Login

MET


Comune di Scandicci
Scandicci. Tagli Tari, aiuti sociali e allo sport
Consiglio dà ok a manovra anticovid da 1,150 mln euro
Sala consiliare Orazio Barbieri - Vetrata di Fernando Farulli (particolare)
E’ confermato: le imprese di Scandicci costrette alla chiusura per Covid non pagheranno la Tari per quel periodo, così come le aziende del settore turistico ricettivo che nei fatti non hanno potuto lavorare. Il Consiglio Comunale nella seduta di giovedì 30 luglio 2020 ha approvato stanziamenti per 1,150 milioni di euro complessivi per far fronte alle esigenze dei cittadini, delle imprese e delle società sportive a seguito dei problemi causati dall’emergenza sanitaria: 800 mila euro è quanto metterà il Comune per colmare le mancate entrate dovute alla sospensione Tari per le aziende, 250 mila euro è l’incremento del Fondo anticrisi che ogni anno l’Amministrazione Comunale mette a Bilancio in accordo con i Sindacati (viene gestito dai Servizi Sociali a favore di cittadini che sono in cassa integrazione o hanno perso il lavoro), 100 mila euro andranno invece a sostegno delle realtà sportive cittadine per la ripartenza delle attività a settembre. Gli stanziamenti per affrontare l’emergenza Covid sono contenuti nella delibera sull’assestamento di Bilancio, approvata con i voti favorevoli di Pd, Sandro Fallani Sindaco, Scandicci a Sinistra e misto (Italia Viva), l'astensione di Lega Salvini premier e i voti contrari di Centro destra per Scandicci Forza Italia-Udc e Movimento 5 stelle.

“E’ un momento molto difficile per tutti e la nostra città ha scelto di affrontarlo unita – dice il Sindaco Sandro Fallani – dopo la riduzione della prima rata Tari dal 40 al 15% per tutti, approvata dal Consiglio due settimane fa, la sospensione della tassa sui rifiuti a tutte le aziende che sono state ferme nel periodo di chiusura è una prima importante risposta a chi a Scandicci lavora e crea lavoro. L’aumento di 250 mila euro del fondo anticrisi al tempo stesso è una misura emergenziale per tutte le famiglie in difficoltà e sarà gestita con attenzione dai nostri Servizi Sociali. Infine diamo un sostegno concreto alle tante realtà sportive del nostro territorio, che hanno un ruolo fondamentale per la città con la loro attività sociale e la promozione degli stili di vita sani per i cittadini. Questa delibera approvata dal Consiglio Comunale segue un confronto con i Sindacati e con le associazioni di categoria delle imprese cittadine, che ringraziamo”.

“Con lo stanziamento di 800 mila euro approvato dal Consiglio Comunale azzeriamo la Tassa sui rifiuti relativa al periodo di lockdown per le imprese costrette alla chiusura o che hanno subito gravi danni – dice il Vicesindaco e assessore al Bilancio Andrea Giorgi – in pratica alle ditte che in base ai codici Ateco non dovranno pagare la Tari per quel periodo non chiederemo di compensare il taglio della prima rata di 25 punti percentuali, ovvero dal 40 al 15%, che fin da subito applichiamo a tutte le famiglie e a tutte le imprese. La manovra da 1,2 milioni di euro del Comune per affrontare il periodo Covid è affiancata da un finanziamento del Governo a favore della nostra Amministrazione Comunale di 2,4 milioni di euro, che corrispondono all’ammontare stimato delle minori entrate per l’ente a seguito dell’emergenza sanitaria”

30/07/2020 10.52
Comune di Scandicci


 
 


Vai al contenuto