al 2 marzo. C'è tempo fino al 2 marzo 2018 per iscriversi al “Pimpirulino”, centro per bambini e famiglie (marzo-maggio 2018).
“Pimpirulino” offre percorsi educativi e ludici e attività di laboratorio creativo: manipolazione con farine varie, travasi con la pasta, con il riso e con i cornflakes, pittura con materiali naturali, collages con stoffe e fili di lana, giochi di travestimento e giochi di imitazioni, narrazione e drammatizzazione di storie, lettura di immagini, canti e filastrocche, giochi di movimento, giochi di esplorazione e scoperta all'aperto in giardino.
“Pimpirulino” è uno spazio dove il genitore o altro adulto familiare accompagna il bambino nell'attività di gioco, avvicinandolo gradualmente verso un ambiente nuovo e verso le sue prime esperienze di autonomia e socializzazione. Le occasioni di gioco, l'ambiente stimolante da esplorare, le attività proposte dagli educatori, la presenza di altri bambini, saranno elementi di attrazione e di scambio. Per i genitori sarà un'opportunità per conoscere situazioni ludiche diverse, conoscere altri modelli educativi, osservare più stili comunicativi grazie al confronto con gli educatori e gli altri genitori. Il personale del servizio è composto da un'educatrice e un'operatrice esperte nel settore della prima infanzia.
Il servizio, offerto da Comune di Impruneta e Coop. Arca, è aperto il lunedì dalle 17 alle 19.30, dal 12 marzo al 28 maggio, nei locali del nido d'infanzia comunale, in via della Cooperazione, a Tavarnuzze (055 2374073), caratterizzati da ambienti diversificati per il gioco e le molteplici esperienze dei bambini.
Il pomeriggio al Pimpirulino è organizzato come segue: ore 17 – accoglienza dei bambini e dei loro accompagnatori; ore 17.30 – merenda; ore 17.30-18.30 – percorsi di gioco; ore 18.30-19.30 – saluto con canti e filastrocche.
La riunione preliminare, rivolta ai soli genitori, è prevista per martedì 6 marzo dalle 19 alle 20.
Il servizio è rivolto ai bambini nati dal 1° gennaio 2015 al 12 marzo 2017 che non frequentano ancora servizi educativi per la prima infanzia e sarà attivato con un minimo di 8 bambini iscritti e per un massimo di 12 bambini. Nel caso in cui sia presente una lista di attesa, sarà valutata l'attivazione di un ulteriore giorno di apertura del servizio per accogliere i bambini presenti in questa lista. Ogni bambino deve essere accompagnato da un genitore o da un altro adulto.
Il modulo di iscrizione, scaricabile dal sito del Comune alla pagina web http://159.213.91.28/download/iscrizionepimp.pdf, potrà essere consegnato all'Ufficio Relazioni con il Pubblico: sede di Impruneta (piazza Buondelmonti 41: lun, mart, giov e ven, 8.30-13, merc e sab chiuso); sede di Tavarnuzze (Via F.lli Rosselli 6: merc. 8-30-13; giov. 15-18).
Costo previsto per l'intero periodo: 60 euro.
Informazioni: Ufficio gestione associata servizi socioeducativi, 055 2036481/484, a.mannucci@comune.impruneta.fi.it. Coordinatore pedagogico comunale: dr. Michele Mannelli, 055 2036481. responsabile tecnico/pedagogico del servizio: dr. Silvina Mateo, 055 6527160.
Informazioni anche: Ufficio Relazioni con il Pubblico, 055/2036640, urp@comune.impruneta.fi.it.
23/02/2018 10.22 Ufficio Stampa Comune di Impruneta

Comune di Montespertoli Gli studenti di Montespertoli a scuola di volontariato
Nei giorni scorsi visita al centro trasfusionale e lezione su tecniche di rianimazione
Diffondere l'educazione civica, promuovere il volontariato e far conoscere le attività delle associazioni sociosanitarie operanti sul territorio comunale ai più giovani. Con questo obiettivo da ormai 3 anni l'Amministrazione comunale di Montespertoli e l’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani, insieme alle associazioni sociosanitarie del territorio, porta avanti il progetto “Associazioni sociosanitarie nelle scuole”.

Il percorso, iniziato a novembre scorso dai ragazzi della scuola elementare (dalla seconda alla quinta) e della media (seconde e terze), è costituito da 20 incontri nelle scuole e 10 visite presso le sedi delle associazioni e terminerà nei prossimi mesi. Un progetto realizzato grazie alle sette associazioni facenti parte del Tavolo permanente delle Associazioni sociosanitarie di Montespertoli - Avis, P.A. Croce D’oro, AvoEvi, Auser, Fratres, Caritas, Misericordia - e che consentirà ai giovani di imparare il rispetto per se stessi e per gli altri, l’importanza delle relazioni col prossimo e la responsabilità del vivere civile.

Un bagaglio di esperienze, quello delle associazioni, prezioso e complementare al processo formativo ed educativo in opera a scuola. Le attività illustrate dalle associazioni riguardano il banco alimentare, il volontariato con gli anziani della Casa Riposo, la donazione sangue, e i servizi di 118 e protezione civile. Nei giorni scorsi, per esempio, gli alunni hanno visitato il centro trasfusionale di Empoli, guidati dai volontari di Avis e Fratres. E poi hanno avuto modo di conoscere il servizio di pubblica assistenza della Croce d'Oro, imparando tra le altre cose anche la tecnica di rianimazione tramite massaggio cardiaco. Il progetto si concluderà a maggio con il resoconto da parte della Caritas parrocchiale dell’intero progetto ai genitori e alla cittadinanza all’interno di iniziative in collaborazione con la scuola.

L'importanza di questa iniziativa è stata sottolineata dagli assessori alle Politiche sociali e alla Pubblica istruzione del Comune di Montespertoli, che hanno evidenziato la necessità di trasmettere e insegnare i valori del volontariato ai più giovani, affinché si crei una comunità sempre più unita in cui ciascuno dà il proprio contributo per la crescita collettiva.
23/02/2018 11.50 Comune di Montespertoli
Comune di Firenze Nuova area giochi nel giardino di via Novelli, a Coverciano
Terminati i lavori. Investimento di 120mila euro Nuova area giochi del giardino di via Novelli, a Coverciano. I lavori si sono conclusi nei giorni scorsi e questo pomeriggio c'è stato il sopralluogo del sindaco, dell'assessore all'ambiente e del presidente del Quartiere 2.
Il nuovo spazio può contare su circa 1000 metri quadrati ed è recintato con cancelli d'accesso. Sono stati sistemati una torre multiuso, un'altalena, una piramide e tre giochi a molla: sono tutti installati su gomma colata, compresa la parte che si trova sotto la vecchia altalena. Sotto il vecchio gioco 'castello' ed i giochi a molle, invece, adesso ci sono mattonelle smorzacadute, scelte per migliorarne l'accesso nel periodo invernale, in caso di pioggia.
Nel resto del giardino (complessivamente l'area ha una superficie di 4500 metri quadrati) sono state sostituite le panchine e risistemati i vecchi tavoli da picnic mentre sul vecchio muretto di divisione del giardino, tolta la ringhiera, è stata realizzata una seduta in legno.
Nelle scorse settimane, invece, era stata inaugurata l'area verde della scuola Santa Maria a Coverciano. Per meglio garantire le condizioni di fruibilità della porzione del giardino antistante le uscite di sicurezza dell’edificio, la ghiaia esistente è stata sostituita con una fascia di erba sintetica speciale per aree ludiche della larghezza di circa 5 metri, che ha anche la funzione di evitare ristagni di acqua a ridosso del fabbricato. Nel giardino della Santa Maria a Coverciano sono state installate alcuni giochi del tipo concordato direttamente con la scuola, ed è stata sostituita la ghiaia esistente con altra di caratteristiche migliori. A completamento sono stati piantati tre alberi.
L'intervento nel giardino di via Novelli, che ha visto un investimento di 120mila euro, rientrava nel piano 'Onda Verde' per la riqualificazione del verde pubblico, partito lo scorso settembre. (fn)
23/02/2018 18.08 Comune di Firenze

Comune di Firenze Guest. L’artista Eliseo Mattiacci al Museo Novecento
La conferenza dedicata all'artista marchigiano si svolgerà sabato 24 gennaio alle 18:00 Pier Giovanni Castagnoli e Bruno Corà in occasione del finissage della mostra “Eliseo Mattiacci. Misurazioni” ospitata alla Galleria Poggiali. Interverranno anche il curatore della mostra Lorenzo Bruni e il direttore artistico del Museo Sergio Risaliti.

In occasione del finissage della mostra “Eliseo Mattiacci. Misurazioni” ospitata alla Galleria Poggiali (via della Scala), il Museo Novecento dedica all’artista marchigiano un incontro con Pier Giovanni Castagnoli e Bruno Corà sabato 24 febbraio alle 18.

L'appuntamento fa parte del nuovo ciclo “Guest”, serie di conferenze organizzate dal Museo Novecento, che si apre alla città e non solo ospitando nelle sue sale i protagonisti della cultura contemporanea per approfondire le maggiori tematiche dell’arte. Di volta in volta l’ospite potrà essere un artista, un’opera, un autore, un collezionista, un gallerista, un giornalista.

Durante la conferenza (anticipata da una visita alla mostra presso la Galleria Poggiali alle ore 16.30) i curatori e critici d'arte Pier Giovanni Castagnoli e Bruno Corà ripercorranno più di cinquant’anni di lavoro di Eliseo Mattiacci, dalle prime opere legate all’ambiente dell’Arte Povera alle mostre nelle gallerie La Tartaruga e L’Attico di Roma, dalle esperienze internazionali fino ai lavori più recenti.

Interverrà il direttore artistico del museo, Sergio Risaliti e concluderà l’incontro Lorenzo Bruni, curatore della mostra “Eliseo Mattiacci. Misurazioni”, presentando la pubblicazione nata con l’esposizione.

Sin dagli anni ’60, la produzione artistica di Mattiacci è stata scandita da una continua sperimentazione, fatta di azioni e performance, ricerca sui materiali, sculture, installazioni ambientali di vasta scala, e disegni che costituiscono da sempre il clima attorno ad ogni lavoro. Temi ricorrenti del suo immaginario e delle sue opere sono il confronto con lo spazio naturale e architettonico, la relazione con le forze gravitazionali e magnetiche, la fascinazione per la cosmologia ma anche l’indagine sulla gestualità e il dialogo tra corpo personale e sociale.

In collaborazione con Galleria Poggiali, Firenze.

Ingresso libero fino a esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.
23/02/2018 11.08 Comune di Firenze
Comune di Vicchio Vicchio. Approvato il bilancio di previsione 2018
Leggeri ritocchi per alcune tasse e tariffe mentre vengono confermati i servizi. Il commento del sindaco: “Continua la nostra politica di attenzione verso i più deboli” Approvato nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale tenutosi martedì scorso il Bilancio di Previsione di Esercizio 2018 del Comune di Vicchio.
Anche quest’anno l’Amministrazione ha puntato soprattutto sulla sospensione dei tributi comunali per le famiglie monoreddito in difficoltà e confermato un piccolo fondo comunale per le emergenze; passi importanti in un contesto in cui la crisi economica che ha condizionato la vita della nazione ha di conseguenza toccato anche quella del Comune mugellano.

“Lavoro e casa, sociale e scuola, restano per l’Amministrazione le priorità – ha commentato il Sindaco - ed i bisogni soprattutto in campo sociale non diminuiscono. La legge ha vietato anche per quest’anno l’aumento delle imposte comunali, legge che ovviamente va a penalizzare i Comuni virtuosi come il nostro, che è riuscito a mantenere negli anni, soprattutto durante la crisi, le aliquote a livelli minimi”.

Questa situazione ha spinto l’Amministrazione a mettere in vendita due immobili comunali: l’ex circolo di Casole ed il complesso delle piscine e del camping, prevedendo un introito per le casse comunali di 350 mila euro complessive. Anche grazie a ciò l’addizionale IRPEF resterà allo 0.5%, mentre l’IMU mantiene le aliquote degli anni passati, fissate ai livelli minimi, ben al di sotto del tetto massimo ammesso per legge, con l’obiettivo di non pesare troppo su imprese e famiglie.

L’unica imposta che aumenterà è la TARI, un aumento di circa il 10%, dovuto in parte alla spesa per lo smaltimento dell’indifferenziato che resta a livelli elevati per il nostro comune. Comunque le nuove tariffe restano sempre le più basse del territorio. Il costo del conferimento dei rifiuti in discarica è passato infatti dai 130 euro ai 170 euro a tonnellata. A questo si aggiunge anche il passaggio al sevizio di raccolta porta a porta, ormai di prossima attivazione. Tale aumento, dunque, si è reso necessario alla copertura dei costi del servizio e parte anche da una situazione rimasta invariata per anni.

Altro ritocco necessario è stato quello per i servizi a domanda individuale, in particolare mensa e trasporto scolastico. Il costo pasto sarà di 3,85 euro ed il trasporto scolastico costerà 5 euro in più al mese. Va però ricordato che, nonostante questo leggero aumento, la copertura dei servizi scolastici è comunque pari al 54% della spesa, generando uno sbilancio alla fine dell’anno di 328 mila euro a carico del Comune, proprio per non gravare sulle famiglie. “In un periodo di crisi economica che continua ad essere delicato – aggiunge il Sindaco - continua la nostra politica di attenzione verso i più deboli, con un occhio di riguardo nel mantenimento delle aliquote più basse per le famiglie”.

Da un punto di vista degli investimenti si è deciso di accendere due mutui, per 50 mila euro ciascuno, per provvedere al rifacimento della pavimentazione della palestra della scuola e per la ristrutturazione del Palazzo Comunale ed in particolare del loggiato. Sempre in ambito investimenti, per una pianificazione e messa in sicurezza del territorio, il Comune di Vicchio sta inoltre partecipando ad un bando del Ministero dell’Interno per trovare le risorse necessarie ad intervenire sulle frane di Vitigliano, Pesciola, Paterno, sul ponte di Trasassi e il Ponte a Vicchio e continuare così le importanti opere di messa in sicurezza del nostro territorio che nel 2017 hanno visto interventi ingenti sia su Villore che sul viale adiacente al Lago di Montelleri.
23/02/2018 11.35 Comune di Vicchio
Comune di Firenze Musei Civici Fiorentini
Tutti gli appuntamenti del fine settimana Fine settimana ricco di appuntamenti nei Musei Civici Fiorentini. Oltre alle tante proposte “ordinarie” (consultabili “museo per museo” sul sito), l’Associazione MUS.E amplia l’offerta con alcune speciali iniziative rivolte ad un target eterogeneo. Dai laboratori per le famiglie al cinema d’animazione, dalle visite tematiche agli incontri d’artista.
La prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768224, 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it

Museo Novecento
Guest. L’artista Eliseo Mattiacci
Sabato 24 febbraio ore 18.00
In occasione del finissage della mostra “Eliseo Mattiacci. Misurazioni” ospitata alla Galleria Poggiali (in via della Scala), il Museo Novecento dedica all’artista marchigiano un incontro con gli storici dell’arte e critici Pier Giovanni Castagnoli e Bruno Corà sabato 24 febbraio alle 18. L’appuntamento fa parte del nuovo ciclo “Guest”, serie di conferenze organizzate dal Museo Novecento, che si apre alla città e non solo ospitando nelle sue sale i protagonisti della cultura contemporanea per approfondire le maggiori tematiche dell’arte. Di volta in volta l’ospite potrà essere un artista, un’opera, un autore, un collezionista, un gallerista, un giornalista.

Museo di Palazzo Vecchio
L’affresco: saper fare presto e bene
Domenica 25 febbraio h11(per famiglie con ragazzi) e h12.30 (per giovani e adulti)
“Di tutti gli altri modi che i pittori faccino, il dipingere in muro è il più maestrevole e bello”. Così Giorgio Vasari presenta la tecnica dell’affresco, considerata fra le più difficili poiché non consente ripensamenti e richiede una perfetta conoscenza dei materiali e dei pigmenti. L’atelier consente di cimentarsi con le diverse fasi di esecuzione di un piccolo affresco, che al termine dell’attività i partecipanti potranno portare via con sé.

Museo Stefano Bardini
A caccia di opere d’arte: un’asta al museo
Domenica 25 febbraio h11 (per tutti)
Il Museo Stefano Bardini, nato come straordinario scrigno delle opere dell’antiquario Bardini e destinato a rapire collezionisti e amatori di tutto il mondo, esercita tuttora un grande fascino sui visitatori di ogni età: le sue sale seducenti riassumono i generi e le epoche della storia dell’arte offrendo un affascinante viaggio alla scoperta delle diverse arti. Dai rinomati capolavori – basti pensare ai lavori di Tino di Camaino, Donatello, Antonio Pollaiolo, Guercino e Tiepolo – alle raffinate creazioni di bottega, la collezione è infatti il frutto di un ricercato lavoro di acquisizione e compravendita di opere. I partecipanti saranno coinvolti in una grande asta nella quale potranno immaginare di essere veri e propri appassionati d’arte cimentandosi nella valutazione, nell’acquisto, nella vendita, nel prestito e nel restauro delle opere presenti in museo.

Cinema la Compagnia
Le 12 fatiche di Asterix – di Goscinny & Uderzo
Domenica 25 febbraio h15.30
Prosegue il ciclo di proiezioni curate da Museo Novecento e Cinema La Compagnia dedicato ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie, nonni compresi. I film offrono l’occasione di viaggiare nel tempo guardando al Novecento da un punto di vista inedito e di comprendere come il cartone animato sia il frutto di pensiero artistico, lavoro artigianale e ricerca tecnologica.

Santa Maria Novella
Dall’Annunciazione al Capodanno fiorentino. Le storie di Maria nel complesso di Santa Maria Novella
Domenica 25 marzo, visita tematica per giovani e adulti, ore 14.30
Il 25 marzo, giorno dell’Annunciazione, segna l’inizio dell’anno fiorentino “Ab concezione Christi” e l’inizio della storia della salvezza “partorita dal purissimo fiore Maria”. Il complesso di Santa Maria Novella è dedicato proprio alla Vergine e per questo nelle sue splendide decorazioni ritornano le storie di Maria, affrescate, dipinte, scolpite, ricamate… la visita si snoderà tra Basilica e Convento attraverso capolavori ed arti minori per ripercorrere attraverso i secoli e nel segno dell’arte le storie di Maria.
23/02/2018 11.03 Comune di Firenze
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - Profughi e disabili insieme al lavoro nei campi: dalla Regione 11mila euro per il progetto di agricoltura sociale “Accogliamo sorrisi”
Grazie al finanziamento, prosegue la collaborazione tra la cooperativa Fontenuova e il Comune di Bagno a Ripoli: per il secondo anno, un gruppo di richiedenti asilo ospitati a Grassina darà una mano nell'attività agricola svolta dagli utenti del centro diurno di via Fortini. Raccogliere la lavanda, potare le rose, prendersi cura degli olivi. Sono alcune delle mansioni agricole che vedono impegnati i richiedenti asilo ospitati nel centro di accoglienza di Grassina, a Bagno a Ripoli. Attività nei campi che i giovani profughi, per due mattine alla settimana, svolgono fianco a fianco agli utenti del centro diurno della cooperativa Fontenuova, che si occupa di attività di socializzazione e riabilitazione per persone diversamente abili e servizi di autonomia abitativa per persone con disagio mentale.
Il progetto di agricoltura sociale si chiama “Accogliamo sorrisi” ed è attivo dal 2017. Ideato dalla cooperativa sociale Fontenuova in collaborazione con i Comuni di Firenze e Bagno a Ripoli, dopo un primo periodo di sperimentazione, ha ottenuto un nuovo finanziamento regionale di circa 11 mila euro che gli consentirà di proseguire ed ampliarsi.
In totale, i richiedenti asilo coinvolti dall'iniziativa saranno otto, suddivisi in due fasi. Il mercoledì e il giovedì mattina, dal centro di accoglienza di Grassina gestito dalla cooperativa Cristoforo, si recheranno in via Fortini 143 a Firenze, dove la cooperativa Fontenuova dispone di due ettari di terreni. Le cose da fare sono molte: si va dalla coltivazione della lavanda e delle erbe officinali, come salvia o rosmarino, alla raccolta delle olive, fino al taglio dell'erba, la semina dei campi, la potatura di alberi o la preparazione di distillati e acqua di rose.
“I profughi – dice la presidente della cooperativa Patrizia Ragazzini – lavorano la terra insieme ai portatori di handicap che ogni giorno frequentano il nostro centro diurno, una decina di persone circa. Tutte le attività si svolgono sotto la guida di educatori o dei tanti volontari che frequentano i nostri orti. Spesso i ragazzi restano con noi a pranzo, si creano legami che resistono nel tempo. Si gettano le basi per un'inclusione reale e consapevole e nel frattempo i profughi imparano un mestiere. Torna, inoltre, dal 1° marzo a tutto maggio il ciclo di incontri 'Formiamoci al sorriso 2018, che abbiamo svolto già lo scorso anno: in tutto sei incontri ore 18-21 con cena insieme, resi possibili da un finanziamento regionale diretto. È importante la diffusione di una rete di conoscenza e di relazioni da sviluppare sul tema immigrazione. Quest'anno, oltre a cooperative ed enti che direttamente fanno accoglienza, sarà presente anche l'università di Firenze con Massimo Livi Bacci, Patrizia Meringolo e vari ricercatori”.
“L'inclusione e l'integrazione – dicono il sindaco di Bagno a Ripoli e la vicesindaca con delega alle politiche sociali – non si fanno con le chiacchiere ma con progetti intelligenti e concreti come quello di Fontenuova. Il lavoro e la solidarietà sociale ne sono i cardini. Pertanto siamo molto soddisfatti del nuovo finanziamento regionale, che ci consente di proseguire un'iniziativa utile e proficua per la comunità, e di svilupparla: la previsione è che, con il prossimo anno scolastico, profughi e cooperativa si occupino della manutenzione del giardino dell'istituto superiore Gobetti-Volta”.
23/02/2018 11.07 Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

Fondazione Orchestra della Toscana Terza edizione dei Concerti aperitivo dell'ORT
Già tutto esaurito per il primo appuntamento di domenica 25 febbraio e del 4 marzo. Ancora posti disponibili per le ultime due domeniche 11 e 18 marzo Terza edizione dei Concerti aperitivo, questa domenica, 25 febbraio nella Sala della Musica dell’Hotel Relais Santa Croce, per quattro domeniche consecutive ore 11.00. Protagonisti i Gruppi da Camera dell’ORT.

Già “tutto esaurito” per il primo appuntamento e anche per domenica 4 marzo (anche questo è sold out). Rimasti disponibili pochissimi posti per le ultime due domeniche (11 e 18 marzo).

Ingresso Concerto + Aperitivo € 10,00 posto unico
Biglietti acquistabili presso la Biglietteria del Teatro Verdi (tel. 055 21.23.20 – orario 10/13 e 16/19) e online su www.teatroverdifirenze.it (+ 1,00 euro di commissioni).
Si accede all'aperitivo dopo il concerto presentando il biglietto.


23/02/2018 11.30 Fondazione Orchestra della Toscana
Comune di Castelfiorentino Castelfiorentino: Gioco d’azzardo, il Consiglio Comunale approva all’unanimità il Regolamento per limitarne la diffusione
Obiettivo dichiarato: fare di Castelfiorentino un Comune “Slot Free”. Ampliata la lista dei luoghi “sensibili” e vietata ogni forma di pubblicità. D’ora in avanti, eventuali contributi nei confronti di coloro che sono affetti da ludopatia potranno essere subordinati all’accettazione di un percorso terapeutico L’obiettivo è fare di Castelfiorentino un Comune “Slot Free”, compatibilmente con le norme vigenti. Giovedì sera il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità il nuovo Regolamento per l’esercizio del gioco lecito, proposto un anno fa da ANCI Toscana e dalla responsabile del tavolo Ludopatie, Simona Neri.
Punti di forza del nuovo Regolamento sono anzitutto l’ampliamento dei luoghi cd “sensibili”, in prossimità dei quali (distanza inferiore ai 500 metri) non è ammessa l’apertura di centri di scommesse e di spazi per il gioco con vincita in denaro, il divieto di ogni forma di pubblicità (vincite comprese) e infine la possibilità di subordinare la concessione dei contributi nei confronti di coloro che sono affetti da ludopatia (e le cui finanze sono gravemente dissestate dal gioco patologico) all’accettazione di un percorso terapeutico di sostegno e cura presso il competente Ser.D.
Fra i luoghi “sensibili” che sono stati aggiunti a quelli già previsti dalle leggi vigenti (scuole, luoghi di culto, istituti di credito, compro oro, ecc..), si segnalano in particolare oratori, discoteche, biblioteche, musei, giardini e parchi pubblici, teatro, in virtù della loro natura di “aggregazione e di sosta prolungata”, per lo studio e il tempo libero, dei giovani in età media compresa tra i 15 e i 29 anni.
Il nuovo Regolamento è il risultato di un lungo cammino, a cui hanno lavorato con impegno un consigliere comunale al quale dal 2014 è stata affidata una delega specifica contro la diffusione del gioco d’azzardo, e il presidente della Commissione Atti Normativi.
“Un lavoro importante – sottolinea il consigliere delegato - perché è partito dal costruire e poi rafforzare una rete territoriale che si occupa del problema a vari livelli: penso alle associazioni che si trovano a dare risposte al problema, soprattutto al dissesto finanziario di tante famiglie; al Ser,D di Empoli; alle scuole, che nel regolamento sono chiamate ad essere i primi luoghi di sensibilizzazione. Il gioco d’azzardo sta creando un fortissimo disagio e, passo dopo passo, possiamo fare tanto partendo dalla piena consapevolezza del problema”.
I numeri, del resto, parlano chiaro. Solo nel 2016 si è sfiorata la cifra di 96 miliardi di euro come volume di gioco, con una “perdita” di circa 19 miliardi per i cittadini e un sempre maggiore stato di dipendenza, compromettendo l’equilibrio familiare, lavorativo e finanziario.
“Nel nostro territorio – precisa il consigliere - si ritrova una proiezione simile al livello nazionale, sia per soldi spesi (solo a Castelfiorentino, nel 2016, si è raggiunta la cifra di 28.253.208,79 euro, per una perdita di quasi 5 milioni di euro), sia per giocatori patologici (il nostro Ser.D di Empoli ha in cura un numero sempre maggiore di pazienti, una crescita esponenziale negli ultimi dieci anni). Con il regolamento diamo un segnale importante ad una necessità che gli amministratori sentono forte nei loro territori, grazie anche ad una legislazione che negli ultimi tempi ha accolto molte istanze dei Sindaci (la Conferenza Stato Regioni e la Legge Regionale della Toscana 57/2013 che è stata appena aggiornata).”
“E’ stato per me un grande onore – osserva il presidente della Commissione Atti Normativii - lavorare a questo regolamento, perché ci ha permesso di analizzare e di approfondire uno dei grandi problemi sociali attuali. La dipendenza da gioco, infatti, colpisce soprattutto le fasce più deboli della popolazione, le persone più semplici, che non trovano altra via d’uscita se non affidarsi alla fortuna, soprattutto dopo la crisi economica. Abbiamo lavorato insieme a tutta la commissione e alle associazioni di categoria, per arrivare ad uno strumento normativo che fosse equo e corretto ma che riuscisse a mettere in luce il problema e risolverlo, almeno in parte. Personalmente, come rappresentante della Lista Civica “Castello a sinistra”, sarei stato per la totale abolizione del gioco d’azzardo ma è necessario muoversi nel quadro normativo esistente. Ringrazio la consigliera delegata, che si è presa l’onere di questa delega con enorme serietà. Il voto unanime al Regolamento è un ottimo risultato ma, soprattutto, un buon punto di partenza”.
“Abbiamo raggiunto un grande traguardo – osserva il Sindaco – grazie all’impegno profuso da tutto il Consiglio Comunale che ha approvato con voto unanime questo Regolamento. Adesso abbiamo uno strumento in più per contrastare la diffusione del gioco d’azzardo, una vera piaga sociale ed economica che finisce per portare alla rovina tante famiglie, anche nel nostro territorio. Una buona notizia, insomma, per l’intera Comunità di Castelfiorentino”.

23/02/2018 13.19 Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino

Non-profit in provincia di Firenze A “Careggi in Musica” in concerto il duo Nones - Mezzena
Domenica 25 febbraio, ore 10.30 nell'Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi Padiglione 3, Largo Brambilla, 3





Domenica 25 febbraio alle ore 10.30 presso l’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (Largo Brambilla 3, ingresso libero) si esibirà in concerto il duo formato da Franco Mezzena al violino e Alberto Nones al pianoforte. L’iniziativa fa parte della stagione Careggi in Musica, organizzata da A.Gi.Mus. Firenze e Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi con il sostegno di MIBACT, Regione Toscana, Comune di Firenze, Dulcimer Fondation pour la Musique, Fondazione CR Firenze, Banca CR Firenze.

I due musicisti eseguiranno la Sonatina op. post. 137 n. 1 di Franz Schubert e la Sonata per pianoforte e violino n. 2, op. 100 di Johannes Brahms.

Franco Mezzena (Trento, 1953) ha studiato con Salvatore Accardo. La sua attività come solista e in varie formazioni da camera lo vede presente nei più importanti teatri e ospite nei principali festival di tutta Europa, Giappone, Stati Uniti, Centro e Sud America, Africa. Si è esibito per “I Concerti del Quirinale di Radio 3” in diretta Euroradio dal Quirinale, eseguendo Mendelssohn con Roberto Prosseda, e ha ottenuto uno strepitoso successo alla Carnegie Hall di New York con il Concerto Op. 64 di Mendelssohn sotto la direzione di John Rutter. Ha suonato per molti anni con il padre – il compianto Bruno Mezzena – in Duo, nel Trio Mezzena-Bonucci e nel Quintetto Italiano; ha collaborato inoltre con artisti del calibro di Salvatore Accardo, Bruno Canino, Rocco Filippini, Bruno Giuranna, Ruggiero Ricci, Hariolf Schlichtig. Nel 2016 ha costituito il Trio Mezzena-Patria-Ballario, nel 2017 ha fondato il Mezzena Quartet con Marcello Defant, Giampaolo Guattèri e Sergio Patria, e formato un Duo con Alberto Nones, insieme al quale ha appena inciso le Sonate per pianoforte e violino di Brahms (Luna Rossa Records). Suoi concerti e interviste sono state trasmesse da emittenti quali RAI, BBC, NBC, Radio Vaticana, NHK Television Japan, KBS Corea, Canal 7 Mexico. Ha inciso in prima mondiale i 29 Concerti per violino e orchestra di Viotti per la Dynamic e numerosi inediti paganiniani, e un’integrale delle composizioni per pianoforte e violino di Beethoven con il pianista Stefano Giavazzi. Ultima sua fatica discografica, i trii di Wolf-Ferrari con il Trio Mezzena-Patria-Ballario, per Brilliant. È stato docente di Violino nei Conservatori di Trento, Pescara e Bari; tiene masterclass in Italia e all’estero: Royal College e Trinity College di Londra, Chetham's School of Music di Manchester, Università di Oxford (Hertford College), Conservatorio di Mantova, Lipsia (Hochschule F. Mendelssohn), Hochschule di Colonia, Rotterdam, Académie d'Eté d'Andé, Mexico City, Ticino Musica Festival (Locarno-Ascona), Barcellona, Tokyo, Osaka, Muroran, Kitakyushu, Ibaraki. Attivo anche come direttore d’orchestra (Orchestra Sinfonica di Lubiana, Orchestra Sinfonica di Jalisco, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra da Camera Milano Classica, ecc.), suona su un violino di Antonio Stradivari del 1695 e su strumenti costruiti dal liutaio Giuseppe Leone (Ceglie Messapica). Gli è stato conferito il Premio Napoli Cultural Classic (XV edizione) alle Eccellenze 2015. È direttore artistico musicale del Teatro Viotti di Fontanetto Po e dell’Orchestra da Camera di Lecce e del Salento.

Alberto Nones (Trento, 1975) si è formato nella classe di pianoforte di Antonella Costa al Conservatorio di Trento e si è perfezionato in accademie e masterclass di maestri come Franco Scala e Paul Badura-Skoda. Parallelamente agli studi musicali, si è laureato con lode in Filosofia all’Università di Bologna, ha conseguito laurea specialistica in Teoria Politica alla London School of Economics e ha completato la sua formazione con un dottorato di ricerca in Studi Internazionali all'Università di Trento. Già docente all’Università degli Emirati Arabi Uniti, all’Università di Trento e all’Università di Teramo, insegna attualmente nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università della Svizzera Italiana a Lugano. È stato ricercatore “Marie Curie” all'Università di Cambridge e “Fulbright” e Post-Doc all'Università di Princeton, dove è membro permanente della James Madison Society. Ha scritto e condotto programmi radiofonici di divulgazione musicale per la RAI, e ha pubblicato tre libri di argomento musicologico: “Ascoltando Verdi: scrigni di musica, filosofia politica e vita” (ABEditore, 2013), “Ascoltando i Doors: l’America, l’infinito e le porte della percezione” (Mimesis, 2014), “Zandonai: un musicista nel vento del Novecento” (UCT, 2014). Vincitore di numerosi premi in concorsi pianistici, tra cui un 1° premio alla Coppa Pianisti d’Italia di Osimo nel 1996, ha dato concerti e tenuto conferenze in Italia, Armenia, Austria, Bosnia ed Erzegovina, Emirati Arabi Uniti, Estonia, Germania, Gran Bretagna, Lettonia, Kuwait, Nigeria, Portogallo, Spagna, Svizzera, Stati Uniti, Ungheria. Ha inciso per Continuo Records un’integrale delle Mazurche di Chopin che è stata acclamata da critici come Dino Villatico e Andrea Bedetti. Attivo promotore culturale, è direttore artistico di tre rassegne concertistiche: “L’AltRa Stagione” di Porto Recanati, “Da mane a sera: concerti nella natura sull’Altopiano della Vigolana”, in Trentino, e il “Classical Music Festival” di Montecassiano, borgo marchigiano dove ha costituito e dirige l’Accademia di Musica e Comunicazione “Bruno Mezzena”.




CAREGGI IN MUSICA - Firenze
Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi
Padiglione 3, Largo Brambilla, 3
Domenica 25 febbraio, ore 10.30
DUO NONES – MEZZENA
Franco Mezzena, violino
Alberto Nones, pianoforte
Musiche di Schubert e Brahms
INGRESSO LIBERO

INFO:
A.Gi.Mus.
Via della Palancola 30
50133 – Firenze
www.agimusfirenze.it
agimus.firenze@agimus.it
055/580996
23/02/2018 10.40 Non-profit in provincia di Firenze
Regione Toscana Parlamento Studenti, lanciata la guida al voto per le Elezioni Politiche 2018
Vademecum come guida pratica per l’appuntamento elettorale. Sarà diffuso tra le Scuole della Toscana Direttamente dal Liceo Classico di Firenze il Parlamento degli Studenti presenta la campagna di informazione per le prossime Elezioni Politiche 2018 rivolta a tutti gli studenti maggiorenni della Regione Toscana che saranno chiamati alle urne.

“Molti nostri giovani coetanei sono demotivati o scarsamente informati sulle prossime elezioni politiche – ha esordito il Presidente del Parlamento degli Studenti della Toscana Alessandro Gazzetti – per questo abbiamo realizzato questo piccolo vademecum come guida pratica per l’appuntamento elettorale sia per illustrare le modalità di voto ma soprattutto per informare e ribadire l’importanza di recarsi alle urne.”

“Nel pieno della campagna elettorale dei partiti – ha aggiunto – come Istituzione regionale apartitica di tutti gli studenti abbiamo voluto informare correttamente i cittadini su come si voterà, cercando di spiegare nel modo più semplice possibile una legge elettorale nella realtà molto complessa.”

Alla conferenza presenti inoltre Edoardo Zanasi, Presidente della Prima Commissione del Parlamento degli Studenti “Affari Istituzionali, Informazione e Comunicazione” che ha illustrato la guida pratica e rappresentanti degli studenti.

La guida, che sarà diffusa tra le Scuole della Toscana, è inoltre visibile e scaricabile all’indirizzo goo.gl/u79MSn
23/02/2018 16.40 Regione Toscana
Unione Montana dei Comuni del Mugello In Mugello, appuntamenti a gogo
Ecco cosa fare nel weekend Cosa fare nel weekend in Mugello? Ecco una “guida” agli appuntamenti nel territorio: letture e laboratori per i bambini in biblioteca con "Nati per Leggere", musei del territorio a un prezzo speciale con la promozione "2x1” (ultimo appuntamento), ed ancora, incontri culturali, mostre e visite guidate, spettacoli teatrali...


"2x1 Insieme al Museo": 2 ingressi con 1 biglietto intero
Anche 11 musei del Sistema Museale Mugello Montagna Fiorentina aderiscono alla campagna di Regione Toscana-Unicoop Firenze “2X1 Insieme al Museo”. Una promozione che permette ai soci Coop Firenze due ingressi pagando un solo biglietto, nelle 4 domeniche di febbraio (4, 11, 18 e 25).
Info: http://www.mugellotoscana.it/images/Locandina_2X1_sistema.pdf

Appuntamenti culturali, mostre, visite guidate
23/02 - M'ILLUMINO DI MENO
Borgo San Lorenzo, Centro Incontro e centro storico - dalle 16,30
evento, legato alla trasmissione Caterpillar di Radio2: ore 16.30 dal Centro d’Incontro una passeggiata aperta a tutti che si dirigerà verso il centro; dalle 17.30 in auditorium sono previsti balli, canti e teatro, protagoniste le parole sul consumo consapevole ed il risparmio energetico: alle 19 aperitivo offerto dalla sezione soci Coop di Borgo San Lorenzo; infine, alle 21 prove aperte a tutti con il coro CONfusion.
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

24/02 - VISITE GUIDATE AL CONVENTO E AL MUSEO DI SAN BONAVENTURA AL BOSCO AI FRATI
Scarperia e San Piero, Loc. Lucigliano - ore 10
Visite guidate alla chiesa, al convento ed al museo di San Bonaventura al Bosco ai Frati
Info: Facebook https://www.facebook.com/BoscoaiFrati.it/
348 6033328 - 055 8486791 - 055 8431626

24/02 - LA LUCE DELLA RAGIONE
Borgo San Lorenzo, Villa Pecori Giraldi - ore 15
Gioco di ruolo dal vivo ispirato al periodo storico dei Lorena e all’abolizione della pena di morte. Organizzato dalle associazioni Reges, GRV-Italia, ASD Ars Laminae. Regia di Gianluca Anello con Elisa Giovannini. Trattandosi di un gioco di ruolo l'evento è aperto ai soli soci delle Associazioni.
Info: 055 8456230

25/02 - SPOSI AL MUSEO
Dicomano, Museo Archeologico Comprensoriale - ore 15.30
Il Museo archeologico vi aspetta per partecipare a un matrimonio romano, dove ci sarà un ruolo per tutti! Ingresso gratuito, gradita prenotazione.
Info: 055 8385428

25/02 - LO STRAORDINARIO PASSAGGIO DI MOZART NEL MUGELLO
Scarperia e San Piero, Palazzo dei Vicari (Scarperia) - ore 16
Storie, aneddoti, musica e cibi d’altri tempi per raccontare il viaggio del grande musicista attraverso la nuova strada bolognese.
Info: 055 8468165

Fino al 23/02 - PAESAGGI DEL MUGELLO E DINTORNI
Borgo San Lorenzo, Palazzo Comunale (atrio)
Mostra di pittura di Cristina Falcini
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

Fino al 25/02 - RIPENSARE L'UMANITA' IN NOI
Barberino di Mugello, biblioteca comunale
La mostra è dedicata ai personaggi della “Germinazione Fiorentina”, in occasione delcinquantenario della morte del priore di Barbiana.
Info: www.comunebarberino.it

Fino al 4/03 - LUCI ED OMBRE DEL LEGNO
Scarperia e San Piero, Palazzo dei Vicari
La mostra raccoglie le opere dei vincitori del Simposio Internazionale di Scultura, organizzato dal Centro di documentazione del lavoro nei boschi di Castello Tesino (Trento). Info: 055 846 8165 - www.luciedombredellegno.it

Fino al 8/03 - L'ALTRA META' DEL CIELO
Scarperia e San Piero, Atelier Elisa Marianini, loc. La Torre
Mostra monografica di 30 opere della pittrice e storica dell’arte Elisa Marianini dedicate alla donna. Info: 339 2933799 - www.elisamarianini.it


Attività per bambini
"Nati per Leggere" nelle biblioteche comunali
Tra febbraio e aprile tornano nelle biblioteche comunali del Mugello e della Valdisieve gli appuntamenti per i bambini di “Nati per leggere”: attività, laboratori, letture, animazione per piccoli lettori da 0 a 6 anni. Gli appuntamenti del weekend sono:
24/02 - Forme di magia
Firenzuola, biblioteca comunale - ore 10.30
Vicchio, biblioteca comunale - ore 16.00
Un incontro per sperimentare il primo contatto con le forme e i colori come elementi della narrazione, avventurandosi nella magia delle trasformazioni.
Info: biblioteca Firenzuola: 055 8199434 – biblioteca Vicchio: 055 8448251
24/02 - Racconti...corposi
Scarperia e San Piero, biblioteca di Scarperia - ore 10.30
Una storia da ascoltare e vivere con tutto il corpo.
Info: 055 8431603-630

24/02 - I BAMBINI DEI LIBRI
Dicomano, biblioteca comunale - ore 10.30
Nell'ambito della rassegna "C'era e non c'era" Laboratorio di scrittura creativa e creazione di un libro, per bimbi dai 5 ai 8 anni.
Per info e prenotarsi: tel. 055 8385936, biblioteca@comune.dicomano.fi.it

24/02 - PINOCCHIO E LA BALENA
Borgo San Lorenzo, biblioteca comunale - ore 16.30
Lettura animata con laboratorio creativo, per bimbi dai 3 ai 6 anni.
Info: 055 8457197

Teatro
23/02 - IL BARBIERE DI SIVIGLIA (5^ stagione Lirico-Sinfonica)
Borgo San Lorenzo, Teatro Giotto - ore 20.30
Nel 150esimo anniversario dalla morte, Camerata de' Bardi e Corale Santa Cecilia si cimentano nell'esecuzione de “Il barbiere di Siviglia”, del pesarese Gioachino Rossini.
Info: 347 5894311

25/02 - GIAN MARIA RANDI open collective
Marradi, Teatro degli Animosi - ore 17.15
A cura della Scuola Arti e mestieri “A. Pescarini” e la Scuola di Musica “G.Sarti”

28/02 - MISS MARPLE
Borgo San Lorenzo, Teatro Giotto - ore 21.15
Miss Marple, la più famosa detective di Agatha Christie per la prima volta in teatro con la simpatica Maria Amelia Monti, che dà vita a un personaggio divertente e contagioso. Info: http://www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

Mercatini
25/02 - DALLA SOFFITTA ALLA CANTINA
Borgo San Lorenzo, piazza del Poggio e aree limitrofe
Mercatino dell'antiquariato, scambio, baratto.
Info: www.prolocoborgosanlorenzo.it


Per consultare il programma completo degli eventi nel Mugello e per gli approfondimenti: www.mugellotoscana.it

In questa newsletter sono segnalati gli appuntamenti comunicati e pervenuti direttamente all'Ufficio Turismo dell'Unione Montana dei Comuni del Mugello:
tel. 055 84527185 - turismo@uc-mugello.fi.it
Tutte le info e i dettagli su www.mugellotoscana.it
23/02/2018 12.54 Ufficio Stampa SdS Mugello
Comune di Sesto Fiorentino Piano strutturale Sesto-Calenzano,incontro su città e cambiamento climatico
Mercoledì 28 febbraio dalle 10 alle 13,30 presso la Sala convegni del Palazzo comunale di Calenzano Si intitola “Città e cambiamento climatico” l’incontro promosso nell’ambito del percorso di partecipazione e informazione del Piano Strutturale Intercomunale Sesto-Calenzano che si terrà mercoledì 28 febbraio dalle 10 alle 13,30 presso la Sala convegni del Palazzo comunale di Calenzano (Galleria Antonio Gramsci, 11).

L’iniziativa, aperta a tutti, vedrà la partecipazione di esperti e studiosi che illustreranno esperienze e buone pratiche nell’ottica della città resiliente e della sostenibilità ambientale.

Parteciperanno, oltre agli amministratori dei due comuni, Mauro Baioni, coordinatore dell’Ufficio associato di Piano, Luisa Ravanello (Regione Emilia Romagna) ed Elena Farné, che illustreranno il progetto regionale REBUS, Filippo Magni (Università IUAV di Venezia) con un intervento dedicato al progetto europeo Master Adapt.

Al termine delle relazioni la discussione sarà aperta a tutti i partecipanti.

Tutte le informazioni sulle attività di partecipazione nell’ambito del procedimento di formazione del Piano sono disponibili sul portale dedicato, accessibile dai siti istituzionali dei due comuni.
23/02/2018 17.10 Comune di Sesto Fiorentino
Università di Firenze Università|Diritto in azione, al via l'edizione 2018 delle Cliniche legali
Aperte le candidature per tre esperienze di formazione giuridica Analizzare casi concreti affiancati da giudici, per arricchire le competenze acquisite durante il corso di studio. E’ l’opportunità offerta dalla seconda edizione delle Cliniche legali, esperienze di formazione giuridica che propongono il diritto in azione.

Sono tre le cliniche legali organizzate dalla Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Firenze e coordinate da Emilio Santoro, del Dipartimento di Scienze giuridiche, in collaborazione con “L’altro diritto”, centro interuniversitario di ricerca su carcere, devianza, marginalità e governo delle migrazioni dell’Ateneo fiorentino.

La prima sarà dedicata a “I diritti dei richiedenti protezione internazionale”, la seconda a “La protezione dei diritti da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo” e la terza a “La protezione dei diritti dei soggetti in esecuzione penale”; le scadenze per partecipare ai tre percorsi sono rispettivamente il 5, il 12 e il 28 marzo. Ad affiancare gli studenti saranno, di volta in volta, i giudici della Sezione specializzata per l’immigrazione, della Corte europea dei diritti dell’uomo e del Tribunale di sorveglianza.

L’iniziativa è aperta agli studenti dei corsi di laurea della Scuola di Giurisprudenza. Il modulo per la candidatura e tutte le informazioni relative allo svolgimento dei corsi sono pubblicate sul sito della Scuola di Giurisprudenza.
23/02/2018 12.12 Università di Firenze
Comune di Firenze Auto della Polizia Municipale in trasferta a Gavorrano
Il mezzo è stato dato in comodato gratuito dopo l’incendio che ha distrutto il parco veicoli del Comune maremmano È stata portata stamani a Gavorrano dove prenderà ufficialmente servizio. Si tratta di una Ford Focus del parco mezzi della Polizia Municipale di Firenze che è stata data in comodato gratuito ai colleghi di Gavorrano rimasti senza auto servizio dopo l’incendio che, la settimana scorsa, ha distrutto i veicoli in dotazione all’Amministrazione comunale. Dopo l’incendio il sindaco di Firenze ha contattato la collega del centro della Maremma per sapere eventuali necessità. La macchina della solidarietà si è messa in moto e questa mattina un’auto del parco mezzi della Polizia Municipale è stata portata a Gavorrano. (mf)


23/02/2018 12.56 Comune di Firenze
Comune di Firenze Sicurezza stradale, a marzo l’info point al Quartiere 5 sul progetto di Safety Review di via Pistoiese
Sarà aperto tutti i giovedì di marzo presso la sede del Quartiere 5 Si tratta dell’info point promosso dall’Amministrazione sul progetto di Safety Review di via Pistoiese. L’obiettivo è dare la possibilità ai cittadini che lo desiderano di avere maggiori informazioni sull’intervento, che rientra nel Progetto David, e sul nuovo assetto di via Pistoiese. Basta prenotarsi inviando una email all’indirizzo quartiere5@comune.fi.it per incontrare i tecnici nei pomeriggi dei giovedì di marzo (dalle 15 alle 18) presso la sede del Quartiere 5, Villa Pallini, in via Baracca 150/p. (mf)

23/02/2018 12.58 Comune di Firenze
Comune di Rignano sull'Arno DAT a Rignano sull'Arno, tutte le informazioni al riguardo
Testamento biologico, approvata dalla giunta comunale di Rignano sull'Arno la delibera contenente le disposizioni attuative Nel Comune di Rignano sull'Arno è possibile esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari. È stata, infatti, approvata dalla Giunta comunale, nella seduta del 21 febbraio 2018, la delibera n. 25 “Disposizioni attuative della legge 219/2017, norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, ovvero il recepimento della cosiddetta legge sul testamento biologico.

A Rignano sull'Arno pertanto il testamento biologico diventa realtà: ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere può, attraverso le D.A.T. (Disposizioni Anticipate di Trattamento), esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi.

Nelle disposizioni è prevista l’indicazione di una persona di sua fiducia (“fiduciario”), che lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. Il cittadino non può esigere trattamenti sanitari contrari a norme di legge, alla deontologia professionale o alle buone pratiche clinico-assistenziali, il medico è tenuto al rispetto delle DAT, che possono essere disattese in tutto o in parte, dal medico stesso, in accordo con il fiduciario, qualora esse appaiono palesemente incongrue o non corrispondenti alla condizione clinica attuale o sussistano terapie non prevedibili all’atto della sottoscrizione delle DAT, capaci di offrire concrete possibilità di miglioramento delle condizioni di vita.

Sul sito del Comune, nella specifica scheda servizio (D.A.T. - Dichiarazione Anticipata di Trattamento), è scaricabile tutta la modulistica necessaria per l’iscrizione all'elenco.
La scheda servizio è raggiungibile seguendo il seguente percorso: Servizi -> Area servizi > Anagrafe, Stato civile e cittadinanza -> D.A.T. - Dichiarazione Anticipata di Trattamento .

I cittadini interessati possono consegnare la modulistica DAT all’Ufficio Anagrafe, dove, dopo le necessarie verifiche, sono sottoscritte davanti al funzionario del Comune.
23/02/2018 13.43 Comune di Rignano sull'Arno
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze Carabinieri. Ancora controlli a tappeto lungo la direttrice della tramvia
Altro arresto per spaccio di droga della Compagnia Oltrarno Riparte da via de’ Vanni l’attività preventiva e repressiva dei militari della Compagnia Firenze Oltrarno. Nel mirino il minimarket etnico gestito da una giovane donna nigeriana, a due passi dalla fermata della tramvia “Paolo Uccello”. La presenza nei suoi pressi di tossicodipendenti, giovani e non, ha insospettito i militari che, dopo una serie di servizi di osservazione, hanno capito che l’entrata del minimarket costituiva un punto di ritrovo per spacciatori e acquirenti di eroina.
A conferma di tale ipotesi nella serata di ieri è stato arrestato un 26enne nigeriano intento a vendere una dose di eroina ad un acquirente non più giovanissimo (52enne) che l’acquistava per la somma di quaranta euro. Forte il sospetto che altra droga potesse essere nascosta all’interno del minimarket: per questo è intervenuta un’unità cinofila antidroga ed è stato fatto un controllo anche all’interno dell’esercizio di fronte al quale stazionava il nigeriano fermato (con esito negativo). L’arrestato, peraltro gravato da numerosi precedenti specifici e quindi già noto alle forze di polizia a dispetto della giovane età (soprattutto sulla piazza di Prato, comune ove non può recarsi perché gravato da un divieto di dimora), nella mattinata odierna sarà accompagnato all’udienza per il rito direttissimo
23/02/2018 13.32 Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Comune di Firenze In ztl contromano per aggirare i varchi, la Polizia Municipale pizzica 15 furbetti: 60 punti decurtati
Sanzionata e rimossa anche un’auto in sosta in area pedonale con il permesso invalidi intestato a una persona deceduta Continuano i controlli della Polizia Municipale contro i furbetti della ztl. Gli agenti della zona centrale da inizio settimana hanno fermato 15 conducenti che, per entrare nella zona a traffico limitato evitando il dispositivo di via dell’Agnolo, transitavano contromano in via dei Macci.
Complessivamente sono state elevate sanzioni per quasi 2.500 euro e decurtati 60 punti dalle parenti. Gli agenti, in abiti civili, continueranno i controlli nei prossimi giorni anche in altri varchi della ztl.
Sempre una pattuglia della zona centrale ieri ha fermato un 63enne alla guida dello scooter intestato a suo figlio: il mezzo è risultato senza revisione e assicurazione e per questo sequestrato ai fini della confisca. Gli agenti hanno poi elevato i relativi verbali con sanzioni da 169 e 849 euro.
Rimanendo nella zona centrale, una pattuglia durante un controllo delle soste ha trovato nell’area pedonale di piazza del Limbo un’auto con targa straniera che esponeva un contrassegno invalidi rilasciato dal Comune di Firenze e intestato a una residente in città. Dai controlli è emerso che però l’intestataria è deceduta nel 2016: per il veicolo è scattata la sanzione da 41 euro oltre alla rimozione. Adesso il mezzo è in depositeria e quando il proprietario dell’auto andrà a riprenderla dovrà dare spiegazioni dell’utilizzo non autorizzato del contrassegno che dovrà essere riconsegnato alla SAS. (mf9

23/02/2018 13.31 Comune di Firenze
Asl Toscana Centro - Pistoia Incremento del 7% degli interventi chirurgici nel presidio ospedaliero di Pistoia
La percentuale configura Pistoia “best performer” dell’Azienda USL Toscana centro C’è stato un incremento pari al 7% degli interventi chirurgici nel presidio ospedaliero di Pistoia; nel 2017 ne sono stati eseguiti complessivamente 6.310 ordinari e di day surgery rispetto ai 5.900 effettuati nel 2016. L’aumento ha riguardato tutte le discipline: chirurgica, vascolare, oculistica, otorino, urologia, ginecologia, ortopedica, endoscopica, dermatologica, radiologia interventistica.

Buona anche l’efficienza di sala operatoria che raggiunge l’80%, insieme al S.S. Cosma e Damiano di Pescia.

Non solo: lo scorso mese di gennaio, quando era in corso il “picco influenzale”, con un aumento dell’attività di pronto soccorso e ricovero, l’incremento a Pistoia è stato addirittura del 29% con 157 interventi solo di chirurgia generale a fronte dei 113 eseguiti nello stesso mese del 2017. Complessivamente gli interventi elettivi, sempre nel mese di gennaio, per tutte le discipline, sono stati 672 contro i 521 del gennaio 2017 e quelli in urgenza 143.

La percentuale configura Pistoia “best performer” dell’Azienda USL Toscana centro.

I dati li ha comunicati in questi giorni il direttore dell’area chirurgica aziendale dottor Sandro Giannessi che ha evidenziato come l’importante risultato sia stato raggiunto grazie alla nuova organizzazione attuata all’interno del blocco operatorio del San Jacopo, diretto dalla dottoressa Federica Pellegrini, per renderlo ancora più produttivo con l’obiettivo di migliorare progressivamente le attese dei pazienti.

Per il blocco operatorio pistoiese, ha spiegato il direttore sanitario del presidio dottor Giacomo Corsini, è stato attuato un significativo investimento con l’aumento del personale ad esso dedicato, in particolare anestesiologico e infermieristico che, a partire dal mese di ottobre, ha consentito di incrementare notevolmente il numero degli interventi. Il direttore sanitario coglie l’occasione per ringraziare tutti gli operatori per l’impegno e la professionalità: dai chirurghi agli anestesisti, agli infermieri e agli operatori socio sanitari.

L’incremento dell’attività è legato all’aumento del personale ma soprattutto alla riorganizzazione delle attività.

Un risultato, inoltre, raggiunto grazie alla sinergia tra dipartimenti infermieristico, chirurgico e dipartimento di emergenza e area critica.

Per l’anno in corso l’obiettivo è di mantenere gli stessi standard degli ultimi mesi e quindi diminuire progressivamente le liste d’attesa.

Incremento delle sedute operatorie, spostamento delle équipe chirurgiche in più stabilimenti ospedalieri, ottimizzazione della programmazione e dello sfruttamento delle risorse sono alcune delle azioni intraprese dal dipartimento chirurgico diretto dal dottor Stefano Michelagnoli all’indomani della riorganizzazione aziendale.

Tali azioni stanno generando i risultati attesi nella programmazione: a livello aziendale, infatti, gli interventi chirurgici ordinari programmati sono passati dai 23.866 del 2016 a 25.466; quindi 1660 interventi elettivi in più in un anno.

Prosegue anche l’implementazione della lista unica aziendale e a regime, ha fatto sapere Michelagnoli, i pazienti potranno avere l’opportunità di considerare le migliori offerte sul territorio e gli stessi specialisti indicheranno i presidi alternativi.

23/02/2018 16.23 Asl Toscana Centro - Pistoia

 
 




Vai al contenuto