Login

MET


Comune di Firenze
Al Teatro di Rifredi va in scena ‘Le Miserables’. Spettacolo a favore dell’associazione Ass.C.A.
Sabato alle 21. Il ricavato servirà all’acquisto di un’apparecchiatura per la riabilitazione di persone con gravi cerebrolesioni acquisite
‘Le Miserables’ di Victor Hugo in scena al Teatro di Rifredi grazie alla Compagnia Senza Rete per un fine solidale: devolvere l’intero ricavato dello spettacolo in beneficenza per l’acquisto del ‘Sistema per neurofeedback e biofeedback - Rehacor’.

Lo spettacolo, su basi orchestrali, si terrà sabato, 19 maggio, alle 21. Per l’ingresso è consigliata l’offerta di 16 euro.

“Il binomio arte e beneficenza è vincente - ha detto l’assessore al Welfare Sara Funaro - e ottiene sempre risultati importanti perché i fiorentini sono molto sensibili e non mancano mai di partecipare numerosi a eventi che hanno un risvolto solidale e consentono di far qualcosa per le persone malate e in forte difficoltà”. “Spero che anche in questa occasione siano tante le persone che sabato decidono di trascorre la serata al Teatro di Rifredi - ha continuato Funaro - per godersi lo spettacolo ‘Le Miserable’ dando così il proprio contributo e il proprio aiuto all’associazione Ass.C.A. che svolge un importante attività al fianco di coloro che sono hanno gravi celebrolesioni e delle loro famiglie e fanno il massimo affinché la persona direttamente colpita possa reinserirsi socialmente e lavorativamente, recuperando quanto più possibile il proprio ruolo, uscendo da un'ottica puramente assistenzialista”.

‘Le miserables’, la cui regia e adattamento teatrale sono a cura di Enrico Vanadia, sono organizzati da EXTRA/ORDINARY EVENTS a favore dell’associazione Ass.C.A. (Associazione Cerebrolesioni Acquisite) di Firenze e con il ricavato l’associazione acquisterà il Neurofeedback, un’apparecchiatura per la riabilitazione di persone con gravi cerebrolesioni acquisite in grado di delineare in maniera mirata il percorso riabilitativo, di migliorare le prestazioni cognitive, lo stato emozionale e trattare alcuni stati disfunzionali come i disturbi psicofisiologici, i disturbi della memoria e dell'attenzione, i disturbi del sonno e della coordinazione, lo stress e il burnout, il declino cognitivo ed altri.

Neurofeedback è una tecnica assolutamente non invasiva, in alcuni casi alternativa a soluzioni farmacologiche.

Per informazioni sullo spettacolo chiamare il numero 055-422036, mentre pesaperne di più sull’associazione Ass.C.A. basta cliccare su www.assca.it.

L’ Ass.C.A. è un’associazione di volontariato creata nel 2005 da un gruppo di familiari che hanno messo la propria esperienza a disposizione di coloro che sono coinvolti nelle problematiche conseguenti a una grave cerebrolesione acquisita (GCA) con l'intento di sostenere il nucleo familiare e fare il massimo affinché la persona direttamente colpita possa reinserirsi socialmente e lavorativamente recuperando quanto più possibile il proprio ruolo di risorsa e uscire da un'ottica puramente assistenzialista. (fp)


LA TRAMA

Toulon 1815. Jean Valjean è il prigioniero 24601 condannato a 19 anni di lavori forzati per aver rubato un pezzo di pane. Rilasciato con la condizionale, prova a ricostruirsi una vita e una dignità nel mondo nonostante gli avvertimenti e le intimidazioni di Javert, integerrimo capo della guardia nazionale convinto che un ladro non possa che perseverare nel male. Jean Valjean convertito al bene nell’atto caritatevole di monsignor Myriel prende coscienza dei propri peccati e decide di cambiare il proprio destino, assumendo il nome di monsieur Madeleine. Sindaco e imprenditore arricchito a Montreuille Sur Mer l’uomo salva una donna, Fantine, dalla prigione promettendole di proteggere cosette, la sua bambina, affidata alla cure di due malandrini locandieri. Alla morte della donna, Jean Valjean riscatta Cosette diventandone padre e madre insieme. Gli anni passano e Cosette cresce come cresce l’ossessione di Javert per Jean Valjean... mentre a Parigi l’insurrezione insorge, le ‘stelle’ in cielo vegliano le sorti di Jean Valjean e Javert.



IL CAST

Jean Valjean - Paolo Calosci Javert - Arnolfo Gengaroli Fantine - Olimpia Siliani Cosette - Valentina Vannucci Marius - Fabrizio De Vincenzi Eponine - Emma Vanadia Mr Thenardièr - Marcello Allegrini Mme Thenardier - Claudia Viti Enjorlas - Andrea Lucarelli Cosette piccola Valery Serrano Gavroche - Irene Piccioli Capomastro - Giuliano Giuliani Guardie - Lorenzo Abbatecola Francesco Marri Rivoluzionari/Miserabili - Francesco Chiaramonte, Giovanni De Vincenzi, Matteo Forasassi, Giulio Alabiso, Giulio Giacometti Prostitute/Operaie/Miserabili - Dina De Marco, Paola Sellerio, Laura Masoni, Milena Grisales, Sara Calosci, Ylenia Sgaragli Vescovo - Antonio Ballini Scenograiie - Lorenzo Abbatecola Costumi - Laura Masoni Tecnico Musiche - Vittorio Gioia Tecnico Audio Francesco Fantastichini Tecnici Luci - Andrea Piccioli-Giulio Lam Nang Tecnico Video - Riccardo Piccioli Collaborazione Artistica - Anna Montinari Traduzione, adattamento e Regia - Enrico Vanadia

15/05/2018 13.29
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto