Login

MET


Regione Toscana
Patto per lo sviluppo: programmate due iniziative pubbliche a Livorno e Firenze
Si è riunito questa mattina a Palazzo Strozzi Sacrati, coordinato dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il tavolo di lavoro per lo sviluppo con i rappresentanti delle associazioni di categoria, dalle parti sociali e dai sindacati toscani
Si è riunito questa mattina a Palazzo Strozzi Sacrati, coordinato dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il tavolo di lavoro per lo sviluppo con i rappresentanti delle associazioni di categoria, dalle parti sociali e dai sindacati toscani.

Al termine dell'incontro è stato deciso di organizzare due iniziative pubbliche. La prima riguarderà le questioni dell'area costiera e si terrà a Livorno con tutta probabilità lunedì 7 ottobre per facilitare la partecipazione anche dei parlamentari toscani. Degli aspetti organizzativi si occuperà la Camera di Commercio di Livorno.

La seconda, in programma a Firenze nella seconda metà di ottobre, sarà coordinata da Cgil, Cisl e Uil che cureranno gli aspetti organizzativi. Servirà per richiedere la realizzazione di tutte le questioni che riguardano il capoluogo regionale e il resto della Toscana.

Sono numerose le questioni sul tappeto, esaminate nel corso della riunione. Si va dai nodi infrastrutturali con in testa la Tirrenica, il sottoattraversamento ferroviario di Firenze e la stazione dell'alta velocità, le terze corsie sulla A11 (Firenze – Mare) e sulla A1 (l'autostrada del Sole), oltre ai nodi infrastrutturali legati ai porti di Livorno, Piombino e Marina di Carrara.

"Oltre al necessario completamento delle infrastrutture – spiega il presidente Rossi – dedichiamo particolare attenzione ai temi dello sviluppo e della crescita economica, a partire dalla creazione di nuovi posti di lavoro e dalla necessità di favorire l'incontro tra la domanda e l'offerta di lavoro. Ci sono poi le questioni della sanità rispetto alle quali abbiamo approvato il piano quinquennale per gli ospedali che prevede un investimento di 1,5 miliardi di euro e potranno finalmente ripartire i lavori da oltre 500 milioni per il nuovo Cisanello essendo stato superato il contenzioso legale.
Ma l'aspetto più importante è certamente rappresentato dall'unità e dalla continuità con la quale si muovono, all'unisono, la Regione insieme alle associazioni di categoria, alle parti sociali e alle organizzazioni sindacali. Sono quindi fiducioso nella possibilità di riuscire a cogliere gli obiettivi che ci siamo dati per il benessere e lo sviluppo della nostra regione".

Specifici incontri verranno a breve dedicati all'agricoltura, con la riunione del Tavolo per lo sviluppo rurale, al sostegno alle imprese, all'incentivo del lavoro giovanile attraverso la cosiddetta staffetta generazionale, alla riduzione del disallineamento tra domanda e offerta di lavoro, alle nuove opportunità per l'industria 4.0, all'immigrazione e alla demografia, e alla riduzione delle disuguaglianze sociali.

Alla riunione ha partecipato quasi l'intera Giunta regionale. Oltre al presdiente Rossi erano presenti la vicepresdiente Monica Barni e gli assessori Cristina Grieco, Federica Fratoni, Stefania Saccardi, Stefano Ciuoffo, Vittorio Bugli e Vincenzo Ceccarelli.

10/09/2019 13.16
Regione Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto