Login

MET

Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Comune di Firenze Firenze. In arrivo il ‘Cartorario’
Un opuscolo informativo sulla raccolta della carta (orari e modalità) nel centro storico. Verrà distribuito prima alle utenze domestiche e successivamente a imprese, uffici e negozi Ogni anno nel solo centro storico di Firenze vengono prodotte 6.000 tonnellate di carta e questo dato impressionante rende necessaria l’adozione di strategie informative diversificate e mirate.

Per questo Alia e Comune di Firenze propongono il “Cartorario”, uno strumento di facile consultazione che ricorda orari e modalità di raccolta di carta e cartone nel centro storico di Firenze. Copertina gialla, come il colore della raccolta, permette di consultare le vie interessate dal servizio in ordine alfabetico e verificare i dettagli di esposizione per le diverse utenze, riconoscibili dal simbolo posto in alto su ogni pagina. A corredo dello strumento sono inserite anche le indicazioni sui servizi nelle festività, i contatti utili di Alia e alcune istruzioni operative sulla raccolta di carta e cartone (che cosa conferire e come). Ne sono state prodotte 45.000 copie che vengono consegnate in questi giorni alle utenze domestiche del centro storico cittadino; da gennaio riceveranno questo strumento anche le utenze non domestiche residenti nella zona. Qualora gli interessati non ricevano il Cartorario potranno ritirarlo presso gli uffici dell’azienda in Piazza della Libertà, nel seguente orario: lunedì, martedì e mercoledì 8-10; giovedì e venerdì 14.30-17.30.

10/12/2018 11.39 Comune di Firenze
Università di Firenze Il Futuro del Passato, l’archeologia fiorentina tra Italia e Oriente
Mercoledì 12 dicembre a Palazzo Fenzi convegno sugli scavi e le linee di ricerca dell’Università di Firenze Da Vetulonia al Salento, da Ansedonia al Pollino. E ancora l’Anatolia e la Siria, l’Egitto e Creta, fino all’Armenia e alla Giordania. La ricerca archeologica dell’Università di Firenze spazia tra Italia e Oriente, secondo una scala cronologica che va dalla Preistoria all’età classica, per arrivare al Medioevo.

Per dar conto di queste esperienze che uniscono teoria, didattica e organizzazione di cantieri sul campo, con l’attiva partecipazione fianco a fianco di docenti e studenti, l’Università di Firenze organizza l’incontro “Il Futuro del Passato” mercoledì 12 dicembre (ore 9.30 - Aula magna del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo-SAGAS, Palazzo Fenzi, via San Gallo, 10 Firenze).

“L’archeologia, che contribuisce alla ricostruzione della vita e della cultura dei nostri predecessori – spiega Ilaria Romeo, docente di Archeologia classica e curatrice della giornata -, vigila affinché il passato possa avere un futuro, attraverso la conservazione delle tracce delle civiltà antiche e dell’ambiente che le ospita. A questo compito contribuiscono anche le moderne tecnologie e l’informatica, ad esempio attraverso i droni, la fotogrammetria e la modellazione 3D ”.(Guarda l’intervista a Ilaria Romeo)

I lavori saranno introdotti dal rettore Luigi Dei e dal direttore del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo Andrea Zorzi. Di archeologia preistorica parleranno Fabio Martini e Domenico Lo Vetro, di egittologia Gloria Rosati. L’archeologia e la filologia del vicino Oriente sono oggetto degli interventi di Stefania Mazzoni, Marina Pucci, Giulia Torri e Amalia Catagnoti. Margherita Jasink e Maria Emanuela Alberti tratteranno delle civiltà egee, mentre Luca Cappuccini, Giandomenico De Tommaso, Ilaria Romeo e Paolo Liverani interverranno su archeologia classica ed etruscologia. L’archeologia medievale è il tema dei contributi di Guido Vannini e Michele Nucciotti. La giornata si svolge nell’ambito di “Parliamo di ricerca”, il nuovo format di appuntamenti per presentare e raccontare gli studi realizzati dall'Ateneo.

In occasione dell’incontro è in programma l’apertura straordinaria al pubblico dei laboratori di Archeologia classica (ore 9-11, via degli Alfani, 56), Archeologia medievale (ore 11-13 via San Gallo, 10), Archeologia orientale (ore 13-15, via San Gallo, 10), Archeologia preistorica (ore 15-17, Museo di Preistoria, Via dell’Oriuolo, 24).

Nelle foto allegate tre siti archeologici: Castello di Shawbak in Giordania, gli scavi in piazza delle carceri a Prato, la Grotta del Romito presso Cosenza (masso con incisione di Uro)
10/12/2018 12.10 Università di Firenze
Regione Toscana Studiare e formarsi in Toscana, al via la campagna informativa della Regione
Apertura delle iscrizioni alle scuole secondarie di primo e secondo grado e ai percorsi Iefp per l'anno scolastico 2019-20 prevista dal 7 al 31 gennaio 2019 A partire da oggi, lunedì 10 dicembre, la Regione Toscana avvia la campagna informativa "Studiare e formarsi in Toscana, scegli la strada giusta per te" dedicata all'orientamento scolastico e post diploma in vista dell'ormai prossima apertura delle iscrizioni alle scuole secondarie di primo e secondo grado e ai percorsi Iefp per l'anno scolastico 2019-20 prevista dal 7 al 31 gennaio 2019.

La campagna "Studiare e formarsi in Toscana, scegli la strada giusta per te", alla sua quarta edizione, consiste nel fornire adeguate informazioni e stimoli attraverso differenti modalità comunicative: la pagina web regionale dedicata all'orientamento scolastico e post diploma (clicca qui per accedere alle informazioni generali), la brochure dedicata all'edizione 2019-20 presente sulla pagina web dedicata (scaricala attraverso questo link); il video promozionale "Studiare e formarsi in Toscana" presente anch'esso sulla pagina web regionale e su Youtube.

"In prossimità delle iscrizioni per il nuovo anno scolastico è doveroso dare agli studenti le corrette informazioni affinché possano effettuare scelte consapevoli e in coerenza con quelle che sono le loro competenze e le attitudini personali. La scelta del percorso scolastico rappresenta una tappa fondamentale nella vita di un ragazzo o una ragazza perché quel percorso può influenzare il futuro non solo scolastico ma anche lavorativo. La Regione, con questa pubblicazione, vuole dare un aiuto concreto e costruttivo all'orientamento, ferma restando l'importanza di visitare scuole e chiedere consigli, parlare con amici, fratelli o sorelle, cugini e genitori, confrontarsi con i professori per avere indicazioni e risposte a dubbi o domande", spiega l'assessore ad Istruzione, formazione e lavoro della Regione, Cristina Grieco. Che pre cisa: "Rispetto alle precedenti edizioni ci sono diverse novità. Oltre al dovuto aggiornamento dell'offerta formativa, si danno informazioni in merito agli interventi per il diritto allo studio rivolte agli studenti meno abbienti e per il supporto alla frequenza di studenti con disabilità".

I contenuti sono frutto di una collaborazione intersettoriale. Essi nascono dall'apporto fornito da diversi settori regionali con competenze distinte e differenti, dall'istruzione alla Formazione professionale, dalle Politiche giovanili all'Università, che hanno collaborato per la realizzazione di questo "prodotto" teso a veicolare contenuti conformi con un linguaggio accessibile a tutti. Alcuni dei corsi di studio e formazione tecnica proposti sono coordinati e promossi dalla Regione nell'ambito del progetto Giovanisì finalizzato all'autonomia delle giovani generazioni. A livello di collaborazione interistituzionale, infine, stretta è stata quella con l'Ufficio scolastico regionale della Toscana.
10/12/2018 12.18 Regione Toscana
Comune di Figline e Incisa Valdarno Venerdì 14 via alla Stagione Concertistica del Garibaldi
Apertura dal sapore scandinavo, con il direttore Dausgaard e il violinista Kraggerud e le opere di Sibelius. In scaletta anche Berio e Brahms Partirà ufficialmente venerdì 14 dicembre alle 21 la Stagione Concertistica 2018/19 del Garibaldi di Figline, in piazza Serristori.

Per l’occasione, oltre all’Orchestra della Toscana, si esibirà anche una coppia di maestri scandinavi: il danese Thomas Dausgaard, direttore onorario non solo dell’Orchestra della Toscana ma anche della Danish National Symphony, oltre che bacchetta principale della BBC Scottish Symphony, della Swedish Chamber e della Seattle Symphony; il violinista e compositore norvegese Henning Kraggerud, direttore artistico dell’Arctic Philharmonic Chamber, pronto a suonare le Humoresques per violino e orchestra del finlandese Sibelius (n. 1 in re minore, op. 87; n. 3 in sol minore, op. 89; n. 4 in sol minore, op. 89; n. 5 in mi bemolle maggiore, op. 89; n. 6 in sol minore, op. 89). Si tratta di uno dei più grandi interpreti del compositore finlandese, tanto da essere stato insignito del premio Sibelius per le sue interpretazioni dal vivo e in disco nel 2007.

In scaletta, inoltre, Requies per orchestra da camera di Luciano Berio, scritto tra il 1983 e il 1985 in memoria della moglie Cathy Berberian, stupefacente cantante dalla voce unica, e la Sinfonia n. 4 (in mi minore, op. 98), l’ultima delle sinfonie di Brahms, di un secolo prima, il cui ultimo movimento rimanda all’epoca barocca. Si tratta infatti di una ciaccona, ossia di un tema che si ripete ostinatamente, al basso, per parecchie volte, mentre gli altri strumenti vi costruiscono sopra un edificio di mirabolante complessità concettuale.

Di questo e di molto altro ancora si avrà modo di parlare oggi alle 17,30 al Ridotto del Garibaldi (piazza Serristori), nell’incontro dal titolo Il rigore della forma, la perfezione dello stile. Brahms, un ponte fra classico e moderno, inserito nell’ambito della rassegna Invito all’ascolto, organizzata dal Coro del Garibaldi. Un modo per approfondire i testi, le musiche, il contesto storico e gli autori dei brani della Stagione Concertistica del Garibaldi, in compagnia del prof. Alessandro Papini. L’ingresso è libero.

Per assistere allo spettacolo di venerdì sera, invece, basta acquistare il proprio biglietto online (al seguente indirizzo https://www.ticketone.it/teatro-garibaldi-figline-valdarno-biglietti.html?affiliate=ITT&doc=venuePage&fun=venue&action=overview&venueGroupId=24496&xtmc=teatro_garibaldi&xtnp=1&xtcr=2), presso i box informazioni dei centri UniCoop Firenze oppure direttamente in biglietteria da mercoledì 12. Info su www.teatrogaribaldi.org
10/12/2018 11.00 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Anci Toscana Educazione civica a scuola, giovedì il gazebo di Anci Toscana per firmare
Ultimi giorni per la campagna dell'Anci, appuntamento in piazza Beccaria a Firenze Rush finale anche per Anci Toscana a sostegno della raccolta di firme per reintrodurre nelle scuole l'educazione alla cittadinanza come materia autonoma di studio: la mattina di giovedì 13 dicembre tutti potranno contribuire al successo dell’iniziativa, firmando al gazebo che sarà allestito in piazza Beccaria (lato Borgo La Croce) dalle 9 alle 13. L’obiettivo sono le 50mila firme necessarie per presentare la proposta di legge in Parlamento entro sei mesi dall’apertura della campagna, ovvero il 20 dicembre prossimo.

La mobilitazione nazionale dell’Anci per l’iniziativa vede la Toscana come seconda regione per numero di Comuni che hanno aderito alla campagna, con 58 amministrazioni dove è possibile ai cittadini firmare la proposta in un ufficio ad hoc. Hanno aderito e firmato tra l'altro personaggi come Gigi Proietti, Adriano Panatta, Sigfrigo Ranucci, Alessandro Cattelan, Andrea Lucchetta, Vinicio Marchioni, Francesco Montanari, Vittorio Sgarbi, Gianfranco Pasquino, Paolo Nespoli, Gabriele Lavia, Gianni Minoli, Vauro, Giobbe Covatta, Nicola Piovani e la senatrice a vita Liliana Segre.

La proposta di legge, promossa dal Comune di Firenze e subito fatta propria da Anci, ha l’obiettivo di introdurre l’ora di educazione alla cittadinanza come materia curricolare nelle scuole di ogni ordine e grado, puntando a far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla Comunità. L’ora di cittadinanza, oltre a far conoscere i principi costituzionali, contribuirà tra l’altro a far crescere la consapevolezza sui temi dell’ educazione alla legalità, educazione digitale, ambientale e alimentare.

Recentemente il vicepremier Salvini ha annunciato un disegno di legge del governo che va nella stessa direzione, ed Anci ha commentato affermando di “essere a disposizione per offrire collaborazione e suggerimenti, anche perché la nostra proposta copre uno spettro più ampio della vecchia educazione civica: dall’educazione digitale a quella ambientale, passando per la difesa dei beni comuni. Confidiamo che questa volta, diversamente che su altre questioni delicate e sensibili, il contributo dei sindaci possa essere considerato e accolto”.

Il materiale relativo alla proposta di legge è disponibile sul sito www.anci.it (testo della proposta di legge, moduli per le firme, vademecum, materiale grafico, elenco punti di raccolta firme, faq). Per ulteriori informazioni si può scrivere all’indirizzo di posta elettronica educazionecivica@anci.it.
10/12/2018 15.20 Anci Toscana

Redazione di Met Fondazione Scienza e Tecnica: presentato il Giornale Agrario online
Fondato nel 1827 da Cosimo Ridolfi, Lapo de' Ricci, Raffaello Lambruschini e Giovan Pietro Vieusseux, aveva lo scopo di contribuire all’istruzione degli agricoltori e migliorare le loro condizioni di vita La Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze ha presentato questa mattina il nuovo Giornale Agrario online. L’iniziativa, sostenuta dall’Assessorato al Diritto alla salute, al welfare e all’integrazione sociosanitaria e sport della Regione Toscana, inserita nell’ambito del progetto “Dalla scienza al piatto”, è il frutto della collaborazione tra la Fondazione Scienza e Tecnica, il Museo Galileo e l’Accademia dei Georgofili, con il supporto dell’Unione Agricoltori di Firenze.

Il Giornale Agrario, fondato nel 1827 da Cosimo Ridolfi, Lapo de' Ricci, Raffaello Lambruschini e Giovan Pietro Vieusseux, aveva lo scopo di contribuire all’istruzione degli agricoltori e migliorare le loro condizioni di vita e di salute, nel quadro del potenziamento dell’agricoltura e dei sistemi di lavorazione dei campi.
A presentare la versione online con Donatella Lippi, Presidente della Fondazione, erano presenti Paolo Nanni, georgofilo, Professore Aggregato di Storia dell’agricoltura e del paesaggio (Università di Firenze), Luca Giannozzi, Presidente dell’Unione Provinciale Agricoltori, e Stefano Casati, responsabile della Biblioteca Digitale del Museo Galileo, che illustrerà il funzionamento del database, attraverso una ricerca simulata.

“Con questo evento, la Fondazione Scienza e Tecnica ha valorizzato ulteriormente il suo fondo librario, che è estremamente cospicuo - ha affermato Donatella Lippi -: la Biblioteca del Museo, infatti, nacque nel corso dell'Ottocento come supporto per l'insegnamento e come strumento di aggiornamento per gli insegnanti dell’antico Istituto Tecnico Toscano, arricchendosi di monografie e riviste, che oggi rappresentano un patrimonio di grandissimo valore”.

Dagli attrezzi e strumenti all’istruzione, alle coltivazioni (vite, olivo, grano in testa alla lista), all’allevamento, alla cura dei boschi, all’assetto e sistemazione del territorio, alla economia domestica: il periodico affrontava anche questioni di educazione sanitaria, occupandosi delle patologie carenziali, che affliggevano la popolazione toscana, spesso colpita da malattie legate a ipoalimentazione e problemi igienico-sanitari.

La rivista fa parte della collezione di periodici della Biblioteca del Museo della Fondazione Scienza e Tecnica, che conta circa 500 testate tra cui molte straniere. A partire dal 1863, infatti, essendo stato chiuso l’Istituto Agrario delle Cascine dell’Isola fondato da Ridolfi, l’Istituto Tecnico vide incrementata la sua attività anche con il nuovo insegnamento di Agraria e Agrimensura. La biblioteca possiede le annate che vanno dal 1827 al 1865 per un totale di 39 volumi. Ogni volume è corredato da tavole illustrate e indici. Dal 1830 il Giornale Agrario toscano si fonde con gli Atti della Accademia dei Georgofili perché due opere così “uniformi nello scopo” avrebbero tratto sicuramente reciproco.

Il lavoro di acquisizione delle immagini ha richiesto l’elaborazione dei metadati di base per il salvataggio delle risorse digitali nel repository (copia per lunga conservazione), l’inserimento del materiale nel gestionale delle risorse digitali per consentire la pubblicazione e l’elaborazione del formato immagini per la consultazione Web metadati. Le pagine del periodico sono state oggetto di catalogazione e spoglio per facilitare l’accesso on line alla risorsa elettronica. Al progetto hanno collaborato anche gli studenti del Salvemini-Duca d'Aosta nel progetto di alternanza scuola-lavoro

Il Giornale Agrario online è consultabile a questi tre indirizzi:

Giornale agrario toscano: https://bibdig.museogalileo.it/Teca/Viewer?an=1047335

Continuazione degli Atti dell'Imp. e Reale https://bibdig.museogalileo.it/Teca/Viewer?an=1051890

Bullettino agrario https://bibdig.museogalileo.it/Teca/Viewer?an=1054886
10/12/2018 12.57 Redazione di Met
Comune di Firenze Maltempo, entro il 14 dicembre la richiesta di contributo
Possono presentare la domanda i privati e le imprese che abbiano subito danni per gli eventi meteo di fine ottobre. L’inoltro va effettuato con posta elettronica certificata o a mano presso la Protezione Civile Entro il 14 dicembre possono presentare domanda di contributo i privati e le imprese che avessero subito danni durante i forti fenomeni meteorologici di fine ottobre. Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale, il dipartimento della protezione civile ha avviato la procedura di ricognizione per l’applicazione delle prime misure di sostegno. Trattandosi di una ricognizione dei danni, l'istanza non precostituisce diritto ad ottenere i contributi ma sarà indispensabile per ottenerli quando il Governo stanzierà le risorse.

I privati e le imprese devono compilare i rispettivi modelli predisposti dall'amministrazione comunale e disponibili all''indirizzo http://protezionecivile.comune.fi.it/?p=10739

Le domande devono essere inviate a mezzo posta elettronica certificata (pec) al seguente indirizzo: protezionecivile@pec.comune.fi.it o a mano alla sede della protezione civile in via dell’Olmatello, 25. Tutte le istanze verranno trasmesse alla Città Metropolitana di Firenze per l’ulteriore invio alla Regione Toscana.
I privati dovranno compilare il modello B “Domanda di contributo di immediato sostegno alla popolazione”. I titolari di attività economiche e produttive dovranno compilare il modello C “Domanda di contributo per l’immediata ripresa delle attività economiche e produttive”.


10/12/2018 9.22 Comune di Firenze
Fondazione Palazzo Strozzi Marina Abramovic. The Cleaner: superati i 100.000 visitatori per la grande mostra di Palazzo Strozzi
Ai vertici delle classifiche delle mostre più visitate in Italia e mantenendo, fin dall'inizio, una costante attenzione in termini di pubblico e di visibilità sulla stampa e sui maggiori social network, la mostra Marina Abramovic The Cleaner ha superato i 100.000 visitatori considerandosi l'evento culturale italiano da non perdere!

Fino al 20 gennaio 2019 a Palazzo Strozzi sarà possibile vedere la prima grande mostra retrospettiva italiana dedicata a, una delle personalità più celebri e controverse dell’arte contemporanea, che con le sue opere ha rivoluzionato l’idea di performance mettendo alla prova il proprio corpo, i suoi limiti e le sue potenzialità di espressione.

L’evento si pone come una straordinaria rassegna che riunisce oltre 100 opere dell’artista, offrendo una panoramica sui lavori più famosi della sua carriera, dagli anni Sessanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebri performance da parte di un gruppo di performer specificatamente selezionati e formati in occasione della mostra.

La mostra trova infatti una sua fondamentale caratteristica nelle re-performance, di cui alleghiamo il nuovo calendario, che si alterneranno ogni giorno all’interno dell’esposizione, rendendo Palazzo Strozzi uno spazio mutevole e in costante trasformazione, con e negli spazi del Piano Nobile e con nella Strozzina: Imponderabilia, Cleaning the Mirror, LuminosityThe House with the Ocean ViewThe Freeing Series (Memory, Voice, Body)

La mostra è organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi, prodotta da Moderna Museet, Stoccolma in collaborazione con Louisiana Museum of Modern Art, Humlebæk e Bundeskunsthalle, Bonn. A cura di Arturo Galansino, Fondazione Palazzo Strozzi, Lena Essling, Moderna Museet, con Tine Colstrup, Louisiana Museum of Modern Art, e Susanne Kleine, Bundeskunsthalle. Con il sostegno di Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Regione Toscana, Associazione Partners Palazzo Strozzi. Con il contributo di Fondazione CR Firenze. Sponsor Unipol Gruppo.


10/12/2018 13.15 Fondazione Palazzo Strozzi
Unione Comuni Valdarno Valdisieve Unione Valdarno Valdisieve: ricognizione segnalazione danni a privati e aziende/imprese per gli intensi fenomeni meteorologici dal 28 al 30 ottobre
Interessati i comuni di Rufina, Pontassieve, Reggello e Pelago L’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve informa che la Regione Toscana in data 4/12/2018 ha avviato la ricognizione dei fabbisogni per i ripristini del patrimonio privato e delle attività produttive, ai sensi del OCDPC N. 558 del 15-11-2018 recante: “ Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle province autonome di Trento e Bolzano colpito dagli eccezionali eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018”.
E’ stata così avviata la ricognizione delle segnalazioni di danni da parte della cittadinanza/imprese colpite dagli eventi meteorologici in oggetto, nei comuni di cui alladelibera DGR n. 1268/2018, per procedere alla stima delle risorse necessarie alle prime misure di immediato sostegno al tessuto economico e sociale previste dall’Ordinanza del Capo Dipartimento n. 558 del 15 novembre scorso.
La Regione Toscana ha comunicato che il termine per la presentazione delle segnalazioni da parte di cittadini/imprese è il 14/12/2018.
Si ricorda che per il territorio dell’Unione di Comuni i comuni colpiti dalle calamità in oggetto risultano essere i soli Comuni di Rufina, Pontassieve, Reggello e Pelago.
Per quanto sopra i privati cittadini o operatori economici, che hanno subito danni durante gli eventi meteorologici del 28-30 Ottobre 2018 nei comuni di Rufina, Pontassieve, Reggello e Pelago, possono presentare istanza utilizzando le seguenti schede:
- 1) Modello B nel caso di privati (art. 25 comma 2 let. c Dl.lgs 1/2018) disponibile sul sito web dell'Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve;
- 2) Modello C nel caso di attività economiche o produttive (art. 25 comma 2 let. c Dl.lgs 1/2018) disponibile sul sito web dell'Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve.
Le schede di segnalazione, debitamente compilate e sottoscritte, di cui sopra dovranno pervenire entro e non oltre le ore 13 del giorno 14 Dicembre 201 all'Unione dei Comuni Valdarno Valdisieve, presso l'Ufficio Protocollo in via XXV Aprile 10, 50068 Rufina (FI) o tramite posta elettronica certificata all’indirizzo uc-valdarnoevaldisieve@postacert.toscana.it (fa fede la data e ora di protocollo di ricezione della scheda).
Per informazioni è possibile contattare: Ufficio Associato di Protezione Civile -Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve via Duca della Vittoria 108-Rufina (FI) 50068. www.uc-valdarnoevaldisieve.fi.it Tel.055/8399608, email protezionecivile@uc-valdarnoevaldisieve.fi.it.

10/12/2018 11.32 Unione Comuni Valdarno Valdisieve

Comune di Firenze Parole scelte con cura. Gli auguri delle Biblioteche Comunali Fiorentine
Realizzati segnalibri con i 10 principi del "manifesto della comunicazione non ostile" Quest’anno le biblioteche comunali di Firenze hanno scelto, per gli auguri di queste festività natalizie, un modo speciale che ci porta a riflettere sull’uso delle parole, anche sul web. Una sorta di “galateo della rete” che troverete nei segnalibri che le bibliotecarie e i bibliotecari vi consegneranno insieme ai libri che prenderete in prestito in questo periodo. I segnalibri sono dieci e ognuno contiene i principi del “Manifesto della comunicazione non ostile”, ovvero la carta redatta da oltre 300 comunicatori, blogger e influencer utile a ridefinire lo stile con cui stare in rete. L'adesione al Manifesto, siglata alcuni mesi fa dalle biblioteche, prevede attività di sensibilizzazione e progetti per imparare a riconoscere le fake news e contrastare la violenza delle parole, la disinformazione e l'analfabetismo digitale.

10/12/2018 11.36 Comune di Firenze
Comune di Firenze Presentato il progetto esecutivo per piazza Isolotto
Gli elementi centrali sono la valorizzazione del mercato e la creazione di nuove situazioni di socializzazione che favoriscano la fruibilità di questo spazio pubblico da parte di tutti Il 30 novembre alle Baracche Verdi di via degli Aceri è stato presentato il progetto esecutivo scaturito dal lungo percorso partecipativo e dal successivo concorso per la riqualificazione di Piazza Isolotto. Gli elementi centrali sono la valorizzazione del mercato e la creazione di nuove situazioni di socializzazione che favoriscano la fruibilità di questo spazio pubblico da parte di tutti.

Ricapitoliamo il lungo tragitto che ha condotto a questo risultato: partenza con "Idee in Piazza", una serie di incontri tematici svolti tra luglio e novembre 2013; fissazione delle linee guida con una delibera del Consiglio di Quartiere 4 del novembre 2013; concorso di progettazione redatto sulla base di queste linee; presentazione nel luglio 2015 in Piazza Isolotto del progetto vincitore.
Il progetto contiene molti degli obiettivi emersi in fase di partecipazione: la nuova area giochi per bambini (localizzata nell’area a verde presente davanti al sagrato); la particolare conformazione della pavimentazione (priva di scalini per favorire l’accessibilità ad anziani e portatori di handicap) con la creazione di una connessione tra Viale dei Bambini e Viale dei Pini; una nuova pensilina, più ampia della precedente, che, oltre ad ospitare il mercato, sarà attrezzata per l’allestimento di eventi culturali durante le altre ore del giorno; un fontanello pubblico di alta qualità e servizi igienici per operatori e utenti del mercato e delle altre attività della piazza.

Nel corso della presentazione sono state avanzate ulteriori osservazioni (per es. chiamati in causa il carico/scarico merci, la collocazione dei camion degli "ortolani" durante la mattina e il doppio senso di marcia da mantenere in via delle Magnolie) che saranno valutate nel periodo che precede il bando di gara e l’aggiudicazione dei lavori.
10/12/2018 9.19 Comune di Firenze
Comune di Campi Bisenzio Intitolazione Giardino del Rosi a Nelson Mandela
Fossi: una scelta di Campo per la nostra Comunità 70 anni fa veniva firmata alle Nazioni Unite la Dichiarazione Universale dei diritti umani, ed è questa la data scelta del Comune di Campi Bisenzio, per la cerimonia di intitolazione dei Giardini del Rosi a Nelson Mandela.
Stamani infatti, il sindaco Emiliano Fossi, il presidente dell'Associazione Vivere il Rosi Mauro Costi e i rappresentanti dell'Associazione
Nelson Mandela per l'Italia, hanno scoperto la targa nel giardino al termine di una cerimonia durante la quale si è ricordato l'impegno di Mandela per i diritti umani, la libertà e contro le disuguaglianze.
Sulla targa, si legge una citazione di Mandela "Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare possono anche imparare ad amare, perché l'amore, per il cuore umano, è più naturale dell'odio":
"Credo che sia un bel gesto, peraltro condiviso con gli stessi cittadini della frazione, quello di intitolare un parco della nostra città a Mandela. E non un parco qualunque, ma una zona di frontiera, che è cresciuta e vive grazie all'impegno volontario di cittadine e cittadini, che hanno recuperato e messo a disposizione di tutta la comunità un luogo di incontro e condivisione come un'area verde e un circolo.
Festeggiare oggi la firma della Dichiarazione dei Diritti Universali e intitolare uno spazio pubblico a Mandela sono scelte di campo di
cui siamo orgogliosi. - ha detto il Sindaco Emiliano Fossi, che ha aggiunto - L'articolo 2 della nostra Costituzione dice che "La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo", come la casa, il lavoro, l'uguaglianza, la possibilità di una vita dignitosa, la libertà. Diritti che non hanno confini, non hanno carta di identità, valgono per gli italiani e gli stranieri: sono i diritti delle persone in quanto tali. In tempi bui in cui troppo spesso i diritti vengono negati come la stessa uguaglianza tra le persone crediamo che questa intitolazione sia una bella dimostrazione di una comunità aperta, accogliente e solidale".
10/12/2018 16.09 Comune di Campi Bisenzio
Comune di Firenze Invasione di iris alla Biblioteca nazionale
Cittadini invitati a piantare i fiori grazie al progetto di giovani universitari Cittadini ma anche turisti invitati a piantare iris nelle due aiuole triangolari davanti all’ingresso della Biblioteca Nazionale. E’ il progetto ‘Iris Florentina’, che oggi pomeriggio ha trasformato due angoli di terra incolta in due piccoli nuovi giardini.
“Questa iniziativa – spiega Luca Anichini, uno dei promotori – nasce all’interno del master dell’Università di Firenze Futuro Vegetale, coordinato dai professori Stefano Mancuso e Leonardo Chiesi. Tramite il coinvolgimento dei cittadini, prevediamo di riqualificare angoli verdi della città tramite i fiori di iris, uno dei simboli della città. Il Giardino dell’Iris ci ha fornito 120 rizomi che con la collaborazione dei passanti abbiamo messo nelle due aiuole, insieme a otto piante sempreverdi. Gli iris sono fiori belli e anche coriacei, che hanno bisogno di pochissima manutenzione”.
Il progetto è alla seconda tappa, dopo una prima uscita a giugno scorso nel giardino dei Nidiaci, quando furono piantati 40 rizomi. “Stiamo creando un’associazione – continua Anichini – che si chiamerà proprio ‘Futuro vegetale’ per portare avanti questi progetti in altre città d’Italia. Nostro scopo è far percepire gli spazi comuni come spazi di tutti”.
“Siamo felici – ha sottolineato l’assessore all’ambiente Alessia Bettini – di patrocinare questa iniziativa, a costo zero per il Comune, che si propone di prendersi cura della città e dei suoi spazi verdi troppo spesso lasciati all’incuria. Un modo nuovo per coinvolgere attivamente i cittadini e per aumentare il decoro della città”.
" La Biblioteca Nazionale – ha detto la vicedirettrice Silvia Alessandri – è lieta del progetto Iris Florentina e ringrazia i suoi promotori per aver voluto abbellire con il fiore simbolo della città di Firenze le aiuole prospicienti all Istituto, sottolineando così il legame che da sempre unisce in comunità chi ha a cuore la tutela del territorio e chi ne custodisce la cultura". (edl)
10/12/2018 16.17 Comune di Firenze
Comune di Firenze Piazza Annigoni, al via i lavori per il nuovo mercato coperto dell’antiquariato: svelato il logo con la ‘pulce’
L’assessore Del Re: “Realizzato dal liceo artistico di Porta Romana con un progetto di alternanza scuola-lavoro”. Cantieri dalla prima settimana di gennaio per 120 giorni Partiranno la prima settimana di gennaio i lavori per la realizzazione del nuovo mercato coperto dell’antiquariato in piazza Annigoni. Gli interventi andranno avanti per 120 giorni e nella prima fase riguarderanno lo spostamento dei gazebo degli operatori del mercato delle Pulci ai lati della piazza, dove rimarranno fino al termine dei lavori. In questa fase saranno attivi 20 operatori, mentre gli altri sei hanno scelto di sospendere la concessione.

Il mercato di piazza Annigoni avrà un nuovo logo realizzato con il liceo artistico di Porta Romana nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro partito lo scorso anno: obiettivo del progetto quello di realizzare i loghi dei mercati fiorentini, anche per contribuire alla loro riqualificazione. “Questa mattina – ha annunciato l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re – si è conclusa la prima fase del progetto con la scelta del logo vincitore per il mercato delle Pulci: è stato realizzato da Caterina Somigli, studentessa fiorentina del secondo anno del corso di perfezionamento in Grafica pubblicitaria e fotografia, ed è stato scelto insieme agli operatori del mercato e allo studio Breschi che ha realizzato il progetto delle nuove strutture.

Un logo – ha spiegato l’assessore – che ha vinto per la sua freschezza, ben rappresentata dalla pulce che scappa sul puntino della “i”, quasi a richiamare la leggerezza degli oggetti protagonisti del mercato delle pulci”. Alla vincitrice è stata consegnata una pergamena della Città di Firenze per l’ideazione e la realizzazione grafica del nuovo logo del mercato delle pulci.

Il progetto del nuovo mercato, approvato il 13 giugno scorso dalla giunta di Palazzo Vecchio, prevede la realizzazione di 27 box (più uno per servizi igienici) per un importo complessivo di un milione di euro. Le strutture saranno disposte su due file di 14 elementi, con lo spazio centrale parzialmente coperto da una struttura leggera in acciaio e policarbonato in modo da configurare una vera ‘strada coperta dell’antiquariato’. I box occuperanno solo il 50% della superficie di piazza Annigoni, lasciando libera la parte davanti al futuro ingresso della facoltà di Architettura anche per eventi, mostre e manifestazioni. Per garantire la sicurezza nelle ore notturne sono previsti cancelli di chiusura della strada coperta.

“Un progetto funzionale che dà vita a un vero e proprio mercato coperto dedicato all’antiquariato – ha detto l’assessore Del Re – Un investimento da un milione di euro per dare una ‘casa’ moderna e accogliente al mercato delle pulci nel quadro di una complessiva riqualificazione della zona e delle sue aree mercatali”. (sc)

10/12/2018 16.13 Comune di Firenze
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - Dalle Laude (in musica) di Jacopone da Todi al film sul Golem, a Bagno a Ripoli il Medioevo “fantastico” tutto da scoprire
Da sabato 15 dicembre fino a febbraio all'Oratorio di Santa Caterina e allo Spedale del Bigallo sette appuntamenti dedicati all'immaginario dell'età di mezzo tra concerti, reading, proiezioni e conferenze Le Laude di Jacopone da Todi interpretate attraverso le note dei grandi compositori, la figura del lupo dall'antichità ad oggi, la storia delle Crociate ripercorsa attraverso il film dell'Armata Brancaleone. E poi, ancora, vecchie pellicole mute dedicate al Golem e alle gesta di Sigfrido accompagnate da musica dal vivo, un viaggio alla scoperta dell'antica India e letture di favole in “penombra” dedicate ad eroi e fattucchiere. È un Medioevo ricco di misteri e intrighi, dove cultura, politica, sogno, avventura e religione si fondono creando una ineguagliabile alchimia, quello che sta per approdare a Bagno a Ripoli con la rassegna “Medioevo Fantastico”. Sette appuntamenti dedicati all'immaginario dell'età di mezzo organizzati dal Comune, in programma da dicembre a febbraio con concerti, videoproiezioni, reading e conferenze all'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote e all'Antico Spedale del Bigallo, anch'essi piccoli gioielli d'arte e architettura medievale.

“Un'occasione da non mancare – dicono il sindaco Francesco Casini e l'assessora alla cultura Annalisa Massari - per coloro che volessero documentarsi sull'apporto culturale che il mondo medievale, nella sua realtà storica, può offrire alla riflessione sui temi di attualità e approfondire, in modo piacevole e in luoghi magnifici, le tematiche relative a quel periodo. Si consolida l'obbiettivo di valorizzare i nostri luoghi storici offrendo occasioni ricreative di visita, ascolto e aggregazione in un contesto culturale di ottimo livello, ma in una forma divulgativa accessibile a tutti”.

Gli appuntamenti si aprono sabato 15 dicembre (l'ora di inizio è fissata sempre alle 16.30) all'Oratorio di Santa Caterina con l'incontro “Il Sacro Medioevo - Jacopone da Todi” durante il quale la voce recitante di Alessandra Morellato e Hildegard Kuen alla viola, attraverso la musica di ispirazione religiosa di Max Reger, Johann Sebastian Bach e Heinrich Ignaz Biber, sottolineano l’inquietudine del tormentato rapporto tra l’umano e il divino presente nelle opere del frate-poeta. Sempre all'Oratorio, sabato 22 dicembre si svolgerà la conferenza del professor Riccardo Rao “Attenti al lupo! Storia e luoghi di un animale favoloso”.

Sarà il Bigallo, invece, ad ospitare il primo appuntamento del nuovo anno. Sabato 5 gennaio iniziativa per i bambini con le “Favole della penombra”, lettura ad alta voce di racconti medievali e novelle a base di creature fantastiche, principesse, eroi e fattucchiere a cura della Biblioteca Comunale di Bagno a Ripoli (a seguire merenda d'inverno, la prenotazione è obbligatoria). Gli appuntamenti successivi si svolgeranno all'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote. Sabato 12 gennaio si terrà la conferenza del professor Lorenzo Tanzini dal titolo “Verso le Indie. Viaggi medievali in Asia tra fede, sogni e paure”, dedicata ai racconti di viaggi reali e immaginari, missioni diplomatiche e pellegrinaggi a contatto con le potenze asiatiche.

Sabato 19 il professore Sergio Tognetti prenderà spunto da uno dei capolavori assoluti della cinematografia del ‘900 per illustrare cosa abbiano significato davvero per l’Italia le Crociate con la conferenza “L’Armata Brancaleone: mito e realtà dell’Italia al tempo delle crociate”. Sabato 26, per il ciclo “Il Medioevo in pellicola” il docente di linguaggi audiovisivi Alberto Peraldo introduce la proiezione “I Nibelunghi: la morte di Sigfrido” di Fritz Lang (1924), accompagnata dalla cornice musicale di Margherita Naldini al contrabbasso e Spela Mastnak alle percussioni. Ultimo appuntamento sabato 2 febbraio con il secondo evento dedicato al grande schermo. Il professore Alberto Peraldo introduce la proiezione de “Il Golem – Come venne al mondo” di Carl Boese e Paul Wegener (1920) accompagnata dalla “Musica degenerata”, come negli anni '30 del secolo scorso il governo nazista definì in senso dispregiativo alcune forme musicali considerate decadenti, che impegnerà Stefano Zanobini alla viola.

Tutti gli eventi sono gratuiti. Solo per la merenda d'inverno è richiesto un contributo di 5 euro e prenotazione obbligatoria entro il 3 gennaio scrivendo a: silvia.diacciati@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

L'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote si trova in via del Carota 31 in località Ponte a Ema.

L'Antico Spedale del Bigallo si trova in via del Bigallo e Apparita 14.
10/12/2018 10.13 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli

Comune di Calenzano Calenzano. Bilancio di previsione 2019 presentato ai sindacati
Soddisfazione delle sigle per tasse e tariffe invariate, recupero dell’evasione e spese per il sociale L’Amministrazione Comunale di Calenzano ha presentato ai sindacati lo schema di bilancio preventivo 2019, che sarà sottoposto all’approvazione del Consiglio comunale nella seduta prevista per il 28 dicembre.

All’incontro erano presenti le confederazioni Cgil, Cisl e Uil, unitamente alle rispettive categorie dei pensionati, il Sindaco Alessio Biagioli e l’Assessore al Bilancio Riccardo Prestini.

Le tre sigle hanno apprezzato le politiche portate avanti da Calenzano, che confermano le tasse e tariffe dello scorso anno, il prossimo sarà il sesto anno di tariffe invariate, e mantiene alto il livello di investimenti, oltre 20 milioni di euro nel triennio 2019 - 2021.

I principali investimenti riguardano l’edilizia scolastica (nuova scuola materna in località Dietro Poggio e nuova scuola elementare a servizio del capoluogo), la viabilità e mobilità (ulteriori interventi di manutenzione di strade comunali e realizzazione nuovi tratti di piste ciclabili), parchi e aree di verde pubblico attrezzato (centro servizi del Parco il Neto, recupero ex Molino del Lice all’ingresso del Parco di Travalle), impianti sportivi, opere fognarie e messa in sicurezza idraulica del territorio.

Un pacchetto di progetti e di interventi in parte già avviati, come le due procedure di gara appena concluse che riguardano l’efficientamento e la riqualificazione degli impianti di pubblica illuminazione comunali e la realizzazione della nuova piscina olimpionica, che sarà cura della nuova Amministrazione portare avanti e realizzare.

Le sigle sindacali hanno inoltre apprezzato l’impegno sui servizi alla persona, in particolare per quanto riguarda le spese per il sociale, gli investimenti per nuove strutture da destinare all’affitto agevolato, i servizi scolastici, l’installazione di telecamere per il controllo del territorio. Sottolineata anche l’importanza di nuove assunzioni nelle aree tecniche, per garantire lo sviluppo dei progetti in corso e futuri, e del recupero dell’evasione tributaria. Attività quest’ultima i cui positivi risultati consentono al Comune di continuare ad offrire servizi di qualità e ad investire, senza aumentare tasse e tariffe.
10/12/2018 10.15 Comune di Calenzano
Fondazione Zeffirelli Carmen: l’Archivio mai visto e la proiezione integrale
Venerdì 14, nella Sala della musica del complesso monumentale di San Firenze, è in programma la proiezione integrale di Carmen di Bizet Nell’ambito del cartellone di dicembre, la Fondazione Franco Zeffirelli di Firenze propone due appuntamenti dedicati al 40° anniversario dell’allestimento a Vienna della Carmen di Bizet con la regia e le scene di Franco Zeffirelli.
Venerdì 14 dicembre, alle ore 17.30 si terrà “L’Archivio mai visto – I 40 anni della Carmen di Vienna”, percorso guidato attraverso i materiali documentari dell’allestimento dell’opera di Bizet presentato a Vienna nel 1978; in quell’occasione la regia e le scene furono firmate da Franco Zeffirelli; i costumi da Leo Bei; gli interpreti principali furono Elena Obraztsova, Placido Domingo, Juri Mazurok, Isobel Buchanan, il Coro e l’Orchestra della Staatsoper di Vienna, diretta da Carlos Kleiber. La prenotazione all’evento è obbligatoria; si può scrivere una mail all’indirizzo ticket@fondazionefrancozeffirelli.com oppure si può telefonare (ore 10-17, dal martedì alla domenica) al numero 055.2658435. Il prezzo d’ingresso è di 10 euro e dà anche la possibilità di assistere gratuitamente alla conferenza-proiezione che seguirà.

Infatti, sempre venerdì 14, ma alle 19.30 nella Sala della musica del complesso monumentale di San Firenze, è in programma la proiezione integrale di Carmen di Bizet (durata 3 ore circa, con intervallo tra il 2° e 3° atto), preceduta da una breve introduzione del Direttore artistico della Fondazione, Francesco Ermini Polacci, cui si deve la composizione del cartellone di appuntamenti di dicembre. Anche in questo caso la prenotazione all’evento è obbligatoria; si può scrivere una mail a ticket@fondazionefrancozeffirelli.com oppure si può telefonare (ore 10-17, dal martedì alla domenica) al numero 055.2658435. Il prezzo d’ingresso è di 10 euro e dà diritto anche all’accesso gratuito al Museo Zeffirelli attraverso un voucher valido per i 60 giorni successivi a quello dell’emissione del biglietto.

Da segnalare che, oltre che nei modi già indicati, ogni appuntamento del cartellone sarà prenotabile anche tramite apposito form sul sito www.fondazionefrancozeffirelli.com (presente nella pagina di ogni singolo evento) e che l'hashtag che sarà utilizzato per le comunicazioni via social network sarà: #dicembreconzeffirelli.

40° anniversario della messa in scena
dell'opera di Bizet a Vienna (1978)
CARMEN: L'ARCHIVIO MAI VISTO
E LA PROIEZIONE INTEGRALE
Venerdì 14.12.2018 h. 17.30 e 19.30
Fondazione Franco Zeffirelli
Piazza San Firenze 5 - Firenze

Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
Piazza San Firenze 5 – Firenze
www.fondazionefrancozeffirelli.com; info@fondazionefrancozeffirelli.com
Info, biglietteria e prenotazioni visite guidate tel. 055-2658435
10/12/2018 9.12 Fondazione Zeffirelli
Redazione di Met Appuntamento di Natale della Fondazione di Santa Maria Nuova
Sabato 15 dicembre dalle 10 alle 17. Visite straordinarie ai tesori artistici di Santa Maria Nuova La Crocifissione di Andrea del Castagno, il grande affresco con la “Consacrazione della Chiesa di Sant’Egidio" di Bicci di Lorenzo, la splendida Madonna “fondo oro” di Niccolò di Tommaso e la Madonna in terracotta invetriata, opera di Andrea della Robbia, “simbolo” dell’Ospedale di Santa Maria Nuova.

Sono alcuni dei tesori che potranno essere ammirati sabato 15 dicembre quando tornerà l’appuntamento di Natale della Fondazione Santa Maria Nuova Onlus con l’apertura straordinaria delle “sale private” della direzione, del “Salone Martino V“ e del Matroneo della Chiesa di Sant’Egidio, suggestivo affaccio dall’alto, utilizzato dalle Oblate per assistere alle funzioni religiose in Chiesa, senza essere viste.

La giornata di “porte aperte” si svolgerà con turni di visita organizzati da guide, gentilmente messe a disposizione da Exclusive Connection dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00.

L'Ospedale, nell'ambito di "Musica in Ospedale nella Città Metropolitana", ospiterà alle ore 15.30, presso il Salone Martino V, un concerto dell'Agimus Firenze con musiche di Hindemith, Casella e Beethoven eseguite dalla YOYO ensemble.

L’iniziativa sostiene la Fondazione nella sua attività di promozione, tutela e valorizzazione del patrimonio storico artistico dell’azienda sanitaria. La Fondazione è impegnata a raccogliere fondi per valorizzare, tutelare e promuovere il patrimonio storico artistico dell’Ospedale e questo appuntamento aiuta a sostenere il difficile lavoro di restauro e ripristino di opere e ambienti di valore di questo ospedale davvero speciale. L’esistenza di un percorso museale visitabile all’interno di un ospedale ancora in funzione rendono Santa Maria Nuova un esempio unico al mondo.

Per partecipare alla serata non è necessaria la prenotazione ed è richiesta una donazione libera. Per informazioni: 055 6938374 / 055 6938688 – info@fondazionesantamarianuova.it
10/12/2018 11.50 Redazione di Met
Comune di Empoli Empoli. A primavera il parco di Casenuove avrà un volto nuovo, colorato e per tutti bambini
Il sindaco Brenda Barnini: «Poi porteremo anche telecamere per la videosorveglianza in quel parco e nella frazione per prevenire vandalismo e garantire sicurezza ai cittadini» In arrivo una grande aree ludica a disposizione dei bambini nel giardino di Casenuove.

Nella frazione di Casenuove, lungo Via Val d’Orme, dall’attuale parco pubblico attrezzato è stato rimosso il castello in legno che presentava diversi danneggiamenti. Era stato collocato lì negli anni ’90 ed era stato oggetto più volte di vandalismi: era ormai in disuso e fonte di potenziale pericolo da parte dei piccoli fruitori.

È stato decisa la sua completa rimozione e fra febbraio e marzo prossimi l’intera area avrà un nuovo volto, colorato, tutto dedicato ai bambini fino agli 11 anni. Sempre in quell’area è presente da anni un ampio campo con due porte da calcio.

L’intera zona ludica è stata progettata ex novo. Saranno installate attrezzature essenzialmente di tipo “inclusivo”, pensate quindi per permettere l’uso anche a bimbi con limitata capacità motoria.

Sarà anche realizzata una grande pavimentazione antitrauma, come da normative di legge, in gomma colata e colorata.

SINDACO - «Avere aree verdi curate e parchi giochi attrezzati è una cosa molto importante per poter vivere bene. Ecco perché in questi anni – spiega il sindaco di Empoli Brenda Barnini – abbiamo avviato un lavoro costante di manutenzione dei giochi esistenti e di sostituzione di quelli troppo vecchi e danneggiati. Nel nostro Comune ci sono più di 50 aree verdi attrezzate con giochi dislocate in tutte le parti della città e in tutte le frazioni. Sappiamo bene che dobbiamo fare ancora di più. Nell'ultimo incontro pubblico con i cittadini di Casenuove era venuta fuori con forza l'esigenza di riqualificare il grande parco della frazione. Per questo abbiamo rimosso il vecchio castello di legno ormai troppo danneggiato e acquistato nuovi giochi accessibili per tutti e inclusivi. A breve inizieranno i lavori di installazione. Dopo questo vogliamo però portare anche le telecamere per la videosorveglianza in quel parco e nella frazione per prevenire gli atti di vandalismo e garantire sicurezza ai cittadini».

Diversamente dai giochi in legno che erano presenti a Casenuove , costituiti da struttura lignea, per limitare lo manutenzione delle nuove strutture ludiche, è stato scelto di impiegare giochi con struttura portante in acciaio zincato, con balaustre e porzioni in polietilene ad alta densità.

L’area ludica è una sola, ma sarà divisa in una parte con giochi per bambini da 1 a 3 anni: con altalena con cesto; torretta con scivolo; gioco a molla e pannello gioco-alfabeto; nell’altra parte giochi adatti per bimbi da 3 a 11 anni: gioco composito strutturato, con torri, scivolo, ponte con camminamento in rete; salita, pertica, tunnel, scala, rete di arrampicata.,

La realizzazione della nuova area gioco dovrebbe essere prevista in primavera. Si tratta di un progetto da circa 40.000 euro
10/12/2018 15.47 Comune di Empoli
Comune di Prato Le opere di Palazzo Pretorio prendono vita nei quadri viventi di Luigi Presicce
performance dell’artista insieme a L’Accademia dell’Immobilità venerdì 14 dicembre. L’evento fa parte del progetto Pretorio Studio, fino al 12 dicembre si possono seguire le fasi preparatorie

I dipinti di Palazzo Pretorio si animano, prendono forma in quadri viventi in una performance con una forte valenza iconica che vede protagonista l’artista Luigi Presicce insieme a L’Accademia dell’Immobilità nell’evento in programma venerdì 14 dicembre alle 19.

Un progetto site specific pensato per il Museo, realizzato all'intero di Pretorio Studio, che ha coinvolto fin da ottobre gli artisti in un lungo lavoro collettivo e che si completerà con la restituzione al pubblico. Lungo i tre piani del Pretorio gli ospiti troveranno una diversa composizione ispirata dalle opere; nell'esecuzione di Luigi Presicce e L’Accademia dell’Immobilità i dipinti e le sculture prendono vita performate dai corpi, corpi che si inseriscono nella narrazione rappresentata, ampliandola e non mimandola. Una creazione in cui lo spettatore si trova a far parte, entrando nell’opera.

La formazione in pittura di Luigi Presicce trova un suo sviluppo nella messa in scena di quadri viventi, surreali, misteriosi, ricchi di allusioni allegoriche in cui la performance intreccia in un perfetto equilibrio citazioni culturali e coscienza attuale. La sua estetica richiama d’altronde gli impianti scenici di Carmelo Bene e di Pier Paolo Pasolini.

Luigi Presicce insieme all’Accademia dell’Immobilità è il secondo ospite di Pretorio Studio, ideato e avviato da Veronica Caciolli nel 2016, che ha già visto lo scorso anno la partecipazione dell’artista Paola Angelini. Pretorio Studio è un progetto che punta a valorizzare il Museo e le collezioni attraverso la collaborazione di artisti contemporanei mostrando le possibili stratificazioni simboliche del tempo, abbracciando un impulso archivistico-archeologico, caratteristico della contemporaneità.

Nonostante Luigi Presicce abbia già realizzato performances in vari musei italiani, tra cui il MAMbo di Bologna e il MADRE di Napoli, è la prima volta che elabora un progetto all’interno di un museo d’arte come Palazzo Pretorio che unisce pitture, sculture e polittici a partire dal Trecento fino al Novecento; un contesto che diviene palcoscenico ideale per accogliere gli studi dell’artista sulle origini, la storia dell’arte, la cultura popolare ed esoterica.

Oltre all’Accademia dell’Immobilità, un progetto di formazione aperto a tutti coloro che vi vogliano di volta in volta partecipare, collaborano con Luigi Presicce il costumista Caned Icoda, il video maker Daniele Pezzi e in occasione della performance di Palazzo Pretorio il fotografo Ivan D’Alì. Progetto grafico Studio Moretti Visani.



Palazzo Pretorio
Venerdì 14 dicembre ore 19
Luigi Presicce _ L’Accademia dell’Immobilità
Ingresso: 4 euro studenti fino a 26 anni, 6 euro ridotto, 8 euro intero
La performance prosegue fino alle 21, la biglietteria chiude alle 20:45.
Fino al 12 dicembre accesso alle prove con un unico biglietto al prezzo speciale di 4 euro; si consiglia di chiamare al numero 0574 1837860 per gli orari
10/12/2018 10.45 Comune di Prato
Città Metropolitana di Firenze Centro di Firenze per la Moda Italiana
Il Consiglio della Città Metropolitana approva modifiche dello statuto dell'associazione Il Consiglio della Città Metropolitana di Firenze ha approvato alcune modifiche allo statuto dell'Associazione Centro di Firenze per la Moda Italiana. Le relativa delibera è stata illustrata all'Assemblea dal consigliere delegato Massimiliano Pescini. Tra Metrocittà e Associazione vi è un rapporto di partecipazione. L’Associazione promuove e valorizza la moda italiana attraverso mostre e presentazioni in Italia e all’estero, attività editoriali, di studio e di ricerca.
Il Consiglio ha accolto la proposta di modifica dell'articolo 12 'Esercizio sociale e bilanci' per allineare l’esercizio sociale dell’associazione con quello delle società operative del Gruppo, dal momento che il Centro Firenze per la Moda Italiana chiude il proprio bilancio il 31 dicembre mentre le società del Gruppo hanno come scadenza il 30 settembre. "In questo modo - è stato osservato - è possibile per l'associazione espletare al meglio la funzione di capogruppo e ottenere una maggiore coerenza contabile, soprattutto ai fini del bilancio consolidato".
Approvazione definitiva delle modifiche nel corso dell’Assemblea straordinaria dei Soci.
10/12/2018 13.03 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Certaldo Alloggi del Pino riassegnati a due famiglie
In passato serviva per l’emergenza migranti, ma fu chiuso quando gli arrivi iniziarono ad aumentare in modo non concordato Tornano ad essere abitati da due famiglie, che erano in graduatoria per le case popolari, i due alloggi sociali del Pino, ricavati nella ex scuola di frazione. La scuola nel 2008 fu completamente ristrutturata con fondi regionali proprio per l’utilizzo per situazioni di emergenza abitativa. Negli ultimi anni l’amministrazione l’aveva destinata anche all’accoglienza dei migranti. Una scelta mantenuta fino a quando, nel 2015, gli arrivi di migranti non furono più concordati con l’amministrazione ed il numero iniziò a salire.

I due appartamenti sono composti da cucina, due camere e bagno, e misurano ciascuno poco più di 70 metri quadri. Con la diminuzione del numero di migranti ospiti a Certaldo gli alloggi erano tornati in disponibilità dell’amministrazione comunale nei mesi scorsi, sono stati fatti dei lavori di manutenzione – investiti circa 10.000 euro – ed assegnati poi a due famiglie di cittadini certaldesi, che erano in attesa nelle graduatorie ERP per le case popolari.

“Siamo lieti di consegnare le chiavi di questi alloggi a due famiglie – hanno detto il vicesindaco con delega al sociale, Francesco Dei, che ha seguito la pratica, ed il sindaco Giacomo Cucini, che hanno personalmente accompagnato nei giorni scorsi i primi residenti a vedere le abitazioni – in questa edificio che ha una sua storia e che si situa in uno degli scorci più belli della nostra campagna. L'amministrazione lo aveva destinato anni fa all'accoglienza dei migranti, quando ancora queste politiche di accoglienza venivano gestite in accordo con l'ente locale. Quando sono stati allestiti centri straordinari in diverse zone del paese , abbiamo ritenuto di chiudere l’unico che era di proprietà comunale per tornare ad utilizzare gli alloggi nell'ambito delle graduatorie per l'edilizia popolare”.

10/12/2018 11.58 Comune di Certaldo
Comune di Firenze Natale al Quartiere 4 con La Rosa e il Violino e l’Athenaeum Musicale
Due gli eventi in programma nella prima settimana di iniziative, rispettivamente il 13 e il 15 dicembre Giovedì 13 dicembre, alle 18.15, presso la Sala Consiliare Tosca Bucarelli, a Villa Vogel, in via delle Torri 23, “Quando eravamo Promessi Sposi... Ricordi nella notte di Santa Lucia”, spettacolo musicale di Elisa Belli, Associazione La Rosa e il Violino. “Si tratta di una sorta di sequel del romanzo di Alessandro Manzoni – spiega la direttrice artistica Elisa Belli – in cui troviamo Renzo e Lucia ormai genitori, a Bergamo, intenti a preparare il camino per la Festa di Santa Lucia, che diventa occasione per ripercorrere, attraverso brani musicali tratti dall'opera della sottoscritta ‘Sotto il cielo di San Martino. Promessi Sposi’, i momenti più significativi della loro storia, in una cornice di canti cinquecenteschi”.

Sabato 15 dicembre, alle 18, presso l’Auditorium Piero della Francesca, in via Giuliano Bugiardini 25, Concerto “Athenaeum for Christmas”, con l'esibizione del Voice Gospel Choir, del No Time Jazz Band e dell'Orchestra Children’s Corner. “La nostra Scuola di musica, presente nel Quartiere 4 da 25 anni, offre un concerto per sensibilizzare la Comunità al progetto 'Io sono Trisomia 9 a mosaico' – dice il direttore dell’Athenaeum Musicale Giampaolo Franceschini – dove si esibiranno tre compagini molto rappresentative: la nota Jazz Band dei musicisti ‘senza tempo’, gli spettacolari One Voice Gospel Choir, con famosi canti di Natale, solista Susan Gagliano, e la ‘gigantesca’ orchestra Children’s Corner, di oltre 50 elementi, che farà saltare tutti sulla sedia”.

“Spettacolo, letteratura, musica varia e di qualità, solidarietà – commenta il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni – questi sono alcuni degli elementi attraverso i quali si sviluppa la prima settimana del Natale al Quartiere 4. Ringraziamo La Rosa e il Violino e l’Athenaeum Musicale, associazioni culturali storiche del territorio, perché riescono a garantire alla nostra comunità due eventi di grande rilievo, che ci consentiranno di viaggiare in maniera creativa e innovativa, da un lato, tra le pagine del capolavoro di Alessandro Manzoni e oltre e, dall’altro, tra note musicali dalle atmosfere particolari, capaci di farci vivere il Natale in armonia e condivisione”.

Il programma degli appuntamenti del “Natale al Quartiere 4” è sviluppato in collaborazione con l'associazione culturale Nuovo Centro Studi Il Globo. (s.spa.)

Info: quartiere4@comune.fi.it e 055 2767134.

10/12/2018 12.35 Comune di Firenze
Comune di Fiesole Tredicesimo appuntamento a Fiesole con i Seminari MASTRI
Venerdì 14 dicembre alle 17.30 in sala Consiliare. ‘Le arti della legatoria’ Il tredicesimo Seminario MASTRI avrà per titolo ‘Le arti della legatoria’.
L’incontro, che si svolgerà venerdì 14 dicembre, alle ore 17.30, a Fiesole, presso il Palazzo Comunale, Sala Consiliare, I piano, è organizzato dal Comune di Fiesole in collaborazione con l’Osservatorio di Terminologie e Politiche Linguistiche (OTPL) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Dopo il benvenuto agli ospiti da parte dell’Assessore alla cultura Barbara Casalini, seguirà l’introduzione di Maria Teresa Zanola, ideatrice e coordinatrice del progetto, che ci introdurrà nel mondo dell’arte della legatoria e nei termini e concetti che la caratterizzano, illustrandoci il fascino di un mestiere che coniuga così sapientemente arte antica e innovazione.
Il percorso proposto da questa tappa dei Seminari MASTRI prevede l’incontro con gli esperti della Legatoria Balsimelli di Firenze.
Dalle tavole di legno alle pergamene, dalle opere d’arte degli amanuensi che creavano preziose copertine, fino all’invenzione della stampa, la legatoria ha sempre svolto un ruolo di primaria importanza. Le lavorazioni di rilegatura, eseguite a mano, ci porteranno in un mondo di presse, matrici e punte, di carte marmorizzate e tele colorate, fra libri antichi e particolari edizioni. La collezione di punzoni o piccoli ferri conta migliaia di diversi motivi che da secoli permettono di ricreare anche elementi decorativi di diverse epoche o di creare nuove e moderne composizioni, a seconda dell’opera considerata.
Il percorso proposto dai Seminari MASTRI consentirà di conoscere un’attività artistica di grande interesse, e offrirà un nuovo ingresso terminologico nell’appassionante universo delle arti e dei mestieri. Anche questo seminario sarà un colloquio tra gli esperti e gli intervenuti in modo da coinvolgere i presenti in un’interessante conversazione, aperta e dinamica.
Il filo conduttore, nel solco della tradizione di MASTRI, sarà il legame che questi ‘mestieri’ rappresentano tra passato, presente e futuro, come fonte di lavoro duratura nei secoli.
10/12/2018 12.07 Comune di Fiesole
Camera di Commercio di Firenze Diffamazione a mezzo stampa, una soluzione oltre il processo
Convenzione fra Ordine dei Giornalisti della Toscana e Camera di Commercio di Firenze Per promuovere l’utilizzo della mediazione nella diffamazione a mezzo stampa sarà firmata la convenzione fra Ordine dei Giornalisti della Toscana e Camera di Commercio di Firenze nell’ambito di un convegno che si terrà:

Martedì 11 dicembre 2018, ore 14
AUDITORIUM DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE
Piazza Mentana, 1 - Firenze


PROGRAMMA

ore 14,00 – Registrazione dei partecipanti

ore 14,15 – Saluto introduttivo
Leonardo Bassilichi, Presidente della Camera di Commercio di Firenze
Cecilia Del Re, Assessora Sviluppo economico e turismo del Comune di Firenze
Carlo Bartoli, Presidente Ordine Giornalisti Toscana

Ore 14,30 Prima sessione
Massimo Donnarumma (giudice seconda sezione Tribunale di Firenze)
Il contenzioso sulla diffamazione a mezzo stampa in ambito locale e nazionale

ore14,50 – Sigfrido Fenyes (avvocato, vicepresidente Ordine degli Avvocati di Firenze)
L’ambito delle pretese risarcitorie

ore 15,10 – Stefano Brogioni (giornalista della Nazione)
Il peso dei procedimenti giudiziari sul lavoro del giornalista

ore 15,30 – Corrado Mora (avvocato e mediatore)
Le opportunità offerte dalla mediazione per la soddisfazione delle parti

ore 15,50 – Laura Benedetto (segretario Generale della Camera di Commercio di Firenze)
La convenzione tra Camera di Commercio di Firenze e Ordine dei Giornalisti della Toscana


ore 16,00 – Firma della convenzione

Pausa caffè

Ore 16,30 Seconda sessione – Tavola rotonda
modera Antonio Valentini, giornalista del Corriere fiorentino

Marco Giovannelli
Presidente ANSO – Associazione Nazionale Stampa Online
Informazione, diffamazione e fake news: la sfida della qualità

Carlo Bartoli - Presidente Ordine Giornalisti Toscana
La querela, una minaccia alla libertà d’informazione?

Marilena Rizzo - Presidente del Tribunale di Firenze

Sergio Paparo - Presidente Ordine degli Avvocati di Firenze
Delegabilita` in mediazione dei procedimenti giudiziari in materia di diffamazione a mezzo stampa, possibili proposte per una riforma legislativa

Leonardo Bassilichi - Presidente Camera di Commercio di Firenze
L’Organismo di mediazione della Camera fiorentina
10/12/2018 12.46 Camera di Commercio di Firenze

Comune di Castelfiorentino Castelfiorentino: Teatro di strada, Silent disco e fiabe natalizie
Sabato 15 e domenica 16 dicembre attori e musicisti di strada, eventi per i giovani,
spettacoli itineranti per bambini nelle piazze e nelle vie del centro.
Attori e musicisti di strada. Acrobati, giocolieri e trampolieri. La “Silent disco” per i giovani. Fiabe natalizie e spettacoli itineranti per i bambini. Entra nel vivo il prossimo fine settimana “Merry Christmas. Natale a Castelfiorentino” (sabato 15 e domenica 16 dicembre), calendario di iniziative promosso e organizzato dall’associazione “Tre Piazze” e dal Comune di Castelfiorentino in collaborazione con Proloco e Confesercenti, che andrà ad affiancarsi alle attrazioni permanenti, come la pista di pattinaggio su ghiaccio e le giostre per i bambini (Piazza Gramsci).
Si comincia sabato pomeriggio (15 dicembre, dalle ore 16.30 in poi), con gli spettacoli di teatro di strada organizzati dal Cantiere Ikrea: artisti che evocano la semplicità dell’arte popolare, il clown musico, l’uomo più forte del mondo accompagnato dai suoi figli (acrobati e giocolieri) il duo di musicanti “Il Ceco” e “la Bellona”. Un insieme di attori e musicisti che allieteranno i passanti con le loro esibizioni, i loro stornelli e canti dal vivo. Non mancheranno i trampolieri, i “giganti”, due gemelli che percorreranno le vie del centro per fare gli auguri a tutti.
All’Oratorio di San Carlo, un’opportunità imperdibile per adulti e bambini: la possibilità di scattare foto ricordo con Babbo Natale in carne ed ossa.
Dalle 18.30 alle 21.30 un evento per i giovani: la “Silent Disco”, musica da discoteca senza recare disturbo al vicinato. La Silent Disco utilizza infatti cuffie senza fili e offre la possibilità di scegliere diverse tipologie di musica. Il risultato finale è un ambiente pieno di persone che cantano e ballano con musiche diverse (in collaborazione con la coop Cat).
Domenica 16 dicembre (ritrovo in Piazza Gramsci ore 15.30) spettacolo itinerante per i bambini, che saranno condotti da un “Pifferaio magico” lungo cinque stazioni. Una favola narrata, animata e disegnata (titolo “un desiderio per Natale”) accompagnata dalle note del flauto traverso
Ma gli eventi natalizi non finiscono qui. Sabato e Domenica (ore 18.00) appuntamento in via Testaferrata con il “Gioco del panforte della tradizione toscana” (organizzato dall’associazione “Amici di Castello” da Pasticceria Dei e dalla Prociv Arci con il patrocinio del Comune di Castelfiorentino) e al Parco Roosevelt con “Profumo di Natale”: musica, artigianato, arte, gastronomia.
Nelle vie e piazze del Centro storico alto, “La Via dei Presepi” non mancherà di accendere i cuori dei visitatori, che potranno lasciare una piccola offerta per l’acquisto di un defibrillatore.
Si ricorda che la Pista di Pattinaggio su ghiaccio è aperta tutti i giorni nel seguente orario: feriali ore 14.00-24.00, festivi ore 9.30-13.00 e 14.00-24.00. Per maggiori info e contatti: prolococastelfiorentino@gmail.com (anche su facebook) #nataleacastello

10/12/2018 9.52 Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino

Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - Diritti umani, Cecilia Strada a Bagno a Ripoli per i 70 anni della Dichiarazione universale
Appuntamento l'11 dicembre all'Isis Gobetti-Volta per una conversazione aperta alla cittadinanza organizzata dalla Commissione Pace del Comune. Presente anche Pape Diaw
Bagno a Ripoli festeggia con Cecilia Strada i settant'anni della Dichiarazione universale dei diritti umani. Martedì 11 dicembre, all'indomani dell'anniversario del documento sui diritti della persona adottato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948, la ex presidente di Emergency sarà all'istituto Gobetti-Volta per la conversazione “I diritti umani e i conflitti di oggi” aperta a tutta la popolazione (sala Perini, ore 17). L'iniziativa è organizzata dalla Commissione per la Pace e i Diritti del Comune di Bagno a Ripoli.

Accanto a Strada, da sempre impegnata nell'attività umanitaria con Emergency che offre cure mediche e chirurgiche gratuite alle vittime della guerra, sarà presente Pape Diaw, uno dei portavoce della comunità senegalese in Toscana ed esperto di tematiche legate all'immigrazione e alla convivenza tra culture. All'iniziativa porteranno il saluto dell'amministrazione comunale la vicesindaca Ilaria Belli e la presidente della Commissione Pace Susanna Agostini. Il dibattito sarà coordinato dalle rappresentanti della Commissione Pace. Ai presenti saranno consegnati i trenta articoli che compongono i valori fondanti della Dichiarazione. Cecilia Strada sarà presente all'istituto superiore ripolese anche durante la mattina di martedì, ma l'incontro in questo caso è riservato agli studenti.

“Siamo felici di festeggiare i 70 anni della Dichiarazione insieme a Cecilia Strada, che con il padre Gino ed Emergency, è una delle testimoni più autorevoli e attendibili nel nostro Paese dell'impegno concreto, sul campo, per l'affermazione dei diritti umani – commentano Belli e Agostini -. Sarà un'occasione di riflessione sulle conquiste ottenute in alcuni Paesi e sui conflitti in corso nel mondo per tutta la popolazione, che invitiamo a partecipare. Abbiamo fortemente voluto che l'incontro si svolgesse a scuola perché è da qui che dobbiamo partire per formare cittadini consapevoli. E fare in modo che a settant'anni di distanza, i diritti fondamentali che garantiscono il rispetto della persona e la libertà dei singoli e delle collettività sanciti dalla Dichiarazione, ancora oggi purtroppo talvolta disattesi, vengano davvero messi in atto”.
10/12/2018 10.11 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli

 
 




Vai al contenuto