Login

MET


Comune di Firenze
Bonus e superbonus, Nardella: “Riduzione impatto ambientale e stimolo all’economia, opportunità da cogliere. Già 500 tra novembre e febbraio consulenze a sportello di orientamento cittadini”
Oggi l’iniziativa sulla pagina Facebook lista Nardella. In Consiglio comunale ok a mozione proposta da Dardano e Santarelli per proroga termini superbonus
Immagine dalla guida al superbonus dell'Agenzia delle Entrate
Sono circa 500 le attività di consulenza offerte dallo sportello Ecobonus e sostituzione caldaie del Comune di Firenze, dalla sua creazione a inizio novembre 2020 fino alla fine di febbraio di quest’anno. A illustrare questo dato il sindaco Dario Nardella, intervenuto all’iniziativa “Firenze tra bonus e superbonus per i condomini: burocrazia e opportunità” organizzata dal gruppo consiliare lista Nardella in diretta streaming sulla loro pagina Facebook, alla presenza della capogruppo Mimma Dardano e del consigliere Avv. Luca Santarelli. All’evento sono intervenuti anche l’assessore regionale alle Attività produttive Leonardo Marras e il presidente dell’Ordine degli Ingegneri provincia di Firenze Giancarlo Fianchisti. Sul tema del superbonus la lista Nardella ha presentato anche una mozione in Consiglio comunale, fatta propria dalla commissione Urbanistica, volta a sollecitare al Governo la proroga al 2025 dei termini dei benefici fiscali, che è stata approvata dall’assemblea di Palazzo Vechio nella seduta odierna.

“Lo Sportello ecobonus è un servizio importante di orientamento che abbiamo deciso di offrire ai nostri cittadini a partire dallo scorso novembre e che fin da subito ha registrato un forte interesse. – ha continuato il sindaco nel suo intervento - Oltre 500 attività di consulenza, perlopiù sotto forma di videoconferenza e chiamate, dalla sua attivazione fino a febbraio sono un numero significativo dato il momento particolare che stiamo attraversando e che fa emergere quanto sia stata sentita questa opportunità. Le richieste di consulenza più frequenti sono state per la sostituzione della caldaia, ma vi sono state anche tantissime richieste per la ristrutturazione degli immobili e per i vari tipi di detrazioni accessibili in base al tipo di intervento di efficientamento da effettuare, oltre anche a diverse richieste di consulenza per il Sismabonus e Bonus facciate. Mai come adesso, dinanzi alla sfida del Recovery fund è ancora più importante mettere in campo ogni strumento per semplificare le procedure e sburocratizzare”.

Lo Sportello Ecobonus e Sostituzione Caldaie nasce da un progetto del Comune di Firenze, realizzato in collaborazione con Legambiente, per orientare e fornire risposte ai cittadini che desiderano accedere agli incentivi e ai contributi destinati alla riqualificazione energetica degli edifici e alla sostituzione delle caldaie. Il progetto, rivolto a cittadini, imprese e associazioni, consiste in un servizio di assistenza e orientamento relativo agli incentivi statali e locali destinati alla riqualificazione energetica degli edifici e alla sostituzione delle caldaie nonché ai contributi previsti dalle leggi regionali per la riduzione delle emissioni inquinanti.

“I bonus possono rappresentare una forte accelerazione verso gli obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale e l’ottimizzazione dell’efficienza energetica degli immobili è un grande passo in questa direzione, nell’ottica di raggiungere gli obiettivi comunitari. – ha proseguito il sindaco Nardella nel suo intervento - Rappresentano, inoltre, un forte stimolo per l’economia, adesso duramente colpita dalla pandemia. Dai superbonus otteniamo infatti una forte iniezione di liquidità ed un effetto a cascata nell’indotto veramente significativo, oltre che un aiuto per i cittadini che nonostante le difficoltà potranno effettuare interventi abitativi importanti. Stiamo lavorando con grande impegno per riportare la residenza in centro. Penso agli investimenti in social housing, agli incentivi fiscali, a misure ambiziose come il Piano La Pira 2.0, un piano di interventi specifici per calmierare un mercato immobiliare alterato dal turismo. In questo senso è fondamentale sfruttare l’opportunità offerta da bonus e superbonus, per rendere gli immobili del centro più efficienti, meno impattanti, a beneficio dell’ambiente e anche dei residenti. Importante poi che, anche dopo i nostri solleciti, l’agenzia delle entrate abbia precisato che gli impianti sportivi in concessione dal comune possano beneficiare del superbonus per interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico, anche questa un’opportunità da cogliere per questo settore”.

Attivarsi presso l’esecutivo per il prolungamento del bonus 110% è l’obiettivo della mozione approvata dal Consiglio comunale con voto unanime proposta da Dardano e Santarelli che, hanno ricordato, punta a promuovere “una misura importante introdotta dal decreto Rilancio, che consente di raggiungere tre finalità, riqualificare il decoro del patrimonio immobiliare, consolidare strutturalmente anche da un punto di vista sismico i fabbricati oggetto di interventi, apportare un efficientamento energetico e, non di poco conto, inoltre l’effetto conseguente nei termini del contrasto all’evasione fiscale”. “Il prolungamento di questa misura infatti consentirebbe un tempo molto più ampio per poter usufruire dei privilegi fiscali ma avrebbe anche ricadute importanti in termini di lavoro, risorse, indotto, un vero e proprio volano per l’economia locale. Il primo effetto, va ricordato, è la sicurezza. Poi a seguire, i vantaggi indubbi sull’indotto. È importante che da Firenze parta questa battaglia per portare avanti queste misure che hanno solo ricadute positive e di cui sfidiamo davvero chiunque a trovare controindicazioni”, hanno sottolineato.

07/04/2021 19.38
Comune di Firenze


 
 


Met -Vai al contenuto