Login

MET


Questura di Firenze
Mette a segno un furto mentre era agli arresti domiciliari: 38enne fiorentina finisce nuovamente in manette
“Mia” ancora a segno: durante un controllo scopre oltre 70 grammi di hashish addosso a un pusher. Proseguono i servizi straordinari di controllo del territorio predisposti dalla Questura di Firenze
Recentemente sottoposta agli arresti domiciliari è stata sorpresa a rubare proprio durante un periodo di permesso concesso per assentarsi da casa.

L’episodio è successo ieri mattina in un ristorante in centro dove la Polizia di Stato ha arrestato una fiorentina di 38 anni già nota per diversi reati contro il patrimonio.

A seguito di uno di questi, nel luglio scorso, era finita agli arresti domiciliari; tuttavia, nonostante il provvedimento, la 38enne era nuovamente finita nel mirino degli investigatori della Squadra Mobile di Firenze.

Gli inquirenti stavano indagando proprio su alcuni furti, verosimilmente messi a segno dalla stessa persona, all’interno di locali adibiti a spogliatoi di esercizi commerciali e alberghi cittadini.

In particolare, visionando le immagini della videosorveglianza di un albergo del centro storico, gli agenti avevano riconosciuto l’arrestata, ritenuta responsabile del furto di un portafoglio (con oltre 400 euro in contanti) avvenuto pochi giorni fa negli spogliatoi della struttura.

Così ieri mattina i “Falchi” della Questura di Firenze l’hanno individuata e seguita dalla zona di viale Amendola. Il pedinamento è durato più di un’ora e si è alternato anche a bordo di mezzi di trasporto pubblico.

Una volta scesa dall’autobus in via della Colonna, i suoi spostamenti sono stati monitorati minuziosamente; dopo aver visitato diversi posti, tra i quali anche un albergo, la donna è entrata dentro un ristorante per poi riuscirne frettolosamente dopo alcuni minuti.

La polizia ha subito accertato che da un armadietto degli spogliatori del ristorante erano stati portati via una trentina di euro. Anche altri armadietti risultavano a soqquadro.

La donna è stata raggiunta ed è finita subito in manette.


“Mia” ancora a segno: durante un controllo scopre oltre 70 grammi di hashish addosso a un pusher. Proseguono i servizi straordinari di controllo del territorio predisposti dalla Questura di Firenze

Ieri, ore 14.15, le volanti stavano effettuano una serie di controlli nella zona della Stazione di Santa Maria Novella quando hanno fermato, in Largo Alinari, un cittadino senegalese di 29 anni che alla vista degli agenti aveva allungato il passo cercando di allontanarsi.

I poliziotti hanno voluto vederci chiaro ed è intervenuta “Mia”, uno dei cani antidroga della Questura di Firenze (in foto): in pochi attimi il 29enne è stato scoperto in possesso di 77 grammi di hashish nascosti nel risvolto della biancheria intima.

Il giovane, già noto alle forze di polizia, è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La droga sequestrata, conservata in un unico blocco, era stata incisa su entrambi i lati, pronta verosimilmente per essere smerciata su piazza.

Nel pomeriggio sono poi continuati i servizi straordinari di controllo del territorio predisposti dalla Questura in particolare tra San Lorenzo, via Palazzuolo, via Allori e la zona dell’Isolotto, dove le volanti hanno complessivamente identificato oltre 50 persone.

10/09/2019 13.38
Questura di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto