Login

MET


Comune di Vicchio
Vicchio. Approvato il bilancio di previsione 2018
Leggeri ritocchi per alcune tasse e tariffe mentre vengono confermati i servizi. Il commento del sindaco: “Continua la nostra politica di attenzione verso i più deboli”
Approvato nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale tenutosi martedì scorso il Bilancio di Previsione di Esercizio 2018 del Comune di Vicchio.
Anche quest’anno l’Amministrazione ha puntato soprattutto sulla sospensione dei tributi comunali per le famiglie monoreddito in difficoltà e confermato un piccolo fondo comunale per le emergenze; passi importanti in un contesto in cui la crisi economica che ha condizionato la vita della nazione ha di conseguenza toccato anche quella del Comune mugellano.

“Lavoro e casa, sociale e scuola, restano per l’Amministrazione le priorità – ha commentato il Sindaco - ed i bisogni soprattutto in campo sociale non diminuiscono. La legge ha vietato anche per quest’anno l’aumento delle imposte comunali, legge che ovviamente va a penalizzare i Comuni virtuosi come il nostro, che è riuscito a mantenere negli anni, soprattutto durante la crisi, le aliquote a livelli minimi”.

Questa situazione ha spinto l’Amministrazione a mettere in vendita due immobili comunali: l’ex circolo di Casole ed il complesso delle piscine e del camping, prevedendo un introito per le casse comunali di 350 mila euro complessive. Anche grazie a ciò l’addizionale IRPEF resterà allo 0.5%, mentre l’IMU mantiene le aliquote degli anni passati, fissate ai livelli minimi, ben al di sotto del tetto massimo ammesso per legge, con l’obiettivo di non pesare troppo su imprese e famiglie.

L’unica imposta che aumenterà è la TARI, un aumento di circa il 10%, dovuto in parte alla spesa per lo smaltimento dell’indifferenziato che resta a livelli elevati per il nostro comune. Comunque le nuove tariffe restano sempre le più basse del territorio. Il costo del conferimento dei rifiuti in discarica è passato infatti dai 130 euro ai 170 euro a tonnellata. A questo si aggiunge anche il passaggio al sevizio di raccolta porta a porta, ormai di prossima attivazione. Tale aumento, dunque, si è reso necessario alla copertura dei costi del servizio e parte anche da una situazione rimasta invariata per anni.

Altro ritocco necessario è stato quello per i servizi a domanda individuale, in particolare mensa e trasporto scolastico. Il costo pasto sarà di 3,85 euro ed il trasporto scolastico costerà 5 euro in più al mese. Va però ricordato che, nonostante questo leggero aumento, la copertura dei servizi scolastici è comunque pari al 54% della spesa, generando uno sbilancio alla fine dell’anno di 328 mila euro a carico del Comune, proprio per non gravare sulle famiglie. “In un periodo di crisi economica che continua ad essere delicato – aggiunge il Sindaco - continua la nostra politica di attenzione verso i più deboli, con un occhio di riguardo nel mantenimento delle aliquote più basse per le famiglie”.

Da un punto di vista degli investimenti si è deciso di accendere due mutui, per 50 mila euro ciascuno, per provvedere al rifacimento della pavimentazione della palestra della scuola e per la ristrutturazione del Palazzo Comunale ed in particolare del loggiato. Sempre in ambito investimenti, per una pianificazione e messa in sicurezza del territorio, il Comune di Vicchio sta inoltre partecipando ad un bando del Ministero dell’Interno per trovare le risorse necessarie ad intervenire sulle frane di Vitigliano, Pesciola, Paterno, sul ponte di Trasassi e il Ponte a Vicchio e continuare così le importanti opere di messa in sicurezza del nostro territorio che nel 2017 hanno visto interventi ingenti sia su Villore che sul viale adiacente al Lago di Montelleri.

23/02/2018 11.35
Comune di Vicchio


 
 

Google


Vai al contenuto