Login

MET


Regione Toscana
Terzo settore, Rossi: "Entro fine legislatura una legge che lo valorizzi"
Il saluto del presidente della regione ai quasi 750 volontari che oggi partecipano, al Mandela Forum, alla prima Conferenza regionale del Terzo settore
Autorita' alla Conferenza regionale sul terzo settotre
"Sarebbe bello poter finire la legislatura con una legge che rimetta insieme tutti i pezzi della nostra legislazione regionale. Una legge in cui tutto il volontariato possa riconoscersi, che metta in connessione le diverse realtà, uno strumento che dia forza e riconoscibilità a questo settore. Stamani mi prendo qui con voi questo impegno".

E' stato questo il saluto che il presidente Enrico Rossi ha rivolto ai quasi 750 volontari che oggi partecipano, al Mandela Forum, alla prima Conferenza regionale del Terzo settore, promossa da Regione Toscana, in collaborazione con Cesvot (Centro servizi volontariato Toscana) e Forum Terzo settore Toscana. La Conferenza, prima in Toscana ma anche a livello nazionale, è il primo momento di confronto pubblico/Terzo settore realizzato in Italia dopo la riforma. Alla Conferenza partecipano quasi 750 iscritti, rappresentanti di organizzazioni di volontariato, enti di promozione sociale, cooperative sociali e altri enti del non profit.

"Voi rappresentate una parte molto importante della Toscana, mezzo milione di persone - ha proseguito Rossi - Noi continuiamo ad essere tra le regioni in cui il settore del no profit e' più sviluppato. E come Regione abbiamo fatto leggi che si sono rivelate all'avanguardia: quella grazie alla quale il volontariato fa parte a pieno titolo dell'emergenza urgenza del Servizio sanitario della Regione Toscana, poi la legge sulla cooperazione sociale. Da presidente ho visto il volontariato attivo nelle tante tragedie che hanno colpito la nostra regione: alluvioni, incendi. Se non ci fosse stato il volontariato, non avremmo saputo come far fronte. Anche nell'ultima vicenda del Monte Serra ho potuto vedere cosa vuol dire volontariato professionalizzato".

"Associazioni e circoli stanno vivendo una fase di rinascita positiva - ha detto ancora il presidente - Si stanno rinnovando, aprendo alla società. Nel Terzo settore non c'è l'idea del profitto, e su questo il presidente Mattarella e' intervenuto in modo netto e autorevole. Il volontariato e' il grande tessuto sociale, economico e solidale della Toscana, e può dare a una democrazia un po' stanca, come ora, nuovo sangue e vitalità. Le istituzioni hanno bisogno di ascoltare istanze e bisogni, la società si è impoverita, invece il Terzo settore si è rafforzato".

Rossi ha concluso parlando delle scelte di inclusione fatte dalla Toscana: "C'è un pezzo di società toscana che viene messo ai margini, e' invisibile, sta nella povertà. Noi abbiamo mandato in Consiglio una legge semplicissima, che abbiamo chiamato "samaritana", dalla parabola del buon samaritano. Una legge che dice che le persone hanno diritti proprio in quanto persone: il diritto a essere curate, ad avere un tetto sulla testa, all'istruzione. Dobbiamo garantire a tutti i diritti elementari della persona. Altrimenti regrediamo, e non ce lo possiamo permettere".

Dopo Rossi, gli interventi di Gianluca Mengozzi, portavoce del Forum Terzo settore, e di Giovanni Fossi, della Consulta Toscana Fondazioni bancarie. Poi il presidente del Cesvot Federico Gelli ha introdotto il lavoro dei tavoli: "La nostra giornata si cala ora nel concreto, con il lavoro dei tavoli, dai quali usciranno proposte concrete che noi dovremo tradurre in attività per il prossimo futuro". Gelli ha espresso apprezzamento per l'idea di Rossi "di una legge 'in salsa Toscana' che valorizzi ancora di più il volontariato. Vogliamo diventare - ha concluso - protagonisti del welfare toscano, con valori come solidarietà e generosità che rischiano di scomparire".

09/02/2019 14.29
Regione Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto