Login

MET


Firenze Fiera
Mida 2019 alla Fortezza da Basso fra lavorazioni in diretta, ori e tesori
Fino al Primo Maggio
Le lavorazioni dal vivo stanno incantando i visitatori di MIDA 2019, l’83a Mostra internazionale dell’Artigianatoche resterà aperta alla Fortezza da Basso di Firenze fino al Primo Maggio. Dalle 8 alle 20 nei padiglioni è possibile ammirare artigiani alle prese con realizzazione artistiche di legno, pietre preziose, stoffe, sigari e molto altro.

Per esempio, al piano terreno del padiglione Spadolini il gruppo di artigiani Traditio - Operai delle arti con sede a Bologna realizza sul posto manufatti decorativi in legno ispirati ai capolavori del Rinascimento che poi possono essere acquistati, mentre Glorilì adatta i propri gioielli in pelle tagliati con semplici forbicine per le unghie direttamente sul corpo del cliente. Al padiglione Arsenale si può partecipare al workshop di Duilia2, che oggi (domenica) alle 15,30 fa vedere come si realizzano abiti e stoffe con la tecnica ecoprint, originariamente inventata per decorare uova di Pasqua e tutta basata su prodotti naturali.

Il riciclo e le tecniche pittoriche ecologiche e sostenibili sono anche la cifra distintiva degli espositori del padiglione Arsenale, come Raftideda delle Cinque Terre che mostra i propri quadri realizzati con il materiale trovato sulle spiagge e Revês de Sable che da Lecce porta alla Mostra quadri e decorazioni realizzati partendo dalla sabbia.

Grande successo di pubblico e di gradimento per ORI E TESORI: Arte orafa e scultura, la mostra promossa e organizzata nella Sala delle Colonne dall’Associazione Casa Benvenuto Celliniche per il terzo anno consecutivo mette in scena capolavori in oro, argento, bronzo dorato realizzati da 19 maestri orafi e scultori, in un confronto costruttivo e stimolante fra tradizione e design. Seguitissimi i laboratori dal vivo con dimostrazioni giornaliere di arte orafa, scultura, design e stampa 3D.

Esposte le proposte di giovani artisti come il fiorentino Emanuele Matronola e Eleonora Sacco, palermitana trentenne. Apprezzatissime le micro-sculture preziose e gli originali accessori moda di Francesca del Magro. I gioielli di Valerio Salvadori e Marco Frangini uniscono la perizia della tradizione orafa fiorentina alla sperimentazione di tecniche innovative come mostra l’Anello Redòche nel 2007 è entrato a far parte della collezione permanente del Gioiello Contemporaneo nel Museo degli Argenti di Palazzo Pitti.

Originali sculture di bronzo realizzate con la tecnica della fusione a cera persa è la proposta dello scultore e designer fiorentino Filippo Vieri. Come “Mater”, un omaggio alla donna e alla rinascita della natura.
Da non perdere infine l’esposizione di una collezione di gioielli artistici intitolata Un mare di preziosi, realizzata da Valerio Salvadori e Marco Frangini, in ricordo del maestro Giampaolo Talani, scomparso l’anno scorso, l’autore dell’affresco Partenze che campeggia sulla facciata interna della stazione centrale di Santa Maria Novella.

Il calendario di eventi prosegue con 77 appuntamenti durante tutto l’arco della giornata. Fra questi il corso di degustazione del vino curato dall’Associazione italiana sommelier alle 11 nell’attico del padiglione Spadolini e il seminario gratuito su quali hashtag usare e come far crescere il proprio profilo o la propria community, alle 16 nel padiglione Rastriglia.

Martedì 30 aprile alle 14,30 il Teatrino Lorenese ospiterà Due mondi da esplorare, a cura del CICE (Centro Italo-Iraniano di Cooperazione Culturale e Economica), dove si parlerà dell’Iran sulle tracce della storia e del mito fra archeologia, arte, artigianato, cultura, cinema, investimenti e turismo.

29/04/2019 9.09
Firenze Fiera


 
 

Google


Vai al contenuto